30dic 2018
ORTO E CARCERE A CIELO APERTO SULL'ISOLA DI PIANOSA
Articolo di: Nadia Toppino

"A lungo mi sono dichiarato innocente. Poi ho deciso di non mentire più né a me stesso né agli altri e di guardarmi nello specchio: oggi vedo un uomo migliore; se lo sono, il merito è anche di quest’isola". Quest'isola è Pianosa, al largo dell’Elba, dove attualmente un piccolo nucleo di reclusi è rimasto sull’ Isola del Diavolo toscana in regime di “carcere aperto” e nei mesi estivi convive con il popolo dei vacanzieri elbani che fanno tappa a Pianosa per una giornata di mare, visita e passeggiate. Le parole invece sono di Gafon, rumeno di 39 anni, occhi azzurrissimi, in carcere fino al 2032 “per aver preso una vita”.

 

Questo di Pianosa è solo uno degli esempi di attività lavorative in carcere, e in Italia è forse il più particolare, per la libertà di movimento concessa ai detenuti, per la loro “libera” attività nei campi e nell’orto, e per la convivenza con i turisti appunto. Una vista che per questi detenuti è una “rinascita”. Alcuni di loro lavorano nei campi e preparano le verdure, le coltivano, le raccolgono, le mettono nei sacchetti: melanzane, zucchine pomodori e basilico, tutto rigorosamente bio, destinate in parte agli ospiti di un hotel elbano a cinque stelle e in parte ai turisti che sbarcano a Pianosa d’estate, e con i quali Gafon e gli altri 22 detenuti condividono lo stesso cielo, la stessa terra, gli stessi profumi. Con una differenza: a fine giornata i turisti possono ripartire! Alcuni decidono di passare anche una notte sull’isola dove in estate è attivo il piccolo albergo “Marisa” gestito anche questo da un gruppo di detenuti, insieme al bar tavola calda. 

 

Il rapporto con i turisti esiste, ma senza eccedere. La condizione indispensabile è il rispetto delle regole, poche ma insindacabili. Non per tutti il regime di carcere aperto è possibile, è necessaria la massima affidabilità, altrimenti… si torna subito dietro le sbarre. Gafon lo sa, e si comporta sempre bene, concede e prende confidenza, ma nei limiti: “È bello quando arrivano i turisti, ci sentiamo parte di loro, è come tornare alla normalità con un lavoro, in mezzo alla gente, a volte ti senti anche famoso perché tutti si fermano a parlarti, a farti domande”. Ecco, da un certo punto di vista diventa un privilegio essere qui! Scherzo su questo con Gafon e con gli altri che nel frattempo si sono uniti alla chiacchierata.

 

"In realtà essere a Pianosa è davvero un privilegio, ma bisogna conquistarselo”. Arrivano quasi tremanti le parole di Vincenzo, 47 anni, di Battipaglia, “dentro” fino al 2024 "per l’omicidio di uno spacciatore", confida. Si guarda le mani grandi, come se li ci fosse scritta la sua storia: "E pensare che all’inizio non volevo venirci in questa sezione distaccata. A Porto Azzurro frequento la scuola carceraria, voglio prendere la maturità, qui mi occupo delle pulizie, ma quando ero un uomo libero facevo l’idraulico”. Lo sguardo vola a Napoli, a casa sua, dove ha lasciato tre figli. Si accarezza la pancia sorridendo mentre riprende il racconto: “La mia seconda figlia aspetta un bambino e ho un sacco di motivi per comportarmi bene, il direttore lo sa. Per questo mi ha scelto per il progetto Pianosa, su consiglio del mio educatore".


A decidere chi può essere trasferito a Pianosa è proprio lui, Francesco D’Anselmo, 60 anni, da tre anni direttore della casa di reclusione di forte San Giacomo (Porto Azzurro), arrivato qui dopo tredici anni di attività in altre carceri. Napoletano, laurea in giurisprudenza, ha deciso di puntare sulla massima sicurezza della struttura, potenziando però le chance di lavoro per i detenuti, con l’obiettivo di un miglior reinserimento nella società. È orgoglioso e contento quando spiega questi dettagli, come se questi ragazzi fossero tutti suoi figli ai quali ha voluto concedere una bella occasione di riscatto.


Racconta del suo passato, alla direzione di molte carceri italiane tra cui Parma, Rimini, Sassari, Castelfranco Emilia. E proprio in quest’ultimo ha sperimentato un progetto rivolto ai detenuti tossicodipendenti, decidendo di farli lavorare nei campi. “Lavorare la terra è terapeutico” e così anche a Pianosa tutti i detenuti lavorano nei campi, coltivano, raccolgono. Lo stare all’aria aperta è già un aspetto positivo, non si ha il limite dell’ora d’aria in uno spazio ristretto delle altre realtà detentive.

