19set 2018
1818 CACCIATORI RISTORANTE, I SAPORI DELL’ALTO MONFERRATO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Cartosio è un piccolo borgo dell’Alessandrino, a sud di Acqui Terme, nell’Alto Monferrato. Qui dal 1818 il ristorante albergo Cacciatori propone una cucina del territorio. Ancora oggi si possono ordinare i piatti della tradizione, sicuramente ingentiliti, ma rispettosi della propria storia, oltre a qualche preparazione ittica: siamo al confine con la Liguria.

 

Abbiamo visitato 1818 Cacciatori in occasione del suo 200° compleanno che ha festeggiato con la “coeva” maison di Champagne Billecart-Salmon. Abbiamo cominciato il percorso gastronomico proprio con Champagne (video 2). abbinato a salumi locali E’ vero che da un repertorio di prodotti tipici non si evince la qualità della cucina di un ristorante, ma è altrettanto vero che occorre competenza per scegliere le eccellenze. Il dehors con pergolato, la casa d’epoca spaziosa e ospitale, mettono a proprio agio l’ospite così come l’accoglienza professionale, ma non fredda, dei padroni di casa, la famiglia Milano.

 

Federica in cucina, è sempre disposta a entrare in sala se deve spiegare nel dettaglio qualche suo piatto (foto 3). Massimo (nella foto 1 con Federica) si occupa della sala e della cantina con referenze degne dei ristoranti più esclusivi. 1818 Cacciatori è fresco di un restyling firmato dall’Architetto Piero Castellini Badissera; i tavoli sono apparecchiati con bicchieri Zafferano, calici Riedle e piatti Richard Ginori.

 

Ma veniamo alla carta. Le portate sono quelle storiche dei Cacciatori, tramandate da madre a figlia, da suocera a nuora, insomma da donna a donna, le depositare del sapere culinario del locale. Ora è Federica a realizzare quelle ricette però quando occorre reinterpretate in sintonia con il gusto attuale. L’epicentro della cucina è una stufa a legna che ha visto scorrere le generazioni dei Milano; ed è questa stufa che dà un particolare accento alle preparazioni che cuoce.

 

I piatti della memoria si succedono a cominciare dai Peperoni di Carmagnola farciti (foto 4), dove la carnosità e la dolcezza delle falde e la sapidità del ripieno di acciuga e tonno ne fanno un antipasto da non perdere.

 

Ciò vale anche per le tenere Zucchine ripiene (foto 5) e per la Frittata di erba S. Pietro (foto 5); quest’ultima è una pianta erbacea spontanea dal sapore leggermente amarognolo che viene addolcita, come ci spiega Massimo, dalla dolcezza dei tuorli.

 

Per non dimenticarci di essere in Piemonte due primi piatti ben connotati, ossia i Ravioli al burro e salvia (foto 6), eccellenti nella loro semplicità: non richiedono salse coprenti o ingredienti che non siano della tradizione locale, e i Tagliolini all’uovo, pomodoro, prezzemolo e aglio (foto 7), anch’essi fatti in casa naturalmente, sottili, ben insaporiti dal sugo che svela una molto garbata punta aromatica d’aglio.

 

Il Pollo alla cacciatora (foto 8) dalle carni sode, proprio perché ruspante, è cucinato in modo da conservare tutta la succulenza e valorizzarne la sapidità: sarà merito, oltre che di Federica, della sua stufa a legna?.

 

Per dessert un Gelato alla frutta estiva (foto 9), a dimostrare che la gelateria della casa è di livello se si considera la pienezza dei singoli gusti, e una Crostata di pasta frolla con confettura di albicocche, mele, uvetta e pinoli... chissà da quale nonna ereditata.

 

Avevamo accennato ai vini. Basterà dire di quelli abbinati i piatti. I salumi, pancetta e salame hanno trovato nello Champagne Brut Réserve Billecart-Salmon (foto 10) la corposità che ha saputo equilibrarli e le bollicine capaci di sgrassarli; Champagne perfetto anche con la Battura di Fassona grazie alle note fruttate, ai sentori di fiori bianchi, e al gusto fresco e disteso.

