26feb 2019
PIGNOLO, VINO DA SCOPRIRE? | PIGNOLO RONCHI DI CIALLA 2012
Articolo di: Fabiano Guatteri

Quando si menzionano i grandi rossi italiani si nominano soprattutto i figli di uve nebbiolo, sangiovese, cabernet, nero d’avola, aglianico e pochi altri. Stupisce che non venga mai nominato il Pignolo e, nella stessa regione in cui nasce, ossia il Friuli Venezia Giulia, sono regolarmente gli altri, pur validi, rossi a godere di maggiore fama. Il vitigno, presente almeno dal Medioevo, cadde in disuso tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, perché i viticoltori preferivano allevare vitigni di maggiore produttività e più vigorosi.

 

Fu così nel secolo scorso rischiò l’estinzione. Solo alla fine degli anni settanta e negli anni ottanta, grazie all’intraprendenza di alcuni produttori, venne reimpiantato, ma solo nel 1995 entrò a far parte del disciplinare Colli Orientali del Friuli.

 

Il Pignolo è talvolta associato al Nebbiolo per i tannini importanti, anche se i due vini nascono da vitigni senza vincoli di parentela.

 

Nella Sottozona Cialla Friuli Colli Orientali, la cantina Ronchi di Cialla ha creduto sin dalla fondazione nei vitigni autoctoni. Il Colli Orientali del Friuli Pignolo Ronchi di Cialla, abbiamo degustato l’annata 2012, è prodotto con le omonime uve lascate lungamente macerare, per un periodo compreso tra 25 e 30 giorni. Il vino ottenuto è affinato in barrique per circa due anni, quindi segue l’imbottigliamento per almeno sei mesi. Al contrario di vini come il Merlot che anche bevuti giovani posseggono spiccata bevibilità, il Pignolo richiede un minimo di invecchiamento in quanto in gioventù è piuttosto ruvido, con una grazia tutta ancora da acquisire.

 

Con gli anni si ingentilisce, assume garbo, diventa suadente e caldo. Il Ronchi di Cialla 2012 è un vino maturo che può ancora evolversi in quanto non mostra segni di stanchezza.

 

Possiede colore rubino con sfumature violacee.

 

Al naso evidenzia sentori di piccoli frutti, ossia mirtillo, mora, ciliegia cui si unisce la prugna, quindi ricordi speziati con nitida nota vanigliata, nuance di liquirizia e balsamica che lo connota.

 

In bocca è secco, morbido, con tannini presenti, ma levigati dall’invecchiamento, nota fresca e lunga persistenza.

 

Temperatura di servizio: 16 °C


Abbinamenti: carne wagyu alla piastra

 

Nota emozionale: sogno di una notte autunnale

 

1

Indirizzo : Via Cialla 47 Prepotto
Telefono : 0432.731679
Articoli Simili
I più letti del mese
“FUORI EXPO2015” Serata di Gala al Devero Hotel
L’Associazione Nazionale delle Donne del Vino ha organizzato un fuori Expo che ha  visto trenta associate in rappresentanza di altrettante cantine proporre un fornito banco d’assaggio con più di cento etichette: dalle bo... Leggi di più
DOOF L’ALTRA FACCIA DEL FOOD: DAL LEGAME FOOD-MAFIA, ALLA DISTORSIONE...
  Mare Culturale Urbano sabato 24 giugno 2017 Il  mondo del Cibo nasconde grandi problematiche che la TV, i media e i poteri forti del settore non mostrano. Il convegno DOOF, ideato dal giornalista del Corriere della S... Leggi di più
HENNESSY VERY SPECIALI LIMITED EDITION WITH SCOTT CAMPBELL
Per creare ogni anno la nuova Limited Edition di Hennessy Very Special, la Maison da tempo chiama a raccolta grandi artisti internazionali, chiedendo loro di re-interpretare questo iconico cognac con i propri codici espr... Leggi di più
IL BRAND AGROMONTE, REALTÀ SICILIANA DI PRODOTTI CERTIFICATI BIOLOGICI
Al debutto milanese della linea bio dei suoi capolavori, Carmelo Arestia  (nella foto 2 con la moglie Ida tra le due figlie) ha portato solo il ramo femminile della “sacra famiglia del ciliegino”; mentre a ca... Leggi di più
IDENTITÀ GOLOSE E IL PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO
Tra scuola e occupazione purtroppo in Italia esiste un gap spesso incolmabile. Ciò perché la scuola non fornisce agli studenti le competenze e gli strumenti per rispondere in modo esaustivo alle richieste del mercato del... Leggi di più
DEBUTTA MOSER ROSÉ 2011 TRENTODOC, PINOT NERO IN PUREZZA
Era il 1984 quando Francesco Moser a Città del Messico stabilì il record dell’ora su pista e lo stesso anno produsse il suo primo MetodoClassico battezzandolo Moser 51,151. Un nome facile da ricordare, basta pensare ai c... Leggi di più
Prosciutto cotto
Il prosciutto cotto Lenti&Lode dell'azienda Lenti si differenzia da quelli di altri competitor sia per il tipo di lavorazione, sia per il sapore. La lavorazione prevede che la coscia suina di grossa pezzatura, provenient... Leggi di più
CONTAMINAFRO, IDENTITÀ IN EVOLUZIONE 2017 - “I GESTI DELLA BELLEZZA”
A mare culturale urbano dal 20 al 24 settembre 2017 la IV edizione di di Contaminafro, il festival delle culture contemporanee africane. Si svolgerà dal 20 al 24 settembre 2017 a mare culturale urbano la IV edizione di C... Leggi di più
ERIDANIA LANCIA LO SCIROPPO D’AGAVE 100% DI ORIGINE NATURALE E BIOLOGICO
Il marchio icona della dolcificazione in Italia risponde alle richieste dei consumatori, sempre più orientati verso prodotti che coniugano salute, natura e benessere, e lancia lo Sciroppo d’Agave Biologico. Riduzione del... Leggi di più
LA LOCANDINA DELLA SECONDA EDIZIONE DELLA RASSEGNA “I VINI DEL PO”
La locandina seconda edizione della rassegna "I vini del Po" è in programma a Boretto (Re) sabato 29 ottobre. Si tratta di un evento di carattere enogastronomico e culturale che vede coinvolto il Club Papillon di Reggio ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.