03mar 2019
SAKEYA THE HOUSE OF SAKE E LA CUCINA GIAPPONESE CONTEMPORANEA
Articolo di: Fabiano Guatteri

Premessa

La cucina giapponese contemporanea arrivò in Italia, e in particolare a Milano, negli anni ottanta. Era una versione diversa da quella segnatamente tradizionale e un po’ ingessata che proponevano i ristoranti storici milanesi, ossia Suntory ed Endo, in cui si sceglieva un menu e non i singoli piatti. Poporoya, una piccola bottega di prodotti alimentari giapponesi, aprì in quel decennio in via Eustachi; composta da due locali, in uno vi era un piccolo banco di circa 2 metri di lunghezza, dove venivano serviti sushi e sashimi soprattutto ad avventori giapponesi. Poi fu la volta degli italiani, il piccolo banco si allungò e quel locale diventò sala da pranzo. Questo per dire che l’approccio della cucina giapponese a Milano fu molto discreto.

 

Il sushi dilaga a Milano

Ma il sushi conquistò i milanesi così che dalla fine degli anni ottanta e per tutti gli anni novanta fu un fiorire di sushi bar, pochissimi giapponesi, moltissimi cinesi con cucina simil giapponese di basso livello che successivamente adottarono la formula all you can eat. Ma sushi e sashimi stanno alla cucina giapponese come pizza e spaghetti a quella italiana, rappresentano cioè solo un piccolo aspetto di una gastronomia ben più ampia e complessa. Negli anni novanta i ristoranti giapponesi erano paragonabili alle nostre trattorie, dove erano preparati anche piatti caldi, ma fu solo nel decennio successivo che aprirono veri e propri ristoranti con piatti dell’alta cucina giapponese, ossia kaiseki.

 

Expo Milano 2015

Con Expo Milano 2015, mentre il padiglione giapponese vedeva file di visitatori disposti ad aspettare ore, l’ufficio commerciale giapponese propose con una campagna molto serrata, due prodotti il sake inteso come “vino” di riso e la carne Wagyu. In Italia qualche bottiglia di sake si era già vista, ma non era di grande qualità, mentre ora facevano ingresso i Super Premium preparati con risi selezionati raffinati sino a ottenere la sola parte centrale del chicco, ossia una piccola sfera. Della Wagyu si conosceva più per sentito dire che per esperienza diretta quella di Kobe. Due prodotti, sake e Wagyu, che ora imperano e fanno tendenza e la Wagyu non manca nelle griglierie più reputate. La Wagyu è cosiderata la migliore carne del mondo, valutata con il punteggio qualitativo più alto, A5+ che prende in esame la marmorizzazione il colore e la brillantezza, la consistenza, la qualità, la lucentezza e il colore del grasso e la resa.

 

Apre Sakeya

Nel 2016 Lorenzo Ferraboschi e Maiko Takashima, fondatori di Sake Company casa importatrice di sake, considerata la richiesta crescente del “vino” giapponese, ebbero l’idea brillante, e anche un po’ audace, di aprire Sakeya  (foto 1), una house of sake, come a Londra e a New York dove servire il sake abbinandolo ai cibi giapponesi più adatti a sposare la bevanda, e tra questi, in modo significativo, la carne Wagyu. Idea audace in quanto i tempi per aprire una “sakeria” potevano ancora essere prematuri; invece i due videro giusto perché non solo i tempi si dimostrarono maturi ma anche perché Sakeya, la cantina di sake più grande d’Europa con circa 150 etichette, ha contribuito a promuovere con successo un prodotto simbolo della cultura nipponica.

 

Il locale

Il locale, mattoni a vista in stile newyorkese (foto 2) che piace ai milanesi, offre un ambiente essenziale dai toni caldi, tavoli e scaffali di legno in cui sono ordinatamente esposte le bottiglie di sake (foto 3). In carta un essay della cucina nipponica, con interpretazioni fusion: dai sushi all’Wagyu diversamente cucinato, scaloppe di foie gras che si abbinano non solo alla carne, ma anche al baccalà, e poi black cod, granchio reale dell’Alaska... Ma veniamo ai piatti che abbiamo provato.

 

La cucina

Le polpettine di polpo in tempura al nero di seppia servite in salsa takoyaki, alga nori e petali di bonito (foto 4) si differenziano da quelle che conosciamo, non solo per la presenza del nero di seppia, per la consistenza più cremosa, ma soprattutto per una maggiore leggerezza della preparazione. Le polpette vanno tagliate per lasciarle raffreddare quanto basta perché diversamente l’ustione è garantita. Sono accompagnateuna salsa sciropposa tendente leggermente zuccherina, tonnetto essiccato e affumicato, il katsuoboshi, l’ingrediente base del dashi, il brodo giapponese base di zuppe e salse.

 

Con la seconda portata fa ingresso l’Wagyu della prefettura di Miyabi che vanta il punteggio A5+. E’ cotto con la tecnica del tataki, ossia la carne spessa almeno 4 cm è scottata su una piastra e poi affettata, per cui simile alla nostra tagliata, e pertanto la sezione più interna è praticamente cruda; viene servita con nuvola di riso, uovo in camicia freddo e salsa ponzu (foto 5) , un mix di soia, mirin e aceto di riso per cui comunica acidità, dolcezza, sapidità e umami; la salsa ponzu si serve generalmente con il tataki soprattutto di tonno.

