06ott 2018
BIRRIFICIO PORETTI 3 | PERCHÉ IL VETRO INQUINA. MEGLIO IL PET?
Articolo di: Fabiano Guatteri

Il nostro viaggio nel Birrificio Poretti giunge alla terza e penultima puntata; in precedenza ne abbiamo parlato qui  e qui. Ritorniamo a considerare i fusti di PET per la birra. Un aspetto rilevante, come abbiamo visto, è che questi non richiedono anidride carbonica aggiunta per la spillatura, per cui la birra non “pesa” sullo stomaco e pertanto se ne può bere di più.

 

Però attenzione: il Birrificio Poretti, ricorda Antonella Reggiori Italy Operations Director di Carlsberg Italia, raccomanda di bere responsabilmente, che è il messaggio comunicato ai punti di vendita e ai propri consumatori. La birra più leggera, più digeribile, di fatto, da un punto di vista meramente commerciale, invita al consumo e pertanto permette al pubblico esercizio di vendere di più e meglio. Per conseguenza si eleva la qualità del prodotto spillato giacché il punto vendita può proporre, oltre alle birre di largo consumo come le lager, quelle speciali che sono più qualificanti e maggiorante remunerative. Ciò perché le birre più pregiate pur avendo minor movimento, con il PET conservano la propria fragranza almeno per un mese (contro i 5 giorni dei fusti in acciaio) e pertanto dispongono di tutto il tempo necessario per essere erogate.

 

Ma i vantaggi del PET, che ricordiamolo è inerme, non si esauriscono qui. I fusti di acciaio contengono 25 litri, mentre quelli di PET 20 litri. Il peso, dei recipienti di acciaio, la tara, è di 8 kg, che sommati ai 25 kg di birra raggiungono 33 kg, e per legge pertanto ciascun fusto deve essere movimentato da due operatori. Il fusto di PET pesa 300 g e quindi il peso totale è poco più di 20 kg, consentendo la movimentazione con un solo operatore, ed è un risparmio a 360 gradi.

 

Ma oltre a quanto sin qui detto il grande valore di questa tecnologia, come sottolinea Antonella Reggiori, è la sostenibilità. Se confrontiamo la vita di un fusto di acciaio e di uno di PET dal birrificio al punto di vendita, il più ecologico è il primo. E’ ciò che emerge da un lavoro di due anni che Carlsberg Italia ha condotto con IEFE Bocconi  in cui è stato realizzato un confronto tra i fusti dei due materiali dal punto di vista del ciclo di vita: dalla produzione della materia prima sino al consumatore finale. Ne è emerso che vince il fusto di PET per il minor consumo di anidride carbonica, pari a 25 kg per ogni tre fusti. Per cui per ogni 60 litri di birra si risparmia l’emissione di CO2 uguale a quella di un albero in un anno di vita.

 

Con il PET sia le birre di maggior pregio sia le altre sono vendute di più. A corroborare quanto detto basti dire che sino a dieci anni fa la vendita di fusti di acciaio era pari a 15 hl di birra annui a punto vendita, mentre oggi con il PET la media è salita a oltre i 50 hl. Carlsberg in Italia conta 30 mila punti vendita che trattano solo PET. I punti di vendita che sposano il PET riducono il commercio di bottiglie: PET e vetro generano un rapporto inversamente proporzionale. Il vetro da un punto di vista ambientale è un problema. Il vetro è vissuto come materiale a basso impatto ambientale, ma in realtà non è così. Pesa, e il fatto che non si butti, per assurdo, comporta un costo aggiuntivo in termini di inquinamento e ciò vale anche per il fusto di acciaio.

 

Per chiarire prendiamo in considerazione la spedizione di una fornitura di birra che parta dal birrificio di Induno e arrivi a un pub di Catania: la birra viaggia in TIR sino a Napoli, dove si imbarca per poi sbarcare a Palermo e proseguire in TIR sino al punto di vendita catanese. Già il fatto che acciaio e vetro pesino più del PET, a parità di birra trasportata, segnano un costo ambientale maggiore in termini di produzione di anidride carbonica. Ma attenzione: arrivati a destinazione, il PET dopo l’uso verrà messo nella campana della plastica e riciclato, mentre vetro e fusti di acciaio dovranno ritornare al birrificio, per cui intraprenderanno un viaggio di ritorno che comporterà ovviamente emissione di anidride carbonica. Infine una volta nel birrificio fusti d’acciaio e vetro, saranno sanificati, e ciò richiederà un altro consumo energetico.

