10giu 2018
LA SORPRENDENTE QINTESSENZ, KELLEREI-KALTERN IN DEGUSTAZIONE A MILANO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Kellerei-Kaltern, la Cantina di Caldaro di cui abbiamo detto qui  e qui, produce più linee di vini tra cui  che rappresenta il top di gamma della maison ed è l’essenza della cantina stessa. Rappresenta l’equilibrio tra i vitigni nobili localmente allevati e il miglior terroir, termine che comprende non solo l’ambiente, ossia il terreno, il clima, le condizioni naturali chimiche e fisiche, ma l’intervento dell’uomo. Solo le migliori uve dei vitigni pinot bianco, sauvignon, schiava, cabernet sauvignon, moscato giallo sono destinate a Quintessenz. Grande importanza è data all’uva schiava, vitigno autoctono qui destinato alla produzione del Kalterersee (Lago di Caldaro). Questo rosso ha conosciuto negli anni  un’evoluzione qualitativa in quanto da vino da tavola, è ora diventato una reputata etichetta doc. E’ oggi in sintonia con il gusto attuale in quanto che predilige vini di beva più leggera rispetto al passato.

 

Andrea Moser, enologo della Kellerei-Kaltern di Caldaro, ha presentato presso il ristorante 28 Posti Bistrot di Milano, la collezione Quintessenz, presente Tobias Zingerle, il direttore generale della Cantina (nella foto 1 rispettivamente a destra e a sinistra). 

Ai giornalisti presenti ha proposto le cinque referenze in altrettanti flight alla cieca, ossia con bottiglie bendate, ciascuno dei quali di tre vini. Ad accompagnare le etichette della cantina, sono state selezionate, per affinità, referenze nazionali e internazionali così da stimolare un gioco di confronti.

 

Facendo riferimento unicamente alle etichette della casa atesina, la prima a essere presentata è stata Pinot Bianco Doc 2016 (foto 2); dopo la pigiatura lenta il mosto non filtrato fermenta in botti di rovere di 500 litri e in botti grandi per 10 mesi sur lie. Alla degustazione presenta colore paglierino luminoso con riflessi verde chiaro, il profumo è fruttato, con sentori di mela golden, melone oltre che nuance erbacee. Il sapore è sapido, pulito, consistente con giusta acidità. 

 

Il Sauvignon Doc 2016 (foto 2), prodotto con le stesse modalità del Pinot Bianco possiede colore intenso con rifllessi verde chiaro; il profumo è ampio, si colgono le caratteristiche tipiche del Sauvignon, pesca gialla, mela golden oltre a piacevoli ricordi di piccoli frutti come il ribes nero. In generale, degustando vari Sauvignon, non sempre  abbiamo trovato una corrispondenza tra ciò che il vino promette all’olfatto e quanto rivela al gusto in quanto può succedere che sia più “corto” rispetto alle aspettative. Quintessenz, invece, mantiene le promesse: in bocca è ricco, si colgono le nuance fruttate già recepite odorandolo, oltre a possedere note minerali, sapidità e lungo, suadente finale.

 

Il Kalterersee Classico Superiore Doc 2017 (foto 4) è prodotto con uve schiava fatte macerare sulle bucce per 10 giorni a 25 gradi di temperatura; il vino è poi affinato in vasche di cemento e grandi botti per sei mesi sur lie. Alla degustazione possiede colore rosso rubino; il profumo è caratteristico di piccoli frutti che comprendono la ciliegia, il lampone, la fragola con spiccata nota di mandorla. In bocca è intenso, morbido, rotondo, frsco con note fruttate e con tannini soffici così da poter essere servito fresco di cantina.

 

Il Cabernet Sauvignon Riserva 2015 è prodotto facendo macerare il pigiato per 4 settimane in botti di rovere; il vino è successivamente affiato per 18 mesi in barrique delle quali il 50 % nuove. Possiede colore rosso rubino intenso; il profumo è speziato, con sentori di cannella, piccoli frutti, sottili nuance erbacea e di liquirizia. In bocca è armonico, giustamente tannico, rotondo, con ricordi di cacao, tabacco e ancora liquirizia nel finale.

 

Il Passito Doc 2014 è prodotto con uve moscato giallo vendemmiate tardivamente, quindi fatte appassire in fruttaio per 5 mesi. La pressatura è avvenuta in marzo e la maturazione del vino si è protratta per 24 mesi in tonneau. Di color giallo oro, profuma di frutta estiva matura, oltre che di frutta tropicale come mango e frutto della passione. In bocca è mieloso, suadente, e ripropone note di frutta tropicale già avvertite; notevole la persistenza.

