22dic 2018
BORDEAUX: IL MUSEO LA CITÉ DU VIN
Articolo di: Stefania Turato

Al Museo La Cité du Vin non aspettatevi ciotole e reperti, seppur la struttura del museo appaia come un grosso decanter dalle forme arrotondate e generose, accoglienti. Niente farebbe pensare a un mondo quasi surreale così tecnologico disposto all’interno, in una forma alquanto conosciuta per un gesto d’effluvio e scorrimento, vicino all’elemento acqua del fiume che gli scorre accanto.

 

La struttura riassume il movimento, del cielo, dell’acqua e della terra, indispensabili per la vite.

 

Una concezione bioclimatica performante fa si che il 70% del fabbisogno energetico venga soddisfatto autonomamente e il tema della sostenibilità si afferma.
Il Museo, La Citè du Vin è raggiungibile col Tram 9, in battello fluviale alla fermata sulla Garonna, Cité du Vin , in bicicletta, in auto con ampio parcheggio a pagamento, facilitato per le persone portatrici di handicap.
Il Museo di Bordeaux inaugurato nel 2016 conta 3000 mq di superficie con 20 spazi tematici.

 

Costruito dall’agenzia XTU  che ha provveduto alla realizzazione del padiglione Francia all’Expo 2015 a Milano per la quale ha ricevuto il premio dell’Architettura.

 

Uno spazio verde dedicato al paesaggio del vino: un ecosistema a bordo dell’acqua. Il vigneto come luogo per stare, progetto di integrazione NATURA 2000 dell’agenzia di architettura XTU.
Aperto dalle 10 alle 19 con chiusure in periodi festivi di Natale, potete verificare tariffe e orari. L’accesso al museo è vietato ai minori di 18 anni.

 

Vino, patrimonio. La metamorfosi del vino che unico, messo in bottiglia e privato dell’ossigeno, come in una stanza da letto riposa dove aver attraversato fermentazioni tumultuose, decantazioni, la vinificazione, una nascita vera e propria.
Il vino ha attraversato mari, è diventato un messaggio universale. Unico, comprensibile da tutti. E’ un prodotto di civilizzazione.

 

Un indotto che ruota tutto attorno fino ad arrivare a essere prodotto di tendenza. Vino, come attributo di seduzione, piacere, partecipazione, condivisione di momenti dai meno illuminati alla celebrazione della storia dell’uomo.
Vino legato all’arte figurativa. Immagini, ritratti, scatti d’epoca che possono far rivivere e attraversare secoli di storia e mostre periodiche li fanno percorrere…
Chi conosce, degusta e apprezza il vino.

 

Entriamo nel museo. È disposto su tre piani (foto 2), un largo ingresso accoglie i visitatori per il pagamento del biglietto (euro 20,00) 25,00 Euro in più per l’esperienza polisensoriale nella sala disposta di forma rotonda, al primo piano del museo che dispone anche di una fornita biblioteca, con tutta la bibliografia esistente dalle scoperte di Pasteur fino a noi.

 

Un piano dedicato a un percorso multimediale che con l’utilizzo di audio guide accompagnano nel percorso storico del vino, sin dalle origini, sottolineando il contributo francese nel resto del mondo per la viticoltura fino ad arrivare in Nuova Zelanda, dove enologi francesi prestano la propria conoscenza per lo sviluppo della vite.

 

Il percorso proposto nel Museo è esperienziale e ognuno ne avrà sensazioni diverse poiché completamente differente secondo come si accede ai diversi livelli e piani.

 

Colloqui con rappresentanze virtuali della cucina e del servizio di sala, risponderanno a quesiti preziosamente tecnici.

 

Una sala tutta piena di pipette ed effusori che dispensano i profumi e gli odori che possono essere presenti in un calice di vino.

 

Un parco giochi.
Divertente. La stanza a cui è dedicato più spazio dove invece per il resto si concentra tutto davanti ad una immagine e le parole fluiscono nelle orecchie.
Mostre permanenti. Stanze allestite o completamente buie e illuminate da video mandati in continuo.


Una passeggiata nella viticoltura e nella cultura del vino nel mondo, ricorda il rinnovamento del vigneto dopo la Phylloxera vastatrix e la messa a dimora 10.000.000 di nuove piantine di vite con piede americano, dopo aver tentato l’utilizzo anche dell’acqua santa per contrastare la devastazione filosserica.

 

Una curiosità riguarda la sommellerie: chi versava il vino nell’antichità, potevano essere religiosi, molto spesso Sacerdotesse.
Poi son apparsi i COPPIERI e ragazzi giovani di buona famiglia che ben dovevano procedere per la diluizione in acqua del vino, troppo forte ai tempi.
Nelle stanze del Museo ricordi commentati dalle audio guide di pranzi luculliani che hanno visto sfilare dozzine di ostriche, vini come Riesling Johannisberger, vini di Borgogna, Champagne, cacciagione, coppe di fragole e ananas, in una epoca in cui le taverne ristoranti da poco più di alcune centinaia, arrivano a essere quasi 2 mila.
La borghesia, a differenza dei nobili, pochi in tutto, mangiava, mangiava e beveva molto.


