10dic 2020
MONTELLO, VINI DI NICCHIA. ECCO IL NUOVO LOGO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Il Consorzio Vini Asolo Montello in un incontro con la stampa su piattaforma Zoom organizzato dall’agenzia di comunicazione Studio Cru  ha illustrato i nuovi logo dei vini del Montello. Presenti all’evento Ugo Zamperoni, presidente del Consorzio, Angelo Peretti responsabile alla strategia di comunicazione e consulente consortile,

 

Il Consorzio Vino Asolo Montello, come ricorda il presidente Ugo Zamperoni, è complesso in quanto tutela tre denominazioni delle quali l’Asolo Prosecco di cui abbiamo scritto qui.

 

Le altre due denominazioni Montello sono: la Docg Montello esclusivamente di vini rossi; la zona è vocata ai vitigni bordolesi (cabernet, merlot, carmenère) qui allevati fin dalla seconda metà dell’Ottocento; la  Doc Montello Colli Asolani, anch’essa definita prevalentemente da vini rossi da vitigni bordolesi, ma che dà spazio ad altre sia pur piccole varietà locali.

 

Queste sono la recanatina varietà a bacca rossa recuperata negli anni recenti proprio a opera del Consorzio; la bianchetta, uva bianca utilizzata per la produzione di bollicine; l’incrocio manzoni bianco, varietà nata nel Trevigiano negli anni trenta e qui acclimatatisi, il cui vitigno genera un frutto ben espresso e leggera aromaticità.

 

 

Logo
Angelo Peretti illustra il marchio consortile (figura 2) tendente al rosso “rugginoso” che è il colore dei terreni del Montello e di buona parte dei Colli Asolani, perché sono suoli ricchi di ferro il quale ossidandosi in superficie ne caratterizza il colore. Pertanto la prevalenza di vini rossi, su terreni rossi ha dettato questa scelta cromatica. Pur riprendendo lo stesso disegno, il marchio si differenzia per il colore da quella di Asolo Prosecco (figura 3) che invece ricorda le tonalità dorate sia del vino sia degli edifici di Asolo e dei paesi circostanti, ossia il giallo veneziano.

 

Le due denominazioni Montello verranno d’ora in poi accomunate e identificate nel nuovo logo I Vini del Montello (figura 4). Il brand focalizza non tanto l’aspetto istituzionale, consortile, ma i vini e il territorio del Montello: è quindi immediato, di facile comprensione, strettamente connesso alla realtà produttiva.

 

La zona
Montello è un collina boscosa tant’è che la Serenissima qui si approvvigionava di legname per la propria flotta e anche per costruire le palafitte sopra edificare le case veneziane. I Colli Asolani sono divisi dal Montello da un vallone, ma geologicamente costituiscono un unicum. Entrambi i territori furono devastati durante la Prima Guerra Mondiale. Successivamente vi fu un ritorno all’agricoltura ma non ebbe grande successo. Di fatto il Montello è tornato a essere un bosco al cui interno dimorano le vigne. Pertanto la biodiversità in questi territori è la norma proprio perché l’estensione del vigneto rispetto a quella della macchia boschiva è esigua.

 

I vini

I vini di taglio bordolese veneti hanno un propria caratterizzazione perché posseggono un’acidità tipicamente locale. Sono vini potenti grazie alle calde ore diurne che maturano i grappoli; per contro le notti della pedemontana veneta essendo molto fresche forniscono acidità. Conseguentemente i rossi regionali di questa fascia geo-pedo-morfologica sono definiti da potenza e freschezza. In particolare nella zona del Montello alcune caratteristiche sono accentuate. Infatti l’area è poco distante dalle montagne alpine e dal rilievo si vede l’Adriatico; pertanto la freschezza notturna è accentuata dagli scambi termici che implicano escursioni di gradi calore le quali portano da una parte concentrazione aromatica, dall’altra mantengono buoni i livelli di acidità anche quando la maturazione dei grappoli è molto lunga come nel caso in cui si cerca la potenza espressiva delle uve rosse.

 

Si aggiunga, per completare il profilo organolettico dei vini qui prodotti, che il sapore rugginoso del terreno conferisce mineralità e questo suolo, per dirla come Angelo Peretti, aiuta la vigna a “soffrire” e una vigna che soffre dà potenza espressiva ai vini.

