17mar 2019
MIRABELLA: IL FASCINO DISCRETO DEL PINOT BIANCO
info@mirabellafranciacorta.it
Articolo di: Michele Pizzillo

Tutto nasce da solidi rapporti di amicizia. Il primo è quello con un compagno di scuola che convince l’enologo Teresio Schiavi a lasciare l’Oltrepò Pavese per la Franciacorta. Poi l’amicizia con un imprenditore appassionato di vini, Giacomo Cavalli, cui si associa un altro gruppo di amici che nel 1979 danno vita a Mirabella. Una cantina che da 40 anni è una di quelle strutture che contribuiscono a fare crescere le bollicine di Franciacorta. Mirabella, infatti, è una delle 27 cantine che il 25 marzo del 1990 hanno sottoscritto l’atto costitutivo del Consorzio di tutela; e, la prima, nel 2013, a produrre Franciacorta metodo classico senza allergeni e solfiti aggiunti.


Proviamo a sintetizzare i primi 40 anni di attività di questa azienda che prende il nome dall’omonima contrada di Paderno Franciacorta dove è nata, nel 1979, in primis per iniziativa di Giacomo Cavalli e Teresio Schiavi che, poi, è l’uomo che ha saputo mantenere e innovare lo stile Mirabella fino a renderlo unico e riconoscibile, anticipando la strada della naturalità, affiancato dagli amici e colleghi Francesco Bracchi, Angelo del Bosco, Giuseppe Chitarra, Aldo Ebenestelli e, successivamente, dai figli Alessandro e Alberto, entrambi enologi ma, attualmente, con mansioni diverse: il primo è maestro di cantina, il secondo l’uomo vendita.


La prima vigna è stata piantata nel 1981, a Paderno Franciacorta, in contrada Mirabella; l’anno dopo, invece, avviene il trasferimento nel dismesso enopolio sociale di Rodengo Saiano, che nel corso degli anni sarà sottoposto a diversi interventi di ristrutturazione prima di arrivare all’attuale efficiente struttura, con locali di invecchiamento del vino che si trovano addirittura sotto il livello del fiume che l’ambisce l’edificio e, quindi, a temperatura controllata naturalmente.

 

Mirabella, attualmente, può contare su 57 ettari di vigna di proprietà “e, speriamo di concludere le trattative per l’acquisto di altri 9 ettari”, dicono Alessandro e Alberto precisando, anche, che “preferiamo acquistare terreni nudi, non quelli già vitati, perché vogliamo decidere noi cosa piantare”. Sicuramente Pinot bianco, grande passione della famiglia Schiavi, che possiede 7,5 ettari, pari all’8,71% del vigneto a Pinot bianco dell’intera Franciacorta (78 ettari) risultando la prima realtà per questo vitigno. Tanto che Mirabella ha deciso di lanciare una versione in purezza dove il Pinot bianco esprime tutta la sua complessità, sostenuta da grande eleganza, profumi delicati con diverse sfaccettature a seconda della microzona in cui cresce.

 

“Abbiamo pensato di omaggiare in termini assoluti quella che è da sempre una delle note stilistiche di Mirabella: il Pinot bianco. Vitigno che insieme al Pinot nero, inaugura la storia della Franciacorta, ma che negli anni si è perso – dice Alessandro -. Noi non l’abbiamo tradito mai, convinti della sua unicità, del suo carattere elegante e distintivo; l’abbiamo accudito in vigna con pazienza e amore e oggi è arrivato il momento di indagarlo in purezza, restituendoci un’espressione del territorio autentica e radicale. Autentica perché il Pinot bianco è l’uva in grado di far parlare il nostro terroir senza maschere, mantenendo la sua sottile e costante personalità; radicale perché non potrà essere denominato Franciacorta, ma vogliamo che ne sia nostra rappresentazione pura e semplice”. D’altronde il Pinot bianco, unito in cuvée con lo Chardonnay e il Pinot nero, in Mirabella dà vita alla storica etichetta DOM Riserva. Così, per celebrare i 40 anni della cantina, questi tre monovitigni vinificati in purezza, saranno proposti in un cofanetto celebrativo, a tiratura limitata”.


