11feb 2019
PIZZERIA DELL’IMPOSSIBILE: SCUOLA DI PIZZA E DI VITA NEL CARCERE MINORILE DI NAPOLI
Articolo di: Nadia Toppino

Il progetto “Storie di Cibo dietro le sbarre” ci ha portato anche in alcune strutture minorili: a Napoli in particolare la scuola di cibo è fondata ovviamente sulla pizza! Quale mezzo migliore per insegnare ai ragazzini che hanno “perso la retta via” come guadagnarsi da vivere in modo sano e anche “goloso”?

In effetti da quando è nato il progetto, di pizzaioli di successo ne sono stati formati tanti, e se si pensa che questi ragazzi avevano “deciso” di delinquere a vita, la soddisfazione è grande!

Ma andiamo con ordine.

L’associazione Scugnizzi di Napoli, fondata da Antonio Franco (foto 2), si occupa da anni di recupero dei minori all’interno degli istituti penitenziari partenopei. Uno dei progetti di maggior successo dell’associazione è “Finchè c’è pizza c’è speranza” nato nel 2010 con il forte sostegno di Giuseppe Marotta de "I Fratelli La Bufala",  con l’obiettivo   di “recupero e formazione professionale dei giovani detenuti delle carceri minorili e dei ragazzi dei quartieri a rischio”.

 

Una scuola di pizzaioli a tutti gli effetti, organizzata all’interno degli istituti minorili, un’occasione per dare un’alternativa ai piccoli “ospiti” di questi luoghi che di crescita e formazione hanno effettivamente ben poco.

Sono stata a visitarli, ho partecipato alle lezioni di pizza in più occasioni, e più volte in chiacchiere informali con i ragazzini mi sono sentita confidare “E’ una fatica questo lavoro, con un mese da pizzaiolo arrivo a guadagnare meno che in un giorno da mariuolo”.

Tristemente  reale come battuta, ed è proprio qui che agisce l’associazione Scugnizzi, non solo nell’insegnare un mestiere nella pratica, ma nell’infondere la passione per il lavoro, per l’onestà, per la purezza, e lo fa partendo dalle cose buone, dal lievito, da una farina, dal far vedere come con la volontà e la capacità, è possibile da tre piccoli ingredienti creare qualcosa di buono, rendere felici gli altri con il proprio operato.

Lo fa, insegnando che “avere le mani in pasta” è una cosa bella, e non deve avere nessuna accezione negativa! 

Ed è gratificante vedere questi ragazzi all’opera nella Pizzeria dell’Impossibile  a impastare, preparare pizze e servirle agli ospiti “non paganti” di questo locale in una via sperduta nella zona dei Decumani.

 

Questa Pizzeria dell’impossibile (foto 3) è nata nel  2013 proprio per dare modo ai ragazzi del minorile di mettere in pratica gli insegnamenti del maestro pizzaiolo e confrontarsi con il mondo reale. E per insegnare loro anche che non sempre tutto deve portare ad un guadagno, i clienti della pizzeria sono persone mandate da Caritas o altre realtà caritative, sono persone poco abbienti, che non si possono permettere un pasto, persone che vivono in condizioni di povertà, dai padri separati a chi ha perso il lavoro. Insomma un concetto simile  alle mense dei poveri che si trovano ormai in ogni città.

Con la differenza che qui si entra in una vera e propria pizzeria e che la cucina è seguita da minori detenuti, che comprendono così l’importanza del lavoro, della solidarietà, della vita. E lo fanno grazie a una pizza!

Hanno tra i sedici e i 18 anni, provengono chi dal carcere di Nisida, chi dalla struttura penitenziaria di  Airola, chi dalle tante case famiglia che ospitano ragazzi che hanno sbagliato, commesso un errore. 

Scugnizzi, insomma.

 

Il Comune di Napoli ha messo a disposizione i locali, e l’Associazione Scugnizzi li gestisce in collaborazione con il Centro Giustizia Minorile.

All’interno un’impastatrice per impastare, cassetti per lievitare, un bancone per ammaccare, oliare, pomodoro e fiordilatte per guarnire, pale per infornare nel fuoco del Vesuvio.
Poi c’è il maestro Gennaro Gattimolo che dà istruzioni e guida il gruppo di ragazzi, massimo sette per volta, che vogliono diventare fornai o pizzaioli da grandi.

Le materie prime sono fornite tutte da I fratelli La Bufala (insieme ad altri produttori campani), che si occupano anche di trovare una sistemazione lavorativa ai ragazzi che terminano il loro periodo di pena e che si dimostrano capaci e volenterosi: assunti dalle pizzerie in tutta Italia, spesso la soluzione è allontanarli dal loro ambiente famigliare, causa di tanti mali.

 

Mariù Fusco, responsabile marketing dei Fratelli La Bufala, ci ha confidato la sua soddisfazione più grande:
Il  massimo dei risultati raggiunti è stato quello di trovare un lavoro vero a questi ragazzi presso le pizzerie della nostra catena in tutta Italia. Alcuni sono diventati anche famosi in realtà al di fuori dell’Italia!”.

 

E’ il caso di Daniele, un ex scugnizzo che abbiamo conosciuto a Milano e che ora lavora, con grande successo tra l’Italia e il sud America.

