08gen 2019
I PERCHÉ DI YUZU, RISTORANTE GIAPPONESE CON UNA NOTA NIKKEI
Articolo di: Fabiano Guatteri

 

Aggiornamento gennaio 2018
Yuzu è una tappa fissa dei nostri itinerari gastronomici. Proviamo i piatti “storici” , ne assaggiamo altri.
Il sushi (foto 1) si conferma per questa fascia di prezzo (24 euro) forse il migliore della città. Anche il ceviche è sempre riprodotto in modo magistrale (foto 2). Abbiamo provato il toban yaki di mare (foto 5). Il piatto prende il nome dal recipiente di ceramica, il toban, dotato di coperchio del medesimo materiale, in cui viene cucinato e servito: il toban è portato a tavola dove viene scoperchiato davanti al cliente. Il toban yaki che abbiamo scelto, ossia di mare, consiste gamberi, cappesante, verdure, germogli di soia, funghi shiitake, pannocchiette (di queste ultime avremmo fatto volentieri a meno) messi nel recipiente con una salsa al miso, cotti a calore intenso per circa 2 minuti. Crostacei e molluschi si rivelano molto teneri grazie alla breve cottura ed è un piatto che ci sentiamo di consigliare (18 euro).

---------------------------------------------

Aggiornamento febbraio 2017

Il ristorante si conferma di grande affidabilità. Siamo tornati per provare altri piatti, in particolare il somen e l'ebi fry. Il somen (foto 3), zuppa fredda di spaghettini sottili è piacevole e delicata. Il brodo è un dashi profumato di yuzu; sopra gli spaghetti  sono adagiati strisce di salmone scottato con fiamma di cannello e uova di salmone. Piatto fresco, leggero, soddisfacente. Gli ebi fry (foto 4): i gamberi differiscono da quelli in tempura in quanto non sono in pastella, ma  ricoperti da una sorta di panatura. Sono un piatto goloso croccante e morbido al tempo stesso, e rispetto agli altri piatti provati quello meno leggero.

---------------------- 

 Si dice che i sushi debbano essere eseguiti dagli uomini perché il calore delle palme delle loro mani permetterebbe di modellare al meglio il riso.  Nulla da eccepire se poi, degustando un nagiri,  si è in grado di riconoscere se il riso è stato modellato da mano femminile o maschile. Però, di fatto, da Yuzu, piccolo ristorante in zona  Porta Romana, Yoko, la signora che lo gestisce, formatasi alla scuola di cucina di Tokyo ed ex allieva di Nobu, prepara un sushi tra i migliori della città.

 

E’ da anni che lo frequentiamo; sino a non molti mesi fa era piccolissimo  e quando si è ampliato, ma solo di pochi tavoli, per un momento temevamo che la qualità potesse risentirne, ma  il “motore” della cucina, e soprattutto del bancone  del sushi, si è adeguato ai nuovi ritmi. Yuzu è il nome di un agrume giapponese che Yoko ama particolarmente e ne fa speso uso per profumare i piatti. Se si è soli, meglio sedersi al bancone per ammirare la chef e farsi incantare dalla sua gestualità mentre affetta il pesce e modella i suoi piatti griffati. Il  panorama della ristorazione nipponica milanese vede ristoranti stellati e altri sicuramente molto vicini alla stella, che producono piatti di un livello decisamente elevato a prezzi adeguati. Yuzu, rispetto a questi, è più una “trattoria”, ma con alcune proposte sicuramente superiori alla media.

