08apr 2019
UOVA DI PASQUA LUXURY: DALLA RUSSIA DI FABERGÉ AI CAPOLAVORI DI PASTICCERIA ( 1/2 )
Articolo di: Laura Biffi

E’ l’inizio di marzo del 1885 e la data della Pasqua Ortodossa si avvicina. A San Pietroburgo, il quasi quarantenne Carl Fabergé, discendente da una famiglia di orafi di origini francesi trasferitasi in Russia attende impaziente nei corridoi del Palazzo d’Inverno il suo momento. Lo Zar, infatti, lo ha convocato per una richiesta importante e lui per ingannare la propria curiosità scruta attentamente il paesaggio dalle grandi finestre. Lungo le rive della Neva il ghiaccio e la neve si stanno sciogliendo, la primavera si è aperta un varco nei cieli di Russia e un sole tiepido scalda timidamente le vetrate del Palazzo d’Inverno e spezza le lunghe e tristi giornate della Zarina Marija Fëdorovna (foto 1) che grazie alle temperature meno rigide, può dedicarsi insieme alle sue dame di compagnia a delle piacevoli passeggiate lungo il fiume.

 

Marija, imperatrice da soli 4 anni, è avvolta da un’aura di assoluta tristezza causata dalla nostalgia del suo paese natìo, la Danimarca che ha dovuto lasciare per sempre per sposare Alexander III. Lo Zar conosce il carattere malinconico della moglie e in occasione delle festività pasquali spera di farle ritrovare il sorriso con un dono speciale che nasconde ricordi della sua tanto amata terra danese. Commissiona infatti a Fabergé un uovo e conoscendo le straordinarie doti creative del suo orafo di corte gli lascia assoluta libertà artistica, purché contenga un regalo prezioso.

 

Fabergé non smentirà la propria fama creando un capolavoro di oreficeria che renderà la Zarina felice a tal punto che Alexander III ordinerà ogni anno un uovo da donarle. Rispetto a quelli più noti l’uovo era semplice, in smalto opaco bianco, ma al suo interno nascondeva come le tradizionali matrioske più di una sorpresa: un tuorlo in oro giallo contenente una gallinella colorata con gli occhi impreziositi da due rubini. A sua volta la gallinella recava al suo interno una miniatura della corona imperiale con un piccolo rubino a forma di uovo (foto 2). Da questa prima incredibile novità ebbero origine oltre 50 magnifiche uova in oro, smalti e pietre preziose tutt’ora ricercate dai più grandi collezionisti del mondo (foto 3 e 4).

 

L’icona della Pasqua, l’emblema nella religione cristiana della resurrezione di Cristo, simboleggiata dal pulcino che rompe il guscio è stato utilizzato come dono già in epoca antica. In Persia, così come in Egitto e in Grecia era infatti diffusa la tradizione dello scambio di semplici uova di gallina all’ equinozio di primavera e spesso si trattava di uova decorate a mano.

 

Dal Medioevo l’usanza iniziò a diffondersi nei paesi di tutta Europa, le uova venivano bollite avvolte in foglie o fiori per far assumere diverse colorazioni e per i ceti più abbienti si crearono uova artificiali rivestite di materiali preziosi ( oro, argento, platino ). Edoardo I d’ Inghilterra, durante il suo regno, commissionò 450 uova rivestite d’oro da regalare ai suoi famigliari in occasione della Pasqua.

 

Alla Corte di Versailles, Luigi XIV fece dell’uovo pasquale un vero e proprio culto che comprendeva due rituali: il primo in cui il re riceveva l’uovo più grande di Francia covato durante la Settimana Santa a cui seguiva la distribuzione di uova decorate con foglia d’oro ai nobili di corte.

 

La tradizione di nascondere una sorpresa nell’uovo di Pasqua sembra invece appena successiva: uno degli aneddoti più conosciuti della storia è infatti la statuetta di Cupido chiusa all’interno di un enorme uovo donato dal Re Luigi XV alla sua favorita Madame du Barry.

 

Oggi l'uovo di Pasqua più diffuso è il classico uovo di cioccolato arricchito al suo interno con un piccolo dono. In Italia i primi prototipi di stampi per uova di pasticceria risalgono al ‘700 e sono stati trovati a Torino già a quei tempi capitale indiscussa del cioccolato. (A seguire: I capolavori delle uova di pasticceria)

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
ROMA FILM FESTIVAL: JEROBOAM BOTTEGA GOLD IN OMAGGIO A FRANCO NERO
Il 12 dicembre il XXI Roma Film Festival dedicherà un omaggio speciale a Franco Nero. L’evento si terrà a Roma, presso il Teatro Blasetti del Centro Sperimentale di Cinematografia, alla presenza dei massimi rappresentant... Leggi di più
CINQUE RUM CHE VALE LA PENA CONOSCERE | MILANO RUM FESTIVAL
Abbiamo scritto del Milano Rum Festival qui. Siamo stati per voi a degustare alcune referenze e di quelle provate cinque riteniamo che siano vivamente consigliabili. Severin  dalla Guadalupa, tra i rum della casa abbiamo... Leggi di più
AGOSTO AI GIARDINI PAPRIKA E CANNELLA: DELIZIE MEDITERRANEE CON UN TOCCO DI SARDEGNA
Per la prima volta il celebre ristorante di zona porta Venezia, ritrovo modaiolo e della” Milano bene”, rimane aperto tutto agosto per soddisfare i palati più esigenti che rimangono in città.  Una gradita sorpresa per l... Leggi di più
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
MANI IN PASTA APRE IN VIALE MONZA
Di Mani in Pasta abbiamo scritto qui. Ora influencer e pubblico a partire dalle ore 20 affolleranno l’evento del 29 Maggio dalle ore 20,00 da Mani in Pasta nella nuova sede in viale Monza 258 a Milano, dove, tra ar... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.