20feb 2021
APPUNTI DI VIAGGIO: L’OLTREPÒ PAVESE, IL MIO CAVALLO E IL SALAME A VARZI
Articolo di: Fabiano Guatteri

Dafnis è il mio cavallo. Insieme abbiamo fatto molte esperienze sia nei maneggi di città sia in campagna. Adesso non è più un giovanotto, ma quando lo era saltava gli ostacoli con allegria e ai concorsi non mi ha mai deluso; se me la doveva fare, si esprimeva nelle prove del giorno prima, magari bloccandosi di fronte a un ostacolo, ma in gara mai. Per un certo periodo lo portavo con me in vacanza da Giancarlo e Roberta, in un piccolo maneggio vicino alla mia casetta nell’Oltrepò. Il posto mi piaceva molto, a cominciare dal nome, La Fuga. Si trovava, o meglio si trova, a due passi da Varzi e oggi è diventato un agriturismo. La mattina mi svegliavo verso le sette per fare una passeggiata con lui mentre il sole non era ancora caldissimo, perché già verso le nove diventava insopportabile.

 

Arrivavo in auto e lui, che riconosceva il rumore del motore era già con la testa fuori dal box e le orecchie ritte. La sua altezza era esaltata dalla vicinanza degli altri cavalli che erano da passeggiata (monta americana). È un Hannover, al garrese è alto 173 cm e non è poco. Gli mettevo la capezza, allacciavo la longhina e lo portavo fuori; lui mi seguiva fiducioso come un cagnolone. Lo pulivo, gli svuotavo gli zoccoli, lo strigliavo, lo spazzolavo, gli mettevo il morso, la sella, le stinchiere, la cuffietta per proteggergli le orecchie da eventuali insetti, poi lo montavo e andavamo a spasso. Il maneggio aveva uno spazio anche per lavorare. A volte lo lavoravo una ventina di minuti, e poi andavamo verso lo Staffora, affluente del Po. L’andatura era al passo, soprattutto nella boscaglia, ma quando uscivamo dalla macchia ci concedevamo una galoppata. Mi piaceva sentirmi nella natura là dove le automobili non potevano arrivare. Ma mi piaceva ancor di più essere con lui, Dafnis.

 

Tornati al maneggio, lo svestivo, gli facevo la doccia con la canna dell’acqua, lo asciugavo e poi lo lasciavo libero in una paddock che era di fatto un frutteto. Lo lasciavo circa un’ora poi quando il caldo mi sembrava eccessivo per lui, entravo e fingevo di cogliere qualche frutto dai rami; Dafnis allora mi veniva vicino e mi toccava con il muso la schiena. Allora prendevo una prugna e la snocciolavo; lui mi si parava davanti e con le labbra me la prendeva dalle mani. Se gli voltavo le spalle per andare a cercare un frutto su un altro albero, mi seguiva perché sapeva che lo raccoglievo per lui. Poi lo portavo al fresco della scuderia dove rimaneva sino a tardo pomeriggio; allora, quando non faceva più molto caldo, lo prendevo e lo lasciavo libero nel paddock sino all’ora di rincasare. Quella era la quotidianità, ma a volte si organizzavano passeggiate. Partivamo presto la mattina e quando il sole era alto eravamo ormai nel fresco dei boschi. Un giorno la meta era una casetta di legno con un fosso vicino e un’ampia spianata delimitata da una siepe che delimitava un ampio rettangolo. Era a cinque ore di cavallo da Varzi, la strada era in buona parte in salita. Quando arrivammo sistemammo i cavalli che avevano tanta erba verdissima da brucare e preparammo la brace su cui organizzammo un barbecue.

 

Le bottiglie di vino erano nel fresco del fosso. Mangiammo, bevemmo, e dopo una piccola siesta, rivestimmo i cavalli e cominciammo il percorso di ritorno, seguendo una strada diversa da quella della mattina. Quando il terreno lo concedeva andavamo al galoppo per poi riprendere il passo. Arrivammo alla Fuga verso le 7 di sera; sistemammo i cavalli, bevemmo acqua, poi Giancarlo scese in cantina e tornò con un salame che per le incrostazioni, il profumo e la consistenza doveva avere parecchi mesi. Del resto eravamo in agosto e il mio amico all’epoca insaccava i salami in dicembre. Aprì anche una bottiglia di vino, perché con il salame l’acqua non si abbina. Assaggiando la prima fetta sentii tutto quello che mi aspetterei da questo salume, ma che raramente trovo: la sapidità piena, ricordi di vino, o meglio del sapore che il vino unito nell’impasto conferisce ai salumi, aromi di pepe, sentori vagamente agliacei, ricordi di tartufi, di funghi, di foglie secche, consistenza soda, ma non dura. Insomma non capita tutti i giorni di poter assaggiare un salame così. Qualche fetta e un bicchiere di vino rosso ci rimisero in forze. Poi salutai Dafnis, lo ringraziai, gli diedi qualche carota e un appuntamento per la mattina successiva.
 

