13nov 2018
KANZI, NON CHIAMATELA SEMPLICEMENTE MELA!
Articolo di: Clara Mennella

In un mercato così ampio e spesso così generico come quello del comparto ortofrutticolo dedicato alle mele, non era facile trovare il modo per collocare una specifica qualità di mela facendo in modo che il suo nome si facesse ricordare. Basti pensare che le tipologie di questo frutto si contano in decine di migliaia e che i criteri di scelta del consumatore finale si basano su tantissime varianti che sono il colore, il gusto personale, le dimensioni, il prezzo e molto altro.

 

Detto questo, i produttori di mele Kanzi altoatesini si sono dati proprio questa mission; arrivare in cima alle preferenze del consumatore, fidelizzarlo e diventare la prima scelta, se non l’unica per una gran parte degli acquirenti. Per arrivare a questo obiettivo è stato intrapreso un percorso che parte dalla produzione, continua con la distribuzione ed arriva alla comunicazione che per la mela Kanzi punterà sul trasmettere le caratteristiche eccezionali di questo frutto in modo innovativo, moderno e che esprima gusto ed emozione.

 

Ma quali sono le caratteristiche della mela Kanzi? Al di là del contenuto di vitamine, zuccheri buoni e fibre, quelli che fanno la differenza sono il gusto e la consistenza. Croccante senza essere dura, dolce senza essere stucchevole, piacevolmente acidula senza aggredire il palato, succosa fresca e dissetante, con una buccia sottile che durante la masticazione si amalgama con la polpa senza separarsi in bocca e, mi raccomando, la Kanzi deve essere gustata per intero, senza sbucciarla, perché è garantita l’assenza di trattamenti con prodotti dannosi e perché così non perderete nessuno dei tanti nutrienti.

 

L’unicità delle Kanzi è anche il fatto che ogni mela è uguale all’altra, nel calibro, nel colore dalle marezzature rosso vivo e verde brillante e nel gusto, che si ritrova identico in ogni frutto di questo brand. Un risultato che le migliaia di appassionati agricoltori hanno ottenuto semplicemente assecondando la natura, controllando le necessità in termini di spazio, di irrigazione e raccogliendo le Kanzi al giusto grado di maturazione.

 

Per quanto riguarda la campagna di comunicazione, la musica sarà la grande protagonista; radio, stampa, social e Spotify, inoltre un grande concorso a premi che mette in palio 100 speaker Sony XB21 Bluetooth al quale partecipare rimuovendo il bollino adesivo dal frutto e controllando il codice  cliccando qui.

 

Ma perché le emozioni prendano il sopravvento sulle parole, le mele devono essere assaggiate, infatti è partito un tour itinerante nei punti vendita in giro per l’Italia, con degustazioni e sample, perché mai come in questo caso l’amore deve scattare al primo morso!

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
ACQUAVITE D’UVA ALEXANDER: LA REGINA DELL’ESTATE
Notizia Acquavite d’Uva Alexander è un distillato morbido e aromatico, che ha origine dalla distillazione degli acini gustosi e profumati di Uva Regina. All’olfatto si caratterizza per l’avvolgente sentore di frutta fre... Leggi di più
LE SELEZIONI DI FEUDI DI SAN GREGORIO
Le Selezioni di Feudi di San Gregorio: Luci e colori dell’Irpinia  per la tavola e per la casa. Sono Cutizzi, Pietracalda, Serrocielo e Aglianico Dal Re. Giallo, rosso, blu e viola. Un colore per ognuno dei vitigni... Leggi di più
L’AGLIO, DA SEMPRE, È CONSIDERATO UNA PANACEA
L’aglio, da sempre, è considerato una panacea: originario dell’Asia, veniva adoperato sia come alimento, sia come medicinale (antinfiammatorio e antibiotico). L’aglio bianco ha la buccia – detta ‘tunica’ – bianca, i bulb... Leggi di più
SAN VALENTINO: MOMENTI D’AMORE FIRMATI DEUTZ
L’unione di due cuori che si sublima come nell’unione delle migliori annate di vendemmia. L’armonia di due innamorati che si ritrova come nella cuvée equilibrata di tre grandi vitigni – Pinot Nero, Pinot Meunier e Chardo... Leggi di più
QUELLO CHE DA ROMAGNOLI NON TI SARESTI ASPETTATO
Romagnoli è una storica cantina picentina di Villò di Vigolzone, località vicina alla più conosciuta Grazzano Visconti. Sorta a fine Ottocento ha attraversato nel secolo sorso alterne vicende sino a ritrovare più recente... Leggi di più
THE DEVIL IN THE KITCHEN: LA VITA DANNATA DI UNO CHEF STELLATO
Marco Pierre White The devil in the kitchen La vita dannata di uno chef stellato.     “Potremmo scomodare Marshall McLuhan, la mediologia e pure inventare i gender studies culinari, ma trenta anni prima degli imberbi ... Leggi di più
JUST CAVALLI, I PIATTI INVERNALI E LA PROPOSTA DI SAN SILVESTRO
Un ristorante generalmente ci piace se risponde ad alcune imprescindibili caratteristiche ossia elevata qualità della cucina, ambiente confortevole e servizio attento. Sono tutti presupposti importanti perché ne bastereb... Leggi di più
RISTORANTE FLORA A BUSTO ARSIZIO: LA CUCINA NATURALE ABITA QUI
“Nella mia cucina il frigorifero è di norma praticamente vuoto e faccio un uso quasi zero delle tecnologie” il cuoco che mi parla così non è un anziano professionista d’altri tempi che non si è voluto a... Leggi di più
GAMBERI IN BISQUE GELATINATA, FOIE GRAS D’OCA
Cagnulari Muttos 2013 Isola dei Nuraghi igt
Il Cagnulari è un vitigno presente in una piccola zona della Sardegna la quale trova il proprio epicentro nel comune di Usini nel Sassarese, su colline calcaree di circa 200 metri di altitudine. Con queste uve viene prod... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.