30ago 2018
ANTONIO CARPENEDO: L’UOMO CHE MISE AI FORMAGGI LA TUTA E INVENTÒ L’UBRIACO
Articolo di: Clara Mennella

Un personaggio da conoscere per imparare tante cose sulla professione di affinatore di formaggi che nessuno conosce meglio di lui che questo lavoro lo ha proprio inventato, prima questo mestiere non esisteva.

Stiamo parlando di Antonio Carpenedo, fondatore e oggi titolare insieme ai figli Ernesto e Alessandro de La Casearia Carpenedo srl  di Camalò di Povegliano, in provincia di Treviso e a due passi dal Piave, fiume che con il suo territorio ha influito parecchio sulle scelte e nelle intuizioni di Antonio Carpenedo, infatti l’idea di produrre un formaggio affinato con le vinacce si rifà proprio ad una tradizione contadina delle zone del grande fiume, nata per necessità durante la Prima Guerra Mondiale. Così Antonio, nel 1976, cominciò la sua carriera di affinatore con un formaggio messo a contatto con il vino e le vinacce del Raboso e lo battezzò Ubriaco, nome che è diventato un marchio registrato di proprietà de la Casearia Carpenedo srl e oggi è una tipologia precisa, utilizzata da tantissimi affinatori.

 

Antonio è un energico signore che ha superato l’ottantina ma non mostra cedimenti, memoria ferrea, parlantina inarrestabile e ancora tanta passione da vendere, quella che lo ha sostenuto durante tutta la sua vita perché, a suo dire, ogni cosa al mondo avviene per amore.

 

Pare incredibile pensare che abbia iniziato a lavorare ormai 70 anni fa, infatti cominciò poco più che bambino ad affiancare il padre nella bottega di generi alimentari e nei numerosi viaggi in giro per l’Italia, a visitare caseifici per acquistare e poi rivendere le forme di formaggio. Una giovinezza che ha fatto conoscere ad Antonio i profumi veri dei prodotti, non solo caseari, dalle farine alle erbe ha accumulato un bagaglio di conoscenze che ancora oggi gli permettono di distinguere tantissime note dello spettro olfattivo.

 

Passare dal negozio di generi vari che il papà aveva fin dal 1927, alla scelta, nel 1965, di occuparsi esclusivamente di prodotti caseari fu il primo passo fatto con amore, secondo Antonio i formaggi sono dei prodotti vivi, in evoluzione ed hanno bisogno di cure continue per esprimersi al meglio, lui scoprì che necessitavano di Tempo Umidita’ Temperatura e Ambiente, da qui coniò l’acronimo TUTA e sul lavoro di affinatura si esprime così: “Io dico che un formaggio deve fare l’amore, messo a stretto contatto con un elemento diverso si deve innamorare e, nelle giuste condizioni si attua uno scambio reciproco di batteri che trasmettono i loro profumi e le loro sfumature di gusto”.

 

Al suo fianco da oltre 50 anni la moglie Giuseppina che è stata sempre consigliera e sostegno morale, a lei è stato dedicato il prodotto che oggi regala più soddisfazioni e premi all’azienda, il “Blu ‘61”, intenso erborinato messo ad affinare nelle dolci vinacce del Raboso e che prende il nome dall’anno del loro matrimonio, un prodotto nato per celebrarne proprio il mezzo secolo d’amore.

 

Sono tanti infatti gli episodi che i due hanno condiviso, come quella volta, nel 1998, quando tornavano insieme da una gita  sul Grappa e furono stregati dall’intenso profumo sprigionato da un carro carico di fieno. Decisero che dovevano cercare di raccogliere questi sentori per provare a trasferirli in uno dei loro formaggi, si fecero caricare il bagagliaio di erbe che misero in una barrique chiusa ermeticamente che creò l’atmosfera anaerobica giusta perché l’erborinato che ne uscì era un tale incanto che da allora è in produzione e che non poteva che chiamarsi “Vento d’Estate”.

 

E il cammino continua, con l’azienda che  è diventata una solida impresa familiare grazie all’ingresso dei figli Ernesto ed Alessandro, altrettanto appassionati e capaci di cogliere le esigenze dei palati e del mercato odierno. La Casearia Carpenedo è presente a tutte le fiere nazionali ed internazionali più quotate del food e raccoglie premi e riconoscimenti in quasi tutti i concorsi dedicati ai prodotti caseari.