 

Salvato da una pizza” ci dice ogni volta che ci incontriamo…ma parleremo di lui in un’altra occasione!

 

Ora vogliamo evidenziare l’importanza di questa “palestra di vita”, dove l’unico “lavoro di mani” i ragazzi lo devono fare nell’impasto e dove le uniche “macchie” che hanno addosso sono quelle di pummarola. La “palestra più bella del mondo”, coi profumi di una Napoli che funziona!

 

E i risultati nel piatto si vedono! La pizza è buona croccante e ben cotta,  ed è bello vedere la soddisfazione negli occhi di questi ragazzi, quando ritirano i piatti vuoti dal tavolo.

Insomma finché c’è Pizza qui non c’è solo speranza, ma anche certezze.
Niente  è impossibile nella Pizzeria dell’Impossibile!

 

Ne siamo convinti anche noi, e nelle Storie di Cibo dietro le sbarre vogliamo raccontare anche di loro.

 

E loro sono Daniele, Vincenzo, Salvatore e Pasquale …storie di “bambini” cresciuti in fretta che si trovano a sbagliare , molto spesso per un ambiente famigliare “deviato” , altrettanto spesso per un giro di amicizie errato.

Storie di ragazzi che hanno trovato il loro primo ambiente famigliare sano proprio in carcere, con regole e orari mai avuti, e che hanno trovato nei maestri di “pizzeria” i loro primi veri amici, con cui condividere una crescita che, così come un impasto che lievita, ha bisogno di tanta cura e del calore giusto.

Finchè c’è pizza c’è speranza, ci crediamo anche noi!

E come cantava Pino Daniele nella sua “Fatte ‘na pizza”: "Fatte 'na pizza c'a pummarola 'ncoppa, vedrai che il mondo poi ti sorriderà!".

 

Nelle foto 5 e 6 Nadia Toppino, l'autrice di questo articolo.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Photo Credits

Photo 1 : Nadia Toppino
Photo 2 : Nadia Toppino
Photo 3 : Nadia Toppino
Photo 4 : Nadia Toppino
Photo 5 : Nadia Toppino
Photo 6 : Nadia Toppino
Photo 7 : Nadia Toppino
Photo 8 : Nadia Toppino
Photo 9 : Nadia Toppino
Photo 10 : Nadia Toppino
Articoli Simili
I più letti del mese
LE BACCHE FREDDE DEL SUD
Il Sud Italia non è solo terra di sole e mare, di tuffi infiniti tra vento caldo e brezza marina, nel profondo si nascondono zone impavide, di difficile conduzione, dove la coltura diventa imprevedibile perché bersagliat... Leggi di più
CARPACCIO DI CALAMARO
Tagliolini con gamberi e carciofi alle due cotture
UN 2016 RICCO DI PREMI PER LA CANTINA CONTE COLLALTO
Dal Concours de Bruxelles al Merano Wine Festival fino alla lusinghiera valutazione del prestigioso Wine Spectator, un bilancio più che positivo per il marchio di Susegana che diventa ancora più internazionale.   Un 20... Leggi di più
WORLD’S BEST GELATO FLAVOR IL MIGLIOR GUSTO DI GELATO AL MONDO
Il miglior gusto di gelato al mondo: in anteprima assoluta, ecco i 36 gusti di gelato che si contenderanno il titolo a Rimini, nel gran finale del Gelato World Tour (8-10 settembre) Arrivano da 4 continenti e 19 nazioni... Leggi di più
INTRAPPOLA.TO | IL GIOCO DI FUGA TUTTO ITALIANO… E NON SOLO!
Intrappola.to è stata la prima Escape Room a sbarcare in Italia, nel 2015. La prima stanza ha aperto a Torino nel maggio 2015 e in pochi mesi il gioco, subito virale sui social e amatissimo dai Millenials, ha saputo tras... Leggi di più
GUIDA VINIPLUS 2019 | QUAL È LO STATO DI SALUTE DELL'ENOLOGIA LOMBARDA?
Viniplus, la Guida delle produzioni vinicole di qualità lombarde pubblicata all’Associazione Italiana Sommelier della Lombardia, è giunta alla XIII edizione. La Guida documenta, anno dopo anno, l’evoluzione d... Leggi di più
APPUNTI DI VIAGGIO: OSTRICHE INDIMENTICABILI
Nonostante fosse marzo il vento era molto freddo e il mare, grigio, diventava in alcuni momenti particolarmente minaccioso. Quel giorno, mi dissero, nessuna barca era uscita dal porticciolo di Saint-Malo. Eppure c’... Leggi di più
IL DONNA MARTA 2012 PREMIATO DA VINIPLUS 2018
Un altro importante riconoscimento per la Tenuta Le Mojole  arriva dopo Berlino, Bruxelles e Londra: la guida Viniplus 2018 della Associazione Italiana Sommelier assegna infatti 4 Rose Camune al Donna Marta Rosso 2012. U... Leggi di più
BAROLOBRUNELLO: 18 E 19 NOVEMBRE A MILANO
Girotondo divino a barolobrunello 18 e 19 novembre, Officine del volo. Si avvicina sempre di più l’appuntamento con barolobrunello, il girotondo del vino ideato dalla pazza squadra di WineZone. Sabato 18 dalle ore ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.