02giu 2019
STEFANO ANTONUCCI: IN ALTRE PAROLE OVVERO, ESSERE FUORI DALLA CLASSE
Articolo di: Stefania Turato

Stefano Antonucci, vignaiolo nella regione Marche, tesse in sé la stoffa di un uomo caparbio e visionario, bisognoso di riconoscersi in un racconto emozionante.
Stefano Antonucci è uno fuori dalla classe…
Le sue calzature, il taglio dei capelli, il taglio della sua giacca sono biglietti da visita come lo sono i suoi vini, descritti dal Sommelier, campione del Mondo nel 2010 Luca Gardini

 

Al Ristorante VUN a Milano (foto 2) si è tenuta la degustazione dell’ultima produzione Stefano Antonucci.
Riportiamo le parole di Luca Gardini, perché cosi ricche di sfumature, da non poter ovviamente competere. Un fuori classe.
Abbiamo potuto degustare:
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico doc 2018 Le Vaglie (foto 3)
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Stefano Antonucci 2017 (foto 4)
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Stefano Antonucci 2007 
Verdicchio Castelli di Jesi docg Riserva Classico, Tardivo ma non Tardo, etichetta dipinta di Catia Uliassi, pittrice e ristoratrice (foto 5)
Marche igt, Merlot, Mossone (foto 6)
Aereo per me, il Merlot. Un rosso con la freschezza di un bianco.

 

E’ una ottima espressione di questo vitigno, gran carisma e riferimento, in vista di una interessante evoluzione.

I vini di Stefano Antonucci sono apprezzati molto dal mercato estero infatti, il 58% della sua produzione viene esportata.
Oggi , nominato vignaiolo dell’anno dal Corriere della Sera, non gli si può attribuire l’abitudine di produrre vini che piacciano agli stranieri bensì i suoi vini, li fa come piace e a lui.
Lui, li beve per primo.

Spera sempre di riuscire a far emozionare, con un vino almeno, dice Antonucci.


Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico doc 2018 Le Vaglie
Spiega Luca Gardini, che è stata una annata da gestire, si rivela una annata della precisione.
Le Vaglie, Il vino, è un biglietto da visita deil’azienda, è vinificato solo in acciaio e una oculata macerazione.
Cedro, pesca gialla, agrume dolce e amaro, cremosità e intensità, questo vino profuma di chinotto. Salato, iodato, preciso e tagliente.

 

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Stefano Antonucci 2017
Tutti i componenti sono in asse; 60% vinificato in cemento. Utilizzo del legno regala al vino sentori maggiormente complessi: agrumi, sale e iodio, grande densità. Il vino svela una parte selvatica di salvia; salamoia. Questo vino è una freccia e …. “ lo bevi! “.
La mineralità, precisa Luca Garcini, e non si sente al naso ma in bocca e utilizzando il suo caldo commento “è come succhiare un cappero” fa sorridere la sala.

 

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Stefano Antonucci 2007
Il vino è praticamente giallo dorato con grandi riflessi verdi. Agrume sempre presente, nella sfumatura del mandarino. La parte floreale si è trasformata in eucalipto, la sapidità in mandorla.
Da questo vino si capisce che l’uva è stata vendemmiata bene. Non si parla di vino biodinamico, la vigna è di per sé biodinamica.

 

Verdicchio Castelli di Jesi docg Riserva Classico, Tardivo ma non tardo.
Fa legno grande e acciaio. Affinamento su fecce fini per due mesi. 6 mesi di affinamento in bottiglia. E' un vino grasso. Cachi e melone, timo e basilico, inebrianti i sentori nel bicchiere

 Marche igt, Merlot, Mossone

Ultimo vino in degustazione possiede due punti di forza. E’ fresco e  sapido. Geranio e melagrano per un vino di grande pulizia, grande beva, grande rigore.

Ma chi ve l’ha fatto fare di venire a bere questi vini, conclude Luca Gardini, scanzonato sempre e, oggi, Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica, riceve l’onorificenza dalPresidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

 

A Luca Gardini facciamoo alcune domande:

Hai visto e assaggiato i vini di tante aziende, prolungamenti di te. Una cantina che non puoi dimenticare?
Con Stefano Antonucci, c’è un legame speciale, da sempre.

Francia, Italia o Nuovo Mondo?
Solo Italia.

La Cina. Spaventa il dragone?
Per niente, abbiamo bisogno della Cina.

Il prossimo desiderio?
Ripetere quello che faccio con le persone giuste.

 

Vi racconteremo della visita a Stefano Antonucci, non appena ci sarà possibile raggiungerlo nelle Marche.

1

2

3

4

5

6

Articoli Simili
I più letti del mese
ROMA FILM FESTIVAL: JEROBOAM BOTTEGA GOLD IN OMAGGIO A FRANCO NERO
Il 12 dicembre il XXI Roma Film Festival dedicherà un omaggio speciale a Franco Nero. L’evento si terrà a Roma, presso il Teatro Blasetti del Centro Sperimentale di Cinematografia, alla presenza dei massimi rappresentant... Leggi di più
CINQUE RUM CHE VALE LA PENA CONOSCERE | MILANO RUM FESTIVAL
Abbiamo scritto del Milano Rum Festival qui. Siamo stati per voi a degustare alcune referenze e di quelle provate cinque riteniamo che siano vivamente consigliabili. Severin  dalla Guadalupa, tra i rum della casa abbiamo... Leggi di più
AGOSTO AI GIARDINI PAPRIKA E CANNELLA: DELIZIE MEDITERRANEE CON UN TOCCO DI SARDEGNA
Per la prima volta il celebre ristorante di zona porta Venezia, ritrovo modaiolo e della” Milano bene”, rimane aperto tutto agosto per soddisfare i palati più esigenti che rimangono in città.  Una gradita sorpresa per l... Leggi di più
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
MANI IN PASTA APRE IN VIALE MONZA
Di Mani in Pasta abbiamo scritto qui. Ora influencer e pubblico a partire dalle ore 20 affolleranno l’evento del 29 Maggio dalle ore 20,00 da Mani in Pasta nella nuova sede in viale Monza 258 a Milano, dove, tra ar... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.