13set 2020
USI E ABUSI DEL ROSMARINO IN CUCINA
Articolo di: Fabiano Guatteri

William Shakespeare, nell’Amleto fa dire a Ofelia, rivolta al fratello “There's rosemary, that's for remembrance”, ossia propone il rosmarino perché rafforza la memoria.

 

Ma questa è una sola delle doti di questa pianta. Dal punto di vista gastronomico, ed è ciò che qui ci interessa, il suo passaggio in cucina non passa inosservato. Ha una potente carica aromatica e se vogliamo aromatizzare un olio ce ne rendiamo subito conto. Mettendo un rametto di rosmarino in una bottiglia di vino bianco si ottiene una bevanda stimolante che può ricordare vagamente la Retsina greca. In cucina, proprio per l’intensità aromatica, non va utilizzato con tutti i cibi .

 

E’ l’erba giusta per marinare la carne di manzo prima di cuocerla alla griglia, ma va bene anche con quelle ovine che sono molto intense. Rispetto ai pesci si abbina sicuramente all’anguilla comunque si cucini ed è adatto a profumare i carpioni in genere.

 

Però, visto che non ha la delicatezza del prezzemolo, andrebbe evitato con i piatti delicati. Una sogliola al burro potrà essere aromatizzata dalla salvia, ma non dal rosmarino che ne coprirebbe il sapore gentile. Ma ciò vale anche per le carni bianche, Il petto di pollo al rosmarino saprebbe soprattutto di rosmarino. Ma anche una saporita braciola di maiale, così come un nodino di vitello, armonizza sicuramente meglio con una foglia di salvia, mentre il filetto di maiale, che è una carne rossa, si lascia accompagnare dal rosmarino. Per contro con i ceci, unito in un soffritto di olio e aglio, si sposa a meraviglia,

 

Un’avvertenza: se destiniamo il rosmarino a una lunga cottura leghiamolo con un filo di cotone per evitare che disperda i sui aghi nella preparazione, perché questi sono alquanto spiacevoli se capitano in bocca. Non che mangiare il rosmarino faccia male, ma non è gradevole se masticato, sia per la consistenza coriacea, sia per il sapore quasi amaro che non è piacevole come quello del basilico. Né tritato risolve il problema perché pur sempre disturba la masticazione e deforma il gusto della preparazione che dovrebbe valorizzare.

 

Se proprio vogliamo unirlo a un ripieno o a un involtino, per “depotenziarne” le criticità tagliamo, che non vuol dire tritiamo, le foglie con un coltello come in una sorta di brunoise, per cui a pezzetti piccolissimi, della stessa lunghezza dello spessore della foglia, piuttosto meno che più. Solo allora il sapore si distribuirà omogeneamente e masticandolo la consistenza sarà impercettibile. In questo modo potremo cospargerlo sulla tagliata di manzo o sugli scottadito, ma anche sulle patate al forno o fritte.

1

Photo Credits

Photo 1 : Leszek Hus da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
PICASSO, DE CHIRICO, MORANDI | 100 CAPOLAVORI DEL XIX E XX SECOLO
Il 20 gennaio scorso è stata inaugurata a Palazzo Martinengo a Brescia la mostra Picasso, De Chirico, Morandi: 100 capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane, un viaggio nell’arte nella stori... Leggi di più
PROVATI PER VOI: ALTOC A MAGENTA | MARKET E RISTORANTE CON UNA MARCIA IN PIÙ
Siamo tornati alToc (di cui abbiamo scritto qui). La posizione è strategica, veramente comoda da raggiungere e impossibile da non notare, affacciato sulla rotonda della Boffalora Malpensa all’incrocio fra le dirett... Leggi di più
IL SEGRETO DEI VINI DELLA TENUTA DI GHIZZANO? LA PIGIATURA CON I PIEDI
I vini in breve Tenuta di GhizzanoIl Ghizzano Bianco 2019Cuvée di uve uve vermentino 50%, trebbiano 35% malvasia 15%, vinificazione in acciaio e affinamento in vasche di cemento. Il 30% dell’uvaggio macera per 4 m... Leggi di più
Harry Brompton’s London Alcoholic Ice Tea
Chi ama le bevande moderatamente alcoliche, deve prima o poi provare Harry Brompton’s London Alcoholic Ice Tea non solo perché un tè di 4 gradi alcolici è una novità assoluta, ma anche per la qualità degli ingredienti ch... Leggi di più
IL PREMIO FRANCESCO ARRIGONI ALLA FONDAZIONE ONLUS FRANCESCA PECORARI
Il Premio Arrigoni alla Fondazione Onlus friulana Pecorari, la solidarietà dell'enogastronomia per progetti di valore!   La consegna il 4 maggio a Sotto il Monte Giovanni XXIII (Bg) con anche una importante cena di ben... Leggi di più
A SLICE OF UNUSUAL – IL 2018 FIRMATO HENDRICK’S GIN
Hendrick’s Gin  il brand scozzese, che da sempre si distingue per originalità, invita ad approcciarsi al nuovo anno in modo inusuale, a partire dalla data d’inizio, con vari appuntamenti in calendario e un&rs... Leggi di più
PORTA IN TAVOLA IL PIACERE DEI PIATTI PREPARATI A REGOLA D’ARTE
Mancano ormai pochi giorni a Pasqua e, come da tradizione, organizzerete a casa vostra il classico pranzo pasquale. Quest’anno però, oltre che ai vostri parenti, avete deciso di invitare anche alcuni dei vostri amici più... Leggi di più
MILANO WHISKY FESTIVAL AND FINE SPIRITS
Milano Whisky Festival and Fine Spirits: nuova identità e nuovi spazi per celebrare insieme gli spirits più amati. L'11 e 12 novembre 2017, in occasione della 12° edizione, gli organizzatori del Milano Whisky Festival ha... Leggi di più
IL CURIOSO LINGUAGGIO DI CERTA LETTERATURA GASTRONOMICA: TUFFARE, IRRORARE, FARCIRE
Ci capita di leggere ricette in rete è constatare che certi termini impropri sono diffusi, ossia non rappresentano l’intercalare errato di un autore, ma una terminologia condivisa, quasi fosse il linguaggio gergale... Leggi di più
RISTORANTI. SI RIAPRE: CHI HA GIÀ APERTO, CHI APRIRÀ E QUANDO
Dopo la quarantena imposta da Coronavirus è cominciata una nuova fase, la riapertura . Alcuni ristoranti hanno già alzato la saracinesca, altri riapriranno a breve. Eccone alcuni non solo a Milano   MilanoAperti Chate... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.