22dic 2018
BORDEAUX: IL MUSEO LA CITÉ DU VIN
Articolo di: Stefania Turato

Al Museo La Cité du Vin non aspettatevi ciotole e reperti, seppur la struttura del museo appaia come un grosso decanter dalle forme arrotondate e generose, accoglienti. Niente farebbe pensare a un mondo quasi surreale così tecnologico disposto all’interno, in una forma alquanto conosciuta per un gesto d’effluvio e scorrimento, vicino all’elemento acqua del fiume che gli scorre accanto.

 

La struttura riassume il movimento, del cielo, dell’acqua e della terra, indispensabili per la vite.

 

Una concezione bioclimatica performante fa si che il 70% del fabbisogno energetico venga soddisfatto autonomamente e il tema della sostenibilità si afferma.
Il Museo, La Citè du Vin è raggiungibile col Tram 9, in battello fluviale alla fermata sulla Garonna, Cité du Vin , in bicicletta, in auto con ampio parcheggio a pagamento, facilitato per le persone portatrici di handicap.
Il Museo di Bordeaux inaugurato nel 2016 conta 3000 mq di superficie con 20 spazi tematici.

 

Costruito dall’agenzia XTU  che ha provveduto alla realizzazione del padiglione Francia all’Expo 2015 a Milano per la quale ha ricevuto il premio dell’Architettura.

 

Uno spazio verde dedicato al paesaggio del vino: un ecosistema a bordo dell’acqua. Il vigneto come luogo per stare, progetto di integrazione NATURA 2000 dell’agenzia di architettura XTU.
Aperto dalle 10 alle 19 con chiusure in periodi festivi di Natale, potete verificare tariffe e orari. L’accesso al museo è vietato ai minori di 18 anni.

 

Vino, patrimonio. La metamorfosi del vino che unico, messo in bottiglia e privato dell’ossigeno, come in una stanza da letto riposa dove aver attraversato fermentazioni tumultuose, decantazioni, la vinificazione, una nascita vera e propria.
Il vino ha attraversato mari, è diventato un messaggio universale. Unico, comprensibile da tutti. E’ un prodotto di civilizzazione.

 

Un indotto che ruota tutto attorno fino ad arrivare a essere prodotto di tendenza. Vino, come attributo di seduzione, piacere, partecipazione, condivisione di momenti dai meno illuminati alla celebrazione della storia dell’uomo.
Vino legato all’arte figurativa. Immagini, ritratti, scatti d’epoca che possono far rivivere e attraversare secoli di storia e mostre periodiche li fanno percorrere…
Chi conosce, degusta e apprezza il vino.

 

Entriamo nel museo. È disposto su tre piani (foto 2), un largo ingresso accoglie i visitatori per il pagamento del biglietto (euro 20,00) 25,00 Euro in più per l’esperienza polisensoriale nella sala disposta di forma rotonda, al primo piano del museo che dispone anche di una fornita biblioteca, con tutta la bibliografia esistente dalle scoperte di Pasteur fino a noi.

 

Un piano dedicato a un percorso multimediale che con l’utilizzo di audio guide accompagnano nel percorso storico del vino, sin dalle origini, sottolineando il contributo francese nel resto del mondo per la viticoltura fino ad arrivare in Nuova Zelanda, dove enologi francesi prestano la propria conoscenza per lo sviluppo della vite.

 

Il percorso proposto nel Museo è esperienziale e ognuno ne avrà sensazioni diverse poiché completamente differente secondo come si accede ai diversi livelli e piani.

 

Colloqui con rappresentanze virtuali della cucina e del servizio di sala, risponderanno a quesiti preziosamente tecnici.

 

Una sala tutta piena di pipette ed effusori che dispensano i profumi e gli odori che possono essere presenti in un calice di vino.

 

Un parco giochi.
Divertente. La stanza a cui è dedicato più spazio dove invece per il resto si concentra tutto davanti ad una immagine e le parole fluiscono nelle orecchie.
Mostre permanenti. Stanze allestite o completamente buie e illuminate da video mandati in continuo.


Una passeggiata nella viticoltura e nella cultura del vino nel mondo, ricorda il rinnovamento del vigneto dopo la Phylloxera vastatrix e la messa a dimora 10.000.000 di nuove piantine di vite con piede americano, dopo aver tentato l’utilizzo anche dell’acqua santa per contrastare la devastazione filosserica.

 

Una curiosità riguarda la sommellerie: chi versava il vino nell’antichità, potevano essere religiosi, molto spesso Sacerdotesse.
Poi son apparsi i COPPIERI e ragazzi giovani di buona famiglia che ben dovevano procedere per la diluizione in acqua del vino, troppo forte ai tempi.
Nelle stanze del Museo ricordi commentati dalle audio guide di pranzi luculliani che hanno visto sfilare dozzine di ostriche, vini come Riesling Johannisberger, vini di Borgogna, Champagne, cacciagione, coppe di fragole e ananas, in una epoca in cui le taverne ristoranti da poco più di alcune centinaia, arrivano a essere quasi 2 mila.
La borghesia, a differenza dei nobili, pochi in tutto, mangiava, mangiava e beveva molto.


