05gen 2020
LE AVVENTURE DI UN PRIVATE CHEF PER CASO IN DUBAI
Maurizio Pelli: la storia di un uomo di mare con la passione per la cucina italiana diventato private chef a Dubai dove organizza luxury dinner
Articolo di: Fabiano Guatteri

Un testo che descrive una particolare professione, poniamo personal chef e tutti i suggerimenti per svolgerla al meglio si acquista se si ha un qualche interesse per quella professione, ovviamente.

E un ricettario si acquista se si ha interesse per la cucina e si intende cucinare, altrettanto ovviamente.

Ma se un uomo di mare italiano scrive delle peripezie vissute in prima persona quale private chef a Dubai i potenziali lettori non sono solo aspiranti personal chef o quasi in trasferta, né appassionati di ricettari. Soprattutto se non si tratta di un manuale per addetti ai lavori, o un ricettario, ma di fatto di un romanzo che presenta un mondo talvolta per alcuni versi più vicino alle favole, che alla nostra quotidianità.

 

Ci riferiamo a Private chef in Dubai di Maurizio Pelli. La lettura di questo libro è da subito coinvolgente, e di fatto ogni cena, e si tratta di esclusivi Dubai’s Deluxe Dinner Party, è ricca di curiosità, talvolta di elementi di fascino, tal altra è un’esperienza avventurosa.

E diventa divertente mettersi nei panni dell’autore quando spiega come in una città multietnica come Dubai sia difficile organizzare un banchetto tenendo in considerazione che gli arabi arrivano con 2 ore di ritardo e non mangiano carne di maiale e non bevono alcol, gli indiani non mangiano carne di manzo, e magari sono presenti vegani e vegetariani... Considerando inoltre che è in partenza problematico preparare una cena italiana laddove le materie prime reperibili non sono sempre quelle “nostrane”.

 

Ma Pelli queste difficoltà le narra con il sorriso sulle labbra. Ci tiene a precisare, come premessa, la differenza esistente tra “personal chef” e “private chef”, professioni talvolta confuse:
“Il personal chef è colui che cucina per una persona oppure per una famiglia a
tempo pieno, è un dipendente e spesso segue il suo datore di lavoro anche durante
i viaggi e gli spostamenti. Viene regolarmente assunto, salariato e retribuito
mensilmente.
Il private chef è colui che cucina per un evento, una funzione, un pranzo oppure
una cena privata. È un libero professionista indipendente ed è retribuito a
prestazione”.

 

E Pelli è un private chef. La sua storia è avventurosa, ma basterà dire che nella sua casa di Dubai cucinava cene su cene italiane sin quando, per compiacere la moglie stanca di tanto trambusto, cominciò a organizzare le cene italiane fuori casa e il suo da hobby, cucinare, divenne un lavoro retribuito. Pelli, però non è un cuoco improvvisato, e nel libro spiega il suo percorso culinario. Dubai è una realtà molto diversa da quella italiana e Pelli racconta delle mille difficoltà he si possono incontrare anche per le richieste stesse dei committenti che pur chiedendo una cena all’italiana vorrebbero abbinare agli spaghetti l’insalata. Ogni cena è un racconto compendiato dalle ricette realizzate per l’occasione. I committenti sono i più vari. Una volta una facoltosa signora presidente di un’associazione di donne di Dubai di una fondazione, si è rivolta a Pelli per organizzare una cena di sole donne, sedici, con per ospite la presidente mondiale di tale fondazione, famosa V.I.P. internazionale del mondo cinematografico hollywoodiano nonché grande appassionata di cucina ed esperta di vini italiani.

 

Quando Pelli andò a visitare la casa dove avrebbe organizzato la cena in trasferta trovò una:

“Villa spettacolare sulla Palma, una Rolls Royce bianca con autista in attesa sul viale d’ingresso fuori dal garage e una Bentley GTC azzurro carta da zucchero posteggiata nel garage aperto. Una signora molto chic mi venne a ricevere, subito mi mostrò con orgoglio la sua bellissima cucina tedesca Bulthaup e un sontuoso, lungo tavolo di cristallo nella sala da pranzo, attorniato da splendidi quadri fiamminghi. Nel salone aspettava schierata la servitù”.