 

 

La produzione
Sommando le produzioni Docg e Doc dei Vini del Montello, si contano 618 mila bottiglie delle quali 95 % di vini rossi, mentre la produzione dei bianchi, unicamente Doc, equivale a quella di un’azienda medio piccola, ossia è pari a 28 mila bottiglie. La produzione Docg è di 37 mila bottiglie delle quali 24 mila di rosso e 13 mila di Superiore. I numeri della Doc sono: 185 mila bottiglie di Merlot, 145 mila bottiglie dei Cabernet, 108 mila bottiglie di Rosso, che è un mix dei precedenti vitigni, 37 mila bottiglie di Recanatina per cui la varietà è salva, 26 mila bottiglie di Incrocio Manzoni Bianco, 2000 bottiglie di Bianchetta, un produzione amatoriale; infine Venegazzù 78 mila bottiglie di vino rosso.

 

Nel corso dell’incontro è stata presentata l’asta promossa dal Consorzio di cui abbiamo scritto qui.

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
AL MUDEC JEAN-MICHEL BASQUIAT, L’ARTISTA AMERICANO SCOMPARSO A 27 ANNI
In mostra al Mudec  (Museo delle Culture dal 28 ottobre al 26 febbraio quasi cento opere di Jean-Michel Basquiat che ne descrivono la breve ma intensa carriera. Le opere del writer e pittore statunitense, scomparso il 1... Leggi di più
RUMBLE: IL GRANDE SPIRITO DEL ROCK
La grande storia del rock e delle sue radici nativo americane è protagonista al cinema con le I Wonder Stories. Presenta il film in sala Andrea Morandi. In anteprima a Sala Biografilm  in versione originale sottotitolata... Leggi di più
THE FOODIES BROS. E SIMONE RUGIATI: L’ARTE CULINARIA ITALIANA
THE FOODIES BROS. e Simone Rugiati reinterpretano la tradizionale arte culinaria italiana.   Dall’amore per il cibo e le buone tradizioni nasce un marchio che è garanzia di qualità, frutto dell’incontro tra gli esperti... Leggi di più
LA MOUSSE DI KNAM AL TRIS DAY | UNA STORIA TRENTENNALE
Chissà se in quel lontano 1987 il giovane Ernst Knam mentre realizzava la sua prima mousse ai tre cioccolati al Terrace del Dorchester di Londra intuì che sarebbe divenuta il suo dolce simbolo. Era diversa da quella che ... Leggi di più
METTI UNA CENA CON ANGELA VELENOSI SORSEGGIANDO IL SUO “VERSO SERA”
E, improvvisamente, una donna bella, brillante, dinamica, di successo, blocca il racconto della sua impetuosa cavalcata nel mondo del vino perché il ricordo di un messaggio del padre nella segreteria telefonica gli togli... Leggi di più
LE NOVITA’ DEL NATALE 2019: LA PRALINA AL PANETTONE DI DAVIDE COMASCHI
La nuova pralina in edizione limitata di Davide Comaschi, il panettone racchiuso in uno scrigno di cioccolato è la novità del Natale 2019 che si aggiunge alle altre 10 praline della Galaxy Collection (foto 1).   Si chi... Leggi di più
I DOLCI NATALIZI 2015: MARCELLO MARTINANGELI PROPONE I TRONCHETTI

Per il Natale 2015, Marcello Martinangeli delle Dolci Tradizioni propone 3 versioni di tronchetti, o "buche" in francese, dolci tipicamente natalizi: Marrons glacé Base di frolla, mousse ai marroni, cuore di mousse al... Leggi di più
AL TEATRO7 CON PASSIONE CUCINA 2 SERATE DEDICATE ALLA SEMPLICITÀ
Teatro7: Passione Cucina due serate dedicate alla semplicità della cucina regionale.   La cucina semplice è quella più immediata, sincera, e proprio per la sua semplicità, non ammette errori, correzioni con salse copre... Leggi di più
REALTÀ IMPRENDITORIALI DI SUCCESSO: MONDODELVINO SPA A PRIOCCA (CN)
L’azienda è una delle più certificate in Italia, probabilmente la prima per attestati nel settore vinicolo, che non si ottengono per caso, ma sono il frutto di un percorso fortemente voluto e perseguito con impegno... Leggi di più
LIVE WINE 2016 IL SALONE INTERNAZIONALE DEL VINO ARTIGIANALE
Live Wine 2016 Il Salone Internazionale del Vino Artigianale ritorna al Palazzo del Ghiaccio di Milano Sabato 5, domenica 6 e lunedì 7 marzo torna l’evento più importante dell’anno dedicato alle produzioni vinicole arti... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.