14mag 2017
BOCUSE D’OR: ANNUNCIATI I 4 CHEF CHE RAPPRESENTERANNO L'ITALIA
Articolo di: Dirce Bottardi

BOCUSE D’OR: annunciati a Milano i 4 chef che rappresenteranno l'Italia nella prossima edizione 

Chissà lo stupore e l'orgoglio dei cuochi del Mugello e del gelataio di Urbino che Caterina de' Medici  portò in Francia quasi 500 anni fa. Loro non avrebbero potuto immaginare di essere all'origine della successiva supremazia della cucina del quel paese, al quale va il merito di aver codificato la materia e di essere diventata la patria di talenti ineguagliabili come Paul Bocuse, lo chef di Lione al quale si deve, tra l'altro, la più importante e impegnativa competizione gastronomica mondiale che, dal 1987, premia i nuovi talenti dei fornelli.

E per partecipare alla prossima edizione (2018-2019) ad Alba, nel cuore delle Langhe e Roero, è stata creata l’Accademia Bocuse d’Or Italia, il cui presidente è Enrico Crippa (foto 2), chef tristellato della città piemontese. Lui - e a diverse altre competenze del territorio – spetta il compito di formare e preparare gli chef italiani che sfideranno l’Europa alla selezione di Torino 2018 e il resto del mondo alla finale di Lione 2019.

Oggi a Milano sono stati presentati i concorrenti che rappresenteranno l'Italia (foto 1). Ecco chi sono:

Giuseppe Raciti (foto 3)

iciliano, classe 1985 e fortemente legato alla sua terra, ha già partecipato alla Selezione Italiana del Bocuse d’Or del gennaio 2016, non riuscendo però a vincerla. Attualmente lavora presso il Ristorante “Zash – Country Boutique Hotel” a Riposto in provincia di Catania. Nel corso degli anni ha partecipato con successo a numerosi concorsi di cucina e ha avuto esperienze, anche internazionali, in ristoranti di alto livello. Il legame della sua terra emerge moltissimo nel progetto culinario presentato, con una reinterpretazione dei prodotti scelti per il concorso molto legata alla sua isola.

Paolo Griffa (foto 4)

“Sogno il Bocuse d’Or sin dalla scuola di cucina”. Così ha aperto la sua candidatura per la partecipazione alla Selezione Italiana del Bocuse d’Or e dal suo progetto questa intenzione di ben figurare all’interno del concorso emerge in tutta la sua forza. Molto giovane (classe 1991), attualmente lavora in Francia presso il due stelle Michelin Restaurant Serge Vieira. Nato a Carmagnola, in Piemonte, proprio in questa regione ha mosso i primi passi nella cucina di alto livello, lavorando dal 2010 al 2012 nel ristorante Combal Zero di Rivoli. Dal suo progetto emerge l’ottima conoscenza dei prodotti individuati per il concorso e una particolare attenzione alla stagionalità, tema estremamente importante nella cucina contemporanea.

Martino Ruggeri (foto 5)

Attualmente Head Chef presso il tre stelle Pavillon Lodoyen di Parigi, Martino Ruggieri si contraddistingue per un curriculum di altissimo livello, con esperienze presso il ristorante La Pergola di Heinz Beck e L’Atelier de Joel Robuchon a Parigi. Nel suo progetto culinario emerge con forza l’internazionalità applicata ai prodotti della sua terra d’origine, la Puglia, dove mette in evidenza il gusto del passato, con ricette caratterizzate da una fortissima originalità.

Roberta Zulian (foto 6)

Da tempo nell’entourage di Andrea Alfieri, Roberta Zulian svolge la professione di chef in Trentino Alto-Adige, terra a cui lega moltissimo i suoi piatti, dai quali emerge un forte uso dei

prodotti montani. Nel passato ha lavorato molto nel mondo della pasticceria, acquisendo così una grandissima tecnica di base, elemento fondamentale per un concorso di cucina. La buona esperienza di gestione di un ristorante, all’interno di un hotel, l’Alpen Suite Hotel di Madonna di Campiglio dove lavora attualmente, l’hanno costruita e preparata bene all’intenso rapporto con questo lavoro e allo stress che un concorso come questo è in grado di generare.

Ma come funziona il Bocuse d'Or ? Da oggi, fino a ottobre, i 4 chef, con le relative squadre, prepareranno sul modello della storica competizione, che prevede la preparazione di due piatti in 5 ore e 35 minuti. Per l’edizione 2018 della finale europea che si terrà a Torino, i piatti riprenderanno alcuni tra i più tipici e rappresentativi prodotti della Regione Piemonte. I risultati della performance delle squadre saranno valutati da una giuria composta da chef di altissimo livello del panorama culinario nazionale.

