14mag 2019
100SPIRITS MEREGALLI, 8 CHICCHE DA PROVARE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Dopo 100Vini, manifestazione arrivata alla XXX edizione, il Gruppo Meregalli ha ora proposto un inedito 100Spirits evento che, raccontato in cifre, si traduce in 9 ore di degustazione; 500 professionisti del settore accreditati; 50 brand in degustazione; 200 referenze; 6 masterclass; 3 aree dedicate alla miscelazione, 1 finale nazionale del Chase Cup.

 

100Spirits si è tenuto alle Officine del Volo di Milano (foto 1) e ha occupato i due piani della Struttura: il piano terra riservato alla miscelazione e il primo piano (nella foto 2 scorcio del primo piano), dedicato alla degustazione, organizzato in macro aree.

 

Il prossimo 100Spirits si terrà il 30 settembre a Roma nell’ambito del 100Vini. Al 100 Spirits Milanese, oltre a brand stranieri erano presenti qualificate aziende italiane con prodotti storici come i vermut, ma anche gin di grande piacevolezza. Ovviamente non abbiamo degustato tute le referenze disponibili, segnaliamo però alcune che riteniamo meritevoli di essere provate distribuite in italia dal Gruppo Meregalli.

 

Poli 1898 

La distilleria nota soprattutto per le grappe, produce un ampio repertorio di etichette che comprende distillati e liquori. Due novità sono i Vermouth Gran Bassano nelle versioni bianco e rosso(foto 3). La scelta del vino base, prodotto nel Bassanese, si è orientata sulla qualità dei vini base. E ciò, a nostro avviso, è un punto di partenza molto qualificante.

 

Gran Bassano Bianco è prodotto con vino Vespaiolo da uve Bassano doc, ed è definito da un’infusione di 20 diverse botaniche che comprendono biancospino e sambuco bassanesi, oltre a pompelmo, galanga, mirto, arancia dolce e amara. Colore giallo che vira all’oro, il profumo è intenso, pieno con sentori di aromatiche e spezie ben equilibrato; si colgono nuance agrumate, ben intessute con gli altri profumi. Il sapore è dolce con note amaricanti più evidenti nel finale.

 

Gran Bassano Rosso ha per base un Merlot vinificato con uve Bassano Doc. Il Merlot è un rosso morbido, rotondo, molto gradevole, con tannini soffici molto ben levigati, così da contribuire a conferire morbidezza al vermut. L’infusione comprende 20 aromatiche tra cui cardo santo e achillea muschiata del Bassanese, oltre a zenzero, rabarbaro, liquirizia. Colore rosso intenso, al naso si coglie la caratteristica aromaticità comunicata da erbe e spezie. In bocca è gradevolmente dolce, vellutato con note amarognole; in chiusura in cui si colgono sfumature di rabarbaro.

 

Gin Marconi 46. L’arte distillatoria Poli bene si evidenzia nel Gin Marconi 46 (foto 4) distillato artigianalmente con alambicco a bagnomaria sottovuoto. L’infusione comprende bacche di ginepro, uva moscato, pino mugo, pino cembro, menta, cardamomo e coriandolo. Colore adamantino, il profumo è ampio, complesso e corale poiché l’aromaticità del ginepro, pur prevalendo, è ben intessuta in una polifonia di aromi. Il gusto è morbido grazie alla presenza dell’uva moscato che lo ingentilisce e ritornano le note già percepite al naso, con sfumature più evidenti di coriandolo.

 

Tenuta Fertuna 

La tenuta maremmana produce due vermut: Vermouth Bianco e Vermouth Nero denominati Etrusco (foto 5).

 

Vermouth Etrusco Bianco ha per base il vino bianco della Tenuta aromatizzato con estratti naturali di erbe aromatiche e spezie. L’infusione, in alcol di qualità, ha una durata di almeno 45 giorni. Segue la maturazione del vermut in vasche di acciaio, quindi il vino è filtrato senza essere chiarificato. Al naso, nell’ampia aromaticità si riconoscono note agrumate che si ritrovano anche al gusto, grazie alla presenza di arancio dolce, arancio amaro, limone, bergamotto, cardamomo, zenzero, che completano le note calde del cacao e della vaniglia e il gusto amaricante dell’assenzio romano.

 

Vermouth Etrusco Nero è prodotto con il proprio vino maremmano Fertuna e segue i processi produttivi di Etrusco Bianco. Alla degustazione si coglie un ampio spessore aromatico; in bocca è un tripudio di sensazioni aromatiche in cui si avverte la morbida dolcezza che comprende la freschezza conferita da anice, bergamotto, zenzero; le note calde del rabarbaro, dell’alloro, del macis, della vaniglia e, nel finale, le sfumature amarognole conferite dal riconoscibile assenzio romano.

