17dic 2017
CINQUE ASSAGGI DI MUSICA PER CINQUE CHAMPAGNE
Articolo di: Fabiano Guatteri

La letteratura enologica ci ha spiegato che i vini si possono abbinare ai cibi, e quando l’accostamento è sintonico vino e cibo si apprezzano al meglio.. Ogni grande vino possiede caratteristiche sensoriali che comunicano emozioni così che per ciascun vino potremmo associare non solo un cibo, ma anche un quadro, a una poesia, un brano musicale. Per esempio, nell’ambito musicale, un vino fresco e giovane sarà più immediato accostarlo alla Primavera di Vivaldi che non all’Autunno dello stesso autore. In merito, il Comité Champagne ha organizzato a Palazzo Parigi a Milano un incontro tra cinque Champagne (foto 1) e altrettanti assaggi di musica. Gli abbinamenti sono stati scelti da Marco Anichini, Ambasciatore italiano dello Champagne 2009 e da Fabio Soragna, musicista che ha suonato al pianoforte i pezzi selezionati riscuotendo un grande consenso da parte dei partecipanti alla degustazione. Il primo abbinamento è stato dedicato a Erike Satie (1866-1925), Je te veux ,Valse accompagnato da Vranken Diamon Blanc de Blancs 2007 (foto 4 ).

La gioiosità del valzer interpretato con vena ironica da Satie, ha incontrato la gaiezza di una Champagne fruttato e floreale con toni mielosi. Diamon Blanc de Blancs invita alla gioia e alla voluttà e bene si abbina alle note leggiadre proposte dal compositore il quale non fa mancare note mielose. 

François Couperin (1668 -1773), Le Barricades Mistérieuses, Rondeau e Mally Grand Cru L’Intemporelle Rosé 2009 (foto 5 ). E’ uno Champagne rosé prodotto con prevalenza di pinot nero; profuma di frutti rossi, crema pasticcera, dessert di frutti di bosco, e queste caratteristiche “dolci” sono riprese dal Rondeau. Inoltre il ripetersi del refrain va di pari passo con il continuo odorare e assaggiare che suggerisce questo Champagne. 

Franz Schubert (1797 – 1828), Sentimental Waltz op. 50 n. 13 accompagnato da Bruno Michel Le Demie Lune (foto 6). Schubert sa trattare le piccole frasi musicali facendole diventare grandi, capacità che bene esprime in questo walzer. Qui si ritrova la leggerezza nella danza di un intercedere ternario, ossia su tre tempi , in cui in uno il piede si stacca dal suolo mentre oggi ci si muove con più pesantezza in due tempi, in modo binario, senza cioè mai staccarsi dal terreno. Le Demie Lune, a propria volta, ha corpo, struttura ed è longevo come un walzer. E’ prodotto unicamente con meunier, che dei tre vitigni dello Champagne, è il meno considerato, il meno “nobile”, quello utilizzato per completare. Ma in questa interpretazione in purezza in cui è unico protagonista, come Shubert sapeva ingrandire ciò che era piccolo, analogamente mostra la propria grandezza in quanto quando ben interpretato e “innalza” i toni della degustazione perché sa essere ternario… fa alzare il piede.

Maurice Ravel (1875-1937), dalla Sonatina II. Mouvement de Menuet, abbinato a Lanson Gold Label 2008 (foto 7). Ravel è elegante con levatura e profondità di pensiero inarrivabili. Interpreta questo minuetto con velocità, in modo quasi tagliente. Lo Champagne proposto prima della spumantizzazione non ha fatto la fermentazione malolattica (la fase fermentativa che trasforma l’acido malico del vino nel più morbido acido lattico) per cui dopo un attacco gustativo impattante, grandioso rileva anche le sue note taglienti conferite dall’acido malico, in analogia con l’interpretazione di questo minuetto.. 

Franz Schubert (1797 – 1828), Impromtus D.935 n2 associato a Dom Ruinart 2006 (foto 8). La melodia dell’assaggio musicale non è piccola come quelle del minuetto, e Schubert tiene le note segnatamente lunghe. Don Ruinart, unicamente da uve chardonnay , mostra una grande potenzialità ed esprime ancorala freschezza caratteristica di un vino più giovane e al tempo stesso ha una persistenza lunga, come le note del brano che accompagna. 

1

2

3

4

5

6

7

8

Articoli Simili
I più letti del mese
IL PERCHÉ DELLE ALBICOCCHE, FRUTTA DA NON SOTTOVALUTARE
Le albicocche sono frutti che ci accompagnano da tarda primavera sino a un buon tratto d’estate. Il colore giallo caldo che vira all’aranciato talvolta screziato o punteggiato di rosso è sicuramente invitante. Se raccolt... Leggi di più
ARCHITECTSPARTY 2017 GLI APERITIVI NEGLI STUDI DI ARCHITETTURA TORNANO A MILANO
ArchitectsParty 2017 gli aperitivi negli studi di architettura in Italia e in Europa tornano a Milano dal 21 al 23 giugno  Dal 21 al 23 giugno tornano a Milano gli ArchitectsParty, gli aperitivi negli studi di architett... Leggi di più
RITORNA PER UNA SERA A MILANO IL FILM CULT FREAKS
Ritorna a grandissima richiesta, solo il 24 luglio alle ore 21.30, Freaks, uno dei più famosi cult movie della storia del cinema. Un film controverso che quando uscì, nel 1932, scatenò aspri dibattiti e ancora oggi non m... Leggi di più
COLLIO MERLOT RUSSIZ SUPERIORE 2012
L’Azienda Russiz Superiore dal 1956 ha sede a Capriva del Friuli, nel Goriziano, anno in cui Marco Fellluga la fondò. Il padre Giovanni si era trasferito in Friuli negli anni Trenta, proveniente dall’Istria dove la famig... Leggi di più
MOSCATO ZEBO, TERRE SICILIANE INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
Soprattutto d’estate un aperitivo fresco, petillant, fruttato, dolce senza essere stucchevole ci mette nell’umore giusto per cominciare al meglio la serata. Zebo è un vino bianco aromatico che riproduce al me... Leggi di più
BRUNO QUERCI ENERGICOFORMA ALLA GALLERIA “A ARTE INVERNIZZI”
La galleria A arte Invernizzi inaugura martedì 21 novembre 2017 alle ore 18.30 una mostra personale di Bruno Querci, in occasione della quale viene presentato un percorso espositivo che, attraverso la compresenza di lavo... Leggi di più
EUROPA, DOVE LA QUALITÀ È DI CASA | I PRODOTTI ALTOATESINI (2/2)
Abbiamo detto qui  del focus tenuto sui vini altoatesini in occasione della campagna Europa dove la qualità è di casa finanziata con l’aiuto dell’Unione Europea, un evento che ha avuto luogo a Milano presso S... Leggi di più
Tagliolini con gamberi e carciofi alle due cotture
LE BACCHE FREDDE DEL SUD
Il Sud Italia non è solo terra di sole e mare, di tuffi infiniti tra vento caldo e brezza marina, nel profondo si nascondono zone impavide, di difficile conduzione, dove la coltura diventa imprevedibile perché bersagliat... Leggi di più
UN 2016 RICCO DI PREMI PER LA CANTINA CONTE COLLALTO
Dal Concours de Bruxelles al Merano Wine Festival fino alla lusinghiera valutazione del prestigioso Wine Spectator, un bilancio più che positivo per il marchio di Susegana che diventa ancora più internazionale.   Un 20... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.