25set 2020
LA MAGNOLIA: IL FIOR FIORE DEGLI STELLATI DI FORTE DEI MARMI
Articolo di: Anna Buffa

Sembrava un’estate che non doveva mai arrivare e poi è sembrata un’estate destinata a non finire più. Complice un clima imperturbabilmente estivo la tendenza ci vorrebbe con i piedi in acqua e una granita di gelsi in mano.
Ma il piacere della cucina di classe sa essere ben più ammaliante ed eccomi, a settembre, seduta a La Magnolia, ristorante una stella Michelin del ben noto e lussuoso Hotel Byron a Forte dei Marmi.

 

Con il tavolo a bordo piscina è facile essere distratti dai giochi d’acqua dei bambini ospiti dell’hotel (questa sarà l’unica nota stonata del pranzo) ma il servizio puntuale e cordiale dello staff fa dimenticare anche questo minimo fastidio.

 

So bene cosa significhi ordinare un menu presso un ristorante stellato, e anche se la mia scelta ricade sul Quattro portate dal mare, so già che non saranno quattro.

 

L’apertura, infatti, è sancita da Il mare d’inverno, una pietra con gelatina all’acqua di mare e acciuga marinata (da leccare!), radice con razza mantecata, cannolicchio alla brace e alghe, salicornia in tempura (01). Una presentazione impattante sia per i colori del mare che si fondono tra ingredienti e piatto sia per il sapore sapidamente salino, nell’unico senso possibile: quello marino.

 

Vengo poi riportata alla realtà da una pizzetta fritta al momento (foto 2), calda ed elastica come Napoli comanda. Ma del resto, lo chef Cristoforo Trapani è campano e le sue origini sono presenti in ogni piatto che porta la sua firma. Come è giusto che sia.

 

Il seguito, poi, per un’amante dei panificati come me, è sublime: una calda pagnotta ai cereali con semi, focaccina al miele di spiaggia (la cui scoperta è valsa per me l’intero pranzo!) (foto 3) e grissini fragranti lunghi e affusolati a farmi compagnia per tutto il pranzo. Il burro è ovviamente di malga, leggermente salato, come tutti quelli buoni buoni.

 

Inizia solo adesso il menu vero e proprio e quindi mi viene servito il polpo, morbidissimo!, con ketchup di pomodoro San Marzano, aioli e lattuga giaccata (foto 4).

 

Ma non faccio in tempo a saziarmene che arriva, come intermezzo, una splendida proposta dello chef: carciofo violetto di Schito, lardo di Colonnata, spugna di aglio e prezzemolo (foto 5), una proposta azzardata ma azzeccata in quanto l’affumicatura arrogante del carciofo ha ripulito il palato dal mare del polpo e lo ha preparato alla nota limonosa del primo che è seguito.

 

Infatti, gli spaghetti con cannolicchi, salsa di ostriche e buccia di limone (foto 6) riportano alla Campania dello chef, con un’armonia e un piacere che non sa mai di eccesso.

 

Il trionfo della bellezza nel piatto si ha poi con la triglia, cime di rapa, peperone, cacciucco e arancia (foto 7), un Mirò gastronomico armonico tanto nel piatto quanto in bocca.

 

Vorrei chiudere con un caffè e ringraziare, ma che senso avrebbe alzarsi senza mangiare la torta di mele annurca con crema di annurche, crema al latte e gelato al caramello salato (foto 8 e 9), introdotta da un pre-dessert come i rigatoni fritti con crema di bufala e marmellata di San Marzano con scaglie di bufala disidratata (foto 10)? Nessun senso, e infatti mangio tutto.

 

Adesso è davvero il momento del caffè, ma non mi lasciano andare senza un ultimo boccone, anzi due, di napoletanità: sfogliatell-ina e ciambell-ina (fritta) (foto 11).

 

Un pranzo in Versilia che mi ha catapultato in Costiera, ma mantenendo entrambe le anime vive e magnificamente amalgamate.

