03dic 2018
NEL PAESE DI VISTATERRA 1 | IL PROGETTO E L’ENOGASTRONOMIA
Articolo di: Fabiano Guatteri

La pianura lasciava il passo alle colline che movimentavano dolcemente il paesaggio. La pioggia cadeva insistente quasi a ricordarci che nonostante il sole dei giorni precedenti, eravamo in autunno inoltrato. A rammentarcelo erano anche i colori della vegetazione, dei vigneti, delle macchie boschive dove il verde si assopiva per arricchirsi di tonalità che dal giallo viravano al rosso. Così arrivammo al castello di San Martino (foto 1e 2). Rimasta fuori, la pioggia picchiettava sui vetri delle ampie finestre così che l’atmosfera degli interni appariva ancora più accogliente e ospitale.

Vistaterra

Eravamo nel cuore di Vistaterra, nome che sembra mutuato da una fiaba. Dove? Non nei pressi dell’Isola che non c’è, ma a Parella, nel Canavese, poco lontani da Torino, a meno di un’ora e mezzo da Milano. Vistaterra è una realtà che si estende su una superficie di 13 ettari in cui si uniscono in un unico insieme progetti già realizzati e in parte in divenire che comprende attività produttive, ospitalità alberghiera, ristorazione, enoteca, botteghe con eccellenze locali, serre per sperimentazione agricola, innovazione e valorizzazione delle produzioni agroalimentari, ma anche dell’artigianato e del patrimonio storico-culturale e naturalistico del territorio, orti biologici, vivai voluti da Adriano Olivetti, una Spa, un biolago fitodepurato, un bambuseto, un vigneto che permette una piccola produzione di Erbalice DOCG e tutto in nome della sostenibilità e del rispetto.

Vistaterra vuole essere promotrice di un’economia di filiera della quale l’intera area ne trarrà giovamento; quando lavorerà a pieno ritmo, troveranno impiego 120 persone. Il castello è tante cose. E’ un albergo 5 stelle con stanze anche nelle adiacenti ex scuderie e in futuro in alcune case del borgo così che potrà definirsi albergo diffuso, formula molto felice di ospitalità che non offende l’ambiente con costruzioni nuove. 

 

La residenza

Il castello conta camere distinte tra deluxe e suite dotate di ogni comfort:aria condizionata regolabile, connessione Wi-Fi, TV a schermo piatto con digitale terrestre... dove l’eleganza dell’antica magione che comprende affreschi seicenteschi, armonizza con la tecnologia più avanzata. Ma sono i profumi che conquistano, propri di un ambiente ecologico, sano che sa di pulito, di cera api. Le stanze, tutte con pavimenti di mogano, sono luminose con servizi di grande comfort comprese le ampie cabine doccia. Le camere Deluxe misurano da 30 a 40 metri quadri mentre le Suite superano gli 80 metri quadri e la suite Castle (Foto 3) misura 140 metri quadrati. 

 

La proposta enogastronomica

La nostra attenzione va alla cucina. La sera sono apparecchiati i tavoli del ristorante Alessio I, definito da una cucina contemporanea basata su ingredienti di filiera certificata; pertanto considerato che la cucina valorizza i prodotti del territorio è soprattutto stagionale. Ai fornelli lo chef Massimo Masciaga, dalla mano leggere e sicura, che vanta una carriera di tutto rispetto: ha lavorato, tra gli altri con Alain Ducasse ed è stato nominato Executive Chef da Gualtiero Marchesi del suo ristorante L’Albereta di Erbusco

 

La cucina è a vista completamente chiusa tra pareti di vetro (foto 4). Alessio I dispone di due sale, ma va aggiunto che si possono allestire banchetti in numerosi saloni, tutti di grande eleganza e affrescati. 

 

Caffè alla lettera

Il Caffè alla Lettera  (foto 5), oltre a essere il luogo dove poter gustare caffè dei presidi Slow Food tostati a legna, è sala di lettura e ristorante all’ora di pranzo. E’ un ambiente ospitale in cui leggere un libro o un giornale sorseggiando un tè o un caffè sbocconcellando una fetta di torta, per poi trattenersi a pranzo o, la sera godersi un aperitivo con un cocktail ben miscelato. Da aggiungere che in stagione il locale dispone di un delizioso dehors. Anche qui si può gustare la cucina Massimo Masciaga ma con piatti, rispetto a quelli del ristorante Alessio, più prêt-à-porter. Gli appetizer dell’aperitivo ( foto 6 ) evidenziavano la semplicità capace di valorizzare i prodotti locali. I piatti successivi erano lineari, dove la freschezza giocava un ruolo irrinunciabile.

 

Una portata con i sapori dell’autunno: Crema di zucca e mandorle (foto 7), con la dolcezza avvolgente della morbida zucca che trovava nella consistenza e nelle note vagamente amaricanti delle mandorle validi contrappunti, ossia toni a contrasto utili per equilibrare il piatto.