 

Pertanto i 25 kg di risparmio di CO2 ogni 60 litri di birra confezionati in PET sono attribuibili anche al trasporto. Carlsberg non vede il PET come un rifiuto ma quale materiale che genererà un nuovo oggetto e pertanto avrà una nuova vita. Se il consumatore aderisce a questa filosofia che ha per mission la sostenibilità, e la supporta, di fatto, partecipa al grande programma di salvare il pianeta.

Tutto ciò conduce ad alcune riflessioni che esulano dal prodotto in sé, ma guardano più in là e che vedremo nella prossima e conclusiva puntata insieme alle birre a più luppoli

(continua)

1

Indirizzo : Via Olona, 103, Induno Olona
Articoli Simili
I più letti del mese
WHISKY TORBATI | TORNA A ROMA  A TUTTA TORBA!
Torna a Roma “A Tutta Torba!”, giornata dedicata interamente ai whisky torbati con centinaia di etichette, bottiglie rare, l'area food con Trapizzino, i viaggi nelle distillerie scozzesi, un collector's corne... Leggi di più
FESTA DEL TORRONE DI CREMONA 2017, LA FESTA PIU’ GOLOSA D’ITALIA
Imperdibile: per 9 giorni, dal 18 al 26 novembre, Cremona si trasformerà nella città più dolce d’Italia con la Festa del Torrone, interamente dedicata alla Gola che è il fil rouge di questa edizione. Come ogni anno... Leggi di più
ESTATE DI NATURA E CULTURA ALLE ISOLE FAROE
Dal seafood festival alla notte della cultura, passando per i numerosi eventi musicali, tutto questo nel paesaggio mozzafiato delle Isole Faroe. Un arcipelago di 18 isole nell’oceano Atlantico settentrionale, incontamin... Leggi di più
RED DELICIOUS VAL VENOSTA, E FU SUBITO AMORE FRA NATURALITÀ E BONTÀ
In Alto Adige, tra i 500 e i 1.000 metri di altitudine, nasce Red Delicious Val Venosta, la mela frutto del perfetto equilibrio tra Naturalità e Bontà. Dalle qualità straordinarie, Red Delicious si distingue per il suo c... Leggi di più
PISCO IS PERÙ
Inka Pisco (bicchiere nero), Chiccha Sour (mug), e Pisco Pop (coppa rotanda) sono i cocktail creati dal Bulk e che reinterpretano il liquore tipico del paese sudamericano. Il più evocativo di quel paese e piacevole per l... Leggi di più
IL NUOVO METODO CLASSICO, MILLESIMATO 2014 FORTULLA
Il nuovo Metodo Classico, Millesimato 2014, è nato per celebrare i 20 anni della cantina di Castiglioncello Fortulla '94, spumeggiante emblema di un sogno diventato realtà Quale miglior modo per brindare al sogno di u... Leggi di più
OSTERIA DELLA BULLONA: CUCINA MILANESE RIVISITATA
A marzo 2017 ha inaugurato in Via Piero della Francesca a Milano, a due passi da Corso Sempione, l’Osteria della Bullona, ristorante di cucina milanese rivisitata del duo Daniele Carettoni e Daniele Ferrari. L&rsqu... Leggi di più
Riso Carnaroli Riserva San Massimo
Il Carnaroli è un riso superfino, ossia dotato di chicco grosso, vitreo, resistente alla cottura, ricco di amido. Sono queste le caratteristiche che ne fanno un riso da risotto in quanto non si sfalda e l’amido lega la p... Leggi di più
AL PIER 52 PER SAN SILVESTRO A CIASCUNO IL SUO MENÙ! 
Al molo gourmand di via Piero della Francesca 52 ‎ampia scelta a la carte per il tradizionale cenone di fine anno   Se "per ogni fine c'è un nuovo inizio", al Pier 52, approdo gourmand all'ombra dell'Arco della Pace, l... Leggi di più
BORDEAUX "À BORD DE L'EAU" | TERRA DI CASTELLI, DI VIGNETI, DI FIUMI
Se arrivaste vergini nel Bordolese, ovvero senza suggestioni  fotografiche, letterarie o altre, come esploratori trovereste  cartelli pubblicitari di uguali dimensioni, nebbia raccolta in banchi lungo i generosi fiumi e ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.