08mar 2019
EUROPA, DOVE LA QUALITÀ È DI CASA | I VINI ALTOATESINI (1/2)
Articolo di: Fabiano Guatteri

I prodotti dell'Alto Adige sono a tutti noti per l’elevato profilo qualitativo e la genuinità. Alcuni di questi sono contraddistinti dai marchi di qualità europei che permettono ai consumatori di risalirne all’origine e verificarne la qualità.
In particolare, nell’ambito della campagna “Europa, dove la qualità è di casa” finanziata con l’aiuto dell’Unione Europea sono promossi:

Vini Alto Adige DOC, Mela Alto Adige IGP, Speck Alto Adige IGP e Formaggio Stelvio DOP, è stato organizzato un evento a Milano presso Sonia Factory a Milano dedicato alla stampa. L’incontro ha avuto due momenti focali, ossia la degustazione di 12 vini, quindi la presentazione dei prodotti. Parleremo di questi in una successiva puntata che potete vedere qui, mentre ora ci dedicheremo ai vini.

 

La storia della viticoltura della regione è sicuramente antica considerato che si fanno risalire al cinquecento a. C. i reperti di arnesi impiegati in viticoltura e per la lavorazione in cantina.

 

I vigneti altoatesini radicano ad altitudini comprese tra 220 e 1300 metri in una condizione climatica ideale per la viticoltura, in quanto il respiro mediterraneo e il clima alpino si fondono in un ambiente protetto dai venti freddi del nord dalla barriera dolomitica. Vi sono vitigni come il pinot bianco e il pinot nero che possono essere coltivati alle altitudini più elevante, mentre altri, come il lagrein preferiscono altezze meno accentuate. Sono 5500 ettari vitati che impegnano più di 500 vignaioli.

 

Si tratta di una straordinaria parcellizzazione del territorio vitato che rende la viticoltura locale teatro di una competizione virtuosa tra piccoli vignaioli che porta alla continua ricerca della qualità. Si contano venti varietà di uve che godono di una certa diffusione, e di queste sono sei quelle su cui i produttori stanno puntando negli ultimi anni, ossia pinot bianco, sauvignon, gewurztraminer, schiava, lagrein, pinot nero. Sono tutti vitigni che generano vini di elevata qualità:

 

il pinot bianco rappresenta l’Alto Adige in maniera paradigmatica e si presenta diverso, in tantissime possibili formeanche perché è allevato dalle zone più basse sino alla valle Venosta ad altitudini importanti;

 

i vini prodotti con uve  sauvignon meritano di entrare nel novero dele migliori produzioni a livello internazionale, con una caratterizzazione aromatica che li differenziano dai Sauvignon della Loira, della Nuova Zelanda e del Collio;

 

il gewurztraminer è il vitigno vessillo del territorio; 

 

la  schiava, nonostante la sua estensione vitata stia diminuendo costantemente perché è un vitigno non facile, dà vita al vino rosso più caratteristico, più affascinate. Nei vini da uve schiava si avverte in maniera imprescindibile l’appartenenza al proprio territorio e tutte le caratteristiche dei vini rossi di montagna;

 

per quanto riguarda i vini prodotti con uve pinot nero, tolta la Borgogna e qualche zona della Germania, sono quelli che godono di maggiore reputazione; 

 

il lagrein è il vitigno per eccellenza del territorio, anche il più antico, ed è affascinante a suo modo perché è all’opposto della schiava e del pinot nero: mentre i primi due si muovono sulle sensazioni più sottili del frutto, sui dettagli, sulle sfumature, il lagrein è il vitigno della forza, della potenza della concentrazione, della densità ed è molto interessante che nella stessa regione, a poca distanza gli uni dall’altro si possano esprimere rossi così diversi.

 


I vini degustati


Sono stati presentati sei vini bianchi (foto 2) e sei rossi (foto 3). 

