11mar 2018
“SEI MIA” UNA RIFLESSIONE SULLA MASCHILITÀ E LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE
Articolo di: CityLightsNews

Aggiornamento 11 marzo

L’idea della  serata del 23 marzo risale a più di un anno fa e proviene da un sussulto di coscienza dopo l’ennesimo, efferato omicidio di una donna.  Desidero dire che vi sono due sentimenti che hanno animato qs progetto: il primo è l’indignazione per l’orrore quotidiano – che è ormai improprio e riduttivo definire con il termine “emergenza” -  di omicidi di donne, e spesso anche di figli, che vorrebbero cambiare vita perché non più innamorate o sopraffatte dalla violenza maschile; il secondo è costituito dalla necessità di un più alto senso di responsabilità che di fronte a qs orrore deve essere assunto dall’intera collettività e che, più in particolare, riguarda i maschi troppo spesso assenti, disinteressati, silenti. 

 

Appare invece sempre più chiaro che il femminicidio interroga in primo luogo la coscienza maschile e la sua identità profonda in un’epoca di grandi trasformazioni. Per questa finalità abbiamo chiamato, nel luogo d’eccellenza della parola, il teatro, voci ed esperienze diverse.

All’insegna di due valori che riteniamo significativi e che sono stati messi in risalto in questi anni dal movimento delle donne: l’ascolto e la valorizzazione delle differenze. Siamo infatti consapevoli che verranno espresse interpretazioni anche differenti del tema che ci siamo proposti, ma siamo persuasi che l’ascolto reciproco e l’espressione delle differenze, e non di un pensiero unico, costituiscano non un limite, ma una ricchezza.

Marco Manzoni

 

Marco Manzoni ha fondato Studio Oikos nel 1988 con il quale ha ideato progetti culturali, diversi tra loro, ma con una precisa connotazione etica. Questa serata si inserisce in un necessario approfondimento sulla crisi di valori e sul passaggio d’epoca della società e dell’uomo dei nostri tempi.

 

 

--------------------------------------------------------------------------------------

 

 

Serata culturale e civile al Piccolo Teatro – Teatro Studio Melato di Milano  Venerdì 23 marzo 2018, ore 20.30. “Sei mia” è il titolo della serata culturale e civile che si terrà il 23 marzo alle ore 20,30 al Piccolo Teatro di Milano - Teatro Studio Melato (via Rivoli, 6) per proporre una riflessione sul tema della violenza maschile contro le donne.

 

«Al cuore dell’iniziativa – spiegano gli ideatori Marco Manzoni (foto 2) di Studio Oikos e Carmen Leccardi (foto 3) dell’Università Milano-Bicocca – vi è l’intento di proporre un’analisi di quella parte della maschilità contemporanea che sceglie la violenza come unico linguaggio praticabile nella relazione con il mondo delle donne e con il suo desiderio di autonomia e di soggettività». Cosa spinge un uomo a ricorrere alla violenza contro una donna? Perché questa crudeltà maschile che minaccia, tortura e uccide le donne? Dove affonda le sue radici la violenza sulle donne? E come è possibile ridurre lo squilibrio di potere che continua ad esistere tra i generi?

 

Con questi e ad altri interrogativi si confronteranno personalità del mondo culturale e scientifico ed esponenti di associazioni e reti che operano sul campo, con la finalità di promuovere non solo un maggiore livello di attenzione sul fenomeno della violenza maschile, ma anche per favorire, insieme ad un approfondimento culturale, lo sviluppo di nuove forme di intervento. Un volto contemporaneo della violenza distruttiva di cui è capace il maschio è rappresentato dal fenomeno del "femminicidio": l'omicidio - spesso causato da figure maschili parentali o sentimentali - di donne in quanto donne. Donne che hanno deciso di rifiutare forme di sopraffazione o relazioni amorose non più desiderate. La non accettazione dell’uomo dell’abbandono da parte di una donna ha spesso un epilogo tragico nel pensiero-atto “sei mia, e quindi ti tolgo la vita”, coinvolgendo spesso anche i figli della coppia.

