20ott 2018
BERE ACQUA (E MANGIARE BENE) PER LA SALUTE DEL CERVELLO
Articolo di: Dirce Bottardi

Bere acqua per dissetare il cervello: Lisa Mosconi, docente di neuroscienze e direttore associato della Clinica Universitaria di Medicina Weill-Cornell di New York, specializzata nella prevenzione dell’Alzheimer, autrice del libro Nutrire il cervello, pubblicato in italiano da Mondadori, insiste su questo concetto. Introducendo il suo libro su The Guardian, l’autrice, ricorda che i nutrimenti che assumiamo sono determinanti anche nel mantenimento del cervello attivo, prevenendo così la demenza.

Il cervello contiene più dell'80% di acqua, mentre in un corpo adulto raggiunge il 60-65%. L’acqua è essenziale per ogni reazione chimica della massa cerebrale, in particolare per la produzione di energia. Inoltre, il cervello è così sensibile alla disidratazione che anche una perdita minima di acqua può causare sintomi come cervello annebbiato, fatica, vertigini, confusione e, cosa più importante, perdita del volume della massa cerebrale.

 

Purtroppo però troppo spesso non ci rendiamo conto che i liquidi che introduciamo nel nostro corpo non sono acqua, come per esempio l’acqua purificata e tutte quelle bevande prive di preziosi nutrienti ed elettroliti naturali dei quali il cervello ha bisogno per mantenere l'idratazione ed essere efficiente. Oltre all’acqua, ci sono ovviamente anche alcuni cibi fondamentali per mantenere una buona condizione cognitiva. 

Nel suo libro, Lisa Mosconi spiega il percorso di ricerca che ha portato a individuare cinque gruppi di cibi "amici" del cervello, tra cui ricerche su soggetti di mezza età le cui abitudini alimentari corrispondono alla dieta mediterranea, e su individui della stessa età che seguono la dieta occidentale, composta cioè da cibo trasformato, carni lavorate, dolci e bevande frizzanti.

Il risultato? In questi ultimi, il declino del cervello era prematuro. 

Lisa Mosconi aggiunge che “indagini successive hanno fornito evidenze ancora più allarmanti, secondo le quali le persone che seguivano della dieta occidentale avevano iniziato a sviluppare le placche dell'Alzheimer già nel corso dei 40-50 anni. Tutti segni di invecchiamento precoce e di maggior rischio di demenza in futuro”.  La sintesi è senza appello: “a fronte di un maggiore consumo di cibi trasformati, confezionati e raffinati, il rischio di degrado cognitivo nel corso della vita è più alto”.

 

Quali sono invece i cibi che contrastano attivamente lo sviluppo dell'Alzheimer? Lisa Mosconi ne ha individuati cinque gruppi.

- Pesce ricco di grassi buoni, vitamine, sali e proteine presenti nel salmone, sgombro, pesce azzurro, sardine  e acciughe, da consumare almeno una volta a settimana. Escludendo il pesce, fonti alternative di omega 3 sono olio d'oliva, semi di lino, mandorle avocado e alimenti di derivazione vegetale. 

- Verdure a foglia verde scuro, quali spinaci, bietole, cavolo nero e crucifere (broccolo, cavolfiore, cavolo) che offrono un pieno di vitamine, minerali, fibre e altri nutrienti fondamentali per un sistema nervoso in salute. Secondo le ricerche, mangiando soltanto un'insalata al giorno si mantiene il cervello più giovane di 11 anni (altro che mele!).

- Frutti a bacca rossa, soprattutto more, mirtilli, fragole, lamponi, ciliegie scure, bacche di goji e gelsi, ricchi di antiossidanti e ideali per mantenere in forma la memoria invecchiando. Ottimi anche per l'apporto di fibre e glucosio, fonte principale di energia per il cervello. Dolci ma con un basso indice glicemico che aiutano a regolare i livelli dello zucchero.

- Oli extra vergini vegetali, essenzialmente olio d' oliva e olio di semi di lino, carichi di fattori anti-age come omega 3 e vitamina E. L' olio d'oliva abbonda altresì di grasso monoinsaturo, un grasso buono per il cuore. E quello che è buono per il cuore è buono per il cervello.