 

Nel Raviolo aperto con carciofo brasato e quenelle di luccio ( foto 8 ) , piato armonico e complesso, il carciofo forniva alla preparazione una nota vegetale che comunicava vivacità e suggeriva freschezza. Non vogliamo dilungarci oltre sul menu, se non per ricordare un’ acqua aromatizzata che esaltava il timo servita come raffinato intermezzo (video 9) avvertita come una piacevole nota balsamica, calda e rassicurante. 

 

Enoteca alle volte

Va ancora detto dell’Enoteca alle Volte (video 10). E’ una tappa imperdibile; basti dire che si trova nelle cantine del castello e che custodisce circa 350 etichette. I vini si possono acquistare, degustare anche in abbinamento: sono organizzate degustazioni guidate. Una lunga tavola percorre in parte della cantina ed è un invito alla convivialità. Con i vini è proposto un menù che parte dalla tradizione così da permettere di gustare la pienezza dei sapori del Canavese. 

 

Ma Vistaterra è altro ancora e ve lo racconteremo nel prossimo articolo. 

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Indirizzo : via Carandini, 40 Parella
Telefono : 0125.19 371
Articoli Simili
I più letti del mese
WHISKY TORBATI | TORNA A ROMA  A TUTTA TORBA!
Torna a Roma “A Tutta Torba!”, giornata dedicata interamente ai whisky torbati con centinaia di etichette, bottiglie rare, l'area food con Trapizzino, i viaggi nelle distillerie scozzesi, un collector's corne... Leggi di più
FESTA DEL TORRONE DI CREMONA 2017, LA FESTA PIU’ GOLOSA D’ITALIA
Imperdibile: per 9 giorni, dal 18 al 26 novembre, Cremona si trasformerà nella città più dolce d’Italia con la Festa del Torrone, interamente dedicata alla Gola che è il fil rouge di questa edizione. Come ogni anno... Leggi di più
ESTATE DI NATURA E CULTURA ALLE ISOLE FAROE
Dal seafood festival alla notte della cultura, passando per i numerosi eventi musicali, tutto questo nel paesaggio mozzafiato delle Isole Faroe. Un arcipelago di 18 isole nell’oceano Atlantico settentrionale, incontamin... Leggi di più
RED DELICIOUS VAL VENOSTA, E FU SUBITO AMORE FRA NATURALITÀ E BONTÀ
In Alto Adige, tra i 500 e i 1.000 metri di altitudine, nasce Red Delicious Val Venosta, la mela frutto del perfetto equilibrio tra Naturalità e Bontà. Dalle qualità straordinarie, Red Delicious si distingue per il suo c... Leggi di più
PISCO IS PERÙ
Inka Pisco (bicchiere nero), Chiccha Sour (mug), e Pisco Pop (coppa rotanda) sono i cocktail creati dal Bulk e che reinterpretano il liquore tipico del paese sudamericano. Il più evocativo di quel paese e piacevole per l... Leggi di più
IL NUOVO METODO CLASSICO, MILLESIMATO 2014 FORTULLA
Il nuovo Metodo Classico, Millesimato 2014, è nato per celebrare i 20 anni della cantina di Castiglioncello Fortulla '94, spumeggiante emblema di un sogno diventato realtà Quale miglior modo per brindare al sogno di u... Leggi di più
OSTERIA DELLA BULLONA: CUCINA MILANESE RIVISITATA
A marzo 2017 ha inaugurato in Via Piero della Francesca a Milano, a due passi da Corso Sempione, l’Osteria della Bullona, ristorante di cucina milanese rivisitata del duo Daniele Carettoni e Daniele Ferrari. L&rsqu... Leggi di più
Riso Carnaroli Riserva San Massimo
Il Carnaroli è un riso superfino, ossia dotato di chicco grosso, vitreo, resistente alla cottura, ricco di amido. Sono queste le caratteristiche che ne fanno un riso da risotto in quanto non si sfalda e l’amido lega la p... Leggi di più
AL PIER 52 PER SAN SILVESTRO A CIASCUNO IL SUO MENÙ! 
Al molo gourmand di via Piero della Francesca 52 ‎ampia scelta a la carte per il tradizionale cenone di fine anno   Se "per ogni fine c'è un nuovo inizio", al Pier 52, approdo gourmand all'ombra dell'Arco della Pace, l... Leggi di più
BORDEAUX "À BORD DE L'EAU" | TERRA DI CASTELLI, DI VIGNETI, DI FIUMI
Se arrivaste vergini nel Bordolese, ovvero senza suggestioni  fotografiche, letterarie o altre, come esploratori trovereste  cartelli pubblicitari di uguali dimensioni, nebbia raccolta in banchi lungo i generosi fiumi e ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.