03dic 2016
I 160 ANNI DEL GRUPPO MEREGALLI IN M160. UN LIBRO ILLUSTRATO DI 160 PAGINE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Un libro, una storia, o meglio sarebbe dire, pagine di storia: “Meregallicentosessanta. Punto” (foto 2), è stato editato in occasione del centosessantesimo anniversario della Giuseppe Meregalli, casa distributrice delle referenze enologiche più esclusive e ambiziose italiane ed estere. Centosessant’anni di storia raccontati in 160 pagine (testi Marcello Meregalli e Michele Mauri), in un libro stampato in 160 copie, ciascuna con una copertina diversa: ognuna riproduce una parte dell’opera di oltre 15 metri quadrati (foto 1) realizzata dall’artista Filippo Bragatt, geniale ed estroverso. Il soggetto, la testa del leone, simbolo della Meregalli (foto 3-4), è stato realizzato utilizzando la tecnica pittorica del dripping che consiste nel far colare il colore dal pennello sulla tela, senza toccarla. E in merito alle tinte Bragatt ha mescolato colori e vino rosso per ottenere più ampie nuance, confortato anche, come confessa scherzosamente il pittore, dai buoni calici bevuti dello stesso di vino finito sul quadro. La cerimonia di presentazione di M160. ha avuto dei momenti di commozione quando Giuseppe e il figlio Marcello, che ora dirige l’azienda, parlando di passaggio del testimone avvenuto negli scorsi anni si sono abbracciati. E della storia dell’azienda, ce ne parla il libro. Sfogliandolo scorrono i nomi più importanti che hanno contribuito alla storia del vino, e non solo, negli ultimi decenni e sono tanti personaggi famosi. M160. si compone di una introduzione e quattro capitoli: Luoghi e persone: il buon vino nasce in vigna, da una frase di Luigi Veronelli; Abitudini tendenze e gusti; Il ministro della tavola; I prossimi centosessanta. Nel primo capitolo il testo ha dato voce a personaggi della levatura del marchese Nicolò Incisa della Rocchetta ed Etienne Bizot, presidente del gruppo Jacques Bollinger. Il primo, patron della Tenuta San Guido di Bolgheri, ha creato Sassicaia, vino che ha dato una svolta all’enologia toscana e non solo a quella. Per quanto riguarda la maison di Champagne, va detto che, come fu madame Elisaberth Bollinger a creare le due cuvée leggendarie, RD e Vieilles Vignes Françaises, quest’ultima elaborata dalle uniche vigne senza innesto della Champagne, ossia quelle sopravvissute ai flagelli della filossera, dell’oidio e della peronospora che si abbatterono sull’Europa.

Abitudini tendenze e gusti, ha dato voce, tra gli altri, di un luogo che è depositario della cultura enologica a Milano, ossia la storca Enoteca Cotti, guidata prima da Luigi, ora da Giorgio. Fondata ai primi del Novecento, venne acquisita dai Cotti nel 1952. Ed è Giorgio a spiegare che “La qualità è il parametro assoluto del nostro lavoro, proponiamo prodotti in cui crediamo noi per primi”.

Per quanto riguarda il capitolo Il ministro della tavola, ovvero degli abbinamenti tra cibo e vino, citiamo uno per tutti l’Enoteca Pinchiorri che ha saputo coniugare una tra le cantine più importanti d’Italia con una cucina diventata tre stelle Michelin. Ed è Annie Feolde, persona rappresentativa del locale, ad affermare “una cantina come la nostra non esiste da nessun’altra parte. Dal canto mio ho cercato di porre la cucina al livello della cantina”. E ci è riuscita… E con I prossimi centossessanta, si chiude la geometria di M160. introdotto dalla storia del gruppo Meregalli a partire dal 1856 per concludersi con il paragrafo Da padre in figlio, ossia da Giuseppe, che diede nuovo impulso all’azienda, a Marcello, che cominciò a frequentare i locali del gruppo quando aveva i pantaloni corti. L’evento si è svolto nelle cantine Meregalli che hanno una storia non da poco considerato che risiedono nelle fondamenta del Convento della monaca di Monza (foto 5-6), immortalata da Alessandro Manzoni nei Promessi Sposi. Ai piani superiori ha avuto luogo un primo incontro con la stampa e infine il banchetto commemorativo con menu e vini di prim’ordine a cominciare dai piatti firmati Théo Penati e i cucinieri Penati e il buffet di dolci di Chicco Cerea; sono stati stappati dapprima La Grande Année Bollinger 2005 (foto 7) e a conclusione Chateau d’Yquem 2007 (foto 8). Presto il libro M160. sarà disponibile nel catalogo di Bellavite Editore.