- Carboidrati complessi che comprendono cereali integrali, legumi, e patate dolci che contengono nutrienti determinanti per il cervello: dalle proteine alle vitamine del gruppo B, antiossidanti e minerali. Questi sono anche una buona fonte di glucosio combinato con un elevato contenuto di fibre che stabilizzano il livello dello zucchero nel sangue. Più fibre significa anche minori effetti del cibo sull'insulina.

 

Il risultato? Un rafforzamento del metabolismo, una buona digestione e un miglioramento del sistema immunitario.

 

1

Articoli Simili
I più letti del mese
WHISKY TORBATI | TORNA A ROMA  A TUTTA TORBA!
Torna a Roma “A Tutta Torba!”, giornata dedicata interamente ai whisky torbati con centinaia di etichette, bottiglie rare, l'area food con Trapizzino, i viaggi nelle distillerie scozzesi, un collector's corne... Leggi di più
FESTA DEL TORRONE DI CREMONA 2017, LA FESTA PIU’ GOLOSA D’ITALIA
Imperdibile: per 9 giorni, dal 18 al 26 novembre, Cremona si trasformerà nella città più dolce d’Italia con la Festa del Torrone, interamente dedicata alla Gola che è il fil rouge di questa edizione. Come ogni anno... Leggi di più
ESTATE DI NATURA E CULTURA ALLE ISOLE FAROE
Dal seafood festival alla notte della cultura, passando per i numerosi eventi musicali, tutto questo nel paesaggio mozzafiato delle Isole Faroe. Un arcipelago di 18 isole nell’oceano Atlantico settentrionale, incontamin... Leggi di più
RED DELICIOUS VAL VENOSTA, E FU SUBITO AMORE FRA NATURALITÀ E BONTÀ
In Alto Adige, tra i 500 e i 1.000 metri di altitudine, nasce Red Delicious Val Venosta, la mela frutto del perfetto equilibrio tra Naturalità e Bontà. Dalle qualità straordinarie, Red Delicious si distingue per il suo c... Leggi di più
PISCO IS PERÙ
Inka Pisco (bicchiere nero), Chiccha Sour (mug), e Pisco Pop (coppa rotanda) sono i cocktail creati dal Bulk e che reinterpretano il liquore tipico del paese sudamericano. Il più evocativo di quel paese e piacevole per l... Leggi di più
IL NUOVO METODO CLASSICO, MILLESIMATO 2014 FORTULLA
Il nuovo Metodo Classico, Millesimato 2014, è nato per celebrare i 20 anni della cantina di Castiglioncello Fortulla '94, spumeggiante emblema di un sogno diventato realtà Quale miglior modo per brindare al sogno di u... Leggi di più
OSTERIA DELLA BULLONA: CUCINA MILANESE RIVISITATA
A marzo 2017 ha inaugurato in Via Piero della Francesca a Milano, a due passi da Corso Sempione, l’Osteria della Bullona, ristorante di cucina milanese rivisitata del duo Daniele Carettoni e Daniele Ferrari. L&rsqu... Leggi di più
Riso Carnaroli Riserva San Massimo
Il Carnaroli è un riso superfino, ossia dotato di chicco grosso, vitreo, resistente alla cottura, ricco di amido. Sono queste le caratteristiche che ne fanno un riso da risotto in quanto non si sfalda e l’amido lega la p... Leggi di più
AL PIER 52 PER SAN SILVESTRO A CIASCUNO IL SUO MENÙ! 
Al molo gourmand di via Piero della Francesca 52 ‎ampia scelta a la carte per il tradizionale cenone di fine anno   Se "per ogni fine c'è un nuovo inizio", al Pier 52, approdo gourmand all'ombra dell'Arco della Pace, l... Leggi di più
BORDEAUX "À BORD DE L'EAU" | TERRA DI CASTELLI, DI VIGNETI, DI FIUMI
Se arrivaste vergini nel Bordolese, ovvero senza suggestioni  fotografiche, letterarie o altre, come esploratori trovereste  cartelli pubblicitari di uguali dimensioni, nebbia raccolta in banchi lungo i generosi fiumi e ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.