 

I figli rendono onore al lavoro svolto dal papà e dal nonno, ispirandosi al passato e guardando al futuro, intanto Antonio è sempre presente, sempre innamorato e sognatore, come quando racconta della forma di Asiago stagionato che probabilmente è la più vecchia in circolazione, scovata nella cantina di un casaro negli anni ’80 e che oggi è alloggiata nel posto d’onore aziendale, la roccia che replica il microclima roccioso naturale delle montagne del territorio. Secondo Carpenedo è ancora commestibile ma deve trovare il coraggio per tagliarla… nel frattempo si occupa quotidianamente di oliarla, spazzolarla e coccolarla. 

1

2

3

Photo Credits

Photo 1 : Clara Mennella
Photo 2 : Clara Mennella
Photo 3 : Clara Mennella
Articoli Simili
I più letti del mese
SARAI 2015 UN ECLETTICO MARZEMINO IN PUREZZA DELLA CANTINA SAN MICHELE
Si chiama Sarai, nome beneaugurante, futuro del verbo essere, il Marzemino in purezza, prodotto dalla Cantina San Michele, nelle sue vigne del Monte Netto, a quindici chilometri da Brescia. Un piccolo monte, che supera ... Leggi di più
ROSSO MONTE DELLE VIGNE 2013 | SORSI AUTUNNALI
Abbiamo detto di Monte delle Vigne scrivendo di Nabucco 2011.  Ricordiamo solo che Monte delle Vigne dimora sulle colline parmensi con un vigneto di 60 ettari nel cuore della Doc Colli di Parma in cui radicano uve malva... Leggi di più
A PAOLO FORADORI, TITOLARE DELLA TENUTA J. HOFSTÄTTER DI TRAMIN – TERMENO, IL PREMIO ANGELO BETTI - BENEMERITO VINITALY 2016
È stato assegnato a quello che si può ritenere il padre del Pinot Nero altoatesino il Premio Angelo Betti - Benemerito della Vitivinicoltura 2016. A ricevere la medaglia di Cangrande è stato infatti Paolo Foradori - tito... Leggi di più
FESTIVAL DEL PROSCIUTTO DI PARMA ERNST KNAM INAUGURA LA XX EDIZIONE
 La prossima edizione del Festival del Prosciutto di Parma si aprirà con un dolce molto speciale, quello del noto Pastry Chef Ernst Knam che darà il via allo storico evento la sera di venerdì 1 settembre.  Anche quest'a... Leggi di più
IL CROCCANTE DI YOGURT DI STEFANO CAVADA: LA RICETTA FILMATA
Il Croccante di yogurt e altre ricette altoatesine di Stefano Cavada sbarcano su Food Network. Le ricette facili di Stefano Cavada da replicare raccontate attraverso altrettanti brevi videoclip che saranno in onda fino a... Leggi di più
ANTEPRIMA DI ORNELLAIA 2013 VENDEMMIA D’ARTISTA
ORNELLAIA 2013 VENDEMMIA D’ARTISTA: L’ELEGANZA Si è tenuta giovedì 25 febbraio la preview di Ornellaia annata 2013 alla Sotheby’s - Palazzo Serbelloni a Milano. Non si è trattato solo della presentazione di un grande vi... Leggi di più
CASO, ELETTRODOMESTICI: YOUR KITCHEN IN ONLY ONE TOUCH
Caso, elettrodomestici dal design e hi tech. Your kitchen in only one touch. Quando il design contemporaneo sposa la tecnologia più avanzata nasce la linea di elettrodomestici firmati Caso Design e distribuiti in Italia... Leggi di più
MUSCAT, BIRRA DOCG: BIRRA AL MOSCATO DI SCANZO
E’ un anno speciale il 2018 per l’Azienda Agricola Pagnoncelli Folcieri,  Francesca, figlia del Dottor Maurizio Pagnoncelli, farmacista, titolare insieme ai genitori, ai fratelli Federico e Serena e al marito... Leggi di più
E ALLORA BACIAMI DI ROBERTO EMANUELLI
L’amore, quello vero, quando arriva te ne accorgi. Ti prende dritto al cuore e alla testa, e a quel punto è già troppo tardi: il tempo, la distanza, le tempeste piccole e grandi, non c’è più niente che possa ... Leggi di più
MILANO PISCO WEEK | DEGUSTAZIONI DI COCKTAIL PER GLI APPASSIONATI
Milano Pisco Week: dal 28 settembre all’8 ottobre in 26 locali di Milano degustazioni di cocktail con il distillato simbolo del Perù.L’Ufficio Commerciale del Perù in Italia, Ocex Milán, organizza la rassegna... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.