29nov 2018
GOUMARTE2018 IL TRITTICO DA NON PERDERE; GLI APPUNTAMENTI CON GLI CHEF
Articolo di: Elio Ghisalberti

A GourmArte2018, il trittico da non perdere.

 

Maestro del Gusto - Barone Pizzini
Ha visto lontano  Barone Pizzini, cantina in Franciacorta. Il merito di avere creduto nella produzione bio (20 anni quest’anno) è da ascrivere soprattutto a Silvano Brescianini (foto 2), direttore generale dell’azienda. Su tutte le etichette da tempo compare la scritta "Residuo Zero”. Tradotto, dopo aver bandito l’uso in vigna di diserbanti, concimi e pesticidi di sintesi, già da alcuni anni le uve che arrivano in cantina dalla cinquantina di ettari di vigna condotta e controllata direttamente sono totalmente prive di residui chimici.

Fatti concreti e verificabili: per la massima trasparenza le analisi sono in ogni momento consultabili da chiunque sul sito della cantina. A GourmArte  Barone Pizzini si presenta con il Brut Animante, il Franciacorta Docg che racchiude in sé l’apporto di tutti i vigneti, perfetta sintesi dell’esperienza della coltivazione biologica.

 

Esploratore del GustoCalvisius e Ars Italica
La storia ormai è piuttosto nota ma il “miracolo” del caviale prodotto in Lombardia tra Calvisano (BS) ed il Parco del Ticino (PV) , ha staccato primati di qualità e quantità tali da essere un vero e proprio fenomeno, tant’è che perfino dalla madre Russia fioccano gli ordini per il caviale made in Italy.

Calvius – Ars Italica (foto 1) è l’unica realtà a livello mondiale a produrre caviale da 6 specie in purezza, varietà autoctone comprese (il Da Vinci). E tutto del tipo malossol, ovvero poco sale o salato al minimo indispensabile perché si conservi 3-4 mesi nelle apposite scatolette di latta di varia grammatura.

 

Custode del Gusto: Macelleria Magri
Come recita il cartello esposto all’esterno dello storico negozio di Chiuduno aperto dal nonno nel 1926, lui “ci mette la faccia”. Una volta entrati il volto solare di Fabio Magri (foto 3), il “lui” in questione, si vede dietro al bancone rialzato (come s’usava un tempo) dispensare il suo verbo da macellaio-predicatore. Oltre alle carni fresche ecco i salumi di qualità prodotti in proprio (il salame e la loanghina sono super), tutto preparato e selezionato con la medesima attenzione nel piccolo negozio dove anche volendo è impossibile non farsi coinvolgere dalla verve comunicativa e dall’entusiasmo del patron.


Gli appuntamenti con gli chef

 

Sabato 1 dicembre
dalle 12 alle 15 e dalle 19 alle 21.30

Il menu

Fabrizio Ferrari – Unico, Milano
Già stellato Michelin al Roof Garden a Bergamo; due forchette Gambero Rosso
Merluzzo in “fermento” all’aglio nero e cipolla

 

Stefano Cerveni – Due Colombe, Corte Franca (BS)
Stella Michelin; 2 cappelli L’Espresso; 2 forchette Gambero Rosso
Fagottelli di pasta fresca Milano-Bagolino

 

Gianni Tarabini – La Presef, Mantello (SO)
Stella Michelin; cappello L’Espresso; forchetta Gambero Rosso
Raviolone alla zucca nostrana, mostarda di mandarino, burro nocciola Fiorida aromatizzato alle erbette

 

Vittorio Brignoli – Da Vittorio, Porto Palo di Menfi (AG)
Riconosciuto da riviste internazionali esempio di cucina italiana d’eccellenza
Fusilloni con uova di San Pietro e gamberetti di Sciacca

 

Ilario Vinciguerra – Ilario Vinciguerra, Gallarate (VA)
Segnalato Michelin; due cappelli L’Espresso; tre forchette Gambero Rosso
Ristretto di ragù campano in pacchero con crema di Grana Padano

 

Stefano Masanti – Cantinone, Madesimo (SO)
Stella Michelin; due cappelli L’Espresso; due forchette Gambero Rosso
Maialino nero di Samolaco confit con melonz di patate viola, mortadella di fegato alle mele e cotechino con pult di segale


