10giu 2018
LA SORPRENDENTE QINTESSENZ, KELLEREI-KALTERN IN DEGUSTAZIONE A MILANO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Kellerei-Kaltern, la Cantina di Caldaro di cui abbiamo detto qui  e qui, produce più linee di vini tra cui  che rappresenta il top di gamma della maison ed è l’essenza della cantina stessa. Rappresenta l’equilibrio tra i vitigni nobili localmente allevati e il miglior terroir, termine che comprende non solo l’ambiente, ossia il terreno, il clima, le condizioni naturali chimiche e fisiche, ma l’intervento dell’uomo. Solo le migliori uve dei vitigni pinot bianco, sauvignon, schiava, cabernet sauvignon, moscato giallo sono destinate a Quintessenz. Grande importanza è data all’uva schiava, vitigno autoctono qui destinato alla produzione del Kalterersee (Lago di Caldaro). Questo rosso ha conosciuto negli anni  un’evoluzione qualitativa in quanto da vino da tavola, è ora diventato una reputata etichetta doc. E’ oggi in sintonia con il gusto attuale in quanto che predilige vini di beva più leggera rispetto al passato.

 

Andrea Moser, enologo della Kellerei-Kaltern di Caldaro, ha presentato presso il ristorante 28 Posti Bistrot di Milano, la collezione Quintessenz, presente Tobias Zingerle, il direttore generale della Cantina (nella foto 1 rispettivamente a destra e a sinistra). 

Ai giornalisti presenti ha proposto le cinque referenze in altrettanti flight alla cieca, ossia con bottiglie bendate, ciascuno dei quali di tre vini. Ad accompagnare le etichette della cantina, sono state selezionate, per affinità, referenze nazionali e internazionali così da stimolare un gioco di confronti.

 

Facendo riferimento unicamente alle etichette della casa atesina, la prima a essere presentata è stata Pinot Bianco Doc 2016 (foto 2); dopo la pigiatura lenta il mosto non filtrato fermenta in botti di rovere di 500 litri e in botti grandi per 10 mesi sur lie. Alla degustazione presenta colore paglierino luminoso con riflessi verde chiaro, il profumo è fruttato, con sentori di mela golden, melone oltre che nuance erbacee. Il sapore è sapido, pulito, consistente con giusta acidità. 

 

Il Sauvignon Doc 2016 (foto 2), prodotto con le stesse modalità del Pinot Bianco possiede colore intenso con rifllessi verde chiaro; il profumo è ampio, si colgono le caratteristiche tipiche del Sauvignon, pesca gialla, mela golden oltre a piacevoli ricordi di piccoli frutti come il ribes nero. In generale, degustando vari Sauvignon, non sempre  abbiamo trovato una corrispondenza tra ciò che il vino promette all’olfatto e quanto rivela al gusto in quanto può succedere che sia più “corto” rispetto alle aspettative. Quintessenz, invece, mantiene le promesse: in bocca è ricco, si colgono le nuance fruttate già recepite odorandolo, oltre a possedere note minerali, sapidità e lungo, suadente finale.

 

Il Kalterersee Classico Superiore Doc 2017 (foto 4) è prodotto con uve schiava fatte macerare sulle bucce per 10 giorni a 25 gradi di temperatura; il vino è poi affinato in vasche di cemento e grandi botti per sei mesi sur lie. Alla degustazione possiede colore rosso rubino; il profumo è caratteristico di piccoli frutti che comprendono la ciliegia, il lampone, la fragola con spiccata nota di mandorla. In bocca è intenso, morbido, rotondo, frsco con note fruttate e con tannini soffici così da poter essere servito fresco di cantina.

 

Il Cabernet Sauvignon Riserva 2015 è prodotto facendo macerare il pigiato per 4 settimane in botti di rovere; il vino è successivamente affiato per 18 mesi in barrique delle quali il 50 % nuove. Possiede colore rosso rubino intenso; il profumo è speziato, con sentori di cannella, piccoli frutti, sottili nuance erbacea e di liquirizia. In bocca è armonico, giustamente tannico, rotondo, con ricordi di cacao, tabacco e ancora liquirizia nel finale.

