03mar 2019
CAFFÈ SOSPESO. SCUOLA DI VITA E DI LAVORO
Articolo di: Nadia Toppino

Caffè sospeso. Una curiosa definizione, nota per lo più ai napoletani, ma diffusa anche altrove. È un’antica tradizione che consiste nel donare una tazzina di caffè a beneficio di uno sconosciuto, un bisognoso. Si lascia appunto un caffè pagato, sospeso.
Proprio a Napoli questa definizione è stata usata per dare vita, un paio di anni fa, ad un progetto di “reintegrazione sociale” per i minori dell’area penale.


"Un caffè sospeso... come le nostre vite". Claudio 19 anni, sorride, abbassa lo sguardo e serve il caffè ad un magistrato, forse proprio quello che ha firmato la sua condanna, chissà. Siamo all’interno del Tribunale per i minorenni, ai Colli Aminei, dove la buvette è stata ristrutturata e attrezzata grazie ad alcuni sponsor, ed è stata presa in carico dall’Associazione Scugnizzi che segue il reinserimento lavorativo dei giovani a rischio dell'area penale campana."Caffè sospeso" prevede un tirocinio di tre mesi, con uno stipendio di 500 euro al mese. Una scuola di barman sul campo, un campo non neutro, ma questa è proprio la sfida: avvicinare i due mondi, farli “contaminare”, far sì che i ragazzi che arrivano dal mondo dell’illegalità imparino un lavoro nel tempio della legalità.


I ragazzi si trovano a servire caffè e colazioni a magistrati, giudici, avvocati, a carabinieri e agenti penitenziari, tutte figure che li hanno visti sul tavolo degli imputati, gli stessi che li hanno dovuti punire per i reati commessi. Un mondo per loro lontano, anche “nemico”, si trasforma in un posto di lavoro, una fonte di guadagno, una scuola di vita, un luogo familiare.


Sono qui al caffè con Antonio Franco, presidente dell'associazione Scugnizzi si proprio lo stesso di cui abbimao già raccontato nella storia sulla scuola di pizzaioli al minorile di Napoli; per leggrla cliccare qui. Mi precisa che si tratta di un laboratorio “di una scuola di lavoro e di vita” e che “l’obiettivo è insegnare a questi ragazzi un lavoro e inserirli poi nel mercato vero. E dopo poco più di due anni dall’apertura sono orgoglioso di annunciare che una delle nostre corsiste è stata assunta da una delle più prestigiose caffetterie di Napoli”.

Al bancone si alternano ciclicamente due ragazzi (o ragazze) in semi libertà, in casa famiglia o con una condanna da estinguere. A guidare i futuri barman è il maestro Mario Alberino, che ormai ne ha visti passare parecchi dietro il bancone: “Prima di insegnare loro come funziona una macchina del caffè gli insegno sempre ad accogliere il cliente e a confrontarsi con le persone. È una scuola di vita quella dietro il bancone, che non può che fare bene a questi ragazzi".

 

Uno dei clienti fissi per il caffè della mattina è il presidente del Tribunale per i minorenni, Maurizio Barruffo: "Questo bar è una palestra perfetta di integrazione. Con i ragazzi a rischio si possono fare attività e lavori, ma è tutto abbastanza inutile se non c'è una prospettiva concreta una volta estinta la pena. Qui si insegna a lavorare e diamo a questi ragazzi una chance per costruirsi un nuovo futuro”.

 

"Dare uno stipendio anche se minimo a questi ragazzi – mi racconta Antonio Franco- significa dimostrare loro che esiste davvero un modo onesto di portare i soldi alle loro famiglie".
 

 

Claudio e Gennaro, i due barman arruolati in questo periodo, questo concetto del lavoro lo hanno ben inteso, e mentre mi preparano il caffè me lo confidano: "Abbiamo sbagliato e pagato. Ora cerchiamo una nuova vita e il lavoro è il primo passo". I due "Scugnizzi” hanno la sveglia ogni giorno alle 6,30 per essere alle otto puntuali dietro al bancone, in divisa. Avere delle regole, un orario, degli obblighi è di sicuro un nuovo stimolo, così come una giornata di lavoro di 8 ore.


"Questo non ci spaventa - dice Gennaro - siamo pronti. E fare il caffè mi piace, così come sentire i complimenti di chi lo beve, quando mi dicono: il caffè è ottimo, anche se un po' forte!”. E in effetti è forte davvero, ma forse è più forte la sensazione di buono che mi lascia.

 

E il Caffè Sospeso di Napoli ora è entrato anche in un documentario di Fulvio Iannucci finito sulla rete Netflix: storie di vita in cui il caffè ha il ruolo di rivalsa, di crescita, di conoscenza e di condivisione. Storie di vite sospese “ma con la certezza di un giorno buono che verrà, senza più sogni inutili ma con una solida realtà”, come si legge nella targa appesa all’interno del bar, dal giorno del’inaugurazione, il 12 febbraio 2016, che ancora ricordo!

 

E il Caffè sospeso fa anche parte delle mie “Storie di cibo dietro le Sbarre” un libro che racconta tutte queste realtà, di prossima pubblicazione.

 

Le foto si riferiscono al Caffè Sospeso (interni ed esterni); nella foto 7 l'autrice Nadia Toppino con una confezione di biscotti a forma di corno venduti all'interno del bar. 

1

2

3

4

5

6

7

Articoli Simili
I più letti del mese
ROMA FILM FESTIVAL: JEROBOAM BOTTEGA GOLD IN OMAGGIO A FRANCO NERO
Il 12 dicembre il XXI Roma Film Festival dedicherà un omaggio speciale a Franco Nero. L’evento si terrà a Roma, presso il Teatro Blasetti del Centro Sperimentale di Cinematografia, alla presenza dei massimi rappresentant... Leggi di più
CINQUE RUM CHE VALE LA PENA CONOSCERE | MILANO RUM FESTIVAL
Abbiamo scritto del Milano Rum Festival qui. Siamo stati per voi a degustare alcune referenze e di quelle provate cinque riteniamo che siano vivamente consigliabili. Severin  dalla Guadalupa, tra i rum della casa abbiamo... Leggi di più
AGOSTO AI GIARDINI PAPRIKA E CANNELLA: DELIZIE MEDITERRANEE CON UN TOCCO DI SARDEGNA
Per la prima volta il celebre ristorante di zona porta Venezia, ritrovo modaiolo e della” Milano bene”, rimane aperto tutto agosto per soddisfare i palati più esigenti che rimangono in città.  Una gradita sorpresa per l... Leggi di più
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
MANI IN PASTA APRE IN VIALE MONZA
Di Mani in Pasta abbiamo scritto qui. Ora influencer e pubblico a partire dalle ore 20 affolleranno l’evento del 29 Maggio dalle ore 20,00 da Mani in Pasta nella nuova sede in viale Monza 258 a Milano, dove, tra ar... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.