12gen 2018
DAL 22 NOVEMBRE, IL NUOVO RISTORANTE GLOBE TROTTER DI VERONA
Articolo di: CityLightsNews

Il prossimo 22 novembre apre in Corso Cavour 17a Yard Restaurant, il primo ristorante di foggia internazionale della piazza di Verona. Un concept di cucina globetrotter che vede come protagonisti l’astice, il platano fritto, le patatine al tartufo, il granchio, la carne con tagli internazionali, ma anche le paste della tradizione italiana. Non mancheranno piatti dalle cotture healthy e una sezione del menu dedicata al sushi rivisitato in chiave cosmopolita. Una tipologia di ristorazione che mancava a una città internazionale come Verona e che vuole essere il punto di riferimento per tutti i cittadini che vogliono trovare lo stile Manhattan sotto casa, proprio accanto alla centralissima Porta Borsari, nel cuore della città Scaligera, a pochi metri a piedi da Piazza Bra e dall’Arena, sede di spettacoli internazionali.
Il nome prende spunto da back-yard – ovvero il cortiletto, il giardino dietro casa tipico delle società anglosassoni –, un richiamo a un ambiente familiare e rilassato in uno spaccato internazionale. La proprietà è giovane e globetrotter come il ristorante, tre giovani che hanno girato molto all’estero e hanno deciso di portare aria nuova e spunti internazionali in una ristorazione molto classica e tradizionale come quella del veronese.
Il locale:
Una hall di ingresso accoglie il cliente che si ritrova immediatamente in una atmosfera polivalente. Otto vetrine molto ampie che guardano Corso Cavour e Piazzetta Santi Apostoli, ma anche una piccola stanza riservata. Un originale Airstream portato direttamente dagli States, filari di luci che scendono dai soffitti e grandi piante arredano Yard Restaurant con uno spunto internazionale, easy, giovane quanto accogliente e familiare. E’ la giusta soluzione per consumare un buon cocktail, un piatto veloce e poi se si desidera arriva il momento di spostarsi nella zona più classica di ristorazione per una buona cena. L’area “Airstream” con gli ampi vani della roulotte è dedicata alla ristorazione veloce ed elaborati cocktail dallo stile cosmopolita. Gli interni strizzano l’occhio all’esterno di un giardino, con le luci a cascata, in un ambiente totalmente classico, con soffitti alti a cassettoni di legno. “Nella sala di destra, il grande serramento che divide la cucina mette in mostra i cuochi. I filari di luci che scendono dai soffitti, le piante e gli arredi sono pensati come se ci trovassimo all’esterno o meglio all’estero in una festa di paese americana. Le finiture del legno si integrano con gli arredi in cemento lucidato, il capitonné verdone si lega con le sedie in noce, gli impianti a vista si legano con la travatura riscoperta e restaurata del soffitto. Il bagno diventa elemento di decoro tra mobili in cemento e dettagli in ottone” racconta Luca Toniolo che si è occupato del design del locale.
Look industriale e di recupero per le due ampie sale: da quella più ampia, che si affaccia sulla strada con sedute imbottite e rigogliose piante al muro e panchine in cemento vivo in stile industriale; a quella più riservata che si affaccia sulla strada con due tendoni da teatro in ingresso e un grande tavolone social per cene di gruppo o con diverse coppie. L’ampia cucina a vista si fonde con la zona Airstream: una cucina professionale delimitata da varie zone per la preparazione di antipasti, primi, secondi di carne e pesce, sushi e dolci.
“ Dall’esterno questa polivalenza è visibili dalle grandi vetrate ad arco dove una boiserie nera fa intravedere le atmosfere differenti, man a mano che si attraversa il locale si integrano tra loro” racconta il progettista Toniolo.

