13dic 2018
SOSTENIBILITÀ IN CUCINA (1/2) | LA SOSTENIBILITÀ COMINCIA DALLA SPESA
Articolo di: Fabiano Guatteri

La sostenibilità in cucina. Siamo sempre più attenti all’equilibrio ambientale. Almeno così risulta dalla maggiore attenzione che prestiamo alla raccolta differenziata dei rifiuti, alla ricerca di prodotti a kilometro zero e anche alla più oculata gestione degli alimenti in cucina, all’insegna di una filosofia che limita gli sprechi. 

 

E in tempo di crisi, è ancora più imperdonabile gettare nella pattumiera cibi avanzati per una cattiva gestione del frigorifero. Un atteggiamento ecologista in cucina, non si limita però unicamente al corretto impiego delle materie prime, ma inizia dalla spesa al mercato per concludersi con lo smaltimento dei rifiuti. Il tema è molto attuale, sicuramente di tendenza, ma non rappresenta una novità. Di fatto la cultura contadina, costantemente legata a un’economia di sopravvivenza, non ha mai concepito sprechi. Ma allora che cosa c’è di nuovo nella nostra cucina ecologica? La novità è, sostanzialmente, il bando allo spreco diventato oggi una scelta suggerita sì dall’economia, ma soprattutto dalla sensibilità, da una coscienza ecologica che solo qualche decennio fa non avevamo. 

 

La spesa ecologia

La “coscienza” ecologica si concreta a cominciare dalla spesa al mercato, ossia dalla scelta dei prodotti. Se entriamo in un ipermercato, possiamo disporre di una vasta scelta di ortaggi e di frutti non solo stagionali. Ormai abituati a questo tipo di assortimento in cui vediamo convivere le melanzane con le cime di rapa, le pesche con le arance, abbiamo perso il senso di stagionalità, ossia la percezione dei periodi di maturazione dei vari prodotti. Sappiamo in linea di massima che i peperoni sono verdure estive, e le verze autunno invernali, ma di altri prodotti come carciofi, sedano, mele, kiwi, non sempre abbiamo la certezza di quale sia l’epoca migliore per acquistarli. Se invece visitassimo un mercato in cui sono reperibili prevalentemente i prodotti “nostrani”, cioè quelli che la stagione fornisce, avremmo una maggiore conoscenza della loro stagionalità. In tal senso i mercati che stanno riscuotendo sempre più interesse sono i farmer market, i mercati del contadino o come dir si voglia. Questi, presenti in moltissime città, vedono ai banchi di vendita non già i commercianti, ma i produttori stessi. Si tratta cioè degli agricoltori che portano frutta e verdura, ma anche latte, uova, conserve, formaggi, salumi, al mercato più vicino senza passare per intermediari.

 

Questo cosa comporta? Comporta che la filiera, ossia il numero di passaggi che un prodotto subisce dalla raccolta alla vendita, si accorcia. I vantaggi sono molteplici in quanto riducendo i passaggi la merce da un lato arriva più velocemente e pertanto più fresca al mercato e dall’altra, non essendoci intermediari, subisce meno rincari. Chi vive fuori città, o chi ama le gite fuori porta, potrà cercare invece le fattorie dove è possibile fare la spesa nella formula pick your own, che significa “preleva il tuo”. Di fatto si acquistano i prodotti direttamente presso l’azienda, per cui freschissimi, e in alcuni casi è l’acquirente stesso che coglie i pomodori o le pesche in un paniere: un modo molto interessante ed educativo di fare la spesa. Ma a prescindere da queste nuove realtà, più in generale è sempre vantaggioso acquistare prodotti locali. I motivi sono molteplici. Da un punto di vista economico sappiamo che meno la merce viaggia, minori sono i costi di trasporto. Inoltre il costo di un prodotto colto in piena stagione è più basso che negli altri periodi dell’anno. A ciò aggiungiamo anche l’aspetto gastronomico; un prodotto colto in piena stagione è più gustoso di uno preso acerbo e lasciato maturare durante il viaggio, oppure di serra.

 

Per lo stesso motivo, dal punto di vista nutrizionale, la frutta e la verdura raccolte quando raggiungono la maturazione sono più ricche di vitamine, oltre che di sali minerali a tutto vantaggio del loro apporto benefico. Ma non è tutto. Considerando il punto di vista ecologico,

 

 più un prodotto viaggia, più inquina a causa dell’emissione di gas nocivi alla salute come la CO2. Un frutto prodotto nell’altro emisfero prima di arrivare sul nostro mercato affronterà un lungo quanto inquinante viaggio. Infatti verrà imbarcato su una nave o su un aereo, e una volta arrivato in Italia troverà ad attenderlo nel porto o all’aeroporto il tir che a sua volta lo trasporterà in un centro di raccolta da dove poi sarà smistato, ancora con altri mezzi di trasporto inquinanti, ai mercati locali. E’ ovvio che se un alimento non è prodotto localmente siamo costretti a importarlo, ma se invece è presente è ecologicamente corretto acquistarlo solo quando la produzione è nostrana. Per esempio i kiwi sono prodotti in Italia in autunno e forniscono i mercati sino a primavera.