 

I più golosi non perdano, cucinati sulla brace, gli spiedini di anguilla (foto 6 a sinistra) e di pancetta fresca (foto 6 a destra)... inenarrabili, cha abbiamo provato insieme con le polpette di Wagyu Niku Dango (foto 6 nel centro), scottate alla piastra servite con uovo morbido cotto a bassa temperatura e servito freddo.

 

Il polpo piastrato, onnipresente nella ristorazione milanese, lo troviamo anche qui, però servito con purè di zucca e cips di patate viola (foto 7): è un piatto già visto, il più scontato, e forse per questo motivo è quello che ci ha comunicato meno emozioni.

 

Abbiamo decisamente meglio apprezzato la Steak Wagyu Miyabi con chips (foto 8), cottura al bleu, e ci si può perdere per la texture fitta e morbida, l’intensità di questa carne che non smette di stupire, la piacevole masticabilità, l’eccezionale consistenza morbida, ma non cedevole.

 

Sake

Con questi patti sono stati serviti tre sake (vi sono 30 etichette disponibili al calice). Detto molto superficialmente il primo (foto 9) potrebbe essere considerato alla stregua di un buon vino base, dal sapore morbido e passante. Il secondo (foto 10) è un Premium, prodotto ciò utilizzando chicchi di riso molto levigati, con sapore pulito, ricchezza aromatica fruttata. Il terzo (foto 11 ) ci è piaciuto per la rusticità: per produrlo si utilizza il chicco intero semigrezzo che conferisce al sake un carattere un po’ ruvido, per questo piacevole.

Per concludere al meglio una cena giapponese, un assaggio di Kodakara Yuzu (foto 12) un liquore allo yuzu, l’agrume giapponese molto utilizzato in cucina e che spesso aromatizza la salsa ponzu.

 

Per concludere

Valutando il menu oltre che per i sapori, per le consistenze, avvertiamo una certa geometria: eccezion fatta per gli spiedini, ogni ingrediente morbido è accompagnato da uno crunch. Per concludere è una cucina con una salda base nipponica che si intesse a elementi occidentali, utilizzando metodi di cottura ora orientali tradizionali come il vapore, ora tecnologici come le basse temperature, cucina valorizzata dagli abbinamenti con il sake.

 

Sakeya The House of Sake

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

Indirizzo : Via Cesare Da Sesto 1 Milano
Telefono : 02 9438 7836
Articoli Simili
I più letti del mese
LE BACCHE FREDDE DEL SUD
Il Sud Italia non è solo terra di sole e mare, di tuffi infiniti tra vento caldo e brezza marina, nel profondo si nascondono zone impavide, di difficile conduzione, dove la coltura diventa imprevedibile perché bersagliat... Leggi di più
CARPACCIO DI CALAMARO
Tagliolini con gamberi e carciofi alle due cotture
UN 2016 RICCO DI PREMI PER LA CANTINA CONTE COLLALTO
Dal Concours de Bruxelles al Merano Wine Festival fino alla lusinghiera valutazione del prestigioso Wine Spectator, un bilancio più che positivo per il marchio di Susegana che diventa ancora più internazionale.   Un 20... Leggi di più
WORLD’S BEST GELATO FLAVOR IL MIGLIOR GUSTO DI GELATO AL MONDO
Il miglior gusto di gelato al mondo: in anteprima assoluta, ecco i 36 gusti di gelato che si contenderanno il titolo a Rimini, nel gran finale del Gelato World Tour (8-10 settembre) Arrivano da 4 continenti e 19 nazioni... Leggi di più
INTRAPPOLA.TO | IL GIOCO DI FUGA TUTTO ITALIANO… E NON SOLO!
Intrappola.to è stata la prima Escape Room a sbarcare in Italia, nel 2015. La prima stanza ha aperto a Torino nel maggio 2015 e in pochi mesi il gioco, subito virale sui social e amatissimo dai Millenials, ha saputo tras... Leggi di più
CENA BENEFICA AL MORO DI MONZA CON TRE CHEF OSPITI AI FORNELLI
Gli chef Carlo Andrea Pantaleo del Milano 37 di Gorgonzola, Michele Mauri de La Piazzetta di Origgio Varese, Fabio Silva del Derby Grill di Monza, e i padroni di casa Salvatore e Vincenzo Butticè del Ristorante Il Moro d... Leggi di più
APPUNTI DI VIAGGIO: OSTRICHE INDIMENTICABILI
Nonostante fosse marzo il vento era molto freddo e il mare, grigio, diventava in alcuni momenti particolarmente minaccioso. Quel giorno, mi dissero, nessuna barca era uscita dal porticciolo di Saint-Malo. Eppure c’... Leggi di più
IL DONNA MARTA 2012 PREMIATO DA VINIPLUS 2018
Un altro importante riconoscimento per la Tenuta Le Mojole  arriva dopo Berlino, Bruxelles e Londra: la guida Viniplus 2018 della Associazione Italiana Sommelier assegna infatti 4 Rose Camune al Donna Marta Rosso 2012. U... Leggi di più
BAROLOBRUNELLO: 18 E 19 NOVEMBRE A MILANO
Girotondo divino a barolobrunello 18 e 19 novembre, Officine del volo. Si avvicina sempre di più l’appuntamento con barolobrunello, il girotondo del vino ideato dalla pazza squadra di WineZone. Sabato 18 dalle ore ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.