La proposta:
Un ristorante con una bella proposta diversificata: dal Libano con i falafel alla newyorkese Waldorf con sedano rapa, mela verde e noci in salsa waldorf allo yogurt, dalla noodle soup orientale ai Mac&Cheese, i maccheroncini di pasta all’uovo gratinati al formaggio cheddar con polpa di granchio tartufata, dalla Francia con la Onion&Brie Cheese, zuppa di cipolle con formaggio brie e crostini di pane di grano duro agli States con la 50oz Tomahawk, passando dall’abbinamento Lobster&Chicken (astice, pollo, riso basmati alla curcuma e latte di cocco) al sushi. Per gli appassionati di aragoste è imperdibile il tris di lobster rolls. Immancabili anche i dolci da tutto il mondo come il Banana Tiramisù o il Caramel. Aperitivo e light brunch, una cena veloce, un buon cocktail (che viene sempre proposto in abbinamento ai piatti) e un’aria internazionale fino a una vera e propria dinner NY style accompagnano una proposta piatti suddivisi in starters, first courses, main courses, sides e desserts, come nella migliore tradizione internazionale.

1

2

3

Indirizzo : Corso Cavour 17a Verona
Telefono : 045.4645069
Articoli Simili
I più letti del mese
LA “LOCANDA NERELLO” A ZAFFERANA ETNEA RIPARTE DALLA TRADIZIONE
La stagione 2018 ha segnato un nuovo inizio per la “Locanda Nerello”, il ristorante del Relais Monaci delle Terre Nere di Zafferana Etnea che abbiamo raccontato qui.   Cambio della guardia in cucina con l&r... Leggi di più
PROGRAMMA WINTER EDITION 2018 IN ALTA BADIA
Di Care’s edizione invernale in Alta Badia, abbiamo già scritto qui.  Ora presentiamo il programma completo ufficiale. PROGRAMMA WINTER EDITION 2018 14-17 Gennaio 2018, Alta Badia Alta Badia 2018 - CARE’s &... Leggi di più
Brunch purché all’Aceto Balsamico di Modena
Il Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP ha organizzato un educational presso l’hotel Best Western Galles di Milano per spiegare innanzitutto cosa sia l’Aceto Balsamico di Modena Igp, quindi quali siano i mig... Leggi di più
NATALE A MILANO: FESTA DI LUCI, COLORI, MUSICA
Chi non avesse ancora esaurito di stupirsi di ciò che offre Milano in questo momento, sappia che in città fervono i preparativi per rendere più attrattivo il Natale, già ricco di eventi diffusi: dalle note della Madama B... Leggi di più
APPUNTAMENTO NATALIZIO A PALAZZO MARINO CON LA “SACRA CONVERSAZIONE 1520” DI TIZIANO
L’arte è di casa a Palazzo Marino e il tradizionale appuntamento di Natale alla sua decima edizione, lo conferma. E’ arrivata in Sala Alessi la splendida opera di Tiziano, proveniente dalla Pinacoteca Civica ... Leggi di più
ARMONIE VERDI | A VERBANIA UNA MOSTRA SUI PAESAGGI DALLA SCAPIGLIATURA AL NOVECENTO
Nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, il Museo del Paesaggio di Verbania, che ha sede nello storico Palazzo Viani Dugnani di Pallanza, riapre la stagione primaverile con la suggestiva mostra Armonie verdi. Pa... Leggi di più
SEEDS&CHIPS SIGLA UN ACCORDO STRATEGICO CON EAT FOUNDATION
Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit sigla un accordo di partenariato strategico con EAT Foundation.  Seeds&Chips e EAT Foundation hanno siglato un accordo di partenariato strategico per supportare il passagg... Leggi di più
“MILANO VISTA MARE” ! PIER 52, QUANDO A MILANO SI VEDE IL MARE

Pier 52 ristorante a vocazione ittica di cui abbiamo più volte scritto, ha organizzato per mercoledì 14 marzo la serata Plateau Royal (vedi foto), il cui nome lascia presagire  una prelibatezza che gli amanti delle crudi... Leggi di più
A MILANO, GRAZIE A HEINEKEN, LA BIRRA HA LA SUA UNIVERSITÀ
È nata lo scorso anno da un importante progetto del gruppo Heineken, il colosso multibrand leader del settore birrario, e qui si sono “laureati” già 960 studenti durante il 2018 e, viste le iscrizioni e le fr... Leggi di più
SURGIVA, COMPLICE DEL GUSTO: NUOVA IMMAGINE, STESSA QUALITÀ DI SEMPRE  
Il tratto inconfondibile di Surgiva reso più delicato da un effetto acquarello, la forma e la posizione dell’etichetta leggermente modificati sono gli elementi che valorizzano la nuova veste grafica dell’acqua trentina n... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.