17feb 2020
ERA SOLO UNO SPUNTINO AL MICHELACCIO
Articolo di: Michela Brivio

Perché secondo voi in 48 ore a Genova dovrei andare due volte nello stesso posto? Provo a spiegarvelo.

 Il tempo è poco, il programma in parte già definito perché non si parte mai senza una meta se hai questa passione dentro. Ma poi è il fuori programma a stravolgerti e conquistarti, tanto che ne vuoi ancora, di sera e di giorno.

 Parlando delle possibili esperienze da fare era uscito anche Il Michelaccio, lasciato poi tra gli eventuali. Dopo il pranzo al Marin, che vi racconterò prossimamente, arriva la sera e una camminata sotto le stelle tra i caruggi fa tornare quel pensiero. In un attimo prediamo siamo seduti al banco, con un bicchiere in mano nell’attesa di divertirci a sorpresa.

 

Bistrot Gastronomico dice l’insegna. Non lasciatevi ingannare. Sarebbe riduttivo fermarsi a questa definizione perché questo locale ( foto 1) è molto di più. Tutto quello che si può desiderare c’è.

 

L’intenzione era “un paio di piattini”. Non ci credete vero? Giuro che eravamo seri e convinti prima di entrare. Poi però Fabio Fauraz ci ha contagiato con il suo virus. Saranno i piatti d’ispirazione asiatica?

 

Ora sei a Genova, in ciabatte, a casa o in un’osteria finemente classica, ora ti senti addosso un tacco 12 e con un vestito elegantissimo sei seduta in uno dei ristoranti più esclusivi, ora sei catapultata dall’altra parte del mondo, con le bacchette e un kimono. I piatti si susseguono senza interruzione e in totale libertà. Davvero difficile dare un’interruzione perché gli occhi continuano a puntare dritti alla porta della cucina, sperando arrivi altro. In tutti una grande personalità, leggerezza abbracciata a golosità, raffinatezza, pulizia e grande valorizzazione delle straordinarie materie prime.

 

Non c’è un ordine e così è anche la carta e la proposta giornaliera scritta con il gesso sulla lavagna. Il piacere diventa puro divertimento, senza formalismi. Goderne. Punto. Ci si dimentica anche delle buone maniere a tavola, non si sa che ore sono, si perde il conto del numero di piatti. Fortuna c’è una memoria fotografica a rimettermi in riga per scriverne. Quindi scorro le foto del telefono insieme a voi.
Panissa fritta. Comfort.

 

Focaccia di calamari (foto 2). “Volare oh, oh”. Dai qualche scia canora sanremese ci sta tutta. Stelle ne abbiamo? Solo una a Genova. Peccato. Ovviamente non per togliere ma aggiungere merito. L’idea di partenza è la Focaccia di Recco. Rimane il formaggio ma la sfoglia è di calamari, eterea e perfetta. Capolavoro. Sarebbe un peccato cadere dalla sedia ora. In piedi.

 

Anche perché segue un piatto che ristabilisce la calma dei sensi. Lattughe ripiene (foto 3).

 

Ma poi ancora su. ”Nel blu dipinto di blu”. Frizza di fegato e cipollotto (foto 4). Traducendo più terra a terra potrei dire una grossa polpetta di fegato avvolta nella rete di maiale, che in cottura si scioglie conferendo alla carne ancora più sapore (non che gli mancasse comunque). Insomma crépinette. Ed ecco il primo tocco orientale con l’umami della salsa e panino al vapore in accompagnamento.

 

Segue ancora musica classica, per tutti i sensi. Minestrone alla ligure (foto 5). Finito al tavolo/banco con l’aggiunta del pesto nel tegame. Inutile spiegare i profumi sprigionati con la mescolatura, non riuscirei a farveli arrivare. Ma la sorpresa vera è poi all’assaggio. C’è un amido. Non ancora codificato nella mia memoria. Troppo autoctono e raro (mi sa anche per i genovesi), soprattutto perché questa città la sto conoscendo un po’ meglio solo ora. Scucuzun, un’antica pasta da brodo dalla forma sferica il cui nome sembra essere derivato una storpiatura del più picouscous. Memorizzato. Molto bene.

 

D’obbligo ora una piccola parentesi di grande merito a Fabio. I piatti, intendo proprio l’oggetto fisico, sono tutti caldissimi, anzi attenzione. Mi dicono che è una rarità qui, ma io estenderei anche altrove. L’ABC.

 

A seguire Ravioli di carne genovesi cotti al vapore all’orientale e salsa di tocco ligure (foto 6). Simil Dim sum per rendere l’idea. Ancora una scossa etnica, senza dimenticare le solide radici.

 

Segue una sottile provocazione: Bollito misto. Dove sta la provocazione? Nel presentarlo in sfoglie sottilissime, una sopra l’altra (foto 7). Zerarìa è il suo nome, una terrina contadina, servita con foglie di broccoli e senape. Wow. Diviso in due. Mangiato tre quarti. Sono golosa lo so.