 

Pinot bianco Langenfeld 2017 Pfischer  (foto 4)
affinato in acciaio è agrumato, teso, vibrante; forte e sapido ricorda agrumi e frutti a polpa bianca con mela non troppo matura


Pinot bianco Riserva Passion 2016 Cantina San Paolo (foto 5)
affinato in legno, è mediterraneo, generoso, buona densità


Sauvignon Mervin 2017 Cantina Merano (foto 6)
affina in legno e in acciaio. E’ complesso e strutturato ed è tutto un frutto: pesca, pesca noce e anche passion fruit

 

Sauvignon 2016 Bergkellerei Passeier (foto 7)
affina in legno e ha caratteristiche simili ai francesi come il Sancerre, con impatto segnatamente agrumato, pompelmo rosa, kumquat; risetto al Mervin ha maggiore verticalità e tensione, al palato mostra notevole profondità con attacco morbido.

 

Gewurztraminer Nussbaumer 2017 Cantina Tramin (foto 8)
è un vino che si può dimenticare in cantina per anni

 

Gewurztraminer Riserva Brenntal 2016 Cantina Kurtatsch (foto 9)

Possiede note floreali, agrumate e ricordi di frutta tropicale

 

Lago di Caldaro classico superiore Quitessenz 2017 Cantina Kaltern (foto 10)
più morbida mediterranea, tannino vellutato e setoso, e di grande equilibrio

 

Santa Maddalena Classico Huck am Bach 2017 Cantina Bolzano (foto 11)
più verticale, del Caldaro è più minerale con nuance ferrose

 

Pinot Nero Turmof 2017 Tiefenbrunner (foto 12)
Assemblaggio di più pinot nero; a livello varietale molto significativo, molto maturo, mediterraneo, espansivo.

 

Pinot Nero Burgum Nocum 2015 Castelfeder (foto 13)
Uno dei più significativi Pinot, prodotto in una zona vocata con uso del legno particolarmente precisa. Possiede complessità eccezionale, ed è viscerale.

 

Lagrein Kristan 2017 Tenuta Egger-Ramer (foto 14)
Potente ricchezza, note balsamiche, vino artigiano, affinato in barrique: ha forza, ricco di spezie scure, liquirizia, mora.

 

Lagrein Tor di Lupo 2015 Cantina Andriano (foto 15)
frutta rossa molto matura, fresco, tannico, speziato e nota di resine.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

Articoli Simili
I più letti del mese
ROMA FILM FESTIVAL: JEROBOAM BOTTEGA GOLD IN OMAGGIO A FRANCO NERO
Il 12 dicembre il XXI Roma Film Festival dedicherà un omaggio speciale a Franco Nero. L’evento si terrà a Roma, presso il Teatro Blasetti del Centro Sperimentale di Cinematografia, alla presenza dei massimi rappresentant... Leggi di più
CINQUE RUM CHE VALE LA PENA CONOSCERE | MILANO RUM FESTIVAL
Abbiamo scritto del Milano Rum Festival qui. Siamo stati per voi a degustare alcune referenze e di quelle provate cinque riteniamo che siano vivamente consigliabili. Severin  dalla Guadalupa, tra i rum della casa abbiamo... Leggi di più
AGOSTO AI GIARDINI PAPRIKA E CANNELLA: DELIZIE MEDITERRANEE CON UN TOCCO DI SARDEGNA
Per la prima volta il celebre ristorante di zona porta Venezia, ritrovo modaiolo e della” Milano bene”, rimane aperto tutto agosto per soddisfare i palati più esigenti che rimangono in città.  Una gradita sorpresa per l... Leggi di più
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
MANI IN PASTA APRE IN VIALE MONZA
Di Mani in Pasta abbiamo scritto qui. Ora influencer e pubblico a partire dalle ore 20 affolleranno l’evento del 29 Maggio dalle ore 20,00 da Mani in Pasta nella nuova sede in viale Monza 258 a Milano, dove, tra ar... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.