Le pizze di Mattia Cantini – Il Ciclone, Sirmione (BS)
Insegna inserita tra le migliori pizzerie d’Italia sia da L’Espresso che dal Gambero Rosso

Pizza con impasto mais e semi di girasole; saor di cipolle di Montoro, zucca, pinoli uvetta, Bagoss di Bagolino

Focaccia croccante imbottita: burrata di Alberobello , crudo di Parma 22 mesi


I dolci di Gianni Pina – Pasticceria Pina, Trescore Balneario (BG)
Membro fondatore e già presidente dell’Accademia Italiana Maestri Pasticcieri

Soffio d’Oriente, mousse al mango con sentore di coriandolo e ananas flambato al Grand Marnier

Ursula, crema leggera ai marroni canditi e zenzero


Domenica 2 dicembre
dalle 12,30 alle 15 e dalle 19 alle 22

Il menu

 

Philippe Léveillé – Miramonti L’Altro, Concesio (BS)
Due Stelle Michelin; Cappello d’Oro Espresso; tre forchette Gambero Rosso
Consistenze diverse di un’ostrica

 

Roberto Conti – Trussardi alla Scala, Milano
Stella Michelin; cappello Espresso; due forchette Gambero Rosso
Un “Kebab” bergamasco

 

Claudio Sadler – Sadler, Milano
Stella Michelin; due cappelli Espresso; due forchette Gambero Rosso
Cannelloni di baccalà con crema di zafferano e spinaci

 

Alberto Gipponi – Da Dina, Gussago (BS)
Due cappelli Espresso (novità dell’anno); forchetta Gambero Rosso
I casoncelli: dentro al sacchetto crudo ma cotto; nel piatto la tradizione in crema al Parmigiano 43 mesi e polvere di salvia(ne mangerei un bidet…)

 

Enrico Bartolini, Alex Manzoni – Mudec, Milano – Casual, Bergamo
Due stelle Michelin; Tre cappelli Espresso; Tre forchette Gambero Rosso
Riso e latte con civet di lepre

 

Federico Beretta – Feel, Como
Cappello Espresso; forchetta Gambero Rosso
Funghi d’autunno: saltati, in crema, tartufo nero e piantaggine


Le pizze di Ivan Gorlani – ERA Pizza, Monza (MB)
Già eletto “Chef of the Future”, il cuoco-pasticciere scienziato si è affermato anche nel mondo della pizza
Pizza “Coq-au-Vin ricordi di Stendhal” (galletto alla brace sfumato al vino Montevecchia e cipolle croccanti)

Pizza “Monzese” (impasto al gelso, merluzzo in tempura di mais bianco perla, zucca, bacon croccante, semi di zucca e senape Dijon


I dolci di Matteo Manzotti – Caffè Milano, Treviglio (BG)
Non ancora maggiorenne, vincitore di un concorso per giovani pasticcieri (giuria presieduta da Iginio Massari)

Tiramisushi

Tarte eclair croccante ai frutti rossi con salsa al lampone


Lunedi’ 3 dicembre
dalle 12 alle 15

Il menu

 

Fabio Abbattista – LeoneFelice all’Albereta, Erbusco (BS)
Segnalato Michelin; due cappelli L’Espresso; due forchette Gambero Rosso
Cardo gobbo, castagna affumicata e Taleggio

 

Marco Parillo – Casale del Mare, Castiglioncello (LI)
Cappello L’Espresso
Raviolo di parmigiana di melanzane, carpaccio di crostacei della costa etrusca, emulsione di burrata della Val di Cecina

 

Edoardo Fumagalli – la Locanda del Notaio, Pellio d’Intelvi (CO)
Stella Michelin; cappello L’Espresso; forchetta Gambero Rosso
Fagottini di leprotto alla reale

 

Riccardo Camanini – Lido 84, Gardone Riviera (BS)
Stella Michelin; cinque Cappelli L’Espresso (massimo punteggio); tre forchette Gambero Rosso
Persico trippato fritto, miele di elicrisum e agrumi del Garda

 

Enrico Gerli – I Castagni, Vigevano (PV)
Stella Michelin; due cappelli L’Espresso; due forchette Gambero Rosso
Risotto Carnaroli con cipolla di Breme e peperoni lomellini, passata di borlotti di Vigevano, polvere di peperonata disidrata