 

Il Passito Doc 2014 è prodotto con uve moscato giallo vendemmiate tardivamente, quindi fatte appassire in fruttaio per 5 mesi. La pressatura è avvenuta in marzo e la maturazione del vino si è protratta per 24 mesi in tonneau. Di color giallo oro, profuma di frutta estiva matura, oltre che di frutta tropicale come mango e frutto della passione. In bocca è mieloso, suadente, e ripropone note di frutta tropicale già avvertite; notevole la persistenza.

 

Abbiamo chiesto a Andrea Moser quale sia il vino più rappresentativo che propone quest’anno. “Nella linea Quintessenz, che è la novità della  Kellerei-Kaktern, il vino che rappresenta meglio il nostro territorio e la nostra immagine è il Kaltarersee prodotto con uve schiava al 100 per cento. E’ un vino fruttato, elegante, fresco che dà una grande piacevolezza di beva.” 

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
LAMBRUSCO METODO CLASSICO CANTINA DELLA VOLTA 2009,7 ANNI SUI LIEVITI
Nasce DDR 2009, sette anni sui lieviti per il nuovo Lambrusco Metodo Classico di Cantina della Volta. È l’ultima creazione di Christian Bellei, un metodo classico da uve Lambrusco di Sorbara in purezza che riposa p... Leggi di più
SERATA GOURMET DEL RISTORANTE ACANTO CON I VINI ROCCA DEL FRASSINELLO
Nuovo appuntamento con le Serate Gourmet del ristorante Acanto: mercoledì 22 novembre è di scena la prestigiosa cantina toscana Rocca di Frassinello.
Il progetto Rocca di Frassinello è nato da un’idea molto semplic... Leggi di più
AL MUSEO D’ARTE MENDRISIO IN MOSTRA LE OPERE DELLA SCULTRICE FRANCA GHITTI
Il Museo d’Arte Mendrisio (CH) ha dato il via al programma di primavera con la mostra Franca Ghitti scultrice, dedicata alle opere scultoree di questa artista nata in Val Camonica, a cura di Barbara Paltenghi Malac... Leggi di più
ACCIUGHE DEL MAR CANTABRICO SALATE SOTT’OLIO
TÀSCARO, A MILANO È UN ATTO D’AMORE
Sandra ha realizzato Tàscaro per lei e suo padre, ma ancheper raccontare la sua regione d'origine e soprattutto la cucina veneziana, per ricordare la nonna paterna Edera che oggi è comunque con lei in tutte le piccole ed... Leggi di più
GIOVEDÌ 13 LUGLIO: ROSMARINO FREGENE-FISH SOUND SYSTEM
Don Pasta e Pasquale Torrente straordinariamente insieme per una serata – spettacolo sulla spiaggia di Rosmarino Fregene
Vinili vs Padelle... 
Alici vs Polpi...Otranto vs Cetara a Fregene.. 

Giovedì 13 luglio, DON... Leggi di più
TRA BOBBIO E CASTELL’ARQUATO, LA POMPEI DEL NORD | TRA BALENE E VINO
Bobbio di cultura, Castell’Arquato la Pompei del Nord, e ovunque il buon vino. Castell’Arquato, la Pompei del Nord, dove sono stariritrovati reperti fossili di Alee e rinoceronti, ed è terra di buon vino.   ... Leggi di più
RIBOTTA VIGNA DU BERTIN CARLOFORTE, LA STORIA DI UNA TERRA
E’ quasi mezzogiorno, il terreno pietroso e argilloso è stato preparato per la vigna con un lavoro faticoso per la quantità di massi mischiati superficialmente e in profondità.Ora la vigna pettinata, figura come un... Leggi di più
LE FOTO DEI PIÙ BEI GIARDINI DEL MONDO NEL QUADRILATERO DELLA MODA
Si possono ammirare ancora per qualche giorno le belle grandi foto di Gardenology la mostra fotografica en plein air dei più bei giardini italiani e internazionali che ha anticipato Orticola (di cui abbiamo scritto qui) ... Leggi di più
BOB IL SAPERE DEL BERE MISCELATO: LA DRINK LIST
Aggiornamento febbraio 2021   Empathy è la nuova drink list di Bob che rappresenta una svolta più intima e ancor più sofisticata, (forse generata dalla attuale situazione attuale che sta cambiando così tanto le abitudi... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.