29gen 2019
CLAUDIO SADLER SI AGGIUDICA LA SECONDA EDIZIONE DEL PREMIO LAUDEMIO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Quest’anno è il trentesimo anniversario del brand Laudemio (foto 1 e 2), nato prima che fossero istituite le denominazioni agroalimentari europee. Nel 1988 un piccolo gruppo di olivicoltori delle colline della Toscana Centrale decise di tutelare il proprio olio imponendosi un rigido protocollo di produzione che sapesse valorizzarlo e distinguerlo da quello presente sul mercato. Nacque così Laudemio, il marchio di un prodotto di elevata qualità capace di esprimere la perfetta fusione tra ambiente, conduzione agricola e trasformazione del frutto in olio come qui detto in occasione della premiazione dell’edizione precedente 

 

Il nome Laudemio trae origine dall’età feudale, quando il termine era impiegato per indicare la parte migliore del raccolto riservata al signore.

 

Venendo a oggi, il marchio associa ventuno olivicoltori. L’ispiratore e fondatore di Laudemio è Vittorio Frescobaldi e il progetto ha permesso e permette di conoscere uno spaccato di una qualificata olivicoltura toscana, attraverso gli oli delle singole fattorie, ognuno appartenente a una micro realtà produttiva. Per potersi fregiare della denominazione Laudemio i produttori, come detto, devono rispettare un rigido protocollo di produzione di cui abbiamo detto qui.

 

Per promuovere Laudemio è stato istituito lo scorso anno un apposito Premio, un concorso che coinvolge numerosi chef anche stellati invitati a preparare piatti che valorizzino l’olio. I tre chef che con i loro piatti meglio interpretano lo spirito del concorso accedono alla finale. Quest’anno, in occasione della seconda edizione, i tre chef finalisti si sono misurati al Ristorante Savini di Milano. 

 

Ogni chef ha interpretato l’olio Laudemio cucinando un piatto di un menu di quattro portate: antipasto, primo piatto, secondo piatto e dessert (quest’ultimo fuori concorso, opera di un quarto chef). I tre finalisti, selezionati dopo otto tappe del concorso svoltosi nel 2018 sono Claudio Sadler (foto 3) dell’omonimo ristorante milanese, Antonello Sardi (foto 4) de “La Bottega del Buon Caffè” di Firenze; Matteo Grandi (foto 5), chef patron del Ristorante “DeGusto” di Soave San Bonifacio (Verona).

A giudicare i loro piatti, un parterre di 50 giudici tra giornalisti del settore e opinion leader che ha degustato e valutato rigorosamente alla cieca i piatti serviti. Nel corso della serata ai commensali sono state servite tazzine di olio Laudemio di diversi produttori della scorsa annata. 

 

I tre piatti del menu: 

Crudo di gamberi rossi, erbe aromatiche, polvere di Laudemio (foto  6); 

Pancotto al Laudemio e rosmarino, tuorlo d’uovo cotto nel ghiaccio, croccante di cereali e tartufo nero (foto 7 );

Crema al Laudemio gratinato, pescato bianco e gambero viola (foto 8). 

 

La giuria ha assegnato il maggior punteggio al Pancotto al Laudemio, a seguire il Crudo di gamberi e infine la Crema di Laudemio cucinati rispettivamente da Claudio Sadler, Antonello Sardi e Matteo Grandi. Fuori concorso il dessert “Gocce di Laudemio, mele al Laudemio e lamponi, gelato al Laudemio con gelo di lamponi” (foto 9)  preprato da Elena Lanza, pastry chef e consorte di Matteo Grandi.

 

Il vincitore del Premio Laudemio, Claudio Sadler (foto 10, qui premiato da diana Frescobaldi) ha voluto condividere il riconoscimento con il sous-chef Andrea Gianella. I tre finalisti sono stati premiati da Diana Frescobaldi, Presidente di Laudemio e Fausto Arrighi, ex Direttore della Guida Michelin e Presidente del Concorso.

 

Diana Frescobaldi ha spiegato che il premio Laudemio è stato istituito per “da un lato veicolare il Laudemio nell’alta ristorazione, dall’altro, proprio attraverso il contributo e la creatività degli Chef, far sì che sempre più persone possano conoscerlo e apprezzarlo, diffondendo la cultura del consumo consapevole basato sulla qualità e non sulla quantità”.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Articoli Simili
I più letti del mese
IL PERCHÉ DELLE ALBICOCCHE, FRUTTA DA NON SOTTOVALUTARE
Le albicocche sono frutti che ci accompagnano da tarda primavera sino a un buon tratto d’estate. Il colore giallo caldo che vira all’aranciato talvolta screziato o punteggiato di rosso è sicuramente invitante. Se raccolt... Leggi di più
ARCHITECTSPARTY 2017 GLI APERITIVI NEGLI STUDI DI ARCHITETTURA TORNANO A MILANO
ArchitectsParty 2017 gli aperitivi negli studi di architettura in Italia e in Europa tornano a Milano dal 21 al 23 giugno  Dal 21 al 23 giugno tornano a Milano gli ArchitectsParty, gli aperitivi negli studi di architett... Leggi di più
RITORNA PER UNA SERA A MILANO IL FILM CULT FREAKS
Ritorna a grandissima richiesta, solo il 24 luglio alle ore 21.30, Freaks, uno dei più famosi cult movie della storia del cinema. Un film controverso che quando uscì, nel 1932, scatenò aspri dibattiti e ancora oggi non m... Leggi di più
COLLIO MERLOT RUSSIZ SUPERIORE 2012
L’Azienda Russiz Superiore dal 1956 ha sede a Capriva del Friuli, nel Goriziano, anno in cui Marco Fellluga la fondò. Il padre Giovanni si era trasferito in Friuli negli anni Trenta, proveniente dall’Istria dove la famig... Leggi di più
MOSCATO ZEBO, TERRE SICILIANE INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
Soprattutto d’estate un aperitivo fresco, petillant, fruttato, dolce senza essere stucchevole ci mette nell’umore giusto per cominciare al meglio la serata. Zebo è un vino bianco aromatico che riproduce al me... Leggi di più
BRUNO QUERCI ENERGICOFORMA ALLA GALLERIA “A ARTE INVERNIZZI”
La galleria A arte Invernizzi inaugura martedì 21 novembre 2017 alle ore 18.30 una mostra personale di Bruno Querci, in occasione della quale viene presentato un percorso espositivo che, attraverso la compresenza di lavo... Leggi di più
EUROPA, DOVE LA QUALITÀ È DI CASA | I PRODOTTI ALTOATESINI (2/2)
Abbiamo detto qui  del focus tenuto sui vini altoatesini in occasione della campagna Europa dove la qualità è di casa finanziata con l’aiuto dell’Unione Europea, un evento che ha avuto luogo a Milano presso S... Leggi di più
Tagliolini con gamberi e carciofi alle due cotture
LE BACCHE FREDDE DEL SUD
Il Sud Italia non è solo terra di sole e mare, di tuffi infiniti tra vento caldo e brezza marina, nel profondo si nascondono zone impavide, di difficile conduzione, dove la coltura diventa imprevedibile perché bersagliat... Leggi di più
UN 2016 RICCO DI PREMI PER LA CANTINA CONTE COLLALTO
Dal Concours de Bruxelles al Merano Wine Festival fino alla lusinghiera valutazione del prestigioso Wine Spectator, un bilancio più che positivo per il marchio di Susegana che diventa ancora più internazionale.   Un 20... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.