10nov 2021
CASTELLO LA LECCIA: QUATTRO NUANCE DI SANGIOVESE, UN SOLO TERRITORIO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Nel comune di Castellina in Chianti, nel profondo Chianti Classico, dimora Castello La Leccia (foto 1), costruzione edificata nel cuore del Medioevo.

 

 

Il Castello e il vigneto

 

 

Qui ha sede l’omonima azienda fondata nel 1920 dalla famiglia Daddi che acquista il Castello e lo riporta all’antico splendore oltre a dedicarsi alla produzione enologica.

 

Nel 2018 l’azienda cambia proprietà e viene acquisita dall’imprenditore svizzero Rolf Sonderegger che chiama Guido Orzalesi (foto 2) in qualità General Manager, grazie alla sua esperienza nel settore. E da subito Orzalesi, promotore del sangiovese, si pone come obbiettivo di produrre vini espressivi, territoriali, eleganti, capaci di suscitare emozioni.

 

Pertanto anziché impostare una produzione basata sulla riduzione per ottenere vini concentrati, adotta uno stile più contemporaneo e attuale privilegiando la bevibilità così da ottenere , come spiega, vini godibili, che dopo averli stappati, invogliano a finire la bottiglia, senza però rinunciare alla complessità.

 

E con questi occhi, dal Castello, posto a 250 metri di altitudine, il suo sguardo percorre un panorama che si estende per chilometri, supera la turrita San Gimignano per spingersi più in là in un susseguirsi di colli che mostrano un paesaggio ordinato, antropizzato. La tenuta si estende per 170 ettari dei quali diciassette vitati a conduzione biologica tra boschi di lecci che garantiscono un’ampia biodiversità oltre a proteggere gli impianto da eventuali contaminazioni esterne.

 

I vigneti aziendali sono distribuiti in cinque diversi appezzamenti ad altitudini che vanno da 300 a 500 metri, in terreni vocati in quanto poco fertili e drenanti. Si tratta di suoli ricchi di scheletro e con presenza significativa di galestro, ossia una roccia di origine argillosa che in presenza dell’acqua piovana si stempera cedendo alla pianta sostanze che arricchiscono il corredo aromatico delle uve.

 

 

 

La conduzone biologica e il territorio

 

 

La conduzione del vigneto, composto da sangiovese, malvasia nera e syrah è biologica, con certificazione ottenuta sette anni fa. Ciò significa attenzione alla sostenibilità, basso impatto ambientale dove anche l’impiego di rame e zolfo, ammessi nelle conduzioni bio, sono utilizzati con parsimonia, quando strettamente necessari e il terreno è nutrito sia dal compost ottenuto dai raspi delle uve sia dalle piante tappezzanti del vigneto, ossia orzo, trifoglio e senape, che inoltre attirano insetti utili alla lotta integrata.

 

Va ancora detto che i vigneti sono esposti a sud, sud-ovest e che il clima è asciutto. Pertanto l’intessersi di tutti questi fattori crea un terroir definito dall’insieme di: terreni poco fertili e drenanti; altitudini collinari; vigneti ben esposti; clima asciutto; biodiversità e interventi umani in sintonia con una viticoltura etica.

 

Qui, in questo ambiente virtuoso, Castello La Leccia produce quattro vini che abbiamo degustato (foto 3) in un press lunch al ristorante il Liberty di Milano organizzato dall’agenzia di comunicazione PR Comunicare il Vino. A rappresentare l’azienda Guido Orzalesi in persona, sangiovese lover al punto da confidare che vorrebbe fortemente allevare unicamente queste uve.

 

Le quattro etichette sono state servite in abbinamento a un menu, appositamente realizzato da Andrea Provenzani executive chef del ristorante.