 

Con gli antipasti Champagne Brut Rosé Billecart-Salmon (foto 11), piccoli frutti al naso e in bocca, fresco ed equilibrato.

 

Abbinato ai primi piatti un irresistibile Derthona Sterpi 2012 Vigneti Massa (foto 12), impatto olfattivo con note di idrocarburi, in bocca materico, minerale, armonioso, infinito...

 

La seconda portata ha visto il Barbaresco DOP 2015 Gaja (foto 13), fruttato con nuance floreali, morbido, elegante, complesso.

 

In conclusione grande tavola con selezione di vini eccellente.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

Indirizzo : Via Moreno, 30 Cartosio
Telefono : 0144.40123
Articoli Simili
I più letti del mese
WHISKY TORBATI | TORNA A ROMA  A TUTTA TORBA!
Torna a Roma “A Tutta Torba!”, giornata dedicata interamente ai whisky torbati con centinaia di etichette, bottiglie rare, l'area food con Trapizzino, i viaggi nelle distillerie scozzesi, un collector's corne... Leggi di più
FESTA DEL TORRONE DI CREMONA 2017, LA FESTA PIU’ GOLOSA D’ITALIA
Imperdibile: per 9 giorni, dal 18 al 26 novembre, Cremona si trasformerà nella città più dolce d’Italia con la Festa del Torrone, interamente dedicata alla Gola che è il fil rouge di questa edizione. Come ogni anno... Leggi di più
ESTATE DI NATURA E CULTURA ALLE ISOLE FAROE
Dal seafood festival alla notte della cultura, passando per i numerosi eventi musicali, tutto questo nel paesaggio mozzafiato delle Isole Faroe. Un arcipelago di 18 isole nell’oceano Atlantico settentrionale, incontamin... Leggi di più
RED DELICIOUS VAL VENOSTA, E FU SUBITO AMORE FRA NATURALITÀ E BONTÀ
In Alto Adige, tra i 500 e i 1.000 metri di altitudine, nasce Red Delicious Val Venosta, la mela frutto del perfetto equilibrio tra Naturalità e Bontà. Dalle qualità straordinarie, Red Delicious si distingue per il suo c... Leggi di più
PISCO IS PERÙ
Inka Pisco (bicchiere nero), Chiccha Sour (mug), e Pisco Pop (coppa rotanda) sono i cocktail creati dal Bulk e che reinterpretano il liquore tipico del paese sudamericano. Il più evocativo di quel paese e piacevole per l... Leggi di più
IL NUOVO METODO CLASSICO, MILLESIMATO 2014 FORTULLA
Il nuovo Metodo Classico, Millesimato 2014, è nato per celebrare i 20 anni della cantina di Castiglioncello Fortulla '94, spumeggiante emblema di un sogno diventato realtà Quale miglior modo per brindare al sogno di u... Leggi di più
OSTERIA DELLA BULLONA: CUCINA MILANESE RIVISITATA
A marzo 2017 ha inaugurato in Via Piero della Francesca a Milano, a due passi da Corso Sempione, l’Osteria della Bullona, ristorante di cucina milanese rivisitata del duo Daniele Carettoni e Daniele Ferrari. L&rsqu... Leggi di più
Riso Carnaroli Riserva San Massimo
Il Carnaroli è un riso superfino, ossia dotato di chicco grosso, vitreo, resistente alla cottura, ricco di amido. Sono queste le caratteristiche che ne fanno un riso da risotto in quanto non si sfalda e l’amido lega la p... Leggi di più
AL PIER 52 PER SAN SILVESTRO A CIASCUNO IL SUO MENÙ! 
Al molo gourmand di via Piero della Francesca 52 ‎ampia scelta a la carte per il tradizionale cenone di fine anno   Se "per ogni fine c'è un nuovo inizio", al Pier 52, approdo gourmand all'ombra dell'Arco della Pace, l... Leggi di più
BORDEAUX "À BORD DE L'EAU" | TERRA DI CASTELLI, DI VIGNETI, DI FIUMI
Se arrivaste vergini nel Bordolese, ovvero senza suggestioni  fotografiche, letterarie o altre, come esploratori trovereste  cartelli pubblicitari di uguali dimensioni, nebbia raccolta in banchi lungo i generosi fiumi e ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.