17ott 2018
BIRRIFICIO PORETTI | LE BIRRE LUPPOLO. ABBINAMENTI E STAGIONALITÀ
Articolo di: Fabiano Guatteri

Prima di proseguire cliccare qui per visionare lo schema del processo di produzione della birra Poretti. Abbiamo parlato nei precedenti articoli della politica di sostenibilità della Poretti – Carlsberg Italia. Veniamo ora alle birre tutte disponibili alla spina nella sala di degustazione del Birrificio Angelo  Poretti (foto 1)

 

L’AD Alberto Frausin (nella foto 2 alle spine) spiega come l’azienda sia molto attenta agli abbinamenti cibo birra, per permettere di scegliere la birra più indicata per ogni portata. Al tempo stesso non trascura la stagionalità in quanto ci sono etichette più adatte ai mesi caldi e altre a quelli freddi. Nascono così le birre 3-4-5-6-7-8-9-10 dove il numero riportato in etichetta, corrisponde a quello dei luppoli utilizzati per produrle (nella foto 3 - 4 la luppoloteca Poretti).

 

La 3 luppoli è prodotta quindi con 3 varietà di luppolo, dominante la Zeus, ed è beverina adatta in ogni circostanza.

 

Per contro la 7 luppoli è prodotta in 4 varietà, una per stagione.

 

Quella autunnale, la 7 Mielizia, luppolo dominante East Kent Golding, è aromatizzata con miele di castagno. E’ una birra non filtrata dal colore ambrato con note morbide adatte ad accompagnare formaggi di media stagionatura o pasticceria secca.

 

La 7 Fiorita, luppolo dominante Mounthood, profuma invece di fiori di sambuco; non filtrata, leggermente opalescente è perfetta come aperitivo o per accompagnare piatti delicati.
E’ adatta da abbinare al pesce? Sì, ma con pesci e crostacei anche fritti provate la 10 Luppoli Dorata che ha debuttato a Epo 2015. Si tratta di una birra particolare che nasce da 10 luppoli provenienti da tutte le parti del mondo. Possiede bollicine simili a quelle degli spumanti Metodo Classico, è, come dire, un birra-vino. Ottima alla spina (video 5), ma anche nell’elegante bottiglia da spumante (foto 6-7 ), che sostituisce egregiamente il vino da portare a cena dagli amici.

 

Alberto Frausin è tornato in merito sul valore del PET nell’impatto ambientale come anticipato qui e qui. La temperatura del pianeta che cresce più velocemente dei limiti che gli stati aderenti al Protocollo di Kyoto si erano imposti, è causa di numerosi scompensi. La temperatura elevata può favorire la desertificazione intesa non come avanzata delle dune, quanto piuttosto di terreni che perdono fertilità e non sono più adatti alla produzione agricola. E anche questa è una causa che produce migrazione, argomento di grande attualità, in quanto chi non trova più sostentamento dalla propria terra lo cerca altrove.

 

In questi termini il Birrificio Angelo Poretti, per le scelte effettuate, è all’insegna della sostenibilità. Una politica aziendale a favore dell’ambiente, in ultima analisi, concorre al uno sviluppo più armonico del paese e quindi del pianeta. E questa conoscenza l’abbiamo recepita visitando il Birrificio Poretti.

1

2

3

4

5

6

7

Indirizzo : Via Olona, 103, Induno Olona
Articoli Simili
I più letti del mese
ACQUAVITE D’UVA ALEXANDER: LA REGINA DELL’ESTATE
Notizia Acquavite d’Uva Alexander è un distillato morbido e aromatico, che ha origine dalla distillazione degli acini gustosi e profumati di Uva Regina. All’olfatto si caratterizza per l’avvolgente sentore di frutta fre... Leggi di più
LE SELEZIONI DI FEUDI DI SAN GREGORIO
Le Selezioni di Feudi di San Gregorio: Luci e colori dell’Irpinia  per la tavola e per la casa. Sono Cutizzi, Pietracalda, Serrocielo e Aglianico Dal Re. Giallo, rosso, blu e viola. Un colore per ognuno dei vitigni... Leggi di più
L’AGLIO, DA SEMPRE, È CONSIDERATO UNA PANACEA
L’aglio, da sempre, è considerato una panacea: originario dell’Asia, veniva adoperato sia come alimento, sia come medicinale (antinfiammatorio e antibiotico). L’aglio bianco ha la buccia – detta ‘tunica’ – bianca, i bulb... Leggi di più
SAN VALENTINO: MOMENTI D’AMORE FIRMATI DEUTZ
L’unione di due cuori che si sublima come nell’unione delle migliori annate di vendemmia. L’armonia di due innamorati che si ritrova come nella cuvée equilibrata di tre grandi vitigni – Pinot Nero, Pinot Meunier e Chardo... Leggi di più
QUELLO CHE DA ROMAGNOLI NON TI SARESTI ASPETTATO
Romagnoli è una storica cantina picentina di Villò di Vigolzone, località vicina alla più conosciuta Grazzano Visconti. Sorta a fine Ottocento ha attraversato nel secolo sorso alterne vicende sino a ritrovare più recente... Leggi di più
THE DEVIL IN THE KITCHEN: LA VITA DANNATA DI UNO CHEF STELLATO
Marco Pierre White The devil in the kitchen La vita dannata di uno chef stellato.     “Potremmo scomodare Marshall McLuhan, la mediologia e pure inventare i gender studies culinari, ma trenta anni prima degli imberbi ... Leggi di più
JUST CAVALLI, I PIATTI INVERNALI E LA PROPOSTA DI SAN SILVESTRO
Un ristorante generalmente ci piace se risponde ad alcune imprescindibili caratteristiche ossia elevata qualità della cucina, ambiente confortevole e servizio attento. Sono tutti presupposti importanti perché ne bastereb... Leggi di più
RISTORANTE FLORA A BUSTO ARSIZIO: LA CUCINA NATURALE ABITA QUI
“Nella mia cucina il frigorifero è di norma praticamente vuoto e faccio un uso quasi zero delle tecnologie” il cuoco che mi parla così non è un anziano professionista d’altri tempi che non si è voluto a... Leggi di più
Cagnulari Muttos 2013 Isola dei Nuraghi igt
Il Cagnulari è un vitigno presente in una piccola zona della Sardegna la quale trova il proprio epicentro nel comune di Usini nel Sassarese, su colline calcaree di circa 200 metri di altitudine. Con queste uve viene prod... Leggi di più
GAMBERI IN BISQUE GELATINATA, FOIE GRAS D’OCA

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.