Salite all’ultimo piano per godervi la vista sulla città di Bordeaux, dopo esservi inerpicati su una torre di babele di informazioni sul vino.

 

Sarà offerto un calice (5 cl) a scelta tra 7-8 vini che potrà concludere il vostro viaggio nel tempio del vino (foto 1), su un territorio che promuove il suo vino dispensando cartine e mappe dei vigneti ovunque a far intendere che vi trovate in un paese del vino, nel caso ce lo fossimo dimenticati.

 

Tra le eccellenze italiane nell’enoteca del Museo, figura il territorio del Valdobbiadene-Conegliano con alcune referenze come Ruggeri Le Colture (foto 3).

 

Va sottolineato che il valore del comparto vino in Italia nel 2018 è pari a 15 miliardi di euro in crescita (rapporto Ismea consultabile cliccando qui) e 6 miliardi di euro sono esportati.
#dopeconomy , Il nostro sistema legislativo in materia agroalimentare è tra i più complessi e articolati esistente, non si aggrappa soltanto alla storia e alla tradizione bensì, risulta in continua evoluzione con voci di eco sostenibilità crescenti.

Cosa dovremmo fare?
Curare e rafforzare la nostra offerta interna derivante dal legame tra territorio, turismo ed enogastronomia che potrà essere colta. Non temiamolo.

1

2

3

4

5

6

7

Indirizzo : Esplanade de Pontac, 134 quai de Bacalan Bordeaux
Articoli Simili
I più letti del mese
FESTA DEL TORRONE DI CREMONA 2017, LA FESTA PIU’ GOLOSA D’ITALIA
Imperdibile: per 9 giorni, dal 18 al 26 novembre, Cremona si trasformerà nella città più dolce d’Italia con la Festa del Torrone, interamente dedicata alla Gola che è il fil rouge di questa edizione. Come ogni anno... Leggi di più
ESTATE DI NATURA E CULTURA ALLE ISOLE FAROE
Dal seafood festival alla notte della cultura, passando per i numerosi eventi musicali, tutto questo nel paesaggio mozzafiato delle Isole Faroe. Un arcipelago di 18 isole nell’oceano Atlantico settentrionale, incontamin... Leggi di più
PISCO IS PERÙ
Inka Pisco (bicchiere nero), Chiccha Sour (mug), e Pisco Pop (coppa rotanda) sono i cocktail creati dal Bulk e che reinterpretano il liquore tipico del paese sudamericano. Il più evocativo di quel paese e piacevole per l... Leggi di più
Riso Carnaroli Riserva San Massimo
Il Carnaroli è un riso superfino, ossia dotato di chicco grosso, vitreo, resistente alla cottura, ricco di amido. Sono queste le caratteristiche che ne fanno un riso da risotto in quanto non si sfalda e l’amido lega la p... Leggi di più
RED DELICIOUS VAL VENOSTA, E FU SUBITO AMORE FRA NATURALITÀ E BONTÀ
In Alto Adige, tra i 500 e i 1.000 metri di altitudine, nasce Red Delicious Val Venosta, la mela frutto del perfetto equilibrio tra Naturalità e Bontà. Dalle qualità straordinarie, Red Delicious si distingue per il suo c... Leggi di più
IL NUOVO METODO CLASSICO, MILLESIMATO 2014 FORTULLA
Il nuovo Metodo Classico, Millesimato 2014, è nato per celebrare i 20 anni della cantina di Castiglioncello Fortulla '94, spumeggiante emblema di un sogno diventato realtà Quale miglior modo per brindare al sogno di u... Leggi di più
OSTERIA DELLA BULLONA: CUCINA MILANESE RIVISITATA
A marzo 2017 ha inaugurato in Via Piero della Francesca a Milano, a due passi da Corso Sempione, l’Osteria della Bullona, ristorante di cucina milanese rivisitata del duo Daniele Carettoni e Daniele Ferrari. L&rsqu... Leggi di più
BARONE PIZZINI: IMPORTANTE REALTÀ FRANCIACORTINA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE
Fondata nel 1870 dai Baroni Pizzini, sin dagli esordi l’azienda ebbe una guida illuminata. Nel 1993 furono coinvolti nella proprietà alcuni imprenditori e dal 1998 venne avviata la sperimentazione biologica cui fece segu... Leggi di più
AL PIER 52 PER SAN SILVESTRO A CIASCUNO IL SUO MENÙ! 
Al molo gourmand di via Piero della Francesca 52 ‎ampia scelta a la carte per il tradizionale cenone di fine anno   Se "per ogni fine c'è un nuovo inizio", al Pier 52, approdo gourmand all'ombra dell'Arco della Pace, l... Leggi di più
LADY BE: I VOLTI CHE HANNO CAMBIATO LA STORIA | CASTELLO VISCONTEO DI PAVIA
Inagura domani, sabato 10 Marzo alle ore 17,00 la mostra “I volti che hanno cambiato la storia”, presso i Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia. L’evento, patrocinato dalla Regione Lombardia, dai... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.