 

D’estate, invece, i kiwi sono importati dal continente più lontano e, pertanto, giungono dopo un lunghissimo viaggio. Per conseguenza sarebbe corretto concentrare i nostri consumi di kiwi nel periodo in cui è disponibile la produzione nazionale, scegliendo d’estate la frutta nostrana che offre un repertorio di primordine. Diverso è il caso di materie prime che non sono da noi prodotte come lo zucchero di canna, il caffè, la quinoa, il cacao, l’amaranto per cui siamo costretti a importarli se non vogliamo rinunciarvi o se non ci accontentiamo di eventuali surrogati. Mentre facciamo la spesa al mercato, inoltre, proviamo a pensare ai rifiuti che produrremo e a un eventuale compostaggio che ci permetterà di utilizzare i rifiuti umidi (anche in presenza di raccolta dei rifiuti differenziata) per ottenere un terriccio, ossia un fertilizzante naturale da utilizzare per concimare le piante nei vasi che teniamo sul balcone. Se poi possediamo un orto il compost ottenuto sarà un fertilizzante irrinunciabile e a costo zero.

 

Come gestire  la spesa una volta che è arrivata in cucina? Leggetelo qui.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
IL PERCHÉ DELLE ALBICOCCHE, FRUTTA DA NON SOTTOVALUTARE
Le albicocche sono frutti che ci accompagnano da tarda primavera sino a un buon tratto d’estate. Il colore giallo caldo che vira all’aranciato talvolta screziato o punteggiato di rosso è sicuramente invitante. Se raccolt... Leggi di più
ARCHITECTSPARTY 2017 GLI APERITIVI NEGLI STUDI DI ARCHITETTURA TORNANO A MILANO
ArchitectsParty 2017 gli aperitivi negli studi di architettura in Italia e in Europa tornano a Milano dal 21 al 23 giugno  Dal 21 al 23 giugno tornano a Milano gli ArchitectsParty, gli aperitivi negli studi di architett... Leggi di più
RITORNA PER UNA SERA A MILANO IL FILM CULT FREAKS
Ritorna a grandissima richiesta, solo il 24 luglio alle ore 21.30, Freaks, uno dei più famosi cult movie della storia del cinema. Un film controverso che quando uscì, nel 1932, scatenò aspri dibattiti e ancora oggi non m... Leggi di più
COLLIO MERLOT RUSSIZ SUPERIORE 2012
L’Azienda Russiz Superiore dal 1956 ha sede a Capriva del Friuli, nel Goriziano, anno in cui Marco Fellluga la fondò. Il padre Giovanni si era trasferito in Friuli negli anni Trenta, proveniente dall’Istria dove la famig... Leggi di più
MOSCATO ZEBO, TERRE SICILIANE INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
Soprattutto d’estate un aperitivo fresco, petillant, fruttato, dolce senza essere stucchevole ci mette nell’umore giusto per cominciare al meglio la serata. Zebo è un vino bianco aromatico che riproduce al me... Leggi di più
BRUNO QUERCI ENERGICOFORMA ALLA GALLERIA “A ARTE INVERNIZZI”
La galleria A arte Invernizzi inaugura martedì 21 novembre 2017 alle ore 18.30 una mostra personale di Bruno Querci, in occasione della quale viene presentato un percorso espositivo che, attraverso la compresenza di lavo... Leggi di più
EUROPA, DOVE LA QUALITÀ È DI CASA | I PRODOTTI ALTOATESINI (2/2)
Abbiamo detto qui  del focus tenuto sui vini altoatesini in occasione della campagna Europa dove la qualità è di casa finanziata con l’aiuto dell’Unione Europea, un evento che ha avuto luogo a Milano presso S... Leggi di più
Tagliolini con gamberi e carciofi alle due cotture
LE BACCHE FREDDE DEL SUD
Il Sud Italia non è solo terra di sole e mare, di tuffi infiniti tra vento caldo e brezza marina, nel profondo si nascondono zone impavide, di difficile conduzione, dove la coltura diventa imprevedibile perché bersagliat... Leggi di più
UN 2016 RICCO DI PREMI PER LA CANTINA CONTE COLLALTO
Dal Concours de Bruxelles al Merano Wine Festival fino alla lusinghiera valutazione del prestigioso Wine Spectator, un bilancio più che positivo per il marchio di Susegana che diventa ancora più internazionale.   Un 20... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.