 

The end. Castagnaccio (foto 8). Che finezza. Poco dolce, poco pannoso, piacevolmente e anzi finalmente diverso.

 

Ci accompagna nel viaggio il Trebbiano di Emidio Pepe (foto 9). Avete così capito la direzione della carta dei vini, come piace a me, ampia sia nella proposta delle zone e dei vitigni sia nella profondità delle annate.

 

C’è da divertirsi anche con i grandi cocktail classici, distillati e liquori di gran livello. C’è solo da scegliere se miscelarli o berli in purezza. Prima, dopo o durante.

 

Ora capite perché l’indomani a pranzo lo desideravamo ancora? Abbiamo anche controllato che non facesse le colazioni… non si sa mai..

 

Brevemente riassumo: insalatina orientale di acquadelle secche e fritte (foto 10), crocchette di baccalà e maionese (foto 11), ramen di trippa alla ligure (foto 12), risotto alla genovese con funghi, (foto 13) comme ‘na votta, guancia brasata al vino rosso e purè di patate, panera (foyto 14). Anche a pranzo le intenzioni erano diverse.

 

Come non bere un Borgogna con tanta meraviglia? Guillemot – Michel Quintaine 2016 (foto 15). What else?

 

Superbo è l’aggettivo autoctono perfetto. Resisterò al virus?

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

Indirizzo : Via Innocenzo Frugoni 49 rosso Genova
Telefono : +39 010.5704274
Articoli Simili
I più letti del mese
MORELLINO DI SCANSANO DOGA DELLE CLAVULE
L’Azienda Doga delle Clavule si estende nella zona di produzione del Morellino di Scansano su una superficie di oltre 130 ettari dei quali 60 vitati: 20 per la produzione del Morellino di Scansano DOCG, 7 per il Bi... Leggi di più
FLO IN CONCERTO A MARE CULTURALE URBANO
Torna in concerto a mare culturale urbano, il centro di produzione culturale in via Giuseppe Gabetti 15 a Milano, dopo il live di settembre 2016, la cantautrice partenopea FLO, che si esibirà con la sua band il prossimo ... Leggi di più
L’APERITIVO A MILANO SI TINGE DI GIALLO GIALLE&CO.-BAKED POTATOES DAL CUORE ITALIANO
Da Giallo&Co. l’aperitivo a Milano si tinge di giallo. La tipica baked potatoes inglese è perfetta anche (in formato mignon) per un aperitivo all’italiana: salutare, ricco e colorato, disponibile da febbraio,... Leggi di più
WAGASHI, L’ARTE DELLA PASTICCERIA GIAPPONESE
L'wagashi, ossia la pasticceria giapponese, differisce da quella occidentale nella forma e nella sostanza. A spiegarcelo è la chef pasticcera Satomi Fujita, accompagnata dal maestro Yoshikazu Yoshimura in una dimostrazio... Leggi di più
TEATRO MENOTTI CASA DI BAMBOLA HENRIK IBSEN
Una grande interprete come Valentina Sperlì per il capolavoro di Ibsen. Una lettura moderna e visionaria.Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale Presenta: CASA DI BAMBOLA Henrik Ibsen dall’1 a... Leggi di più
BRERA: INAUGURATO IL SESTO DIALOGO "ATTORNO AGLI AMORI. CAMILLO BOCCACCINO SACRO E PROFANO"
Brera continua a stupire. Dallo scorso 29 marzo 2018, hanno riaperto al pubblico i saloni napoleonici della Pinacoteca con lo straordinario allestimento di sette nuove sale (VIII – IX – X – XI – X... Leggi di più
ILLY CAFFÈ, DOVE PRENDERE UN APERITIVO IN VIA MONTE NAPOLEONE
Via Monte Napoleone è il cuore dello shopping griffato; signore bene, chi lavora nella city e frotte di turisti la animano da mane a sera, ma quando i negozi abbassano la “clèr”... si spopola, al contrario di... Leggi di più
FONDAMENTALI&QUALI: CIPOLLE, SCALOGNO TRITATI IN VASETTO DI VETRO
Dopo il successo della prima cipolla colta, lavata e tagliata, l’innovativa linea Fondamentali&Quali della Centrale del Latte d'Italia, si arricchisce di due nuove referenze: la Cipolla Rossa e lo Scalogno. Tutti i... Leggi di più
LE TANTE PROPOSTE DELL’ACQUARIO DI GENOVA | IL PICCOLO PESTO
Sono tornata recentemente all’Acquario di Genova per una festa di compleanno per bambini che prevedeva un interessante e simpatico tour dietro le quinte, o meglio, dietro alle vasche che mi ha fatto venir voglia di... Leggi di più
NUOVE VOCI 2018 GIOVANI STORICI DELL’ARTE AL MUSEO BAGATTI VALSECCHI
Giovani storici dell’arte dall’Università degli Studi di Milano  al Museo Bagatti Valsecchi. Come da tradizione il Museo Bagatti Valsecchi torna ad accogliere il ciclo di conferenze Nuove Voci, oramai alla se... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.