02nov 2021
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
Articolo di: Stefania Turato

È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio

Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021
Si inizia così da Casali di Emilia Wine.
Quindi, son 5 anni su lieviti tra un sorso e l’altro. Scandiano conosce questa uva bianca dagli anni ‘70
La clessidra dice che non c’ è mai una cosa ferma per cui nel tempo Ca’ Besina evolve in una maniera incredibilmente sorprendente.
Naso croccantissimo, vivace le sue freschezze e sapidità
Poi, il lambrusco l’ hanno chiamato Lambruscone. E’ il Lambrusco Classico dell’Emilia dop creato assegnandogli una connotazione di ampiezza e gratitudine. Ti senti a casa o tra l’abbraccio confortante e rassicurante di una forza ricercata.
Di Lambrusco l’Italia è regina. Ricordiamo quanti calici son stati poggiati sulle nostre tavole e han fatto sempre rivivere una beva piacevolissima con una temperatura di servizio tra 10 e 14 °C
Il vino della convivialità per eccellenza, per colore, per piacere, per sempre.
Migliolungo invece ha vinto miglior etichetta al concorso Vinitaly Design International Packaging che si è tenuto in Special Edition a Verona, di nuovo, nei locali aperti per l’occasione e racchiude in bottiglia 21 tipologia di lambrusco antichi.
Per Migliolungo dunque il Premio Etichetta d’Oro, tra 175 etichette divise in 12 categorie. Followers e bloggers avranno l’esclusiva opportunità di far brillare il premio sui social.
All’Istituto Agrario Zanelli si sta tenendo questa magnifica collaborazione per una produzione ricercata.
Rosa e noce moscata l’avvolgente profumo nel calice.

Migliolungo è un inno alla biodiversità, un vino unico al mondo che racchiude 21 varietà di Lambrusco “dimenticati” e vigneti storici della provincia reggiana. Il Migliolungo è un progetto di salvaguardia di varietà antiche grazie anche all’attiva collaborazione con l’Istituto Tecnico Agrario A. Zanelli.
Le vendite di Migliolungo contribuiscono al finanziamento dell’Istituto Tecnico Agrario Zanelli per l’educazione e la ricerca.

Pra di bosso il primo lambrusco a essere messo in bottiglia fatto di 3 varietà di uve che lo compongono: 1 piccola parte Malbo Gentile 10%, Lambrusco Maestri 30% Lambrusco Salamino 60%