 

Per esempio il sushi; nulla a che vedere con quello omologato che trionfa da più di vent’anni nei sushi bar più modesti e che si trova persino nei supermercati. Per questo motivo sino a non molto fa il sushi era il piatto da non ordinare: decisamente meglio il sashimi. Ora però l’alta ristorazione giapponese propone sushi che sono tanti pezzi di cucina compiuti, piccoli capolavori, preparati con ingredienti di prim’ordine che talvolta comprendono  anche carne Wagyu o Angus, ciascuno condito  con una propria salsa e con  il riso dosato quanto basta, giustamente condito. Ovviamente i prezzi sono molto superiori a quelli dei sushi omologati, ma la differenza qualitativa è abbissale. Il sushi di Yuzu si avvicina più a quelli dell'alta ristorazione,  ma con prezzi da sushi bar  (24 euro) per cui è, per il rapporto prezzo qualità, forse il migliore di Milano. Come si può vedere anche dalla foto, si presenta in modo certamente diverso da quelli standard. Anche gli ingredienti sono selezionati: cappesanta cruda, gambero crudo, uova di salmone; alcuni pezzi, come  la ricciola, sono scottati con la fiamma del cannello e completano il repertorio alcuni urumaki alle uova di pesce.  Ogni pezzo ha una propria salsa, e in ogni caso un  proprio equilibrio di sapori.

Va ricordato anche il sashimi di Yuzu che si distingue da quello dei competitor sia per la qualità degli ingredienti, sia per il servizio su couche di ghiaccio.

 

Da Yuzu va provato anche il ceviche. Cosa c’entra un piatto della cucina peruviana? Degustandolo ci si accorge come sia diverso da quello tradizionale, senza però farlo rimpiangere. Si tratta di un piatto nikkei, dal nome della cucina peruviana interpretata dai giapponesi di seconda generazione residenti in Perù che si è fusa con quella locale dando vita a un filone fusion. Diego Muñoz è lo chef peruviano del ristorante Astrid y Gaston di Lima, considerato il migliore dell’America del Sud; prima  ha lavorato in Spagna da El Bulli, tanto per citarne uno. Muñoz spiega che una volta il ceviche era preparato la sera prima mentre ora si realizza al momento grazie alla ricerca del sapore del pesce stesso non falsato dalla marinatura, ed è questo, precisa, l’apporto della cucina nikkei. A corroborare quanto detto in occasione di Expo, Muñoz a Identità Expo ha preparato un menu che comprendeva un ceviche  realizzato in questo stile. Quindi da Yuzu si può provare il nippo-ceviche, sempre con un rapporto qualità prezzo abbordabile (16 euro). Una cena che comprenda tre portate costa mediamente da 50 a 60 euro bevande escluse. 

1

2

3

4

5

Indirizzo : via Lazzaro Papi 2 Milano
Telefono : 02.87087152
Articoli Simili
I più letti del mese
ROMA FILM FESTIVAL: JEROBOAM BOTTEGA GOLD IN OMAGGIO A FRANCO NERO
Il 12 dicembre il XXI Roma Film Festival dedicherà un omaggio speciale a Franco Nero. L’evento si terrà a Roma, presso il Teatro Blasetti del Centro Sperimentale di Cinematografia, alla presenza dei massimi rappresentant... Leggi di più
CINQUE RUM CHE VALE LA PENA CONOSCERE | MILANO RUM FESTIVAL
Abbiamo scritto del Milano Rum Festival qui. Siamo stati per voi a degustare alcune referenze e di quelle provate cinque riteniamo che siano vivamente consigliabili. Severin  dalla Guadalupa, tra i rum della casa abbiamo... Leggi di più
AGOSTO AI GIARDINI PAPRIKA E CANNELLA: DELIZIE MEDITERRANEE CON UN TOCCO DI SARDEGNA
Per la prima volta il celebre ristorante di zona porta Venezia, ritrovo modaiolo e della” Milano bene”, rimane aperto tutto agosto per soddisfare i palati più esigenti che rimangono in città.  Una gradita sorpresa per l... Leggi di più
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
MANI IN PASTA APRE IN VIALE MONZA
Di Mani in Pasta abbiamo scritto qui. Ora influencer e pubblico a partire dalle ore 20 affolleranno l’evento del 29 Maggio dalle ore 20,00 da Mani in Pasta nella nuova sede in viale Monza 258 a Milano, dove, tra ar... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.