05set 2020
IN VALPOLICELLA SARÀ UN’OTTIMA E COSTOSA VENDEMMIA
Articolo di: CityLightsNews

Produzione in calo e vendemmia più costosa: ecco, in estrema sintesi, come si profila la vendemmia 2020 in Valpolicella, prossima ad iniziare, meteo permettendo. 
Spiega meglio Daniele Accordini, dg ed enologo di Cantina Valpolicella Negrar, che conta 230 soci per oltre 700 ha di vigneti in prevalenza nelle colline della Valpolicella classica: "Tra la riduzione di resa produttiva del 20% voluta dal Consorzio e la perdita di circa il 5 per cento occorsa nelle zone pianeggianti con le grandinate, quest'anno la produzione sarà in forte calo e questo dovrebbe, il condizionale è d'obbligo di questi tempi, far salire il valore delle uve. Ma sarà più alto anche il costo della vendemmia, perché dovremo fare diverse raccolte scalari, a cui siamo abituati, ma a cui dovremmo ricorrere ancor più quest'anno per raccogliere le uve in perfetto grado di maturazione, difforme nelle varie zone e per vitigno. La qualità delle uve si presenta buona e, ancora una volta, la parte collinare della Valpolicella rimasta illesa dalla grandine potrà darci in questa vendemmia ottimi vini da lungo invecchiamento". 



 

L'annata. Sarà, quindi, una raccolta all'insegna della resilienza quella che si prepara ad affrontare la cantina cooperativa negrarese. Aggiunge Accordini: "L'anticipo iniziale è stato riassorbito dalle basse temperature della fase finale di maturazione, per cui siamo in perfetto accordo con il calendario della raccolta in Valpolicella, quest'anno previsto verso il 10 settembre. Dopo un periodo invernale asciutto, la ripresa vegetativa è stata segnata dalle piogge, mantenute nel periodo estivo con precipitazioni abbondanti che hanno reso necessaria una selezione molto accurata per mantenere alta la qualità".

 

La cernita delle uve per l'Amarone è, infatti, quella più difficile e deve essere fatta da persone in grado di svolgere bene il lavoro in tempi economicamente sostenibili, ma quest'anno reperire manodopera esperta è problematico, in quanto mancano i braccianti stagionali dell’Est europeo a causa delle normative legate all’emergenza Covid, a cui i soci stanno sopperendo con il ricorso a familiari e personale locale. 

Una vendemmia che non scorderemo mai, soprattutto per le note difficoltà sanitarie, lavorative, sociali e produttive derivate dalla pandemia e tra cui anche i viticoltori hanno dovuto districarsi.

 

Se poi si aggiungono eventi meteo, sempre meno a carattere eccezionale, come quelli occorsi quest'estate nel Veronese, lo spirito di resilienza a cui gli agricoltori sono già avezzi dovrà essere ancor più esercitato quest'anno. "Occorre assorbire i colpi senza rompersi, resistere e cercare di fare sempre meglio, perché è in frangenti come questi che si vede la solidità di persone e aziende", è l'invito rivolto via video da Renzo Bignignoli, presidente di Cantina Valpolicella Negrar, ai soci che in questi giorni si stanno preparando alla vendemmia. 

1

Articoli Simili
I più letti del mese
ALTA BRIANZA DA SCOPRIRE, IL RED’S HOTEL È LA BASE IDEALE
Il nome richiama subito il colore più caldo e passionale dello spettro, declinato in lingua inglese e in effetti il “tocco di rosso” negli ambienti di questo curatissimo quattro stelle c’è. Ricorre negl... Leggi di più
PERSECCO RONER, BEVANDA ANALCOLICA PÉTILLANT
Pere Williams e bollicine per un frizzante aperitivo analcolico!  Dici Roner,  dici pere Williams! E da 70 anni di amore per questo frutto dolce e succoso nasce Persecco: una novità di prodotto dall’ispirazione fus... Leggi di più
BOTTEGA BRERA | IL NUOVO DESIGN E BOOKSHOP NEL CORTILE D’ONORE DEL MUSEO
Con grande entusiasmo e passione James Bradburne, direttore generale della Pinacoteca  e della Biblioteca Braidense, affiancato da Massimo Vitta Zelman, patron di Skira Editore, ha presentato in conferenza stampa la nuov... Leggi di più
CANTINA PRODUTTORI ERBALUCE DI CALUSO: LA COOPERATIVA È UNA COSA SERIA
E’ un squadra che oggi conta circa 150 produttori riuniti nel 1975, si tratta dei soci della Cantina Produttori Erbaluce di Caluso, quel vino bianco piemontese che fu il primo ad ottenere la Doc nel 1967 e dal 2010... Leggi di più
LA PATATA DI BOLOGNA D.O.P. SANA E SOSTENIBILE, TUTTA NATURALE!
La Patata di Bologna D.O.P. è un prodotto d’eccellenza dalle qualità organolettiche eccezionali. Virtuosa per natura, è una patata sana e sostenibile, perfettamente in linea con i trend e gli stili alimentari attua... Leggi di più
IL BUONO IN TAVOLA: IN SANT’EUSTORGIO I PRODOTTI AGRICOLI LOMBARDI
Il Buono in TavolaBuono in Tavola, da martedì 16 Gennaio ritorna a Milano all’ombra della Basilica di Sant’Eustorgio con il meglio della produzione agricola lombarda a chilometro “vero”.  Tra le n... Leggi di più
EL GRAN BURGHER DE MILÀN, NEL MENÙ DE LE BICICLETTE
E adesso chi glielo dice alla famosa catena americana degli archi d'oro che ha preso d'assalto tutto il mondo con il suo famoso burgher? Si, perché a Le Biciclette - che sembra un angolo del newyorchese Red Rooster sui ... Leggi di più
DEBUTTI MILANESI: LA PIZZA IN TEGLIA ROMANA DI PIZZOTTELLA
In effetti è proprio la prima volta che a Milano si inaugura un locale dedicato solo all’autentica pizza in teglia romana, ossia Pizzottella, ed è proprio il caso di dire: “Era ora”!   Com’è pos... Leggi di più
BIG PEAT IN EDIZIONE LIMITATA PER IL NATALE 2015
Il Premium Islay Vatted Malt Scotch Whisky Big Peat, della Douglas Laing & Co., lancia sul mercato italiano la sua edizione limitata per le Festività Natalizie del 2015. Imbottigliato alla gradazione piena di 53,8 % vol... Leggi di più
BOCUSE D’OR: ANNUNCIATI I 4 CHEF CHE RAPPRESENTERANNO L'ITALIA
BOCUSE D’OR: annunciati a Milano i 4 chef che rappresenteranno l'Italia nella prossima edizione  Chissà lo stupore e l'orgoglio dei cuochi del Mugello e del gelataio di Urbino che Caterina de' Medici  portò in Fra... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.