Con la sua originalità segna il confine o meglio l’inizio. Delineata da una siepe di bosso, finisce una storia e ne inizia un’altra e rappresenta lo Storico Lambrusco Reggiano secco dop
L’uva selezionata viene dalle colline di Scandiano e dei comuni di collina limitrofi, ricchi di argilla ma al tempo stesso della cosiddetta “vena di gesso” tipica ad esempio dei comuni di Vezzano sul Crostolo, Albinea e Scandiano
Come si fa? La Vinificazione di questo vino viene effettuato dopo la diraspa-pigiatura e successiva macerazione delle uve di quasi dieci giorni. La fermentazione avviene in vasche di acciaio a temperatura controllata e rifermentazione in autoclave (Metodo Charmat) per 15 giorni a 16°C
Un dato tecnico che a noi piace sempre sottolineare per gli amanti dell’abbinamento a tavola sono i 3 grammi zucchero residuo. La bocca asciutta e vivacemente profumata richiama aperitivi appetitosi se non un calice per tutte le occasioni di incontro del sugo al cinghiale con la tagliatella.
Marco Fasoli, Direttore di Emilia WInes, ci racconta con accesa passione e sincera soddisfazione la vivace valorizzazione per la storica azienda del territorio dell’Emilia che ha subito prodotto un codice etico aziendale prima ancora di organizzare la sua rete vendita.
https://casalivini.it/ Sfogliate il catalogo ricco cliccando qui.
Siam partiti dal primo metodo classico Emilia perché le radici son profonde e vale sempre la pena ricordare che la tradizione insegna e il futuro poggia proprio su basi solide della tradizione. In un tempo veloce occorre avere il pensiero veloce ma i piedi a terra.
Quel pensiero veloce ha permesso di creare proprio al ristorante tra altri pensieri, abbozzando sulla tavola un patch della collina come un ispirato vignettista , creando l’ etichetta nuova bottiglia di Migliolungo.
A noi di Good-mood è risultato efficace anche Nudo. Questo Metodo Classico bianco è nudo con una volatile evoluta ha conquistato il nostro palato per la ricerca di abbinamento e versatilità
Riusciamo a rendere nobili questi vini interpretando la qualità del posto con una cooperativa che guarda al suo territorio e con un mantra: “se fai un vino, fallo perché abbia senso non per il mercato. A volte dire di no che è la cosa più bella della vita”.
Per fortuna al vino non si dice mai di no.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
I TAKOYAKI DI TAKOCHU: UN SAPORE INSOLITO DAL GIAPPONE SUI NAVIGLI
Sempre più città dell'appetito, si perché dopo moda e design, Milano continua ad essere la meta preferita dove assaggiare cibo proveniente da qualunque latitudine e a qualunque ora.Ieri c'è stato l'assaggio-anteprima al ... Leggi di più
LE ECCELLENZE AGRO-ALIMENTARI PARTENOPEE A MILANO
Dall’1 al 6 dicembre Milano sarà conquistata dalle eccellenze tipiche agro-alimentari della provincia di Napoli, grazie all'iniziativa promossa dalla Camera di Commercio di Napoli presieduta da Ciro Fiola e da S.I.... Leggi di più
FRITTATA IN STILE GIAPPONESE TAMAGOYAKI FARCITA AL BRIE E SCALOGNO
IL FESTIVAL: IL MONDO DEL RAVIOLO A EATALY SMERALDO
A Eataly Smeraldo torna il Festival più "cosmopolita" di sempre! L'ultimo weekend di gennaio, il festival "Il mondo in un raviolo" Quando si parla di pasta ripiena e, più nello specifico, di raviolo, si pensa subito alle... Leggi di più
GLI ULTIMI ACQUISTI PER SAN VALENTINO
SAN VALENTINO E' QUI   FIVE ROSES 74° ANNIVERSARIO ROSATO IGT 2017 Per San Valentino non può mancare il primo vino rosato imbottigliato in Italia. E, cioè, il famoso Five Roses – già romantico per il nome con c... Leggi di più
IL NUOVO APPUNTAMENTO ALLA FIERA DI BOLZANO CON LAGREIN EXPERIENCE
Alla Fiera di Bolzano  gli appuntamenti enologici si infittiscono. Dopo Autocthona, 14-16 ottobre (foto 1)  e Vinea Tirolensis, 17 ottobre,  il 18 ottobre esordirà Lagrein Experience. Si tratta di una rassegna dedicata a... Leggi di più
PAROSÉ 2012 LE BOLLICINE CHE FANNO PENDANT CON I COLORI DELL'AUTUNNO
Mosnel Parosé 2012 Ecco le bollicine che fanno pendant con i colori dell'autunno. Note purissime di ribes e fiori di montagna, accese dalla freschezza del mandarino e della melagrana, con una vena speziata a far da sfond... Leggi di più
GOUMARTE2018 IL TRITTICO DA NON PERDERE; GLI APPUNTAMENTI CON GLI CHEF
A GourmArte2018, il trittico da non perdere.   Maestro del Gusto - Barone Pizzini Ha visto lontano  Barone Pizzini, cantina in Franciacorta. Il merito di avere creduto nella produzione bio (20 anni quest’anno) è ... Leggi di più
SODA, CARNOSA, CROCCANTE: LUCREZIA LA NUOVA OSTRICA ITALIANA
È nata “Lucrezia” un’ostrica tutta italiana, più precisamente emiliano-romagnola. L’esordio milanese ha avuto luogo presso il ristorante A’Riccione Terrazza 12 dove la nuova ostrica è stata ... Leggi di più
IL PALIO DELL’AGNOLOTTO: QUAL È L’AGNOLOTTO PIÙ BUONO DELL’OLTREPÒ?
Torna Il Palio dell’Agnolotto  la sfida benefica per incoronare il migliore agnolotto dell’Oltrepò Pavese: il 28 aprile alla Tenuta Calcababbio (località Calcababbio, Pietra Dé Giorgi, Pavia) 13 Ristoranti pa... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.