29gen 2019
CLAUDIO SADLER SI AGGIUDICA LA SECONDA EDIZIONE DEL PREMIO LAUDEMIO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Quest’anno è il trentesimo anniversario del brand Laudemio (foto 1 e 2), nato prima che fossero istituite le denominazioni agroalimentari europee. Nel 1988 un piccolo gruppo di olivicoltori delle colline della Toscana Centrale decise di tutelare il proprio olio imponendosi un rigido protocollo di produzione che sapesse valorizzarlo e distinguerlo da quello presente sul mercato. Nacque così Laudemio, il marchio di un prodotto di elevata qualità capace di esprimere la perfetta fusione tra ambiente, conduzione agricola e trasformazione del frutto in olio come qui detto in occasione della premiazione dell’edizione precedente 

 

Il nome Laudemio trae origine dall’età feudale, quando il termine era impiegato per indicare la parte migliore del raccolto riservata al signore.

 

Venendo a oggi, il marchio associa ventuno olivicoltori. L’ispiratore e fondatore di Laudemio è Vittorio Frescobaldi e il progetto ha permesso e permette di conoscere uno spaccato di una qualificata olivicoltura toscana, attraverso gli oli delle singole fattorie, ognuno appartenente a una micro realtà produttiva. Per potersi fregiare della denominazione Laudemio i produttori, come detto, devono rispettare un rigido protocollo di produzione di cui abbiamo detto qui.

 

Per promuovere Laudemio è stato istituito lo scorso anno un apposito Premio, un concorso che coinvolge numerosi chef anche stellati invitati a preparare piatti che valorizzino l’olio. I tre chef che con i loro piatti meglio interpretano lo spirito del concorso accedono alla finale. Quest’anno, in occasione della seconda edizione, i tre chef finalisti si sono misurati al Ristorante Savini di Milano. 

 

Ogni chef ha interpretato l’olio Laudemio cucinando un piatto di un menu di quattro portate: antipasto, primo piatto, secondo piatto e dessert (quest’ultimo fuori concorso, opera di un quarto chef). I tre finalisti, selezionati dopo otto tappe del concorso svoltosi nel 2018 sono Claudio Sadler (foto 3) dell’omonimo ristorante milanese, Antonello Sardi (foto 4) de “La Bottega del Buon Caffè” di Firenze; Matteo Grandi (foto 5), chef patron del Ristorante “DeGusto” di Soave San Bonifacio (Verona).

A giudicare i loro piatti, un parterre di 50 giudici tra giornalisti del settore e opinion leader che ha degustato e valutato rigorosamente alla cieca i piatti serviti. Nel corso della serata ai commensali sono state servite tazzine di olio Laudemio di diversi produttori della scorsa annata. 

 

I tre piatti del menu: 

Crudo di gamberi rossi, erbe aromatiche, polvere di Laudemio (foto  6); 

Pancotto al Laudemio e rosmarino, tuorlo d’uovo cotto nel ghiaccio, croccante di cereali e tartufo nero (foto 7 );

Crema al Laudemio gratinato, pescato bianco e gambero viola (foto 8). 

 

La giuria ha assegnato il maggior punteggio al Pancotto al Laudemio, a seguire il Crudo di gamberi e infine la Crema di Laudemio cucinati rispettivamente da Claudio Sadler, Antonello Sardi e Matteo Grandi. Fuori concorso il dessert “Gocce di Laudemio, mele al Laudemio e lamponi, gelato al Laudemio con gelo di lamponi” (foto 9)  preprato da Elena Lanza, pastry chef e consorte di Matteo Grandi.

 

Il vincitore del Premio Laudemio, Claudio Sadler (foto 10, qui premiato da diana Frescobaldi) ha voluto condividere il riconoscimento con il sous-chef Andrea Gianella. I tre finalisti sono stati premiati da Diana Frescobaldi, Presidente di Laudemio e Fausto Arrighi, ex Direttore della Guida Michelin e Presidente del Concorso.

