27apr 2019
COLLEMATTONI: PICCOLE PRODUZIONI DI GRANDI BRUNELLO DI MONTALCINO
Articolo di: Michele Pizzillo

E se provassimo a visitare una fiera importante più per curiosità che per lavoro, cosa potrebbe accadere? Di essere attirati dagli stand espositivi un po' più dimessi. La conferma l’abbiamo avuta al Vinitaly dove, nell’area collettiva del Consorzio del vino Brunello di Montalcino, ci siamo imbattuti in uno stand che ospitava tre aziende di Montalcino, ma con cantine e vigne in contrade diverse.

 

Una di queste è Collemattoni, azienda vinicola a gestione familiare, della quale avevamo il ricordo di un Brunello di Montalcino riserva degustato a casa di amici in Francia. Prendi appunti, magari su fogli volanti invece di utilizzare il taccuino e, così, ti scordi di fare le ricerche necessarie per avere più notizie sul produttore dell’ottimo vino degustato. Poi, gironzolando nei padiglioni dell’ultimo Vinitaly, incontri la sigla Collemattoni e fai la conoscenza di chi produce il vino che ti ha lasciato un buon ricordo, Marcello Bucci e la moglie Francesca Arquint (foto 2) che, poi, è l’enologo dell’azienda.

 

Collemattoni è il nome del podere che risale al 1672, situato su una collina nel versante Sud di Montalcino, a due passi dal borgo medievale di Sant’Angelo in Colle. Qui i Bucci – il primo fu Giuseppe, conosciuto come zappaterra – vivono dal 1798 “continuando a coltivare la terra con il sentimento che viene da un legame ancestrale, producendo vino ed olio fino ad arrivare ad Ado e Vera, i miei genitori – racconta Marcello – che a metà degli anni Ottanta decisero di avviare anche l’imbottigliamento del proprio vino”. E, aggiunge Marcello, che poi è quello che ha lanciato Collemattoni “nel 2012, con grande soddisfazione, abbiamo ricevuto la certificazione di azienda biologica”.

 

Azienda che attualmente ha 11 ettari di vigneto di proprietà, diviso in 5 zone (Collemattoni, Fontelontano, Sesta, Cava e Orcia) prevalentemente coltivati a Sangiovese e una produzione media di 80.000 bottiglie, di cui 50.000 tra Brunello e Rosso di Montalcino, più 10.000 bottiglie di Adon rosso Toscana igt e, da due anni, un rosato praticamente venduto tutto in Francia – allo stand non c’era: tutto esaurito – e, nelle annate particolarmente favorevoli, produce 2.500 bottiglie di Brunello riserva dalle uve della vigna Fontelontano, la più vecchia di Collemattoni.

 

L’85% della produzione va all’estero – grazie anche agli ottimi piazzamenti nelle classifiche fatte dalle grandi firme della critica enologica americana -: Stati Uniti, Canada, Giappone, Regno Unito, Francia, Olanda, Danimarca, Svezia, Francia, Russia e Brasile sono i paesi che da diversi anni si accaparrano le bottiglie di cui Marcello e Francesca sono i raffinati produttori: lui in vigna a renderla sempre più bella e, nel periodo della vendemmia, a selezionare i grappoli uno a uno; lei nella cantina rinnovata nel 2012, a controllare il processo di trasformazione delle uve e il successivo affinamento in botti di rovere di Slavonia e in tonneaux di rovere francese.

 

E, entrambi a sottolineare che “nonostante l’uso di impianti moderni e tecnologie avanzate, la cantina è volutamente molto tradizionale e rispetta tutti i parametri naturali che assicurino la qualità, la tipicità e la ricchezza del vino di una volta”.
Provare per credere, oltretutto in una location incantevole, perché nella cantina di Collemattoni si degusta il vino ammirando un paesaggio maestoso che dal borgo di Sant’Angelo in Colle si estende fino al mare. Location che Marcello vuole fare conoscere di più ai consumatori italiani, tant’è che ha deciso di potenziare il mercato domestico che attualmente copre solo alcune grandi città. E’ sicuramente una bella soddisfazione vendere il proprio vino anche ai francesi, però non vanno trascurati i wine lovers italiani, sembra dire.

 

Questi i vini degustati al Vinitaly 2019

 

Brunello di Montalcino docg Vigna Fontelontano riserva 2013 (foto 3)
Di colore rosso granato compatto, al naso si presenta con un elegante bouquet fruttato e floreale sostenuto da una bella nota speziata. Il sorso, poi, conquista la bocca con la sua struttura e tannini setosi e, oltretutto, ancora in evoluzione, nonché per l’ottima acidità e la durevole persistenza con una chiusura che fa percepire una nota quasi ammandorlata.

 

 

Brunello di Montalcino docg 2014 (foto 4)
Al colore rosso rubino dai riflessi granati, seguono profumi fruttati e, via via, anche floreali prima del sorso caldo e avvolgente che lascia emergere un tannino ancora scalpitante. L’epilogo è sapido e prolungato.

 

Rosso di Montalcino doc 2017 (foto 5)
Dal bouquet schietto dove prevalgono sentori di piccoli frutti rossi su uno sfondo floreale, in bocca mostra tutta la sua struttura calda e avvolgente, sostenuta da una bella componente sapida che accompagna la chiusura.

 

 

1

2

3

4

5

Indirizzo : Località Collemattoni 100 Montalcino
Telefono : 0577.844127
Articoli Simili
I più letti del mese
ROMA FILM FESTIVAL: JEROBOAM BOTTEGA GOLD IN OMAGGIO A FRANCO NERO
Il 12 dicembre il XXI Roma Film Festival dedicherà un omaggio speciale a Franco Nero. L’evento si terrà a Roma, presso il Teatro Blasetti del Centro Sperimentale di Cinematografia, alla presenza dei massimi rappresentant... Leggi di più
CINQUE RUM CHE VALE LA PENA CONOSCERE | MILANO RUM FESTIVAL
Abbiamo scritto del Milano Rum Festival qui. Siamo stati per voi a degustare alcune referenze e di quelle provate cinque riteniamo che siano vivamente consigliabili. Severin  dalla Guadalupa, tra i rum della casa abbiamo... Leggi di più
AGOSTO AI GIARDINI PAPRIKA E CANNELLA: DELIZIE MEDITERRANEE CON UN TOCCO DI SARDEGNA
Per la prima volta il celebre ristorante di zona porta Venezia, ritrovo modaiolo e della” Milano bene”, rimane aperto tutto agosto per soddisfare i palati più esigenti che rimangono in città.  Una gradita sorpresa per l... Leggi di più
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
MANI IN PASTA APRE IN VIALE MONZA
Di Mani in Pasta abbiamo scritto qui. Ora influencer e pubblico a partire dalle ore 20 affolleranno l’evento del 29 Maggio dalle ore 20,00 da Mani in Pasta nella nuova sede in viale Monza 258 a Milano, dove, tra ar... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.