10lug 2019
RUN THE MIX: IL BARTENDER E L’ESTETICA DEI COCKTAIL
Il mondo della mixology cambia: ai bartender non è più richiesta solo la capacità di riprodurre cocktail codificati
Articolo di: Michele Pizzillo

Con il nuovo talent dedicato al mondo della mixology, Run The Mix, Pernod Ricard ha scoperto il bartender contemporaneo, praticamente fatto di “teoria e pratica, ricerca e intuizione, abilità e spiccato senso estetico, estetica dei cocktail, esplorazione interdisciplinare e sensibilità, creatività e capacità di emozionare”.

 

E i bartender contemporanei, cavalcare la nuova tendenza dell’healthy e sostenere i giovani mixologist. Con un percorso sviluppato in 3 fasi, la prima parte di educational finalizzati al consolidamento della propria preparazione e alla realizzazione di un signature cocktail healthy realizzato con i prodotti Pernod Ricard (Jameson, Chivas, The Glenlivet, Absolut. Vodka, Havana Club, Beefeater, Plymouth, Monkey, Altos e Ramazzotti), con un massimo di 7 ingredienti di cui 2 home made. Fra tutti i partecipanti i 3 brand expert Pernod Ricard hanno selezionato i 5 componenti della propria squadra a rappresentare il nord, il centro e il sud Italia. In ogni squadra doveva esserci un bartender sotto i 30 anni. La terza fase - Let’s Get Togheter – ha richiesto una giornata per definire la strategia vincente sotto la guida del proprio capitano e l’assistenza del proprio guest bartender.


Il resto l’ha fatto il tempo di esecuzione, l’estetica del cocktail, l’arte del garnish, la gestualità e la coreografia del bartender, il gusto e l’aroma, il food pairing ‘azzeccato’, la capacità di relazione ed empatia, la conoscenza del bartending, lo storytelling.

 

E, una giuria insolita (foto 1 la giuria con, nel centro, i Southern Runners ), attenta, esigente, precisa, che ha messo a dura prova i concorrenti pressandoli sotto diversi punti di vista (composta da Francesco Cione, bar manager dell'Octavius di Milano per valutare la tecnica; Marco Sacco, chef stellato patron del Piccolo Lago di Verbania, per giudicare la capacità di sorprendere, esaltare e divertire attraverso il food pairing; Lucia Stragapede fondatrice di Pastichéri, esperta di ‘vendere’ e fidelizzare il cliente; Nelum Francesca Caramini e Gabriele Litta drink stylist titolari di Fluffer Studio per decidere sulla bellezza della presentazione e l’armonia fra estetica e gusto; Alberto Vaccaro, coach certificato dalla World Association of Business Coaches che ha valutato l’empatia con il cliente e la capacità di relazione), a decidere il vincitore del primo Run The Mix che si è svolto presso IT Milano, fra le tre squadre finaliste: Nordic Runners, Middle Runners, Southern Runners che non si sono risparmiate, mettendo in campo un’agguerrita strategia per conquistare l’unconventional jury della 1° edizione del talent Run The Mix di Pernod Ricard.


E’ stato il team Southern Runners (foto 2) a dimostrare di eccellere in tutti questi aspetti che concorrono a definire la poliedrica figura del bartender contemporaneo: Riccardo Russo e Ugo Acampora da Napoli, Giuseppe Milillo da Giovinazzo e i due under 30 Luigi Rosario Grasso da Catania e Giovanni Maffeo da Lecce si sono così aggiudicati l’onore della vittoria del primo talent alla ricerca del nuovo bartender e l’ambito viaggio a Londra alla scoperta del mondo Beefeater e dei locali più cool londinesi dal punto di vista della mixologist. Un team che ha strappato gli applausi attraverso una storia intensa e leggera.

 

Forma e sostanza raccontate tramite un’iconografia sofisticata e pulita, concettuale, avvincente e facilmente decodificabile. Una drink list incentrata sul concetto di tempo sviluppato attraverso tre cocktail rappresentati da tre uccelli icona della giovinezza, dell’adolescenza e della maturità: il Colibrì (foto 3), il Punk (foto 4) e la Civetta (foto 5).

 

Così la giuria ha deciso con le seguenti motivazioni: la perfezione della semplicità del food pairing (Marco Sacco), la potenza evocativa, l’eleganza della presentazione e la bellezza cromatica arricchita da un garnish equilibrato e d’appeal (Fluffer Studio), l’apertura verso il cliente resa concreta dalla libertà data alla giuria di scegliere il proprio cocktail (Alberto Vaccaro), l’abilità tecnica unita al calore e alla passione (Francesco Cione), l’essere un collettivo’ coeso di idee, stili, conoscenze e skills strategiche (Lucia Stragapede).


Ogni team, comunque, ha dimostrato di avere le carte in regola per imprimere una svolta innovativa alla professione del bartender ed essere artefice di un percorso all’avanguardia. Il Nordic Runners, per esempio, si è distinto per la creatività ispirandosi ai dipinti dell’ Arcimboldo per dare vita al visionario BARcimboldo, dove ogni cocktail e il rispettivo food pairing si sviluppava intorno a un ingrediente declinato in varie forme. Il team Middle Runners si è concentrato sul valore simbolico e narrativo degli ingredienti, dall’aneto considerata l’erba che infondeva coraggio ai gladiatori alla camomilla fiore magico capace di fare innamorare e portare fortuna.