Da
Fabiano Guatteri
Prelibatezze
Fabbri Editore

1

Photo Credits

Photo 1 : Couleur da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
OMAGGIO A UN GRANDE SCULTORE | MILANO CELEBRA ARNALDO POMODORO
Cultura. Il Comune inforna Milano celebra Arnaldo Pomodoro con una grande mostra che ha il suo cuore nella Sala delle Cariatidi a Palazzo Reale.  Dal 30 novembre al 5 febbraio 2017, una grande antologia abbraccia l’inte... Leggi di più
PIZZIUM NON C’È DUE SENZA TRE, ANCHE PER PIZZIUM
Dopo il succesaso di via Procaccini e Anfossi, Pizzium  continua la sua scalata e inaugura la terza pizzeria in Viale Tunisia mercoledì 7 marzo. Un progetto ambizioso, quello di Pizzium, portare una buona pizza e tutto i... Leggi di più
METE DI CHARME: IL PRINCIPE DELLE NEVI A BREUIL-CERVINIA
Con la sua posizione a 2050 m s.l.m. è uno dei centri abitati permanenti più alti d’Europa. Si tratta di Breuil-Cervinia, cittadina bomboniera del comune di Valtournanche in provincia di Aosta e alle pendici meridi... Leggi di più
CENONI DI SAN SILVESTRO 2019 | NON SOLO A MILANO
Vi proponiamo qui alcuni cenoni di San Silvestro tra i più interessanti.   Milano   Wicky’sDa Wicky’s innovative japanese cuisine un cenone di capodanno speciale fra tradizione giapponese e solidarietà. L... Leggi di più
IL PATRIMONIO UMANO | SIAMO PARTECIPI TUTTI
Per parlare di patrimonio umano potremmo prendere a esempio rappresentazioni cinematografiche come una pellicola di Marco Bellocchio (Direttore artistico del Festival del Cinema di Bobbio), appena applaudito per il film ... Leggi di più
LA FILETTERIA: TUTTE LE CARNI DEL MONDO E I NUOVI COCKTAIL
La Filetteria Italiana è un ristorante dedicato a  tutte le carni del mondo  da accompagnare con vino  o cocktail di nuova generazione.   si affaccia su Ripa di Porta Ticinese, via che costeggia il Naviglio Grande. Entra... Leggi di più
UN’ULTIMA SELEZIONE DI DOLCEZZE PASQUALI: COLOMBE, UOVA...
La colomba, le uova di cioccolato, l’agnello, e …. Lasciamo perdere, perché è una Pasqua davvero strana, Così strana che, molto probabilmente, non sarà possibile mettere in tavola tutto quello che sarebbe de... Leggi di più
KLIMT EXPERIENCE E LE FOTOGRAFIE D’EPOCA
La vita, le figure e i paesaggi di Gustav Klimt, ma anche la pittura e l’architettura, le arti applicate, il design e la moda della Vienna secessionista di fine ‘800-inizi ‘900: ecco i protagonisti asso... Leggi di più
FOOD POLICY: PER VALORIZZARE L’AGRICOLTURA SOSTENIBILE
Comune di Milano, Slow Food e Parco Agricolo Sud Milano uniti per valorizzare l’agricoltura sostenibile. Firmato Protocollo di collaborazione per iniziative e progetti. Il primo appuntamento si è tenuto alla Fabbri... Leggi di più
IL CONSORZIO STOPPANI ACCORCIA LA FILIERA | IL 20 MAGGIO CON I G.A.S.
di  Isa Acquaviva     Si terrà domenica 20 maggio la prima di una serie di giornate dedicate interamente ai GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI, a chi già li conosce e li frequenta, a chi non ne sa nulla, a chi vuole solo sco... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.