19gen 2020
ACADÉMIE DU CHAMPAGNE - I VINI DI RISERVA - DEGUSTAZIONE
Académie du Champagne - Masterclass sui Vini Riserva – Le scelte dello Chef de cave -La degustazione
Articolo di: Fabiano Guatteri

Masterclass: le scelte dello Chef de cave - I Vini di Riserva  dello Champagne - i vins clairs.

 

In Italia il Bureau du Champagne rappresenta il CIVC ossia il Comité Interprofessionnel du Vin de Champagne  con sede a Epernay in Francia.

 

Il Comité è nato nel 1941 ed è un organismo semipubblico che promuove l’immagine dello Champagne. In Italia il Bureau du Champagne si rivolge, nella propria attività di promozione, a professionisti e ad appassionati che desiderano approfondire la conoscenza dello Champagne. A questo fine organizza le Académie du Champagne ossia eventi che permettono di approfondire la conoscenza di questo vino e del suo territorio di produzione.

 

L’ultima Académie che si è tenuta a Milano al Principe di Savoia, ha avuto per tema Le scelte dello Chef de cave e si è articolata in tre masterclass su temi fondamentali per la comprensione della filosofia produttiva dello Champagne.

 

La prima masterclass ha trattato l’argomento I Vini di Riserva ed è stata tenuta da Claudia Nicoli, Ambasciatrice dello Champagne per l’Italia 2006.
Per produrre uno Champagne non millesimato, ossia sans année, si compie una selezione di vins clairs vale a dire vini dell’annata in corso ottenuti da diversi vitigni, da differenti cru ancora ruvidi e aspri, i quali daranno vita, opportunatamente assemblati, alla cuvée. Questa viene generalmente arricchita dai vini di riserva (vin de réserve) di precedenti annate. I vins clairs, segnatamente freschi, acquisiscono la complessità che non hanno dai vini di riserva. Questi forniscono allo Champagne una continuità di gusto in modo da mantenere lo stile della maison negli anni garantendo una costanza non avvertibile nei millesimati. Apportano cremosità e struttura, ma non hanno ovviamente la freschezza dei vins clairs.

 

I vini di riserva sono Champagne AOC utilizzati nella elaborazione delle cuvée e non vanno confusi con la riserva (la réserve) ossia i vini che vengono accantonate ogni anno in base all’andamento dell’annata, la cui quota è stabilita dal CIVC; questi per essere utilizzati vanno sbloccati, ossia occorre richiedere l’autorizzazione. Solo dopo essere sbloccati possono diventare Champagne. I vini di riserva svolgono un ruolo qualitativo in quanto sono utilizzati, come visto, per comunicare complessità e incidere sulle caratteristiche organolettiche del vino. La riserva, invece, ha un utilizzo più quantitativo: l’annata con una vendemmia scarsa verrà compensata da questi vini che, però, se prodotti in anni particolarmente felici possono dare anche un contributo qualitativo.

 

Più in generale la riserva porta regolarità e stabilità ai vini anche in caso di avversità climatiche.

 

I vini di riserva si conservano in acciaio, in legno e in contenitori di altri materiali. L’ acciaio permette di enfatizzare le note fruttate; il legno comunica il goût de bois, nuance tostate; nel cemento vetrificato il vino si mantiene inerte, ma esistono altri recipienti come per esempio le anfore o Magnum. Oltre a essere assemblati ai vins clairs possono essere utilizzati nel dosaggio degli Champagne.

 

I vins clairs possono essere assemblati con altri vini oppure tenuti separati e assemblati per cru. Gli assemblaggi possono essere realizzati per vitigni, per cru, per annate.
I vins clairs assemblati ai vini di riserva danno luogo agli Champagne sans année. Vini di riserva di diverse annate assemblati senza vins clairs generano invece i multimillesimati.


Cuvée in degustazione

 

Paul Louis Martin Blanc de Noirs (foto 2) 

E’ prodotto unicamente con uve pinot nero, senza aggiunta di vini di riserva; fermentazione alcolica in vasche di acciaio a temperatura controllata, quindi fermentazione malolattica e affinamento di 4 anni sui lieviti. Possiede colore giallo lunare; il profumo è giovane, con la mineralità caratteristica comunicata dalla Montagna di Reims, dal suolo gessoso. In bocca esprime sia la potenza e la struttura caratteristiche del pinot nero, sia la leggerezza suggerita da un ingresso in bocca con acidità ben espressa. E’ un vino che esprime dinamicità e purezza.

 

Perrier-Jouët Blason Rosé (foto 3 ) 

Nasce da un assemblaggio di pinot nero (50%), chardonnay (25%) e meunier (25%) provenienti da 50 cru diversi; partecipa alla cuvée il 12-20% di vini di riserva. Fermentazione alcolica in acciaio a tempeatura controllata, cui fa seguito la fermentazione malolattica; affina 3-4 anni sui lieviti.
Riflette colore rosato con sfumature aranciate. E’ uno Champagne segnatamente fine, elegante dotato di leggera speziatura; si riconoscono profumi di frutti esotici, oltre a note di melagrana, ricordi agrumati d’arancia, sentori di fiori bianchi, di pasticceria, di canditi. In bocca è complesso grazie anche all’impiego dei vini di riserva, morbido, gourmet dotato di lunga persistenza.

