21mar 2019
LA CUCINA DEI FRIGORIFERI MILANESI
Articolo di: Fabiano Guatteri

Le vetrate dei Frigoriferi Milanesi,  così come quella del loro ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi,  riflettono l’immagine dell’edificio di fronte sull’altro lato della strada (foto 1). Si coglie in modo evidente il carattere contemporaneo di questa struttura, non smentito dall’arredo che definisce l’interior del ristorante (foto 2). I Frigoriferi Milanesi comprendono più spazi tra cui la struttura liberty dell’ex Palazzo del Ghiaccio, sale espositive dall’architettura industriale e post industriale, spazi per eventi, riunioni, convegni, shooting fotografici, cene di gala, mostre.

 

Il ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi è molto attuale, con attenzione alle luci e agli arredi semplici e funzionali, con tavoli apparecchiati con tovagliette. I Frigoriferi Milanesi nel 2014 diedero in gestione questo spazio, su segnalazione di Slow Food, alla Trattoria del Nuovo Macello.

 

Uno dei due chef, Marco Tronconi, si trasferì qui in via Piranesi per sviluppare, in un luogo di cultura, arte, eventi, una cucina capace di dialogare con il contesto culturale del luogo. Pertanto realizzò una realtà gastronomica colta, piacevole e al tempo stesso pragmatica, immediata, non pretenziosa, sullo stile di quella del Nuovo Macello senza esserne la fotocopia, capace di elaborare una cucina italiana territoriale. Infatti i piatti regionali in carta, sono di fatto preparazioni che sono uscite dai propri confini territoriale per divenire nazionali, come l’ossobuco milanese, i carciofi alla giudia (quasi introvabili a Milano), la trippa, il baccalà mantecato... cui si uniscono preparazioni che non appartengono alla tradizione come il ricco club sandwich a pranzo, l’uovo cremoso, il pesce crudo.

 

In merito a quest’ultimo abbiamo provato la Tartare d’ombrina con rucola, salicornia, frutto della passione e sesamo (foto 3 e 4) a dir poco eccezionale per la sapidità del pesce mediterraneo, condita con discrezione per esaltare la bontà della polpa. Forse eccessiva la quantità di rucola, ma molto calibrata la presenza degli altri ingredienti, e la pennellata agrodolce trasmessa dal frutto della passione è magistrale.

 

La cucina, pur non volendo stupire, non rinuncia alla ricerca così da proporre con i croccanti Carciofi alla giudia un’insolita quanto apprezzata maionese di carciofi e pecorino (foto 5).

 

Alla Cucina, come i salumi sono di Marco D’Oggiono così la carne è della Macelleria Motta  e gli intenditori, o se si vuole i gourmand più informati, conoscono la reputazione di entrambi. Non abbiamo voluto resistere al Manzo stufato della Macelleria Motta, al Dolcetto d’Alba e purè di sedano rapa (foto 6). La salsa, a base di riduzione di fondo bruno, rende ancora più appagante e saporita la carne a sua volta tenera, morbida, ma soda (per intenderci non volutamente sfatta come quella dello stracotto), e il purè, grazie alle note garbatamente erbacee del sedano, permette di “resettare” il gusto tra un boccone e l’altro.

 

Di questa cucina abbiamo apprezzato il numero contenuto degli ingredienti utilizzati per l’esecuzione di ogni singolo piatto che a parer nostro è sinonimo di capacità culinaria e correttezza gastronomica. Ciò senza però rinunciare a qualche preziosismo come Il nostro profiterole con cremoso di ricotta/pistacchio, polvere di agrumi e salsa di cacao (foto 7 ) racchiuso in un guscio, una sottile sfera di zucchero, da rompere per godere del tripudio di dolcezze cremose e agrumate che riserva la portata.

 

Tutto ciò a prezzi abbordabili se si considera che i secondi piatti sono offerti a 16 euro, il menu degustazione vale 32 euro, e un piatto unico come il tradizionale Ossobuco con risotto croccante, è in carta a 22 euro. Va ancora detto che a pranzo si può scegliere il piatto del giorno: in un unico vassoio sono serviti antipasto primo e secondo, ovviamente in dosi da piatto unico, a 14 euro. Pertanto pur esprimendo la sera una cucina più elaborata, le scelte che presenta il menu per la pausa lavorativa sono più articolate dei soliti business lunch. Carta dei vini adeguata con ricarichi modesti.

1

2

3

4

5

6

7

Photo Credits

Photo 2 : http://www.lacucinadeifrigoriferimilanesi.it/gallery/
Indirizzo : Via Piranesi 10 Milano
Articoli Simili
I più letti del mese
ROMA FILM FESTIVAL: JEROBOAM BOTTEGA GOLD IN OMAGGIO A FRANCO NERO
Il 12 dicembre il XXI Roma Film Festival dedicherà un omaggio speciale a Franco Nero. L’evento si terrà a Roma, presso il Teatro Blasetti del Centro Sperimentale di Cinematografia, alla presenza dei massimi rappresentant... Leggi di più
CINQUE RUM CHE VALE LA PENA CONOSCERE | MILANO RUM FESTIVAL
Abbiamo scritto del Milano Rum Festival qui. Siamo stati per voi a degustare alcune referenze e di quelle provate cinque riteniamo che siano vivamente consigliabili. Severin  dalla Guadalupa, tra i rum della casa abbiamo... Leggi di più
AGOSTO AI GIARDINI PAPRIKA E CANNELLA: DELIZIE MEDITERRANEE CON UN TOCCO DI SARDEGNA
Per la prima volta il celebre ristorante di zona porta Venezia, ritrovo modaiolo e della” Milano bene”, rimane aperto tutto agosto per soddisfare i palati più esigenti che rimangono in città.  Una gradita sorpresa per l... Leggi di più
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
MANI IN PASTA APRE IN VIALE MONZA
Di Mani in Pasta abbiamo scritto qui. Ora influencer e pubblico a partire dalle ore 20 affolleranno l’evento del 29 Maggio dalle ore 20,00 da Mani in Pasta nella nuova sede in viale Monza 258 a Milano, dove, tra ar... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.