Salite all’ultimo piano per godervi la vista sulla città di Bordeaux, dopo esservi inerpicati su una torre di babele di informazioni sul vino.

 

Sarà offerto un calice (5 cl) a scelta tra 7-8 vini che potrà concludere il vostro viaggio nel tempio del vino (foto 1), su un territorio che promuove il suo vino dispensando cartine e mappe dei vigneti ovunque a far intendere che vi trovate in un paese del vino, nel caso ce lo fossimo dimenticati.

 

Tra le eccellenze italiane nell’enoteca del Museo, figura il territorio del Valdobbiadene-Conegliano con alcune referenze come Ruggeri Le Colture (foto 3).

 

Va sottolineato che il valore del comparto vino in Italia nel 2018 è pari a 15 miliardi di euro in crescita (rapporto Ismea consultabile cliccando qui) e 6 miliardi di euro sono esportati.
#dopeconomy , Il nostro sistema legislativo in materia agroalimentare è tra i più complessi e articolati esistente, non si aggrappa soltanto alla storia e alla tradizione bensì, risulta in continua evoluzione con voci di eco sostenibilità crescenti.

Cosa dovremmo fare?
Curare e rafforzare la nostra offerta interna derivante dal legame tra territorio, turismo ed enogastronomia che potrà essere colta. Non temiamolo.

1

2

3

4

5

6

7

Indirizzo : Esplanade de Pontac, 134 quai de Bacalan Bordeaux
Articoli Simili
I più letti del mese
IL PERCHÉ DELLE ALBICOCCHE, FRUTTA DA NON SOTTOVALUTARE
Le albicocche sono frutti che ci accompagnano da tarda primavera sino a un buon tratto d’estate. Il colore giallo caldo che vira all’aranciato talvolta screziato o punteggiato di rosso è sicuramente invitante. Se raccolt... Leggi di più
ARCHITECTSPARTY 2017 GLI APERITIVI NEGLI STUDI DI ARCHITETTURA TORNANO A MILANO
ArchitectsParty 2017 gli aperitivi negli studi di architettura in Italia e in Europa tornano a Milano dal 21 al 23 giugno  Dal 21 al 23 giugno tornano a Milano gli ArchitectsParty, gli aperitivi negli studi di architett... Leggi di più
RITORNA PER UNA SERA A MILANO IL FILM CULT FREAKS
Ritorna a grandissima richiesta, solo il 24 luglio alle ore 21.30, Freaks, uno dei più famosi cult movie della storia del cinema. Un film controverso che quando uscì, nel 1932, scatenò aspri dibattiti e ancora oggi non m... Leggi di più
COLLIO MERLOT RUSSIZ SUPERIORE 2012
L’Azienda Russiz Superiore dal 1956 ha sede a Capriva del Friuli, nel Goriziano, anno in cui Marco Fellluga la fondò. Il padre Giovanni si era trasferito in Friuli negli anni Trenta, proveniente dall’Istria dove la famig... Leggi di più
MOSCATO ZEBO, TERRE SICILIANE INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
Soprattutto d’estate un aperitivo fresco, petillant, fruttato, dolce senza essere stucchevole ci mette nell’umore giusto per cominciare al meglio la serata. Zebo è un vino bianco aromatico che riproduce al me... Leggi di più
BRUNO QUERCI ENERGICOFORMA ALLA GALLERIA “A ARTE INVERNIZZI”
La galleria A arte Invernizzi inaugura martedì 21 novembre 2017 alle ore 18.30 una mostra personale di Bruno Querci, in occasione della quale viene presentato un percorso espositivo che, attraverso la compresenza di lavo... Leggi di più
EUROPA, DOVE LA QUALITÀ È DI CASA | I PRODOTTI ALTOATESINI (2/2)
Abbiamo detto qui  del focus tenuto sui vini altoatesini in occasione della campagna Europa dove la qualità è di casa finanziata con l’aiuto dell’Unione Europea, un evento che ha avuto luogo a Milano presso S... Leggi di più
Tagliolini con gamberi e carciofi alle due cotture
LE BACCHE FREDDE DEL SUD
Il Sud Italia non è solo terra di sole e mare, di tuffi infiniti tra vento caldo e brezza marina, nel profondo si nascondono zone impavide, di difficile conduzione, dove la coltura diventa imprevedibile perché bersagliat... Leggi di più
UN 2016 RICCO DI PREMI PER LA CANTINA CONTE COLLALTO
Dal Concours de Bruxelles al Merano Wine Festival fino alla lusinghiera valutazione del prestigioso Wine Spectator, un bilancio più che positivo per il marchio di Susegana che diventa ancora più internazionale.   Un 20... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.