02feb 2020
RISTORANTE LE SAIE: LA CUCINA CALABRESE A MILANO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Il panorama della ristorazione milanese ha un nuovo indirizzo, Le Saie. Lo chef patron Rocco Iannì, dopo trent’anni ai fornelli, con una consolidata esperienza presso il suo ristornate di Bagnara Calabra Le Saie, ha voluto portare a Milano la cucina della sua terra. Il locale milanese, che affianca quello di Bagnara, si sviluppa su tre sale disposte in altrettanti livelli (nella foto 1 l'accesso a due sale visto dal piano strada). L’ambiente è sobrio e non passa inosservata una parete con un affresco (foto 2-3) di donne che issano una rete da pesca. Le loro ampie gonne sono le saie che danno il nome al ristorante.

 

I loro uomini, mariti, figli, fratelli, hanno pescato la notte e ora stanno dormendo per cui tocca loro sistemare le reti. Ma poiché la pesca non sempre garantisce il cibo quotidiano specie se si hanno figli, queste donne sfidavano la legge contrabbandando sale che nascondevano sotto le saie. E ci piace entrare in un ristorante o più in generale in un ambiente ispirato alle donne, che ne riconosce il ruolo primario, la fatica, la generosità e l’audacia. Le Saie propone cucina calabrese che a Milano è poco conosciuta. A condurre il ristorante Rocco Iannì e il figlio Diego, restaurant manager. La cucina è marinara con piatti regionali in parte rivisti. L’olio extra vergine d’oliva utilizzato in cucina e servito al tavolo è L’Ottobratico dell’ Olearia San Giorgio.

 

Abbiamo seguito un percorso degustativo, per cui le porzioni dei piatti fotografati non corrispondono a quelle alla carta. Abbiamo cominciato con la Tartare di gambero rosso e burrata al profumo di bergamotto (foto 4), una portata fresca, immediata, piacevole con il sapore dei gamberi in parte, secondo noi, non valorizzata sufficientemente dalla presenza della burrata che va detto è freschissima. Ma si tratta di scelte.

 

Nel Crostino di Triglia con agrodolce di cipolla di Tropea IGP (foto 5) i sapori sono equilibrati, senza sovrapposizioni: il gusto iodato della triglia  armonizza con quello agrodolce della cipolla. Questa comunica note di dolcezza garbata e il crostino fornisce consistenza croccante.

 

Questa cucina dal registro marinaro come potrebbe interpretare la golosa parmigiana? Rocco Iannì lo ha spiegato realizzando la Parmigiana di pesce spada De.c.o. di Bagnaria Calabra (foto 6) dove fettine sottili di pesce spada si alternano agli altri ingredienti: è un piatto tra quelli che più ci ha emozionato, delicato, nella sua sapidità. E’ piacevole affondare i denti in questi strati morbidi ricoperti da un’irrinunciabile crosticina, un felice mix di terra e mare.

 

La Pasta mista con surjaca di Caria ‘nduja di Spilinga De.c.o. di Mammola De.c.o. (foto 7) è un piatto complesso. Abbiamo apprezzato la consistenza e il sapore dello stocco, la cremosa delicatezza dei fagioli surjaca e non ci saremmo spaventati se le note piccanti e il sapore della ‘nduja, fossero stati più accentuati, ma essendo la ‘nduja un ingrediente decisamente forte, la dosatura deve essere prudente.

 

Una preparazione che non vuole mediazioni è sicuramente il Riso di Sibari con pesto di pomodori secchi e pecorino di Monte Poro  (foto 8); sapori di Calabria sintetizzati in questa portata elaborata con componenti fortemente caratterizzati come i pomodori secchi e il pecorino: a volte, come in questo caso, bastano pochi ingredienti per dar vita a un grande piatto dotato di forte personalità.

 

La spatola è un pesce poco considerato al nord, o quantomeno di difficile reperibilità eppure permette di ottenere piatti di grande interesse gastronomico. A Le Saie è in carta il Pesce spatola con crema di finocchi di Isola Capo Rizzuto e torrone di Bagnara Calabra IGP (foto 9-10) piatto equilibrato, con il gusto del pesce netto, accompagnato da ingredienti che potrebbero sembrare distonici, ma che in realtà valorizzano la spatola assegnandole il ruolo di protagonista.

