10giu 2021
MONTE DELLE VIGNE E IL NABUCCO, IL VINO ISPIRATO AL MAESTRO VERDI
Articolo di: Laura Biffi

Monte delle Vigne ( foto 2 ), l’azienda vitivinicola che si affaccia su quei “ Li Monti de le Vigne” che Frà Salimbene de Adam descrisse così chiaramente nelle sue Cronache medievali riferendosi alle colline di Ozzano Taro, conosciute già nel Medio Evo per la vinificazione, ha apportato con il 2021 importanti novità.

 

E’ nel cuore delle colline del parmense, plasmate dal sapiente lavoro degli agricoltori locali, tra i 200 e i 300 mt sopra il livello de mare che il capostipite della famiglia Pizzarotti, gli attuali proprietari di Monte delle Vigne, amava passeggiare trovando il luogo ideale per dare vita ai suoi sogni.

 

Nel 1963 infatti acquista la Villa del Monticello, un podere di 100 ettari e si dedica all’allevamento dei bovini sperando un giorno di riportare su quelle terre, da sempre condotte in regime biologico, i vigneti. Dopo qualche anno l’inaspettata dipartita di Pietro Pizzarotti lascia al giovanissimo figlio Paolo la responsabilità e la passione per portare avanti l’impresa.

 

Nel 2004 Paolo Pizzarotti, acquista Monte delle Vigne, nel cuore della DOC dei Colli di Parma, a cui aggiunge, tra gli altri, il podere Bella Foglia che comprende impianti di Barbera e Malvasia, dando vita ad una storia d’amore per la terra, nel rispetto della natura e della tradizione locale. Dal 2005 vengono piantati nuovo vigneti arrivando alla fine del 2009 a 40 ettari piantati su un totale di 60 complessivi suddivisi per le uve a bacca bianca in Malvasia, Sauvignon e Chardonnay e per quelle a bacca nera in Barbera, Lambrusco Maestri e Cabernet Franc.

Le colline su cui sorgono le vigne risultano essere molto adatte alla viticoltura grazie ad un microclima favorito dalla brezza proveniente dal passo della Cisa poco distante e all’ alternanza di ampi spazi verdi, piccoli boschi e laghetti che aiutano a mantenere l’umidità dell’aria rendendo i terreni calcareo-argillosi particolarmente vocati alla coltivazione della vite.

 

Il progetto innovativo di Monte delle Vigne ha come presupposto fondamentale la produzione di vini di qualità nel segno di una viticoltura sostenibile ponendo grande attenzione all’ambiente e alla tradizione; per la famiglia Pizzarotti rispettarli significa, infatti, tutelare il patrimonio costitutivo di cultura e identità di Monte delle Vigne.

 

Da questa filosofia si è abbracciato l’ideale della viticoltura biologica (dalla vendemmia 2021 tutta la produzione ne ha la certificazione ), della sostenibilità che è diventata elemento quotidiano ed imprescindibile dell’azienda che ha applicato nel concreto questi principi con l’adozione del fotovoltaico, la continua riduzione dell’impronta carbonica, la creazione di una cantina ipogea e l’utilizzo di agricoltura di precisione e del sovescio.

 

La grande attenzione alla qualità di Monte delle Vigne, dalla coltivazione alla cantina si traduce con grande facilità soprattutto nei due vini più importanti dell’azienda, che sono un omaggio al territorio parmense e alla sua cultura lirica. Callas: una Malvasia di Candia aromatica in purezza dai sentori di agrumi, menta ed erbe aromatiche in omaggio alla grande cantante lirica e Nabucco, in onore del Maestro Giuseppe Verdi, il primo vino nato a Monte delle Vigne che è anche il primo rosso fermo realizzato a Parma.