 

 

 

I vini in degustazione

 

 

 

Vivaio del CavaliereToscana Rosso Igt 2020 (foto 4)

 

In attesa che il Castello diventi monovotigno coltivando unicamente uve sangiovese, Vivaio del Cavaliere sfoggia la propria agilità di vino rosso ottenuto dalla vinificazione di sangiovese in preponderanza, completato da malvasia nera e, in misura minore, syrah. Le uve sono lasciate macerare e fermentare in acciaio, quindi il vino è travasato in vasche di cemento, dove svolge la macerazione malolattica e qui matura per sei mesi prima di essere imbottigliato.

 

Note gustative

 

Il colore è rosso rubino; al naso si riconosce frutta rossa matura estiva come prugne e ciliegie, cui si uniscono lievi nuance speziate. In bocca è fresco, di piacevole beva, dotato di buona morbidezza. E’ il vino da abbinare ad antipasti di salumeria.

 

Abbinamento

 

Eclettico, salumeria, tartare di manzo, branzino in salsa di vino rosso, formaggi di media stagionatura.

 

 

Chianti Classico Docg 2019 (foto 5)

 

Prodotto unicamente con uve sangiovese. La vinificazione è in acciaio, passaggio in vasche di cemento dove ha luogo la malolattica, quindi il vino è elevato per 12 mesi in botti di rovere.

 

Note gustative

 

Colore rubino. Il profumo è dichiaratamente fruttato, frutta rossa estiva, cui si uniscono ricordi floreali di viola e nuance di macchia mediterranea. In bocca ha un impatto morbido, e si rivela fresco, con tannini presenti, ben levigati e sorso lungo.

 

Abbinamenti

 

Servito con Tartelletta Calda allo stracchino con mortadella di maiale nero e pistacchi (foto 6). Si abbina inoltre a primi piatti saporiti

 

 

Chianti Classico Docg Riserva 2018 (foto 7)

 

Sangiovese in purezza, con macerazione delle uve in vasche d’acciaio per 20-24 giorni. La fermentazione malolattica si svolge in vasche di cemento, quindi il vino è elevato per 18 mesi in botti di rovere.

 

Note gustative


Colore rubino; al naso frutta rossa molto matura e in composta, cui si uniscono ricordi floreali e ancora note balsamiche. In bocca è pieno , complesso, strutturato, con componente alcolica ben integrata dall’acidità. Il sorso è lungo, piacevolmente teso e con persistenza ben espressa.

 

Abbinamenti


Servito con Risotto alle castagne con Fonduta di Comté e finferli trifolati (foto 8) Da proporre anche con carni rosse grigliate e arrosto.

 

 

Bruciagna Chianti Classico Docg Gran Selezione 2018 (foto 9)

 

Da uve sangiovese, provenienti dal vigneto Bruciagna, posto a 450 metri s.l.m. ricco di galestro che mantiene elevato il profilo qualitativo del vino di annata in annata. La vinificazione avviene in vasche di acciaio con macerazione di 20-24 giorni, mentre la fermentazione malolattica, come per gli altri vini, si svolge in vasche di cemento. Il vino viene successivamente elevato parte in botti e parte in barrique, di rovere, per 24 mesi, quindi affina 9 mesi in bottiglia.

 

Note gustative

 

E’ un vino colore rosso rubino. Al naso è ampio, con sentori di ciliegie, ricordi di confettura di lampone cui si uniscono sentori balsamici e ricordi di macchia mediterranea, di spezie. In bocca è complesso, moderatamente concentrato, ma di piacevole bevibilità con il tannino presente, ma non aggressivo. La complessità del vino è bene accompagnata dalla freschezza che allunga il sorso. Piacevole, quanto lunga persistenza.

 

Abbinamenti

 

Servito con Manzo all’olio, patata soffice e zucca al forno (foto 10). Da accompagnare anche con cacciagione in casseruola.



