08apr 2018
CARPACCIO DI CALAMARO
Articolo di: Fabiano Guatteri
Tempo di realizzazione : 15

Procedimento

Pulite i calamari freddi di frigorifero e destinate i tentacoli e le pinne ad altra preparazione. Spellate accuratamente le sacche; riponetene una in frigorifero e incidete l’altra con un taglio che la percorra in lunghezza; apritela in modo da ottenere una sorta di triangolo con la parte interna rivolta verso l’alto; rifilate la base del triangolo tagliando una striscia di mezzo centimetro (che unirete ai tentacoli) così che la base del triangolo sia una linea retta. 

 

Dovete tagliate il calamaro a carpaccio senza intaccare la pellicola trasparente che lo avvolge esternamente: questa dovrà rimanere sul piano di lavoro. Così facendo il calamaro sarà particolarmente tenero. 

 

Per ottenere il carpaccio inclinate la lama del coltello  circa  a10 gradi (per cui quasi parallelo al piano di lavoro, solo leggermente inclinato), e incidete la sacca a circa 2-3 cm dalla base; mentre tagliate riducete gradatamente l’angolazione del coltello in modo da arrivare ad appoggiare il piatto della lama sul piano di lavoro staccando la striscia tagliata, ossia una fettina di carpaccio. 

 

Procedete con un secondo taglio e continuate tagliando strisce sottilissime. Quando avrete affettato tutta la sacca dovrete vedere attaccata al piano di lavoro la pellicola trasparente (che eliminerete o che aggiungerete ai tentacoli). Riponete in frigorifero e lavorate nello stesso modo la seconda sacca. 

 

Quando avrete terminato distribuite le strisce dei due calamari in un piatto freddo di frigorifero o direttamente nei due piatti individuali anch’essi raffreddati.

 

Emulsionate la salsa di soia con 2 cucchiai di olio evo; con un cucchiaio distribuite la miscela sul carpaccio; inclinante il piatto così che la salsa si distribuisca, quindi versate l’olio rimasto sulle strisce non raggiunte dalla salsa. Completate con una macinata di pepe di Timmur (che trovo in tuttelespeziedelmondo), che  ha come aroma caratteristico una nota citrina, e servite subito.

Ingredienti per 2 persone

2 calamari di circa 200 g l’uno

3 cucchiai di olio extravergine d’oliva dei laghi lombardi o veneti

2 cucchiai di salsa di soia

pepe di Timmur Nepal 

1

Photo Credits

Photo 1 : Fabiano Guatteri
Articoli Simili
I più letti del mese
ACQUAVITE D’UVA ALEXANDER: LA REGINA DELL’ESTATE
Notizia Acquavite d’Uva Alexander è un distillato morbido e aromatico, che ha origine dalla distillazione degli acini gustosi e profumati di Uva Regina. All’olfatto si caratterizza per l’avvolgente sentore di frutta fre... Leggi di più
LE SELEZIONI DI FEUDI DI SAN GREGORIO
Le Selezioni di Feudi di San Gregorio: Luci e colori dell’Irpinia  per la tavola e per la casa. Sono Cutizzi, Pietracalda, Serrocielo e Aglianico Dal Re. Giallo, rosso, blu e viola. Un colore per ognuno dei vitigni... Leggi di più
L’AGLIO, DA SEMPRE, È CONSIDERATO UNA PANACEA
L’aglio, da sempre, è considerato una panacea: originario dell’Asia, veniva adoperato sia come alimento, sia come medicinale (antinfiammatorio e antibiotico). L’aglio bianco ha la buccia – detta ‘tunica’ – bianca, i bulb... Leggi di più
SAN VALENTINO: MOMENTI D’AMORE FIRMATI DEUTZ
L’unione di due cuori che si sublima come nell’unione delle migliori annate di vendemmia. L’armonia di due innamorati che si ritrova come nella cuvée equilibrata di tre grandi vitigni – Pinot Nero, Pinot Meunier e Chardo... Leggi di più
QUELLO CHE DA ROMAGNOLI NON TI SARESTI ASPETTATO
Romagnoli è una storica cantina picentina di Villò di Vigolzone, località vicina alla più conosciuta Grazzano Visconti. Sorta a fine Ottocento ha attraversato nel secolo sorso alterne vicende sino a ritrovare più recente... Leggi di più
THE DEVIL IN THE KITCHEN: LA VITA DANNATA DI UNO CHEF STELLATO
Marco Pierre White The devil in the kitchen La vita dannata di uno chef stellato.     “Potremmo scomodare Marshall McLuhan, la mediologia e pure inventare i gender studies culinari, ma trenta anni prima degli imberbi ... Leggi di più
JUST CAVALLI, I PIATTI INVERNALI E LA PROPOSTA DI SAN SILVESTRO
Un ristorante generalmente ci piace se risponde ad alcune imprescindibili caratteristiche ossia elevata qualità della cucina, ambiente confortevole e servizio attento. Sono tutti presupposti importanti perché ne bastereb... Leggi di più
RISTORANTE FLORA A BUSTO ARSIZIO: LA CUCINA NATURALE ABITA QUI
“Nella mia cucina il frigorifero è di norma praticamente vuoto e faccio un uso quasi zero delle tecnologie” il cuoco che mi parla così non è un anziano professionista d’altri tempi che non si è voluto a... Leggi di più
GAMBERI IN BISQUE GELATINATA, FOIE GRAS D’OCA
Cagnulari Muttos 2013 Isola dei Nuraghi igt
Il Cagnulari è un vitigno presente in una piccola zona della Sardegna la quale trova il proprio epicentro nel comune di Usini nel Sassarese, su colline calcaree di circa 200 metri di altitudine. Con queste uve viene prod... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.