08apr 2019
UOVA DI PASQUA LUXURY: DALLA RUSSIA DI FABERGÉ AI CAPOLAVORI DI PASTICCERIA ( 1/2 )
Articolo di: Laura Biffi

E’ l’inizio di marzo del 1885 e la data della Pasqua Ortodossa si avvicina. A San Pietroburgo, il quasi quarantenne Carl Fabergé, discendente da una famiglia di orafi di origini francesi trasferitasi in Russia attende impaziente nei corridoi del Palazzo d’Inverno il suo momento. Lo Zar, infatti, lo ha convocato per una richiesta importante e lui per ingannare la propria curiosità scruta attentamente il paesaggio dalle grandi finestre. Lungo le rive della Neva il ghiaccio e la neve si stanno sciogliendo, la primavera si è aperta un varco nei cieli di Russia e un sole tiepido scalda timidamente le vetrate del Palazzo d’Inverno e spezza le lunghe e tristi giornate della Zarina Marija Fëdorovna (foto 1) che grazie alle temperature meno rigide, può dedicarsi insieme alle sue dame di compagnia a delle piacevoli passeggiate lungo il fiume.

 

Marija, imperatrice da soli 4 anni, è avvolta da un’aura di assoluta tristezza causata dalla nostalgia del suo paese natìo, la Danimarca che ha dovuto lasciare per sempre per sposare Alexander III. Lo Zar conosce il carattere malinconico della moglie e in occasione delle festività pasquali spera di farle ritrovare il sorriso con un dono speciale che nasconde ricordi della sua tanto amata terra danese. Commissiona infatti a Fabergé un uovo e conoscendo le straordinarie doti creative del suo orafo di corte gli lascia assoluta libertà artistica, purché contenga un regalo prezioso.

 

Fabergé non smentirà la propria fama creando un capolavoro di oreficeria che renderà la Zarina felice a tal punto che Alexander III ordinerà ogni anno un uovo da donarle. Rispetto a quelli più noti l’uovo era semplice, in smalto opaco bianco, ma al suo interno nascondeva come le tradizionali matrioske più di una sorpresa: un tuorlo in oro giallo contenente una gallinella colorata con gli occhi impreziositi da due rubini. A sua volta la gallinella recava al suo interno una miniatura della corona imperiale con un piccolo rubino a forma di uovo (foto 2). Da questa prima incredibile novità ebbero origine oltre 50 magnifiche uova in oro, smalti e pietre preziose tutt’ora ricercate dai più grandi collezionisti del mondo (foto 3 e 4).

 

L’icona della Pasqua, l’emblema nella religione cristiana della resurrezione di Cristo, simboleggiata dal pulcino che rompe il guscio è stato utilizzato come dono già in epoca antica. In Persia, così come in Egitto e in Grecia era infatti diffusa la tradizione dello scambio di semplici uova di gallina all’ equinozio di primavera e spesso si trattava di uova decorate a mano.

 

Dal Medioevo l’usanza iniziò a diffondersi nei paesi di tutta Europa, le uova venivano bollite avvolte in foglie o fiori per far assumere diverse colorazioni e per i ceti più abbienti si crearono uova artificiali rivestite di materiali preziosi ( oro, argento, platino ). Edoardo I d’ Inghilterra, durante il suo regno, commissionò 450 uova rivestite d’oro da regalare ai suoi famigliari in occasione della Pasqua.

 

Alla Corte di Versailles, Luigi XIV fece dell’uovo pasquale un vero e proprio culto che comprendeva due rituali: il primo in cui il re riceveva l’uovo più grande di Francia covato durante la Settimana Santa a cui seguiva la distribuzione di uova decorate con foglia d’oro ai nobili di corte.

 

La tradizione di nascondere una sorpresa nell’uovo di Pasqua sembra invece appena successiva: uno degli aneddoti più conosciuti della storia è infatti la statuetta di Cupido chiusa all’interno di un enorme uovo donato dal Re Luigi XV alla sua favorita Madame du Barry.

 

Oggi l'uovo di Pasqua più diffuso è il classico uovo di cioccolato arricchito al suo interno con un piccolo dono. In Italia i primi prototipi di stampi per uova di pasticceria risalgono al ‘700 e sono stati trovati a Torino già a quei tempi capitale indiscussa del cioccolato. (A seguire: I capolavori delle uova di pasticceria)

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
LETTURE, MUSICA E CULTURA AL “MORGANTE COCKTAIL & SOUL”
Letture, musica e cultura al Morgante Cocktail & Soul. Dove un tempo sorgeva una galleria d’arte oggi vive il cocktail bar più eclettico di Milano.Autori di libri, giovani talenti musicali, cocktail che fanno fare il gir... Leggi di più
TEMPO DI SALDI: COSA OCCORRE SAPERE | LE 6 REGOLE PER EVITARE SORPRESE
Da oggi 5 gennaio sono cominciati i saldi in tutte le regioni italiane, eccezion fatta per la Sicilia che aprirà agli sconti a partire da domani 6 gennaio. A Milano, secondo FederModaMilano, gli sconti sono mediamente de... Leggi di più
TRIENNALE: GILCO IL DESIGN DELLA LEGGEREZZA
Invito in Triennale, il prossimo 15 Novembre 2017, per i 70 anni della Gilco: h 18 conferenza stampa; h 19,30 inaugurazione della mostra “Gilco, il design della leggerezza”. La mostra durerà sino al 10 dicemb... Leggi di più
POP CAKE O MAGIC HAND CARE & MANICURE?
MORELLINO DI SCANSANO DOGA DELLE CLAVULE
L’Azienda Doga delle Clavule si estende nella zona di produzione del Morellino di Scansano su una superficie di oltre 130 ettari dei quali 60 vitati: 20 per la produzione del Morellino di Scansano DOCG, 7 per il Bi... Leggi di più
FLO IN CONCERTO A MARE CULTURALE URBANO
Torna in concerto a mare culturale urbano, il centro di produzione culturale in via Giuseppe Gabetti 15 a Milano, dopo il live di settembre 2016, la cantautrice partenopea FLO, che si esibirà con la sua band il prossimo ... Leggi di più
IL BRAND AGROMONTE, REALTÀ SICILIANA DI PRODOTTI CERTIFICATI BIOLOGICI
Al debutto milanese della linea bio dei suoi capolavori, Carmelo Arestia  (nella foto 2 con la moglie Ida tra le due figlie) ha portato solo il ramo femminile della “sacra famiglia del ciliegino”; mentre a ca... Leggi di più
L’APERITIVO A MILANO SI TINGE DI GIALLO GIALLE&CO.-BAKED POTATOES DAL CUORE ITALIANO
Da Giallo&Co. l’aperitivo a Milano si tinge di giallo. La tipica baked potatoes inglese è perfetta anche (in formato mignon) per un aperitivo all’italiana: salutare, ricco e colorato, disponibile da febbraio,... Leggi di più
WAGASHI, L’ARTE DELLA PASTICCERIA GIAPPONESE
L'wagashi, ossia la pasticceria giapponese, differisce da quella occidentale nella forma e nella sostanza. A spiegarcelo è la chef pasticcera Satomi Fujita, accompagnata dal maestro Yoshikazu Yoshimura in una dimostrazio... Leggi di più
BRERA: INAUGURATO IL SESTO DIALOGO "ATTORNO AGLI AMORI. CAMILLO BOCCACCINO SACRO E PROFANO"
Brera continua a stupire. Dallo scorso 29 marzo 2018, hanno riaperto al pubblico i saloni napoleonici della Pinacoteca con lo straordinario allestimento di sette nuove sale (VIII – IX – X – XI – X... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.