Conclusioni

 

 

Quattro referenze in cui il Sangiovese si presenta con altrettante sfaccettature, ma esprimendo la medesima teritorialità. I vini del Castello La Leccia sono dinamici, freschi, eleganti, dal gusto pulito. Apprezziamo che nascano in un contesto dove l’attenzione ambientale è elevata. Ma ciò che più ci piace  è  sentire, dalla degustazione, che è il vigneto il protagonista e la cantinua lo segue,  valorizzando vigneto e vino.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

Indirizzo : Località La Leccia Castellina in Chianti
Telefono : 0577.43148
Articoli Simili
I più letti del mese
IL MENU CON VISTA DELLA TERRAZZA TRIENNALE
Gualtiero Marchesi spiegava che l’antipasto svolge un ruolo importante perché, per usare le sue parole, “dà il timbro” all’intero menu. In qualche modo se piace sveglia l’interesse gastronom... Leggi di più
DOSSIER NUTRIZIONE E GELATO. IL GELATO È ALIMENTO SANO? FACCIAMO CHIAREZZA
L’IGI – Istituto del Gelato Italiano  è nato nel 1991 voluto dalle industrie gelatiere più intraprendenti ed attente al prodotto, con lo scopo di far conoscere e promuovere il gelato italiano. Nel 1993 l&rsqu... Leggi di più
I CALICI DI SAN VALENTINO: 40 VINI PIÙ 4 CONFEZIONI REGALO
Resta sempre un appuntamento importante la ricorrenza di San Valentino e, a volte, con risvolti sociali davvero rilevanti, per le iniziative che può stuzzicare un simile evento. Un aspetto, quello sociale che, secondo no... Leggi di più
SCUOLA LA ZOLLA, MILANO: CROWDFUNDING PER BLOG E BIBLIOTECA DIGITALE
Scuola La Zolla, Milano: Crowdfunding per Zolleggiamo, blog e biblioteca digitale. E’ partita sulla piattaforma Eppela – e terminerà il 18 marzo- la campagna di crowdfunding, lanciata dalla Scuola Cooperativa La Zolla d... Leggi di più
LA GENISIA TORREVILLA: PARTIAMO DALLE BASI | UNA NUOVA LINEA PRODUTTIVA
E’ sicuramente un’esperienza non comune degustare le basi di un vino ancor prima di assaggiarlo. Ma cosa sono le basi? Alla produzione di alcuni spumanti, ma non solo, possono concorrere più vini con caratter... Leggi di più
I VINI ABRUZZESI DI FEUDO ANTICO A VENEZIA PER LA ART WALK 2017
I vini abruzzesi di Feudo Antico sbarcano a Venezia per la Art Walk 2017 Al via domani la mostra di arte contemporanea nella prestigiosa sede di Palazzo Zenobio   Il viaggio di Feudo Antico nel mondo delle più innovat... Leggi di più
PARTY AUGURALE DEDICATO ALLA NUOVA STAGIONE WEDDING, CON ERNST KNAM
Sabato 25 marzo in una location milanese esclusiva, si terrà un cocktail party organizzato da Ilde Garritano, wedding & event producer, per brindare alla nuova Luxury Wedding Season 2017 in concomitanza con l’inizio dell... Leggi di più
CANTRINA, FONDERSI CON IL TERRITORIO, UN VIAGGIO NELL’IDENTITÀ
Vent’anni dell’Azienda Agricola Cantrina a Bedizzole - Brescia. E’ proprio vero che i ricordi hanno un forte impatto emozionale e son quelli che indicano, il più delle volte, la strada da percorrere ne... Leggi di più
ESTATE IN LANGA: FIERA NAZIONALE DELLA NOCCIOLA A CORTEMILIA
Sarà venerdì 20 agosto l’inaugurazione ufficiale della Fiera Nazionale della Nocciola a Cortemilia, edizione 2021. Evento di grande rilievo con un programma ricco di novità in cui l’elemento costante sarà la ... Leggi di più
DEGUSTAZIONE CON IL PRODUTTORE: PASSATEMPO CONTE DEGLI AZZONI
Valperto degli Azzoni Avogadro, in rappresentanza del Gruppo Degli Azzoni presente in Italia con Conte Aldobrando (Toscana), Conti degli Azzoni (Marche), Conti Riccati (Veneto),  e più recentemente con LeVide (Trentino),... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.