 

Diana Frescobaldi ha spiegato che il premio Laudemio è stato istituito per “da un lato veicolare il Laudemio nell’alta ristorazione, dall’altro, proprio attraverso il contributo e la creatività degli Chef, far sì che sempre più persone possano conoscerlo e apprezzarlo, diffondendo la cultura del consumo consapevole basato sulla qualità e non sulla quantità”.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Articoli Simili
I più letti del mese
DOOF L’ALTRA FACCIA DEL FOOD: DAL LEGAME FOOD-MAFIA, ALLA DISTORSIONE...
  Mare Culturale Urbano sabato 24 giugno 2017 Il  mondo del Cibo nasconde grandi problematiche che la TV, i media e i poteri forti del settore non mostrano. Il convegno DOOF, ideato dal giornalista del Corriere della S... Leggi di più
HENNESSY VERY SPECIALI LIMITED EDITION WITH SCOTT CAMPBELL
Per creare ogni anno la nuova Limited Edition di Hennessy Very Special, la Maison da tempo chiama a raccolta grandi artisti internazionali, chiedendo loro di re-interpretare questo iconico cognac con i propri codici espr... Leggi di più
IL BRAND AGROMONTE, REALTÀ SICILIANA DI PRODOTTI CERTIFICATI BIOLOGICI
Al debutto milanese della linea bio dei suoi capolavori, Carmelo Arestia  (nella foto 2 con la moglie Ida tra le due figlie) ha portato solo il ramo femminile della “sacra famiglia del ciliegino”; mentre a ca... Leggi di più
DEBUTTA MOSER ROSÉ 2011 TRENTODOC, PINOT NERO IN PUREZZA
Era il 1984 quando Francesco Moser a Città del Messico stabilì il record dell’ora su pista e lo stesso anno produsse il suo primo MetodoClassico battezzandolo Moser 51,151. Un nome facile da ricordare, basta pensare ai c... Leggi di più
Prosciutto cotto
Il prosciutto cotto Lenti&Lode dell'azienda Lenti si differenzia da quelli di altri competitor sia per il tipo di lavorazione, sia per il sapore. La lavorazione prevede che la coscia suina di grossa pezzatura, provenient... Leggi di più
CONTAMINAFRO, IDENTITÀ IN EVOLUZIONE 2017 - “I GESTI DELLA BELLEZZA”
A mare culturale urbano dal 20 al 24 settembre 2017 la IV edizione di di Contaminafro, il festival delle culture contemporanee africane. Si svolgerà dal 20 al 24 settembre 2017 a mare culturale urbano la IV edizione di C... Leggi di più
ERIDANIA LANCIA LO SCIROPPO D’AGAVE 100% DI ORIGINE NATURALE E BIOLOGICO
Il marchio icona della dolcificazione in Italia risponde alle richieste dei consumatori, sempre più orientati verso prodotti che coniugano salute, natura e benessere, e lancia lo Sciroppo d’Agave Biologico. Riduzione del... Leggi di più
CINQUE ASSAGGI DI MUSICA PER CINQUE CHAMPAGNE
La letteratura enologica ci ha spiegato che i vini si possono abbinare ai cibi, e quando l’accostamento è sintonico vino e cibo si apprezzano al meglio.. Ogni grande vino possiede caratteristiche sensoriali che com... Leggi di più
LA LOCANDINA DELLA SECONDA EDIZIONE DELLA RASSEGNA “I VINI DEL PO”
La locandina seconda edizione della rassegna "I vini del Po" è in programma a Boretto (Re) sabato 29 ottobre. Si tratta di un evento di carattere enogastronomico e culturale che vede coinvolto il Club Papillon di Reggio ... Leggi di più
L’OLIO PREFERITO DAGLI ITALIANI?... SE NE PARLERÀ A OLIO OFFICINA
Sei volontari (cioè marche che hanno messo a disposizione il proprio olio); 1.200 famiglie milanesi disponibili a degustare questi oli ed esprimere un proprio giudizio; una società di ricerca (Amagi-ForSurvey) che ha ela... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.