 

Non vogliamo anticipare altro di questo libro istruttivo e divertente al tempo stesso.

 

Maurizio Pelli
Private chef in Dubai e-book formato MOBI
su Amazon € 12,27
lo trovate anche  sul sito dell'autore The Culinary Clinic

1

Articoli Simili
I più letti del mese
CON IL PANETTONE DI FILIPPI PER L’AUTUNNO DI NEFF
Negli spazi di Neff a Milano per scoprire le novità della Pasticceria Filippi per il Natale 2020   Sembrava tutto magicamente concertato: il primo freddo su Milano, un pomeriggio di piacevoli incontri in uno spazio mag... Leggi di più
IL BERGAMOTTO, BUONO E SALUTARE, INTERPRETATO DALLO CHEF DAVIDE OLDANI
Arriva sugli scaffali una nuova proposta di Citrus – L’orto italiano: il bergamotto, la storia e una ricettaIl bergamotto interpretato dallo chef Davide Oldani. Due frutti di bergamotto, foglie di alloro ed u... Leggi di più
CRUDO E COTTO DI GAMBERI E CALAMARI AL DRY MISO
OFFICINA DESIGN CAFÈ: MANGIARE AL MUSEO A MILANO
Nella capitale mondiale del design e della moda non poteva mancare un’accogliente location che avrebbe potuto lanciare uno slogan come “mangiare al museo a Milano”. Un posto che trabocca di richiami all... Leggi di più
EUGENIO BOER APRE bu:r, IL SUO NUOVO RISTORANTE MILANESE
I fan di Eugenio Boer (foto 2), dalla sua uscita dalla scena ristorativa milanese dello scorso novembre dopo l’acquisizione della stella Michelin presso il ristorante Essenza, volevano sue nuove. Ma le notizie non ... Leggi di più
HA APERTO BERBERÉ MILANO COLONNE: PIZZE SHARING E BIRRE MIKKELLER
Berberè è una miscela di spezie delle cucine etiope ed eritrea, ma Berberè a Milano è soprattutto il nome di una pizzeria, o meglio, di quattro pizzerie, la quarta Berberè Milano Colonne, or ora inaugurata, che si sono f... Leggi di più
CINQUE NUOVI RISTORANTI PER LA 35ESIMA ASSEMBLEA ANNUALE LE SOSTE
Le Soste quest’anno è arrivata a quota ottantacinque, rappresentando i migliori ristoranti di cucina italiana nel nostro Paese e nel Mondo. L’idea originaria prese forma nel 1982 durante una cena tra ristoratori amici: a... Leggi di più
PINOT NERO RISERVA 110 NOIR LA GENISIA TORREVILLA UN ROSSO IN DIVENIRE
Torrevilla è una realtà vitivinicola cooperativa dell’Oltrepò pavese fondata nel 1907 che conta 600 ettari di terreno vitato e ha a suo attivo 200 soci. Negli ultimi anni ha realizzato La Genisia che rappresenta la... Leggi di più
DOVE UN TEMPO C’ERA UN CASTELLO | PODERE CASALE
Il Gutturnio è stato il primo vino piacentino a ricevere la denominazione di origine controllata.  Abbiano scoperto la versione di Podere Casale.  Un vino di carattere, di piacevolissima beva. Si produce anche, solo in ... Leggi di più
I PIATTI BELLA CIAO DEGLI CHEF CHE AUGURANO “BUONA LIBERAZIONE”
Un evento che esalta la libertà, accompagnato da “Bella ciao” - esempio di “inno alla libertà universale”, disse il bavarese che qualche settimana fa ne organizzò una pubblica rappresentazione per... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.