La degustazione dei tre vini che si troveranno nel cofanetto celebrativo (foto 1) – più la sboccatura in anteprima di DOM Riserva dosaggio zero Franciacorta docg 2015 che nasce dall’unione dei tre vini – ha riservato non poche sorprese a chi ha avuto la possibilità di provarli in anteprima, visto che in commercio saranno disponibili l’anno prossimo. Partendo dalla sontuosità del Pinot bianco in purezza (eppure al primo impatto, al naso non si è mostrato esplosivo, in bocca è tutt’altra musica), che in commercio sarà “Pinot bianco VSQ brut nature”; la freschezza dello Chardonnay, proposto come Franciacorta docg brut nature; la verticale mineralità del Pinot nero Franciacorta docg brut nature; e l’eccellente equilibrio del DOM riserva dosaggio zero, che già evidenzia le basi di una longevità eccezionale.

 

Questa degustazione ha rappresentato la conclusione di una straordinaria giornata trascorsa in un edificio concepito per essere adeguatamente isolato, grazie allo spessore delle mura perimetrali e al locale di vinificazione con vasche in cemento che permettono il massimo risparmio energetico per la capacità isolante del materiale. E, per di più, in compagnia di una triade – che, poi, rappresentano le tre pietre del logo aziendale - composta da Teresio che di Mirabella è il garante di una competenza famigliare che continua a guidare l’azienda con passione, grazie ai figli Alessandro – che coordina tutti i passaggi che conducono alla creazione dei vini Mirabella – e Alberto “il venditore” che traduce in pratica la teoria. L’originale masterclass verticale (foto 2) di “quarant’anni di attività ripercorsi attraverso i vini che hanno fatto la storia dell’azienda” (un incredibile 91 per la sua freschezza, un 96 che dimostra la longevità del Franciacorta, un 2004 quasi sperimentale visto che è l’anno di introduzione della fermentazione in barrique, un 2006 non di spalla sostenuto che però evidenzia la capacità di invecchiamento dei Franciacorta, l’eleganza del 2011 che rappresenta la più bella espressione del terroir eppure è ancora un bambino), e il pranzo in cantina a cura di Stefano Cerveni del ristorante stellato Due Colombe che, per sintesi, citiamo solo il suo “yogurt, meringa bruciata, sedano bianco e gelatina di Franciacorta rosé” (foto 3) perché il geniale chef bresciano ha trovato la giusta composizione per servire le bollicine franciacortine – Mirabella Franciacorta rosé – con il dessert.

 

Nella foto 4 Alberto e Teresio Schiavi, nella foto 5 Alberto, Teresio e Alessandro Schavi.

 

1

2

3

4

5

Indirizzo : Via Cantarane, 2 Rodengo Saiano
Telefono : 030.611197
Articoli Simili
I più letti del mese
ROMA FILM FESTIVAL: JEROBOAM BOTTEGA GOLD IN OMAGGIO A FRANCO NERO
Il 12 dicembre il XXI Roma Film Festival dedicherà un omaggio speciale a Franco Nero. L’evento si terrà a Roma, presso il Teatro Blasetti del Centro Sperimentale di Cinematografia, alla presenza dei massimi rappresentant... Leggi di più
CINQUE RUM CHE VALE LA PENA CONOSCERE | MILANO RUM FESTIVAL
Abbiamo scritto del Milano Rum Festival qui. Siamo stati per voi a degustare alcune referenze e di quelle provate cinque riteniamo che siano vivamente consigliabili. Severin  dalla Guadalupa, tra i rum della casa abbiamo... Leggi di più
AGOSTO AI GIARDINI PAPRIKA E CANNELLA: DELIZIE MEDITERRANEE CON UN TOCCO DI SARDEGNA
Per la prima volta il celebre ristorante di zona porta Venezia, ritrovo modaiolo e della” Milano bene”, rimane aperto tutto agosto per soddisfare i palati più esigenti che rimangono in città.  Una gradita sorpresa per l... Leggi di più
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
MANI IN PASTA APRE IN VIALE MONZA
Di Mani in Pasta abbiamo scritto qui. Ora influencer e pubblico a partire dalle ore 20 affolleranno l’evento del 29 Maggio dalle ore 20,00 da Mani in Pasta nella nuova sede in viale Monza 258 a Milano, dove, tra ar... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.