08mar 2019
EUGENIE BRAZIER LA PRIMA GRANDE DAME DELLA CUCINA TRISTELLATA FRANCESE
Articolo di: Laura Biffi

E’ il 1895, la Belle Époque e la Francia è in fermento per l’avanzare della crescita economica: sono gli anni dell’Affaire Dreyfuss, dell’ Impressionismo nell’arte, della nascita del cinema da parte dei fratelli Lumière, del cabaret, del can can e delle guinguette. E’ l’avvento della maison di alta gioielleria Van Cleef and Arpels, della Renault, dell’esposizione universale a Parigi (foto 2), della costruzione della Tour Eiffel e della prima linea della metropolitana (foto 3 e 4) . In quell’anno, il villaggio di La Tranclière tra Bourg-en-Bresse e Lione dà i natali alla prima chef stellata di Francia: Eugénie Brazier.

 

Eugénie nasce nella profonda Francia rurale da una famiglia contadina e la vita non si presenta facile per lei: a 10 anni infatti perde la madre, frequenta la scuola solo d’inverno perché durante le altre stagioni lavora come custode di animali in alcuni allevamenti, dove impara anche i primi rudimenti della cucina. A 19 anni resta incinta e la sua condizione per la mentalità dei tempi è irrevocabile: impossibile tollerare una ragazza-madre con un figlio avuto fuori dal matrimonio, suo padre la mette alla porta.

 

Ma Eugénie è una giovane donna coraggiosa, affronta la realtà e si trasferisce a Lione, all’epoca la seconda città di Francia dopo Parigi; lì, assunta come balia in una famiglia borghese di produttori di pasta, è successivamente incaricata della cucina ed è proprio da quel momento che ne farà la sua vocazione.


La Belle Époque vede fiorire a Lione moltissimi ristoranti chiamati “bouchons”, sono tutti gestiti da cuoche, le “mères” (madri) uscite delle famiglie borghesi per aprire la propria attività dove la cucina è semplice ma raffinata, genuina, basata sulle ricette tradizionali e i prodotti locali, in primis il pollame, un’ eccellenza della vicina Bresse che è sempre presente nelle preparazioni culinarie . Alla fine della prima guerra mondiale Eugénie è cuoca nelle cucine del rinomato bouchon della famosa Mère Filloux che diventerà la sua mentore.

 

Nel 1921 apre il suo primo ristorante a Lione: La Mère Brazier (foto 5). I tempi sono difficili ma grazie alla sua bravura, al suo essere molto esigente, agli elogi del Principe dei Gastronomi Curnonsky e al Club des Cent, la sua cucina è la più richiesta della città. Nel 1929 apre un altro bouchon a Col de la Luère a Pollionnay nelle campagne di Lione e nel 1932 i suoi ristoranti sono insigniti delle due stelle Michelin, nel 1933 per entrambi gli indirizzi è la volta delle tre stelle (foto 6).

 

Da quel momento Eugénie Brazier e i suoi bouchon diventano l’emblema di Lione e della sua cucina, è richiesta dai migliori ristoranti e alberghi del mondo dal Ritz di Parigi al Waldorf Astoria di New York, ma ama troppo il suo paese e resterà per sempre in quella che lo stesso Curnonsky definì la capitale mondiale della gastronomia: Lione.

 

Nel 1946 il ventenne Paul Bocuse varca la soglia di Col de la Luère come apprendista e inizierà così il suo percorso da chef proprio in uno dei templi dalla tradizione lionese dove oltre a cucinare mungeva vacche e coltivava l’orto perché la mère Brazier pretendeva che tutto fosse fatto tradizionalmente à la maison.

 

Eugénie, dopo essere stata riconosciuta una delle migliori chef di Francia e del mondo muore nel 1977 e dopo la sua morte, la casa editrice Rizzoli pubblica la sua bibbia in inglese: La Mère Brazier, the mother of French cooking (foto 7); una donna che resterà per tutte le chef un esempio di quella forza data dalla passione per la cucina che si trasforma in capacità e dedizione portando all’eccellenza.