 

Da provare i dolci quali il Cannolo scomposto con ricotta e annona di Reggio Calabria De.c.o. (foto 11) e le Piparelle con ricetta “Comunità del cibo Slow Food di Villa San Giovanni” (foto 12).

 

La cantina comprende selezione di etichette calabresi.

 

In conclusione una cucina regionale contemporanea, saporita e leggera, con preparazioni in linea con il gusto attuale senza rinunciare ai sapori più caratterizzanti. Abbiamo apprezzato gli accostamenti di ingredienti creati sempre con grande conoscenza della materia prima trattata così da creare sinergie gustative. Per sintetizzare, sapori nuovi a Milano.

 

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

Photo Credits

Photo 7 : Filippo Teramo
Photo 11 : Filippo Teramo
Photo 12 : Filippo Teramo
Indirizzo : Via Gabriele D'Annnunzio 7/9 Milano
Telefono : 39 02.89420136 - 324.6894363
Articoli Simili
I più letti del mese
GICO E CHIC – CHARMING ITALIAN CHEF: IN THE KITCHEN TOUR
GICO e Chic – Charming Italian Chef:  In The Kitchen Tour porta la grande cucina in giro per l’Italia grazie alle attrezzature GICO GICO – Grandi Impianti Cucine torna al fianco di Chic - Charming Ital... Leggi di più
HENDRICK’S GIN CELEBRA LA GIORNATA NAZIONALE DEL GATTO
Qual è la città preferita dai gatti bianchi? Secondo lo studio di Hendrick’s è Torino ad aggiudicarsi il primato. Quanto alla densità di gatti per popolazione? vince Seborga, piccolo borgo sulle colline, vicino ad ... Leggi di più
ARTISTI-NOI, UN GRUPPO ARTISTICO CON LA VOGLIA DI CREARE E DI COMUNICARE
Dopo aver dato spazio alla Pinacoteca di Brera che con l’attuale direzione dialoga con la città più che in passato, vogliamo ora segnalare una realtà viva e motivata. Artisti-noi è un gruppo artistico che vuole dialogare... Leggi di più
ITTI&CO – PESCHERIA CON CUCINA | LOCALE DI PESCE, COTTO E CRUDO MILAN STYLE
A Milano non c’è il mare, ma non manca il pesce, proposto in infinite sfumature, più che in una città rivierasca. Dal chiosco che elabora anche pesce crudo, al ristorante esclusivo la scelta è ben nutrita e non man... Leggi di più
APERITIVO ITALIANO: ROSATO IL MARINETTO DI SERGIO ARCURI
Sta arrivando il caldo e molti vini si prestano benissimo ad essere stappati, in vacanza, in barca, per un aperitivo all'aperto o come abbinamento easy su piatti leggeri di terra e di mare. E allora quali scegliere? Sen... Leggi di più
RHUM TROIS RIVIÈRES 355 ANNI
Il Rhum Agricolo martinicano Trois Rivières presenta al mercato italiano la sua nuova cuvée celebrativa “355 Anni”. “355 Anni” è un Rhum Agricolo bianco che intende ricordare, appunto, i 355 anni della piantagione marti... Leggi di più
LA MELAGRANA, FRUTTO DAI TANTI IMPIEGHI
l melograno è una pianta originaria della Persia diffusasi poi attraverso la via della seta; arrivò presso i Romani dal nord Africa, e venne chiamata “Punica granatum”. In Italia sono coltivate più varietà di melagrane (... Leggi di più
DIEGO ROSSI INTERPRETA L’WELSH LAMB, L’AGNELLO GALLESE IGP
L’Welsh lamb, l’agnello gallese igp, ha caratteristiche proprie, non assimilabili a quelle degli agnelli allevati in altri paesi europei. Gli allevamenti nel Galles sono estensivi e grass feed, ossia i capi si cibano d... Leggi di più
“SEI MIA” UNA RIFLESSIONE SULLA MASCHILITÀ E LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE
Aggiornamento 11 marzo L’idea della  serata del 23 marzo risale a più di un anno fa e proviene da un sussulto di coscienza dopo l’ennesimo, efferato omicidio di una donna.  Desidero dire che vi sono due sent... Leggi di più
SAN MARZANO PORTA A MILANO LA VENDEMMIA 2017
San MarzanoSan Marzano storica cantina pugliese porta a Milano la vendemmia 2017: ottima annata, uve sane e quantità in calo. Si è tenuta presso Ceresio 7 la degustazione delle etichette più rappresentative della cantina... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.