24giu 2022
VERMOUTH E GIN BALLOR, LO CHARME OTTOCENTESCO CHE PIACE AI MILLENNIAL
Articolo di: Fabiano Guatteri

Ottocento: inizio di una nuova età, quella contemporanea che, almeno agli albori, ha il rumore delle fabbriche, delle locomotive, della febbre del progresso che porterà al telegrafo, alla luce elettrica, alle prime automobili. Ed è questo il clima che si respira a Torino alla vigilia dell’unità nazionale, con i treni che sfrecciano da e verso Genova collegando due delle tre città che costituiranno con Milano, il triangolo industriale. A Torino, nel 1856 Paul Ballor, Henry Freund ed Emile Roussette fondano la Freund, Ballor & CIA per la produzione di amaro, gin, cognac, vino chinato, ma soprattutto Vermouth.

 

Si tratta di tre personaggi stranieri che arrivano dalla Francia curiosi di conoscere Torino, città dallo spirito contemporaneo e innovativo. Arrivano spinti da motivi diversi, e finiscono per incontrarsi così da dare vita a un percorso produttivo che conoscerà il successo. È l’epoca d’oro del vermouth servito in graziosi piccoli calici; nelle case bene è immancabile, da proporre agli ospiti importanti. Intanto la Freund Ballor procede sulla strada della qualità con la mission di raggiungere l’eccellenza. Partecipa agli eventi dedicati per far conoscere le proprie etichette anche in ambito internazionale e i risultati non mancano considerate le medaglie acquisite tra il 1861 e il 1900 alle esposizioni di Firenze, Londra, Parigi, Chicago.

 

La Ballor dal 1920 cambia proprietà, passa di mano in mano e cinque anni fa è rilevata definitivamente dalla Bonollo,  di Padova, azienda da oltre cento anni dedita all'arte della distillazione: sua la Grappa OF Amarone Barrique. La fascia di consumatori che apprezzava i prodotti Ballor corrisponde a quella attuale della Bonollo, ossia una clientela attenta alla qualità, aperta alle innovazioni, attenta alle tendenze.

 

Ciò è quanto emerso dalla Conferenza Stampa per la presentazione di due referenze Ballor (foto 1), tenuta da Elvio Bonollo in rappresentanza della proprietà e da Valentina Ursic, Responsabile Marketing e Digital Marketing, organizzata dallo Studio Suitner di Torino allo Sheraton Diana Majestic di Milano.

 

Si tratta del rilancio di due referenze storiche: il Vermouth di Paul e il Gin di Emilie attualizzate da Bonollo grazie a un know how dettato da una storia di quattro generazioni. Sono prodotti pensati per la soft mixology, riferimento dei clienti Bonollo, che si identifica nei locali multifunzionali dove si comincia con la colazione mattutina e si conclude alle nove con l’aperitivo di prima serata.

 

Ma per fare emergere oggi un brand come Ballor è sufficiente che abbia una storia più che centenaria? Bonollo ritiene che un brand per avere successo oggi debba avere una forte identità e ha individuato in Ballor tre elementi chiave. È cioè:
anticonvenzionale; contrario agli stereotipi; fa le cose fatte bene per cui mira alla perfezione. Sono proprio queste le caratteristiche che trovano nei millennial il pubblico attuale maggiormente sintonico.

 

Ma veniamo ai prodotti.
Come ieri, la perfezione è l’obiettivo imprescindibile aziendale raggiunto oggi dalle attuali linee premium.

 

Vermouth Ballor (foto 2)
Le fasi produttive più qualificanti che fanno di questo prodotto un Vermouth Premium partono dalla raccolta delle botaniche, una trentina tra erbe e radici, al raggiungimento del picco aromatico. L’essiccazione avviene all’aria, evitando forzature in modo da preservare la maggiore qualità aromatica: le botaniche si utilizzano essiccate e non fresche per dare continuità gustativa al prodotto. Queste sono successivamente macinate per ottenere la giusta grana, la più adatta all’estrazione. La macerazione è statica, per cui non forzata, avviene a freddo e dura circa un mese. Particolare non trascurabile, la scelta delle botaniche avviene in base alla ricetta più che centenaria che utilizza erbe tipicamente padane. La torchiatura finale è soffice, cui fanno seguito due settimane di decantazione, quindi è formato il blend che riposa circa un mese.
La base dei vermut sono gli assenzi, responsabili della parte amaricante. Per il Vermouth Ballor sono state utilizzate tre varietà: romano, pontico e gentile. Romano conferisce nota amara che chiude al balsamico. Pontico ha una nota aromatica di anice. Gentile conferisce il gusto più intenso, quello tipico dei vermut ma in questo caso il bilanciamento è studiato in modo da ottenere l’equilibrio dei tre.
Alla degustazione si coglie il profumo vinoso, corredato da spezie. Si distingue il chiodo garofano, ma non in modo preponderante. In bocca l’impatto è fruttato, di frutta candita, di datteri, quindi emerge la crema inglese. Si riconosce una sensazione marsalata moto fine, quindi ancora spezie, cannella, noce moscata per finire con percezioni di vaniglia e di origano.