Il training prima della competizione sarà svolto nel territorio delle Langhe, dove il Team Italia avrà la sua casa base. In caso di qualificazione al termine della finale di Torino, la squadra italiana tornerà ad allenarsi ad Alba per preparare la finale mondiale di Lione 2019.

In entrambe le fase l'obiettivo è di portare il più in alto possibile la reputazione della cucina italiana, un'etichetta che riassume l'estro locale senza pari nella trasformazione di tanti prodotti straordinari che testimoniano la biodiversità della Penisola. Auguri !

1

2

3

4

5

6

Articoli Simili
I più letti del mese
RISTORANTE 403030 LIFESTYLE | HEALTHY KITCHEN
Siamo tornati al ristorante 403030 lifestyle di cui abbiamo già detto qui. Si trova in via Fiori Chiari, una delle viette più caratteristiche di Brera. Sicuramente il nome non passa inosservato per la presenza dei caratt... Leggi di più
DUE CHIACCHIERE CON MAURO MAHJOB
Chi ama le bevande miscelate conosce sicuramente il Negroni, adatto a essere servito per aperitivo, ma anche dopo cena considerato il buon tenore alcolico. Mauro Mahjoub * (vedere nota biografica) sopranominato Re del N... Leggi di più
CARROUSEL CUCCAGNA - HANAMI FEST LA MILLENARIA TRADIZIONE GIAPPONESE
Domenica 25 marzo 2018 dalle 10:30 alle 19.30 torna a Milano Carrousel Cuccagna con una straordinaria edizione dal titolo Hanami Fest. Per questo mese l’evento si ispirerà alla primavera, la stagione della rinas... Leggi di più
SARAI 2015 UN ECLETTICO MARZEMINO IN PUREZZA DELLA CANTINA SAN MICHELE
Si chiama Sarai, nome beneaugurante, futuro del verbo essere, il Marzemino in purezza, prodotto dalla Cantina San Michele, nelle sue vigne del Monte Netto, a quindici chilometri da Brescia. Un piccolo monte, che supera ... Leggi di più
ROSSO MONTE DELLE VIGNE 2013 | SORSI AUTUNNALI
Abbiamo detto di Monte delle Vigne scrivendo di Nabucco 2011.  Ricordiamo solo che Monte delle Vigne dimora sulle colline parmensi con un vigneto di 60 ettari nel cuore della Doc Colli di Parma in cui radicano uve malva... Leggi di più
A PAOLO FORADORI, TITOLARE DELLA TENUTA J. HOFSTÄTTER DI TRAMIN – TERMENO, IL PREMIO ANGELO BETTI - BENEMERITO VINITALY 2016
È stato assegnato a quello che si può ritenere il padre del Pinot Nero altoatesino il Premio Angelo Betti - Benemerito della Vitivinicoltura 2016. A ricevere la medaglia di Cangrande è stato infatti Paolo Foradori - tito... Leggi di più
IL CROCCANTE DI YOGURT DI STEFANO CAVADA: LA RICETTA FILMATA
Il Croccante di yogurt e altre ricette altoatesine di Stefano Cavada sbarcano su Food Network. Le ricette facili di Stefano Cavada da replicare raccontate attraverso altrettanti brevi videoclip che saranno in onda fino a... Leggi di più
CASO, ELETTRODOMESTICI: YOUR KITCHEN IN ONLY ONE TOUCH
Caso, elettrodomestici dal design e hi tech. Your kitchen in only one touch. Quando il design contemporaneo sposa la tecnologia più avanzata nasce la linea di elettrodomestici firmati Caso Design e distribuiti in Italia... Leggi di più
MUSCAT, BIRRA DOCG: BIRRA AL MOSCATO DI SCANZO
E’ un anno speciale il 2018 per l’Azienda Agricola Pagnoncelli Folcieri,  Francesca, figlia del Dottor Maurizio Pagnoncelli, farmacista, titolare insieme ai genitori, ai fratelli Federico e Serena e al marito... Leggi di più
ANTEPRIMA DI ORNELLAIA 2013 VENDEMMIA D’ARTISTA
ORNELLAIA 2013 VENDEMMIA D’ARTISTA: L’ELEGANZA Si è tenuta giovedì 25 febbraio la preview di Ornellaia annata 2013 alla Sotheby’s - Palazzo Serbelloni a Milano. Non si è trattato solo della presentazione di un grande vi... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.