 

Pol Roger Brut Réserve (foto 4) 

E’ vinificato utilizzando uve pinot nero, chardonnay e meunier in uguale misura di 30-35 differenti cru. Fermentazione alcolica in acciaio, quindi fermentazione malolattica. Matura 4 anni sui lieviti. La cuvée comprende il 25% di vini di riserva. Possiede colore giallo paglierino che tende al dorato. Il profumo è fruttato con richiami di mela cotogna, di pera oltre che di note minerali, e balsamiche. In bocca è cremoso e si riconoscono i sentori fruttati già percepiti in fase olfattiva ed è sapido, fresco, teso, con lievito ben integrato; i vini riserva conferiscono stile delicato e struttura.

 

Veuve Clicquot Extra Brut Extra Old (foto 5)
E’ un multimillesimato composto da 6 annate comprese tra il 1988 e il 2010, di grand cru e premier cru come il pinot nero di Ay, una delle più belle espressioni di questo vitigno, e di Verzy. Le uve utilizzate sono pinot nero (50-55%), chardonnay (28-33%) e meunier (15-20%). Possiede colore paglierino intenso con riflessi dorati. Il profumo è delicato e lascia trasparire note agrumate, pasta di nocciola, fiori bianchi e sentori burrosi. In bocca è sapido e riproduce ricordi di frutta secca ed è piacevolmente salino, iodato, lungo.

 

1

2

3

4

5

Articoli Simili
I più letti del mese
PASQUA E PASQUETTA 2018: LE PROPOSTE DELLA RISTORAZIONE IN ITALIA
Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi, così recita il famoso detto, ma quali sono le proposte della ristorazione per ingolosire i clienti durante le festività in arrivo? Se lo è chiesto TheFork, sito e app per Android ... Leggi di più
AL MUDEC JEAN-MICHEL BASQUIAT, L’ARTISTA AMERICANO SCOMPARSO A 27 ANNI
In mostra al Mudec  (Museo delle Culture dal 28 ottobre al 26 febbraio quasi cento opere di Jean-Michel Basquiat che ne descrivono la breve ma intensa carriera. Le opere del writer e pittore statunitense, scomparso il 1... Leggi di più
RUMBLE: IL GRANDE SPIRITO DEL ROCK
La grande storia del rock e delle sue radici nativo americane è protagonista al cinema con le I Wonder Stories. Presenta il film in sala Andrea Morandi. In anteprima a Sala Biografilm  in versione originale sottotitolata... Leggi di più
THE FOODIES BROS. E SIMONE RUGIATI: L’ARTE CULINARIA ITALIANA
THE FOODIES BROS. e Simone Rugiati reinterpretano la tradizionale arte culinaria italiana.   Dall’amore per il cibo e le buone tradizioni nasce un marchio che è garanzia di qualità, frutto dell’incontro tra gli esperti... Leggi di più
METTI UNA CENA CON ANGELA VELENOSI SORSEGGIANDO IL SUO “VERSO SERA”
E, improvvisamente, una donna bella, brillante, dinamica, di successo, blocca il racconto della sua impetuosa cavalcata nel mondo del vino perché il ricordo di un messaggio del padre nella segreteria telefonica gli togli... Leggi di più
AL TEATRO7 CON PASSIONE CUCINA 2 SERATE DEDICATE ALLA SEMPLICITÀ
Teatro7: Passione Cucina due serate dedicate alla semplicità della cucina regionale.   La cucina semplice è quella più immediata, sincera, e proprio per la sua semplicità, non ammette errori, correzioni con salse copre... Leggi di più
I DOLCI NATALIZI 2015: MARCELLO MARTINANGELI PROPONE I TRONCHETTI

Per il Natale 2015, Marcello Martinangeli delle Dolci Tradizioni propone 3 versioni di tronchetti, o "buche" in francese, dolci tipicamente natalizi: Marrons glacé Base di frolla, mousse ai marroni, cuore di mousse al... Leggi di più
REALTÀ IMPRENDITORIALI DI SUCCESSO: MONDODELVINO SPA A PRIOCCA (CN)
L’azienda è una delle più certificate in Italia, probabilmente la prima per attestati nel settore vinicolo, che non si ottengono per caso, ma sono il frutto di un percorso fortemente voluto e perseguito con impegno... Leggi di più
LA MOUSSE DI KNAM AL TRIS DAY | UNA STORIA TRENTENNALE
Chissà se in quel lontano 1987 il giovane Ernst Knam mentre realizzava la sua prima mousse ai tre cioccolati al Terrace del Dorchester di Londra intuì che sarebbe divenuta il suo dolce simbolo. Era diversa da quella che ... Leggi di più
LE NOVITA’ DEL NATALE 2019: LA PRALINA AL PANETTONE DI DAVIDE COMASCHI
La nuova pralina in edizione limitata di Davide Comaschi, il panettone racchiuso in uno scrigno di cioccolato è la novità del Natale 2019 che si aggiunge alle altre 10 praline della Galaxy Collection (foto 1).   Si chi... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.