 

Il numero di omicidi perpetrati, le loro recenti e sempre più efferate forme, la trasversalità culturale e professionale degli uomini coinvolti, sono solo alcuni elementi inequivocabili di una gravità sociale senza precedenti che impediscono la crescita di nuovi livelli di libertà dell'essere umano, uomo, donna o bambino che sia. Da qui l’idea di dar vita a una serata che raccolga la voce ampia e qualificata della società civile e culturale di Milano intorno a questo fenomeno inaccettabile.

 

IL PROGRAMMA

Dopo i saluti di Sergio Escobar, direttore del Piccolo Teatro di Milano, e di Daria Colombo, delegata del Sindaco per le Pari Opportunità di Genere, aprirà la serata l’intervento del filosofo Salvatore Veca, che condurrà il pubblico in una riflessione su come le diverse forme di violenza maschile sulle donne costituiscano una risposta distruttiva alla paura della perdita di relazioni – reali o immaginarie – e alla condanna dell’uomo alla solitudine. È un dominio, quello dell’uomo sulla donna, che viene paradossalmente ribadito con più forza ai tempi della fragilità e dell’incertezza maschile. 

 

Secondo la psicologa Silvia Vegetti Finzi la violenza maschile sulle donne può essere considerata “la questione della nostra epoca” in quanto mette in luce il lato oscuro del rapporto tra i sessi e, di conseguenza, l’intolleranza verso ogni forma di differenza. A partire dalle teorie dello psicoanalista inglese Donald Winnicott, sarà indagata l’origine della violenza contro le donne, riflettendo sul ruolo della figura materna e sulla paura maschile della dipendenza dalla donna.  Lo psicoanalista Luigi Zoja proporrà un itinerario analitico intorno all’identità maschile facendo ricorso alla figura mitologica del centauro, la cui unica forma di unione sessuale era costituita dallo stupro. Possedendo minori capacità relazionali rispetto alla donna, quando è incapace di identificare soluzioni psicologiche adatte l’uomo tende ad identificare nella violenza la risposta.

 

La sociologa Carmen Leccardi si soffermerà sulle dinamiche contemporanee dei rapporti di potere tra i generi, con particolare attenzione ai processi che hanno investito le maschilità mettendone in discussione l’egemonia sociale. Di fronte alle situazioni di crisi che in questo scenario si delineano, e per ridare fiato ad un ordine di genere ormai obsoleto, la violenza maschile può allora diventare lo strumento estremo per bloccare la parola delle donne. Ai contributi dei relatori e delle relatrici, Marco Manzoni aggiungerà un ulteriore elemento di riflessione, sottolineando come il senso di precarietà che caratterizza il mondo contemporaneo e i suoi valori concorra a fare esplodere l’aspetto della prevaricazione. Lo si può constatare, oltre che nella violenza di genere, anche negli abusi sui minori, nella violenza mediatica ed economico-finanziaria, nella distruzione delle risorse naturali e nelle diverse forme di terrorismo. In tal senso la violenza maschile sulle donne si inscrive in un contesto più ampio, che mette oggi in gioco la democrazia e le sorti del pianeta.

 

Rappresentanti di gruppi, organismi e associazioni come Claudia Biondi di Caritas Ambrosiana, Stefano Ciccone di Maschile Plurale, Manuela Ulivi della Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate insieme ad un’attivista della rete Non Una Di Meno porteranno inoltre sul palco testimonianze dirette del loro impegno quotidiano contro la violenza maschile sulle donne. Le analisi e le testimonianze saranno intercalate da letture di brani teatrali sul tema a cura del Piccolo Teatro di Milano, con Lucia Marinsalta e David Meden, e la drammaturgia di Paola Ornati.


L’evento è organizzato con il patrocinio del Comune di Milano e con l’adesione di istituzioni culturali e scientifiche della città quali Piccolo Teatro, Casa della Cultura, Centro di ricerca interuniversitario Culture di Genere, Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università Milano-Bicocca, Fondazione Badaracco, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Alberto e Arnoldo Mondadori; con organismi pastorali come Caritas Ambrosiana e associazioni quali Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate di Milano, Donne in quota, Maschile Plurale oltre alla rete Non Una Di Meno.