 

Alla memoria dei gourmet restano i suoi piatti più famosi che sono tutt’ora sulle tavole di alcuni tra i migliori ristoranti regionali: dai carciofi al foie gras, alle quenelle di luccio alla salsa Nantua a base di gamberi di fiume, all’aragosta con la salsa Belle Aurore, fino alla poularde de Bresse demi-deuil cotta insieme al tartufo nero e alla galette Chabraninof a base di mele caramellate nel burro e flambate al rhum.

 

1

2

3

4

5

6

7

Articoli Simili
I più letti del mese
DOOF L’ALTRA FACCIA DEL FOOD: DAL LEGAME FOOD-MAFIA, ALLA DISTORSIONE...
  Mare Culturale Urbano sabato 24 giugno 2017 Il  mondo del Cibo nasconde grandi problematiche che la TV, i media e i poteri forti del settore non mostrano. Il convegno DOOF, ideato dal giornalista del Corriere della S... Leggi di più
HENNESSY VERY SPECIALI LIMITED EDITION WITH SCOTT CAMPBELL
Per creare ogni anno la nuova Limited Edition di Hennessy Very Special, la Maison da tempo chiama a raccolta grandi artisti internazionali, chiedendo loro di re-interpretare questo iconico cognac con i propri codici espr... Leggi di più
IL BRAND AGROMONTE, REALTÀ SICILIANA DI PRODOTTI CERTIFICATI BIOLOGICI
Al debutto milanese della linea bio dei suoi capolavori, Carmelo Arestia  (nella foto 2 con la moglie Ida tra le due figlie) ha portato solo il ramo femminile della “sacra famiglia del ciliegino”; mentre a ca... Leggi di più
DEBUTTA MOSER ROSÉ 2011 TRENTODOC, PINOT NERO IN PUREZZA
Era il 1984 quando Francesco Moser a Città del Messico stabilì il record dell’ora su pista e lo stesso anno produsse il suo primo MetodoClassico battezzandolo Moser 51,151. Un nome facile da ricordare, basta pensare ai c... Leggi di più
Prosciutto cotto
Il prosciutto cotto Lenti&Lode dell'azienda Lenti si differenzia da quelli di altri competitor sia per il tipo di lavorazione, sia per il sapore. La lavorazione prevede che la coscia suina di grossa pezzatura, provenient... Leggi di più
CONTAMINAFRO, IDENTITÀ IN EVOLUZIONE 2017 - “I GESTI DELLA BELLEZZA”
A mare culturale urbano dal 20 al 24 settembre 2017 la IV edizione di di Contaminafro, il festival delle culture contemporanee africane. Si svolgerà dal 20 al 24 settembre 2017 a mare culturale urbano la IV edizione di C... Leggi di più
ERIDANIA LANCIA LO SCIROPPO D’AGAVE 100% DI ORIGINE NATURALE E BIOLOGICO
Il marchio icona della dolcificazione in Italia risponde alle richieste dei consumatori, sempre più orientati verso prodotti che coniugano salute, natura e benessere, e lancia lo Sciroppo d’Agave Biologico. Riduzione del... Leggi di più
CINQUE ASSAGGI DI MUSICA PER CINQUE CHAMPAGNE
La letteratura enologica ci ha spiegato che i vini si possono abbinare ai cibi, e quando l’accostamento è sintonico vino e cibo si apprezzano al meglio.. Ogni grande vino possiede caratteristiche sensoriali che com... Leggi di più
LA LOCANDINA DELLA SECONDA EDIZIONE DELLA RASSEGNA “I VINI DEL PO”
La locandina seconda edizione della rassegna "I vini del Po" è in programma a Boretto (Re) sabato 29 ottobre. Si tratta di un evento di carattere enogastronomico e culturale che vede coinvolto il Club Papillon di Reggio ... Leggi di più
L’OLIO PREFERITO DAGLI ITALIANI?... SE NE PARLERÀ A OLIO OFFICINA
Sei volontari (cioè marche che hanno messo a disposizione il proprio olio); 1.200 famiglie milanesi disponibili a degustare questi oli ed esprimere un proprio giudizio; una società di ricerca (Amagi-ForSurvey) che ha ela... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.