 

Chicco e Bobo Cerea, Paolo Rota – Da Vittorio, Brusaporto (BG)
Tre stelle Michelin; quattro cappelli L’Espresso; tre forchette Gambero Rosso
Punta di petto brasata con prugne e vino rosso, purè di zucca allo zenzero

 

Le pizze di Antonio Pappalardo – La Cascina dei Sapori, Rezzato (BS)
Insegna segnalata tra le migliori pizzerie d’Italia sia da L’Espresso che dal Gambero Rosso

Pizza a spicchi con seppia, kaki, macadamia e liquirizia

Pizza in teglia alla romana imbottita con guancia brasata, cavolo cappuccio e crema al Castelmagno


I dolci di Riccardo Schiavi – La Pasqualina, Almenno San Bartolomeo (BG)
Miglior pasticceria d’Italia 2018/2019 per il Gambero Rosso

Al contadino non far sapere quanto è buono il formaggio con le pere (pere, croccante alla nocciola e gelato allo Strachitunt)

Millefoglie Pasqualina

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
IL PERCHÉ DELLE ALBICOCCHE, FRUTTA DA NON SOTTOVALUTARE
Le albicocche sono frutti che ci accompagnano da tarda primavera sino a un buon tratto d’estate. Il colore giallo caldo che vira all’aranciato talvolta screziato o punteggiato di rosso è sicuramente invitante. Se raccolt... Leggi di più
ARCHITECTSPARTY 2017 GLI APERITIVI NEGLI STUDI DI ARCHITETTURA TORNANO A MILANO
ArchitectsParty 2017 gli aperitivi negli studi di architettura in Italia e in Europa tornano a Milano dal 21 al 23 giugno  Dal 21 al 23 giugno tornano a Milano gli ArchitectsParty, gli aperitivi negli studi di architett... Leggi di più
RITORNA PER UNA SERA A MILANO IL FILM CULT FREAKS
Ritorna a grandissima richiesta, solo il 24 luglio alle ore 21.30, Freaks, uno dei più famosi cult movie della storia del cinema. Un film controverso che quando uscì, nel 1932, scatenò aspri dibattiti e ancora oggi non m... Leggi di più
COLLIO MERLOT RUSSIZ SUPERIORE 2012
L’Azienda Russiz Superiore dal 1956 ha sede a Capriva del Friuli, nel Goriziano, anno in cui Marco Fellluga la fondò. Il padre Giovanni si era trasferito in Friuli negli anni Trenta, proveniente dall’Istria dove la famig... Leggi di più
MOSCATO ZEBO, TERRE SICILIANE INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
Soprattutto d’estate un aperitivo fresco, petillant, fruttato, dolce senza essere stucchevole ci mette nell’umore giusto per cominciare al meglio la serata. Zebo è un vino bianco aromatico che riproduce al me... Leggi di più
BRUNO QUERCI ENERGICOFORMA ALLA GALLERIA “A ARTE INVERNIZZI”
La galleria A arte Invernizzi inaugura martedì 21 novembre 2017 alle ore 18.30 una mostra personale di Bruno Querci, in occasione della quale viene presentato un percorso espositivo che, attraverso la compresenza di lavo... Leggi di più
EUROPA, DOVE LA QUALITÀ È DI CASA | I PRODOTTI ALTOATESINI (2/2)
Abbiamo detto qui  del focus tenuto sui vini altoatesini in occasione della campagna Europa dove la qualità è di casa finanziata con l’aiuto dell’Unione Europea, un evento che ha avuto luogo a Milano presso S... Leggi di più
Tagliolini con gamberi e carciofi alle due cotture
LE BACCHE FREDDE DEL SUD
Il Sud Italia non è solo terra di sole e mare, di tuffi infiniti tra vento caldo e brezza marina, nel profondo si nascondono zone impavide, di difficile conduzione, dove la coltura diventa imprevedibile perché bersagliat... Leggi di più
UN 2016 RICCO DI PREMI PER LA CANTINA CONTE COLLALTO
Dal Concours de Bruxelles al Merano Wine Festival fino alla lusinghiera valutazione del prestigioso Wine Spectator, un bilancio più che positivo per il marchio di Susegana che diventa ancora più internazionale.   Un 20... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.