Drink List del team Southern Runners

 

1) Colibrì
40 ml di Absolut Elix, 20 ml succo di pompelmo rosa, 5  ml sciroppo di zucchero, 15 ml panna fresca alla mandorla, 15 ml Mole Poblano homemade, 10 ml albume pastorizzato, 2 gocce di acqua di fiori d’arancio, Soda. 
Garnish: grattugiata di cioccolato 
Come finger food: polpetta pollo alla mandorla con Mole Poblano e  pomodoro secco

 

2) Punk
40 ml di Altos Tequila infusa alla banana, 20 ml di gin Monkey 47, 100 ml di acqua di anguria cotta sottovuoto con timo limonato e santoreggia, 20 ml succo di limone.
Garnish : chips di banana
Come finger food: coulis di anguria, mousse di yogurt salato aromatizzato al timo limonato e chips di banana disidratata.

 

3) Civetta
4cl Jameson Black barrel, Fake Vermouth di cabernet, 2 gocce di Angostura, 3 gocce di Pernod, Profumo di rabarbaro sul finale, Zest di limone.
Garnish: timo, Stir & strain attraverso polvere di caffè in tumbler basso con chunk cubo.
Come finger food: cioccolato fondente con sale maldon e chutney di albicocche.

1

2

3

4

5

Articoli Simili
I più letti del mese
LA “LOCANDA NERELLO” A ZAFFERANA ETNEA RIPARTE DALLA TRADIZIONE
La stagione 2018 ha segnato un nuovo inizio per la “Locanda Nerello”, il ristorante del Relais Monaci delle Terre Nere di Zafferana Etnea che abbiamo raccontato qui.   Cambio della guardia in cucina con l&r... Leggi di più
PROGRAMMA WINTER EDITION 2018 IN ALTA BADIA
Di Care’s edizione invernale in Alta Badia, abbiamo già scritto qui.  Ora presentiamo il programma completo ufficiale. PROGRAMMA WINTER EDITION 2018 14-17 Gennaio 2018, Alta Badia Alta Badia 2018 - CARE’s &... Leggi di più
Brunch purché all’Aceto Balsamico di Modena
Il Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP ha organizzato un educational presso l’hotel Best Western Galles di Milano per spiegare innanzitutto cosa sia l’Aceto Balsamico di Modena Igp, quindi quali siano i mig... Leggi di più
NATALE A MILANO: FESTA DI LUCI, COLORI, MUSICA
Chi non avesse ancora esaurito di stupirsi di ciò che offre Milano in questo momento, sappia che in città fervono i preparativi per rendere più attrattivo il Natale, già ricco di eventi diffusi: dalle note della Madama B... Leggi di più
APPUNTAMENTO NATALIZIO A PALAZZO MARINO CON LA “SACRA CONVERSAZIONE 1520” DI TIZIANO
L’arte è di casa a Palazzo Marino e il tradizionale appuntamento di Natale alla sua decima edizione, lo conferma. E’ arrivata in Sala Alessi la splendida opera di Tiziano, proveniente dalla Pinacoteca Civica ... Leggi di più
ARMONIE VERDI | A VERBANIA UNA MOSTRA SUI PAESAGGI DALLA SCAPIGLIATURA AL NOVECENTO
Nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, il Museo del Paesaggio di Verbania, che ha sede nello storico Palazzo Viani Dugnani di Pallanza, riapre la stagione primaverile con la suggestiva mostra Armonie verdi. Pa... Leggi di più
SEEDS&CHIPS SIGLA UN ACCORDO STRATEGICO CON EAT FOUNDATION
Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit sigla un accordo di partenariato strategico con EAT Foundation.  Seeds&Chips e EAT Foundation hanno siglato un accordo di partenariato strategico per supportare il passagg... Leggi di più
“MILANO VISTA MARE” ! PIER 52, QUANDO A MILANO SI VEDE IL MARE

Pier 52 ristorante a vocazione ittica di cui abbiamo più volte scritto, ha organizzato per mercoledì 14 marzo la serata Plateau Royal (vedi foto), il cui nome lascia presagire  una prelibatezza che gli amanti delle crudi... Leggi di più
A MILANO, GRAZIE A HEINEKEN, LA BIRRA HA LA SUA UNIVERSITÀ
È nata lo scorso anno da un importante progetto del gruppo Heineken, il colosso multibrand leader del settore birrario, e qui si sono “laureati” già 960 studenti durante il 2018 e, viste le iscrizioni e le fr... Leggi di più
SURGIVA, COMPLICE DEL GUSTO: NUOVA IMMAGINE, STESSA QUALITÀ DI SEMPRE  
Il tratto inconfondibile di Surgiva reso più delicato da un effetto acquarello, la forma e la posizione dell’etichetta leggermente modificati sono gli elementi che valorizzano la nuova veste grafica dell’acqua trentina n... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.