 

Niepoort 

La casa fu fondata nel 1842 ed è a conduzione familiare con vigneti lungo le sponde del Douro. Produce tutte le varietà di Porto (foto 6). Abbiamo provato un Ruby, più immediato e meno impegnativo del Tawny. Porto Niepoort Ruby Dum  è prodotto con uve di vecchie vigne pigiate senza utilizzo di macchinari, in grandi vasche di cemento dove si svolge la fermentazione alcolica. Il vino ottenuto matura circa 3 anni in tini di legno. Alla degustazione ha un colore rosso rubino molto intenso. Al naso l’impatto è fruttato con sentori di ciliegia fresca e di ciliegia sotto spirito, di prugne mature. In bocca è di grande piacevolezza, dolce, ma senza esagerazione, pieno, vellutato, con una bella nota fresca che ne vivacizza la beva.

 

Scapegrace

Scapegrace è una distilleria neozelandese. Abbiamo degustato il Scapegrace London Dry Gold (foto 7): nasce dall’infusione di 12 botanical e comprende, oltre a ginepro, coriandolo, angelica, giaggiolo, cannella e ben tre agrumi, ossia arancia, limone e mandarino e altri elementi, i quali contribuiscono ad arricchirne il profilo olfattivo. La distillazione avviene in un alambicco di rame del diciannovesimo secolo. Alla degustazione possiede note agrumate e rinfrescanti con predominanza dell’aroma di ginepro. Sapore corposo complesso, equilibrato e si riconoscono le note agrumate già avvertite in fase olfattiva.

 

Glenalmond 

La Vintage Malt Whisky dà vita a questo whisky invecchiato in botti di bourbon e sherry selezionate appositamente. Per produrre Glenalmond g (foto 8) la Vintage Malt Whisky sceglie solo i migliori malti di un piccolo gruppo di distillerie scozzesi, generalmente a conduzione familiare, di whisky di malto di particolare pregio. Glenalmond g è lasciato affinare fino a quando si ottiene il giusto equilibrio di sapori.

Nel calice riflette colore ambra chiaro, ed è un distillato che trova la propria identità e riconoscibilità nel sentore di malto ben dichiarato. E’ un whisky di gradevole impatto, fruttato, “pacioso”, ma senza concessioni a forzate morbidezze.

 

1

2

3

4

5

6

7

8

Articoli Simili
I più letti del mese
LE BACCHE FREDDE DEL SUD
Il Sud Italia non è solo terra di sole e mare, di tuffi infiniti tra vento caldo e brezza marina, nel profondo si nascondono zone impavide, di difficile conduzione, dove la coltura diventa imprevedibile perché bersagliat... Leggi di più
CARPACCIO DI CALAMARO
Tagliolini con gamberi e carciofi alle due cotture
UN 2016 RICCO DI PREMI PER LA CANTINA CONTE COLLALTO
Dal Concours de Bruxelles al Merano Wine Festival fino alla lusinghiera valutazione del prestigioso Wine Spectator, un bilancio più che positivo per il marchio di Susegana che diventa ancora più internazionale.   Un 20... Leggi di più
WORLD’S BEST GELATO FLAVOR IL MIGLIOR GUSTO DI GELATO AL MONDO
Il miglior gusto di gelato al mondo: in anteprima assoluta, ecco i 36 gusti di gelato che si contenderanno il titolo a Rimini, nel gran finale del Gelato World Tour (8-10 settembre) Arrivano da 4 continenti e 19 nazioni... Leggi di più
INTRAPPOLA.TO | IL GIOCO DI FUGA TUTTO ITALIANO… E NON SOLO!
Intrappola.to è stata la prima Escape Room a sbarcare in Italia, nel 2015. La prima stanza ha aperto a Torino nel maggio 2015 e in pochi mesi il gioco, subito virale sui social e amatissimo dai Millenials, ha saputo tras... Leggi di più
CENA BENEFICA AL MORO DI MONZA CON TRE CHEF OSPITI AI FORNELLI
Gli chef Carlo Andrea Pantaleo del Milano 37 di Gorgonzola, Michele Mauri de La Piazzetta di Origgio Varese, Fabio Silva del Derby Grill di Monza, e i padroni di casa Salvatore e Vincenzo Butticè del Ristorante Il Moro d... Leggi di più
APPUNTI DI VIAGGIO: OSTRICHE INDIMENTICABILI
Nonostante fosse marzo il vento era molto freddo e il mare, grigio, diventava in alcuni momenti particolarmente minaccioso. Quel giorno, mi dissero, nessuna barca era uscita dal porticciolo di Saint-Malo. Eppure c’... Leggi di più
IL DONNA MARTA 2012 PREMIATO DA VINIPLUS 2018
Un altro importante riconoscimento per la Tenuta Le Mojole  arriva dopo Berlino, Bruxelles e Londra: la guida Viniplus 2018 della Associazione Italiana Sommelier assegna infatti 4 Rose Camune al Donna Marta Rosso 2012. U... Leggi di più
BAROLOBRUNELLO: 18 E 19 NOVEMBRE A MILANO
Girotondo divino a barolobrunello 18 e 19 novembre, Officine del volo. Si avvicina sempre di più l’appuntamento con barolobrunello, il girotondo del vino ideato dalla pazza squadra di WineZone. Sabato 18 dalle ore ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.