 

Dry Gin Ballor (foto 3)
Le caratteristiche produttive che ne fanno un prodotto premium vanno ricercate innanzitutto dal ginepro italiano; le coccole di ginepro sono selezionate in varie regioni per disporre di un più ampio spettro aromatico. La macerazione statica, ossia la più rispettosa del prodotto, estrae al meglio gli aromi. L’infuso ottenuto è successivamente distillato in alambicco per valorizzarne le sfumature aromatiche. Il Gin Ballor in qualche modo acquisisce territorialità grazie all’aggiunte di bucce di agrumi diversi e di erbe aromatiche mediterranee.
Alla degustazione la nota prevalente è la freschezza, comunicata dal mix di agrumi, ossia bergamotto calabrese, pompelmo rosa, arancia e di mandarino di Sicilia, completato dalle botaniche, in particolare dalla menta piemontese, che è molto delicata, e che aggiunge freschezza senza prevalere sulle note agrumate. Chiudono in leggerezza note di basilcio, di timo e di cardamomo. E’ una Il Gin Ballor bevuto in pureza è decisamente piacevoe, ma va assolutamente provsto nelle bevande miscelate. Infatti è un prodotto pensato per la mixology, per gli abbinamenti, in quanto conferisce rotondità ai mix.
È perfetto con la tonica, ed è stata redatta anche una drink- list con i migliori suggerimenti.
Per lanciare il prodotto sono stati messi a disposizione al comparto vendita 50 kit festa per organizzare party a cominciare dal primo di luglio sino alla fine di settembre, su tutta la costa nazionale dove invitare i clienti mettendo a disposizione a ogni evento un' hostess per meglio veicolare il messaggio.

 

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
CON IL PANETTONE DI FILIPPI PER L’AUTUNNO DI NEFF
Negli spazi di Neff a Milano per scoprire le novità della Pasticceria Filippi per il Natale 2020   Sembrava tutto magicamente concertato: il primo freddo su Milano, un pomeriggio di piacevoli incontri in uno spazio mag... Leggi di più
IL BERGAMOTTO, BUONO E SALUTARE, INTERPRETATO DALLO CHEF DAVIDE OLDANI
Arriva sugli scaffali una nuova proposta di Citrus – L’orto italiano: il bergamotto, la storia e una ricettaIl bergamotto interpretato dallo chef Davide Oldani. Due frutti di bergamotto, foglie di alloro ed u... Leggi di più
CRUDO E COTTO DI GAMBERI E CALAMARI AL DRY MISO
OFFICINA DESIGN CAFÈ: MANGIARE AL MUSEO A MILANO
Nella capitale mondiale del design e della moda non poteva mancare un’accogliente location che avrebbe potuto lanciare uno slogan come “mangiare al museo a Milano”. Un posto che trabocca di richiami all... Leggi di più
EUGENIO BOER APRE bu:r, IL SUO NUOVO RISTORANTE MILANESE
I fan di Eugenio Boer (foto 2), dalla sua uscita dalla scena ristorativa milanese dello scorso novembre dopo l’acquisizione della stella Michelin presso il ristorante Essenza, volevano sue nuove. Ma le notizie non ... Leggi di più
HA APERTO BERBERÉ MILANO COLONNE: PIZZE SHARING E BIRRE MIKKELLER
Berberè è una miscela di spezie delle cucine etiope ed eritrea, ma Berberè a Milano è soprattutto il nome di una pizzeria, o meglio, di quattro pizzerie, la quarta Berberè Milano Colonne, or ora inaugurata, che si sono f... Leggi di più
CINQUE NUOVI RISTORANTI PER LA 35ESIMA ASSEMBLEA ANNUALE LE SOSTE
Le Soste quest’anno è arrivata a quota ottantacinque, rappresentando i migliori ristoranti di cucina italiana nel nostro Paese e nel Mondo. L’idea originaria prese forma nel 1982 durante una cena tra ristoratori amici: a... Leggi di più
PINOT NERO RISERVA 110 NOIR LA GENISIA TORREVILLA UN ROSSO IN DIVENIRE
Torrevilla è una realtà vitivinicola cooperativa dell’Oltrepò pavese fondata nel 1907 che conta 600 ettari di terreno vitato e ha a suo attivo 200 soci. Negli ultimi anni ha realizzato La Genisia che rappresenta la... Leggi di più
DOVE UN TEMPO C’ERA UN CASTELLO | PODERE CASALE
Il Gutturnio è stato il primo vino piacentino a ricevere la denominazione di origine controllata.  Abbiano scoperto la versione di Podere Casale.  Un vino di carattere, di piacevolissima beva. Si produce anche, solo in ... Leggi di più
I PIATTI BELLA CIAO DEGLI CHEF CHE AUGURANO “BUONA LIBERAZIONE”
Un evento che esalta la libertà, accompagnato da “Bella ciao” - esempio di “inno alla libertà universale”, disse il bavarese che qualche settimana fa ne organizzò una pubblica rappresentazione per... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.