Ideazione: Marco Manzoni, Studio Oikos e Carmen Leccardi, Università Milano-Bicocca

Per ingresso gratuito con prenotazione online cliccare qui

1

2

3

Indirizzo : via Rivoli 6 Milano
Articoli Simili
I più letti del mese
GICO E CHIC – CHARMING ITALIAN CHEF: IN THE KITCHEN TOUR
GICO e Chic – Charming Italian Chef:  In The Kitchen Tour porta la grande cucina in giro per l’Italia grazie alle attrezzature GICO GICO – Grandi Impianti Cucine torna al fianco di Chic - Charming Ital... Leggi di più
HENDRICK’S GIN CELEBRA LA GIORNATA NAZIONALE DEL GATTO
Qual è la città preferita dai gatti bianchi? Secondo lo studio di Hendrick’s è Torino ad aggiudicarsi il primato. Quanto alla densità di gatti per popolazione? vince Seborga, piccolo borgo sulle colline, vicino ad ... Leggi di più
ARTISTI-NOI, UN GRUPPO ARTISTICO CON LA VOGLIA DI CREARE E DI COMUNICARE
Dopo aver dato spazio alla Pinacoteca di Brera che con l’attuale direzione dialoga con la città più che in passato, vogliamo ora segnalare una realtà viva e motivata. Artisti-noi è un gruppo artistico che vuole dialogare... Leggi di più
ITTI&CO – PESCHERIA CON CUCINA | LOCALE DI PESCE, COTTO E CRUDO MILAN STYLE
A Milano non c’è il mare, ma non manca il pesce, proposto in infinite sfumature, più che in una città rivierasca. Dal chiosco che elabora anche pesce crudo, al ristorante esclusivo la scelta è ben nutrita e non man... Leggi di più
APERITIVO ITALIANO: ROSATO IL MARINETTO DI SERGIO ARCURI
Sta arrivando il caldo e molti vini si prestano benissimo ad essere stappati, in vacanza, in barca, per un aperitivo all'aperto o come abbinamento easy su piatti leggeri di terra e di mare. E allora quali scegliere? Sen... Leggi di più
RHUM TROIS RIVIÈRES 355 ANNI
Il Rhum Agricolo martinicano Trois Rivières presenta al mercato italiano la sua nuova cuvée celebrativa “355 Anni”. “355 Anni” è un Rhum Agricolo bianco che intende ricordare, appunto, i 355 anni della piantagione marti... Leggi di più
DIEGO ROSSI INTERPRETA L’WELSH LAMB, L’AGNELLO GALLESE IGP
L’Welsh lamb, l’agnello gallese igp, ha caratteristiche proprie, non assimilabili a quelle degli agnelli allevati in altri paesi europei. Gli allevamenti nel Galles sono estensivi e grass feed, ossia i capi si cibano d... Leggi di più
LA MELAGRANA, FRUTTO DAI TANTI IMPIEGHI
l melograno è una pianta originaria della Persia diffusasi poi attraverso la via della seta; arrivò presso i Romani dal nord Africa, e venne chiamata “Punica granatum”. In Italia sono coltivate più varietà di melagrane (... Leggi di più
“SEI MIA” UNA RIFLESSIONE SULLA MASCHILITÀ E LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE
Aggiornamento 11 marzo L’idea della  serata del 23 marzo risale a più di un anno fa e proviene da un sussulto di coscienza dopo l’ennesimo, efferato omicidio di una donna.  Desidero dire che vi sono due sent... Leggi di più
SAN MARZANO PORTA A MILANO LA VENDEMMIA 2017
San MarzanoSan Marzano storica cantina pugliese porta a Milano la vendemmia 2017: ottima annata, uve sane e quantità in calo. Si è tenuta presso Ceresio 7 la degustazione delle etichette più rappresentative della cantina... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.