 

Nabucco ( foto 3 ) è il grande rosso fermo di Monte delle Vigne sin dal lontano 1992, che si presenta oggi con una nuova veste grafica, è il simbolo dell’azienda e della sua caratteristica peculiare: la produzione di vini fermi in un territorio dove per tradizione dominano vini frizzanti. Formato da 70% di uve Barbera e 30% di uve Merlot, grazie alla nuova collaborazione enologica con Luca d’Attona la nuova annata 2018 contiene il 90% di uve Barbera e 10% di uve Merlot. Nabucco è frutto di una rigorosa vendemmia manuale con selezione dei grappoli e di un affinamento in legno in barriques di rovere di Allier e in botti grandi che gli conferiscono una struttura e un’ eleganza speciali. Al naso è intenso e presenta piacevolissimi sentori di frutta rossa, tra cui spicca una deliziosa ciliegia, seguita da liquirizia e note di sottobosco. Al palato è un vino avvolgente, equilibrato e con una buona struttura, non mancano le note di frutti rossi e dei tannini morbidi e vellutati.

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
SERATA GOURMET DEL RISTORANTE ACANTO CON I VINI ROCCA DEL FRASSINELLO
Nuovo appuntamento con le Serate Gourmet del ristorante Acanto: mercoledì 22 novembre è di scena la prestigiosa cantina toscana Rocca di Frassinello.
Il progetto Rocca di Frassinello è nato da un’idea molto semplic... Leggi di più
AL MUSEO D’ARTE MENDRISIO IN MOSTRA LE OPERE DELLA SCULTRICE FRANCA GHITTI
Il Museo d’Arte Mendrisio (CH) ha dato il via al programma di primavera con la mostra Franca Ghitti scultrice, dedicata alle opere scultoree di questa artista nata in Val Camonica, a cura di Barbara Paltenghi Malac... Leggi di più
ACCIUGHE DEL MAR CANTABRICO SALATE SOTT’OLIO
TÀSCARO, A MILANO È UN ATTO D’AMORE
Sandra ha realizzato Tàscaro per lei e suo padre, ma ancheper raccontare la sua regione d'origine e soprattutto la cucina veneziana, per ricordare la nonna paterna Edera che oggi è comunque con lei in tutte le piccole ed... Leggi di più
GIOVEDÌ 13 LUGLIO: ROSMARINO FREGENE-FISH SOUND SYSTEM
Don Pasta e Pasquale Torrente straordinariamente insieme per una serata – spettacolo sulla spiaggia di Rosmarino Fregene
Vinili vs Padelle... 
Alici vs Polpi...Otranto vs Cetara a Fregene.. 

Giovedì 13 luglio, DON... Leggi di più
TRA BOBBIO E CASTELL’ARQUATO, LA POMPEI DEL NORD | TRA BALENE E VINO
Bobbio di cultura, Castell’Arquato la Pompei del Nord, e ovunque il buon vino. Castell’Arquato, la Pompei del Nord, dove sono stariritrovati reperti fossili di Alee e rinoceronti, ed è terra di buon vino.   ... Leggi di più
RIBOTTA VIGNA DU BERTIN CARLOFORTE, LA STORIA DI UNA TERRA
E’ quasi mezzogiorno, il terreno pietroso e argilloso è stato preparato per la vigna con un lavoro faticoso per la quantità di massi mischiati superficialmente e in profondità.Ora la vigna pettinata, figura come un... Leggi di più
LE FOTO DEI PIÙ BEI GIARDINI DEL MONDO NEL QUADRILATERO DELLA MODA
Si possono ammirare ancora per qualche giorno le belle grandi foto di Gardenology la mostra fotografica en plein air dei più bei giardini italiani e internazionali che ha anticipato Orticola (di cui abbiamo scritto qui) ... Leggi di più
BOB IL SAPERE DEL BERE MISCELATO: LA DRINK LIST
Aggiornamento febbraio 2021   Empathy è la nuova drink list di Bob che rappresenta una svolta più intima e ancor più sofisticata, (forse generata dalla attuale situazione attuale che sta cambiando così tanto le abitudi... Leggi di più
ANTEPRIMA GUIDA VINI D’ITALIA 2021 GAMBERO ROSSO A MILANO
Sicuramente un segnale che stuzzica la voglia di ripartire, il tour wine tasting di Gambero Rosso “Anteprima Guida Vini d’Italia 2021” che debutta anche a Milano, il 14 settembre, con il coinvolgimento ... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.