04feb 2019
POTAFIORI, NEGOZIO DI FIORI E RISTORANTI CON MUSICA E CANTO
Articolo di: Isabella Scuderi

Potafiori  per l’alternativa, diverso in più ruoli, così si può definire un ristorante che ha l’anima da fioraio, e il mood musicale di un palcoscenico jazz, un ambiente moderno, caldo, accogliente, con esposizioni di  fiori e piante che ti danno inconsapevolmente energia, è una cucina basata su pochi e riconoscibili ricette territoriali.

Da Potafiori vi sembrerà di entrare in uno di quei locali che si vedono in alcuni film, l’arredo si confonde col verde delle piante e i colori tenui dei fiori, composizioni floreali raccontano un’altra storia, si perché qui si vendono fiori e piante (foto 1), ma quello che sorprende è la cucina, Rosalba Piccinni ama l’arte, il bello, la buona tavola, e ha un dono che pochi posseggono, una gran voce, lei è la proprietaria idealista di questo luogo speciale.

Una Combinazione singolare, fiori, musica, e cibo, per qualche ora staccherete dalla routine dei soliti ristoranti, per ogni cosa c’è un posto dove trovare il proprio ristoro, qui spicca una sensazione di serenità,  musica di sottofondo, e poi Rosalba che canta fra i tavoli il repertorio di Mina.

Il menu è alla carte e varia periodicamente, assemblate dalla creatività della giovane chef,  che mescola ricette della tradizione rielaborandole in chiave moderna, ecco allora un vitello tonnato tagliato sottile (foto 2), quel tocco in più è dato dai capperi croccanti  saltati in padella, delizioso. 

L’unico piatto signature di Potafiori rimangono i mitici casoncelli burro e salvia (foto 3), descriverli non gli rende onore, bisogna assaggiarli! 

Tra i primi allettanti notiamo:

Fregola sarda in guazzetto di triglia, aneto e zenzero, Spaghetti alla chitarra mantecati al limone, spinacino e battuto di gamberi di Mazara.

Tutto e gustoso, ben presentato ma senza eccessi, abbiamo provato il Maialino arrosto, carota glassata, purea di ceci, misticanza alcolica (foto 4 ), a seguire la Spalla di agnello al forno, cous cous con caponata in agrodolce (foto 5), sapori che rendono ogni assaggio vizioso, ma di gusto. 

Un posto dell’anima, da Potafiori la sua identità contribuisce a creare un atmosfera speciale e avvolgete, qui ogni cosa rende protagonista l’altra, fiori, musica, cibo, a voi la vostra posizione, un’armonia di sensazioni che vi accompagnerà anche quando farete ritorno a casa.

Mani al portafoglio

Spenderete circa 40 euro a persona, esclusa bottiglia di vino. Buona  e genuina la qualità dei piatti in linea ai prezzi.

 

POTAFIORI

Aperto tutti i giorni (9-00), domenica dalle 17

1

2

3

4

5

Indirizzo : Via Salasco 17 Milano
Telefono : 02.87065930
Articoli Simili
I più letti del mese
IL PERCHÉ DELLE ALBICOCCHE, FRUTTA DA NON SOTTOVALUTARE
Le albicocche sono frutti che ci accompagnano da tarda primavera sino a un buon tratto d’estate. Il colore giallo caldo che vira all’aranciato talvolta screziato o punteggiato di rosso è sicuramente invitante. Se raccolt... Leggi di più
ARCHITECTSPARTY 2017 GLI APERITIVI NEGLI STUDI DI ARCHITETTURA TORNANO A MILANO
ArchitectsParty 2017 gli aperitivi negli studi di architettura in Italia e in Europa tornano a Milano dal 21 al 23 giugno  Dal 21 al 23 giugno tornano a Milano gli ArchitectsParty, gli aperitivi negli studi di architett... Leggi di più
RITORNA PER UNA SERA A MILANO IL FILM CULT FREAKS
Ritorna a grandissima richiesta, solo il 24 luglio alle ore 21.30, Freaks, uno dei più famosi cult movie della storia del cinema. Un film controverso che quando uscì, nel 1932, scatenò aspri dibattiti e ancora oggi non m... Leggi di più
COLLIO MERLOT RUSSIZ SUPERIORE 2012
L’Azienda Russiz Superiore dal 1956 ha sede a Capriva del Friuli, nel Goriziano, anno in cui Marco Fellluga la fondò. Il padre Giovanni si era trasferito in Friuli negli anni Trenta, proveniente dall’Istria dove la famig... Leggi di più
MOSCATO ZEBO, TERRE SICILIANE INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
Soprattutto d’estate un aperitivo fresco, petillant, fruttato, dolce senza essere stucchevole ci mette nell’umore giusto per cominciare al meglio la serata. Zebo è un vino bianco aromatico che riproduce al me... Leggi di più
BRUNO QUERCI ENERGICOFORMA ALLA GALLERIA “A ARTE INVERNIZZI”
La galleria A arte Invernizzi inaugura martedì 21 novembre 2017 alle ore 18.30 una mostra personale di Bruno Querci, in occasione della quale viene presentato un percorso espositivo che, attraverso la compresenza di lavo... Leggi di più
EUROPA, DOVE LA QUALITÀ È DI CASA | I PRODOTTI ALTOATESINI (2/2)
Abbiamo detto qui  del focus tenuto sui vini altoatesini in occasione della campagna Europa dove la qualità è di casa finanziata con l’aiuto dell’Unione Europea, un evento che ha avuto luogo a Milano presso S... Leggi di più
Tagliolini con gamberi e carciofi alle due cotture
LE BACCHE FREDDE DEL SUD
Il Sud Italia non è solo terra di sole e mare, di tuffi infiniti tra vento caldo e brezza marina, nel profondo si nascondono zone impavide, di difficile conduzione, dove la coltura diventa imprevedibile perché bersagliat... Leggi di più
UN 2016 RICCO DI PREMI PER LA CANTINA CONTE COLLALTO
Dal Concours de Bruxelles al Merano Wine Festival fino alla lusinghiera valutazione del prestigioso Wine Spectator, un bilancio più che positivo per il marchio di Susegana che diventa ancora più internazionale.   Un 20... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.