Leggi qui il libro M160. in formato digitale sfogliabile.

 

1

2

3

4

5

6

7

8

Articoli Simili
I più letti del mese
RISTORANTE 403030 LIFESTYLE | HEALTHY KITCHEN
Siamo tornati al ristorante 403030 lifestyle di cui abbiamo già detto qui. Si trova in via Fiori Chiari, una delle viette più caratteristiche di Brera. Sicuramente il nome non passa inosservato per la presenza dei caratt... Leggi di più
DUE CHIACCHIERE CON MAURO MAHJOB
Chi ama le bevande miscelate conosce sicuramente il Negroni, adatto a essere servito per aperitivo, ma anche dopo cena considerato il buon tenore alcolico. Mauro Mahjoub * (vedere nota biografica) sopranominato Re del N... Leggi di più
CARROUSEL CUCCAGNA - HANAMI FEST LA MILLENARIA TRADIZIONE GIAPPONESE
Domenica 25 marzo 2018 dalle 10:30 alle 19.30 torna a Milano Carrousel Cuccagna con una straordinaria edizione dal titolo Hanami Fest. Per questo mese l’evento si ispirerà alla primavera, la stagione della rinas... Leggi di più
SARAI 2015 UN ECLETTICO MARZEMINO IN PUREZZA DELLA CANTINA SAN MICHELE
Si chiama Sarai, nome beneaugurante, futuro del verbo essere, il Marzemino in purezza, prodotto dalla Cantina San Michele, nelle sue vigne del Monte Netto, a quindici chilometri da Brescia. Un piccolo monte, che supera ... Leggi di più
ROSSO MONTE DELLE VIGNE 2013 | SORSI AUTUNNALI
Abbiamo detto di Monte delle Vigne scrivendo di Nabucco 2011.  Ricordiamo solo che Monte delle Vigne dimora sulle colline parmensi con un vigneto di 60 ettari nel cuore della Doc Colli di Parma in cui radicano uve malva... Leggi di più
A PAOLO FORADORI, TITOLARE DELLA TENUTA J. HOFSTÄTTER DI TRAMIN – TERMENO, IL PREMIO ANGELO BETTI - BENEMERITO VINITALY 2016
È stato assegnato a quello che si può ritenere il padre del Pinot Nero altoatesino il Premio Angelo Betti - Benemerito della Vitivinicoltura 2016. A ricevere la medaglia di Cangrande è stato infatti Paolo Foradori - tito... Leggi di più
IL CROCCANTE DI YOGURT DI STEFANO CAVADA: LA RICETTA FILMATA
Il Croccante di yogurt e altre ricette altoatesine di Stefano Cavada sbarcano su Food Network. Le ricette facili di Stefano Cavada da replicare raccontate attraverso altrettanti brevi videoclip che saranno in onda fino a... Leggi di più
CASO, ELETTRODOMESTICI: YOUR KITCHEN IN ONLY ONE TOUCH
Caso, elettrodomestici dal design e hi tech. Your kitchen in only one touch. Quando il design contemporaneo sposa la tecnologia più avanzata nasce la linea di elettrodomestici firmati Caso Design e distribuiti in Italia... Leggi di più
MUSCAT, BIRRA DOCG: BIRRA AL MOSCATO DI SCANZO
E’ un anno speciale il 2018 per l’Azienda Agricola Pagnoncelli Folcieri,  Francesca, figlia del Dottor Maurizio Pagnoncelli, farmacista, titolare insieme ai genitori, ai fratelli Federico e Serena e al marito... Leggi di più
ANTEPRIMA DI ORNELLAIA 2013 VENDEMMIA D’ARTISTA
ORNELLAIA 2013 VENDEMMIA D’ARTISTA: L’ELEGANZA Si è tenuta giovedì 25 febbraio la preview di Ornellaia annata 2013 alla Sotheby’s - Palazzo Serbelloni a Milano. Non si è trattato solo della presentazione di un grande vi... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.