 

Michele è forse la memoria storica di quest’isola, da 28 anni qui, a lavorare, con una piccola parentesi all’ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa: “È un’altra realtà, un altro modo di vivere la pena. Esiste un’effettiva possibilità di riscatto per i detenuti, che passa attraverso il contatto con i compagni, la natura, la possibilità di riacquistare la propria dignità guadagnando qualcosa grazie a un lavoro vero e magari aiutare la propria famiglia". Mentre mi parla mi prende per un braccio, mi porta in cucina a conoscere Hassen, tunisino, che fa il cuoco per gli altri detenuti. Lui nemmeno mi saluta, mi dice subito “Io qui sono rinato". È il suo saluto, e lo apprezzo. "In 43 anni, dal 1974 a oggi di carceri ne ho visitati un bel po’ – racconta mentre gira il sugo –Foggia, Bari, Napoli…non meno di 7 uomini in una stanza senza fare niente, quello è l’inferno vero. Qui sono tornato a vivere”.

 

Cucina anche per i turisti quando serve, e ridendo racconta: ”I turisti sono curiosi di vedere i carcerati, qualcuno ci viene apposta, all’inizio pensavo di essere come in uno zoo, in vetrina. Poi ho capito che anche noi abbiamo qualcosa in cambio da loro: osservare un bambino che gioca allarga il cuore, ti riporta indietro, alla normalità”. Non gira più il sugo adesso, all’immagine del bambino si è bloccato, come in un fermo immagine: “Quando sono entrato in carcere mia figlia aveva 9 anni. Il giorno in cui la rivedrò, mi troverò davanti una donna”. Lascia cadere il cucchiaio, e mi abbraccia. E io mi lascio abbracciare, con la vista che dalla finestra della cucina corre nel mare blu di Pianosa e con il profumo del sugo che mi fa sentire in qualche modo tra le mura di “una casa”.

 

NOTA. Questa storia fa parte di un progetto editoriale “Storie di cibo dietro le sbarre” che raccoglie tutte le esperienza da me vissute nelle carceri italiane dove sono attivi progetti legati al cibo, progetto che uscirà in forma di libro.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

Articoli Simili
I più letti del mese
FESTA DEL TORRONE DI CREMONA 2017, LA FESTA PIU’ GOLOSA D’ITALIA
Imperdibile: per 9 giorni, dal 18 al 26 novembre, Cremona si trasformerà nella città più dolce d’Italia con la Festa del Torrone, interamente dedicata alla Gola che è il fil rouge di questa edizione. Come ogni anno... Leggi di più
ESTATE DI NATURA E CULTURA ALLE ISOLE FAROE
Dal seafood festival alla notte della cultura, passando per i numerosi eventi musicali, tutto questo nel paesaggio mozzafiato delle Isole Faroe. Un arcipelago di 18 isole nell’oceano Atlantico settentrionale, incontamin... Leggi di più
PISCO IS PERÙ
Inka Pisco (bicchiere nero), Chiccha Sour (mug), e Pisco Pop (coppa rotanda) sono i cocktail creati dal Bulk e che reinterpretano il liquore tipico del paese sudamericano. Il più evocativo di quel paese e piacevole per l... Leggi di più
Riso Carnaroli Riserva San Massimo
Il Carnaroli è un riso superfino, ossia dotato di chicco grosso, vitreo, resistente alla cottura, ricco di amido. Sono queste le caratteristiche che ne fanno un riso da risotto in quanto non si sfalda e l’amido lega la p... Leggi di più
RED DELICIOUS VAL VENOSTA, E FU SUBITO AMORE FRA NATURALITÀ E BONTÀ
In Alto Adige, tra i 500 e i 1.000 metri di altitudine, nasce Red Delicious Val Venosta, la mela frutto del perfetto equilibrio tra Naturalità e Bontà. Dalle qualità straordinarie, Red Delicious si distingue per il suo c... Leggi di più
IL NUOVO METODO CLASSICO, MILLESIMATO 2014 FORTULLA
Il nuovo Metodo Classico, Millesimato 2014, è nato per celebrare i 20 anni della cantina di Castiglioncello Fortulla '94, spumeggiante emblema di un sogno diventato realtà Quale miglior modo per brindare al sogno di u... Leggi di più
OSTERIA DELLA BULLONA: CUCINA MILANESE RIVISITATA
A marzo 2017 ha inaugurato in Via Piero della Francesca a Milano, a due passi da Corso Sempione, l’Osteria della Bullona, ristorante di cucina milanese rivisitata del duo Daniele Carettoni e Daniele Ferrari. L&rsqu... Leggi di più
AL PIER 52 PER SAN SILVESTRO A CIASCUNO IL SUO MENÙ! 
Al molo gourmand di via Piero della Francesca 52 ‎ampia scelta a la carte per il tradizionale cenone di fine anno   Se "per ogni fine c'è un nuovo inizio", al Pier 52, approdo gourmand all'ombra dell'Arco della Pace, l... Leggi di più
BARONE PIZZINI: IMPORTANTE REALTÀ FRANCIACORTINA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE
Fondata nel 1870 dai Baroni Pizzini, sin dagli esordi l’azienda ebbe una guida illuminata. Nel 1993 furono coinvolti nella proprietà alcuni imprenditori e dal 1998 venne avviata la sperimentazione biologica cui fece segu... Leggi di più
LADY BE: I VOLTI CHE HANNO CAMBIATO LA STORIA | CASTELLO VISCONTEO DI PAVIA
Inagura domani, sabato 10 Marzo alle ore 17,00 la mostra “I volti che hanno cambiato la storia”, presso i Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia. L’evento, patrocinato dalla Regione Lombardia, dai... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.