08mar 2019
EUGENIE BRAZIER LA PRIMA GRANDE DAME DELLA CUCINA TRISTELLATA FRANCESE
Articolo di: Laura Biffi

E’ il 1895, la Belle Époque e la Francia è in fermento per l’avanzare della crescita economica: sono gli anni dell’Affaire Dreyfuss, dell’ Impressionismo nell’arte, della nascita del cinema da parte dei fratelli Lumière, del cabaret, del can can e delle guinguette. E’ l’avvento della maison di alta gioielleria Van Cleef and Arpels, della Renault, dell’esposizione universale a Parigi (foto 2), della costruzione della Tour Eiffel e della prima linea della metropolitana (foto 3 e 4) . In quell’anno, il villaggio di La Tranclière tra Bourg-en-Bresse e Lione dà i natali alla prima chef stellata di Francia: Eugénie Brazier.

 

Eugénie nasce nella profonda Francia rurale da una famiglia contadina e la vita non si presenta facile per lei: a 10 anni infatti perde la madre, frequenta la scuola solo d’inverno perché durante le altre stagioni lavora come custode di animali in alcuni allevamenti, dove impara anche i primi rudimenti della cucina. A 19 anni resta incinta e la sua condizione per la mentalità dei tempi è irrevocabile: impossibile tollerare una ragazza-madre con un figlio avuto fuori dal matrimonio, suo padre la mette alla porta.

 

Ma Eugénie è una giovane donna coraggiosa, affronta la realtà e si trasferisce a Lione, all’epoca la seconda città di Francia dopo Parigi; lì, assunta come balia in una famiglia borghese di produttori di pasta, è successivamente incaricata della cucina ed è proprio da quel momento che ne farà la sua vocazione.


La Belle Époque vede fiorire a Lione moltissimi ristoranti chiamati “bouchons”, sono tutti gestiti da cuoche, le “mères” (madri) uscite delle famiglie borghesi per aprire la propria attività dove la cucina è semplice ma raffinata, genuina, basata sulle ricette tradizionali e i prodotti locali, in primis il pollame, un’ eccellenza della vicina Bresse che è sempre presente nelle preparazioni culinarie . Alla fine della prima guerra mondiale Eugénie è cuoca nelle cucine del rinomato bouchon della famosa Mère Filloux che diventerà la sua mentore.

 

Nel 1921 apre il suo primo ristorante a Lione: La Mère Brazier (foto 5). I tempi sono difficili ma grazie alla sua bravura, al suo essere molto esigente, agli elogi del Principe dei Gastronomi Curnonsky e al Club des Cent, la sua cucina è la più richiesta della città. Nel 1929 apre un altro bouchon a Col de la Luère a Pollionnay nelle campagne di Lione e nel 1932 i suoi ristoranti sono insigniti delle due stelle Michelin, nel 1933 per entrambi gli indirizzi è la volta delle tre stelle (foto 6).

 

Da quel momento Eugénie Brazier e i suoi bouchon diventano l’emblema di Lione e della sua cucina, è richiesta dai migliori ristoranti e alberghi del mondo dal Ritz di Parigi al Waldorf Astoria di New York, ma ama troppo il suo paese e resterà per sempre in quella che lo stesso Curnonsky definì la capitale mondiale della gastronomia: Lione.

 

Nel 1946 il ventenne Paul Bocuse varca la soglia di Col de la Luère come apprendista e inizierà così il suo percorso da chef proprio in uno dei templi dalla tradizione lionese dove oltre a cucinare mungeva vacche e coltivava l’orto perché la mère Brazier pretendeva che tutto fosse fatto tradizionalmente à la maison.

 

Eugénie, dopo essere stata riconosciuta una delle migliori chef di Francia e del mondo muore nel 1977 e dopo la sua morte, la casa editrice Rizzoli pubblica la sua bibbia in inglese: La Mère Brazier, the mother of French cooking (foto 7); una donna che resterà per tutte le chef un esempio di quella forza data dalla passione per la cucina che si trasforma in capacità e dedizione portando all’eccellenza.

 

Alla memoria dei gourmet restano i suoi piatti più famosi che sono tutt’ora sulle tavole di alcuni tra i migliori ristoranti regionali: dai carciofi al foie gras, alle quenelle di luccio alla salsa Nantua a base di gamberi di fiume, all’aragosta con la salsa Belle Aurore, fino alla poularde de Bresse demi-deuil cotta insieme al tartufo nero e alla galette Chabraninof a base di mele caramellate nel burro e flambate al rhum.

 

1

2

3

4

5

6

7

Articoli Simili
I più letti del mese
ROMA FILM FESTIVAL: JEROBOAM BOTTEGA GOLD IN OMAGGIO A FRANCO NERO
Il 12 dicembre il XXI Roma Film Festival dedicherà un omaggio speciale a Franco Nero. L’evento si terrà a Roma, presso il Teatro Blasetti del Centro Sperimentale di Cinematografia, alla presenza dei massimi rappresentant... Leggi di più
CINQUE RUM CHE VALE LA PENA CONOSCERE | MILANO RUM FESTIVAL
Abbiamo scritto del Milano Rum Festival qui. Siamo stati per voi a degustare alcune referenze e di quelle provate cinque riteniamo che siano vivamente consigliabili. Severin  dalla Guadalupa, tra i rum della casa abbiamo... Leggi di più
AGOSTO AI GIARDINI PAPRIKA E CANNELLA: DELIZIE MEDITERRANEE CON UN TOCCO DI SARDEGNA
Per la prima volta il celebre ristorante di zona porta Venezia, ritrovo modaiolo e della” Milano bene”, rimane aperto tutto agosto per soddisfare i palati più esigenti che rimangono in città.  Una gradita sorpresa per l... Leggi di più
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
MANI IN PASTA APRE IN VIALE MONZA
Di Mani in Pasta abbiamo scritto qui. Ora influencer e pubblico a partire dalle ore 20 affolleranno l’evento del 29 Maggio dalle ore 20,00 da Mani in Pasta nella nuova sede in viale Monza 258 a Milano, dove, tra ar... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.