 

La Magnolia chiuderà da ottobre, ma a giugno 2021 sarò di nuovo in forma per gustare ancora altre proposte dello chef e della sua brigata.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

Indirizzo : Viale Repubblica 59 Forte dei Marmi
Telefono : +39 0584.787052
Articoli Simili
I più letti del mese
DEBUTTI MILANESI: LA PIZZA IN TEGLIA ROMANA DI PIZZOTTELLA
In effetti è proprio la prima volta che a Milano si inaugura un locale dedicato solo all’autentica pizza in teglia romana, ossia Pizzottella, ed è proprio il caso di dire: “Era ora”!   Com’è pos... Leggi di più
EL GRAN BURGHER DE MILÀN, NEL MENÙ DE LE BICICLETTE
E adesso chi glielo dice alla famosa catena americana degli archi d'oro che ha preso d'assalto tutto il mondo con il suo famoso burgher? Si, perché a Le Biciclette - che sembra un angolo del newyorchese Red Rooster sui ... Leggi di più
BOCUSE D’OR: ANNUNCIATI I 4 CHEF CHE RAPPRESENTERANNO L'ITALIA
BOCUSE D’OR: annunciati a Milano i 4 chef che rappresenteranno l'Italia nella prossima edizione  Chissà lo stupore e l'orgoglio dei cuochi del Mugello e del gelataio di Urbino che Caterina de' Medici  portò in Fra... Leggi di più
ABRUZZO PASSERINA SUPERIORE DOP FERZO 2016
L’Abruzzo enologico trova in Codice Citra  la realtà vitivinicola più rappresentativa. Fondata nel 1973 riunisce nove cantine sociali. Da pochi anni il Consorzio ha lanciato Ferzo, una nuova linea costituita da pic... Leggi di più
CHAMPAGNE E GELATO, APRE A MILANO IL CONCEPT STORE CERDINI & QUENARDEL
Può sembrare un accostamento insolito quello tra le bollicine francesi il gelato e i Macaron, eppure la Maison de Champagne J. Henri Quenardel, fondata a Ludes nel 1906, da molti anni proprio insieme con la famiglia Cerd... Leggi di più
BIG PEAT IN EDIZIONE LIMITATA PER IL NATALE 2015
Il Premium Islay Vatted Malt Scotch Whisky Big Peat, della Douglas Laing & Co., lancia sul mercato italiano la sua edizione limitata per le Festività Natalizie del 2015. Imbottigliato alla gradazione piena di 53,8 % vol... Leggi di più
FAUSTO MELOTTI: QUANDO LA MUSICA DIVENTA SCULTURA
Al castello di Miradolo l’11 novembre apre la grande mostra “Fausto Melotti. Quando la musica diventa scultura”, organizzata dalla Fondazione Cosso. Artista poliedrico, considerato uno dei protagonisti ... Leggi di più
A UN PASSO DAL CIELO (W LA MAFIA). ORA A MILANO
A un passo dal cielo è il terzo spettacolo della rassegna PALCO OFF: un'occasione per incontrare la Sicilia negli spettacoli, negli incontri e nelle degustazioni di cibi e vini nei giorni 27, 28, 29 gennaio 2017   Aldo... Leggi di più
TARASSACO: POTENTE DEPURATIVO, AMICO DEL FEGATO
Il tarassaco è chiamato anche dente di leone, soffione o insalata matta: si tratta di una pianta erbacea che cresce spontaneamente nei prati dalla primavera e per molti mesi dell’anno, e che difficilmente viene coltivata... Leggi di più
LA MAISON POMMERY FESTEGGIA IL SUO 10° CHEF DE CAVE
La grande opera di Thierry Gasco, che dal 1992 fino ad oggi ha donato alla Maison Pommery un eccezionale livello per i suoi Champagne, sta per concludersi. Per il prossimo futuro, Gasco sarà ancora il grande regista, a f... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.