 

Abbiamo chiesto a Andrea Moser quale sia il vino più rappresentativo che propone quest’anno. “Nella linea Quintessenz, che è la novità della  Kellerei-Kaktern, il vino che rappresenta meglio il nostro territorio e la nostra immagine è il Kaltarersee prodotto con uve schiava al 100 per cento. E’ un vino fruttato, elegante, fresco che dà una grande piacevolezza di beva.” 

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
RISTORANTE 403030 LIFESTYLE | HEALTHY KITCHEN
Siamo tornati al ristorante 403030 lifestyle di cui abbiamo già detto qui. Si trova in via Fiori Chiari, una delle viette più caratteristiche di Brera. Sicuramente il nome non passa inosservato per la presenza dei caratt... Leggi di più
DUE CHIACCHIERE CON MAURO MAHJOB
Chi ama le bevande miscelate conosce sicuramente il Negroni, adatto a essere servito per aperitivo, ma anche dopo cena considerato il buon tenore alcolico. Mauro Mahjoub * (vedere nota biografica) sopranominato Re del N... Leggi di più
CARROUSEL CUCCAGNA - HANAMI FEST LA MILLENARIA TRADIZIONE GIAPPONESE
Domenica 25 marzo 2018 dalle 10:30 alle 19.30 torna a Milano Carrousel Cuccagna con una straordinaria edizione dal titolo Hanami Fest. Per questo mese l’evento si ispirerà alla primavera, la stagione della rinas... Leggi di più
SARAI 2015 UN ECLETTICO MARZEMINO IN PUREZZA DELLA CANTINA SAN MICHELE
Si chiama Sarai, nome beneaugurante, futuro del verbo essere, il Marzemino in purezza, prodotto dalla Cantina San Michele, nelle sue vigne del Monte Netto, a quindici chilometri da Brescia. Un piccolo monte, che supera ... Leggi di più
ROSSO MONTE DELLE VIGNE 2013 | SORSI AUTUNNALI
Abbiamo detto di Monte delle Vigne scrivendo di Nabucco 2011.  Ricordiamo solo che Monte delle Vigne dimora sulle colline parmensi con un vigneto di 60 ettari nel cuore della Doc Colli di Parma in cui radicano uve malva... Leggi di più
A PAOLO FORADORI, TITOLARE DELLA TENUTA J. HOFSTÄTTER DI TRAMIN – TERMENO, IL PREMIO ANGELO BETTI - BENEMERITO VINITALY 2016
È stato assegnato a quello che si può ritenere il padre del Pinot Nero altoatesino il Premio Angelo Betti - Benemerito della Vitivinicoltura 2016. A ricevere la medaglia di Cangrande è stato infatti Paolo Foradori - tito... Leggi di più
IL CROCCANTE DI YOGURT DI STEFANO CAVADA: LA RICETTA FILMATA
Il Croccante di yogurt e altre ricette altoatesine di Stefano Cavada sbarcano su Food Network. Le ricette facili di Stefano Cavada da replicare raccontate attraverso altrettanti brevi videoclip che saranno in onda fino a... Leggi di più
CASO, ELETTRODOMESTICI: YOUR KITCHEN IN ONLY ONE TOUCH
Caso, elettrodomestici dal design e hi tech. Your kitchen in only one touch. Quando il design contemporaneo sposa la tecnologia più avanzata nasce la linea di elettrodomestici firmati Caso Design e distribuiti in Italia... Leggi di più
MUSCAT, BIRRA DOCG: BIRRA AL MOSCATO DI SCANZO
E’ un anno speciale il 2018 per l’Azienda Agricola Pagnoncelli Folcieri,  Francesca, figlia del Dottor Maurizio Pagnoncelli, farmacista, titolare insieme ai genitori, ai fratelli Federico e Serena e al marito... Leggi di più
ANTEPRIMA DI ORNELLAIA 2013 VENDEMMIA D’ARTISTA
ORNELLAIA 2013 VENDEMMIA D’ARTISTA: L’ELEGANZA Si è tenuta giovedì 25 febbraio la preview di Ornellaia annata 2013 alla Sotheby’s - Palazzo Serbelloni a Milano. Non si è trattato solo della presentazione di un grande vi... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.