28nov 2018
VÒCE, IL NUOVO SPAZIO DI AIMO E NADIA: CAFFETTERIA, LIBRERIA E RISTORANTE
Articolo di: Michele Pizzillo

Rispettando la sequenza – il 700 francese, l’800 austro-ungarico, il 900 italiano – dei palazzi che tra piazza della Scala, via Manzoni e piazza Belgioioso costituiscono il complesso di Intesa San Paolo, e quindi, gli spazi riservati al museo delle Gallerie d’Italia, Vòce, caffetteria-ristorante pensato dagli eredi di Aimo e Nadia (Stefania Moroni, Alessandro Negrini e Fabio Pisani) che ha appena aperto i battenti, offrirà un percorso di cultura gastronomica più o meno simile. Infatti lo spazio dedicato alla ristorazione e al bookshop è stato suddiviso in tre ambienti funzionali: la caffetteria, la libreria e il ristorante gourmet. Dando vita ad un progetto esclusivo e unico nel suo genere grazie all’incontro tra due eccellenze italiane, le Gallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo e Aimo e Nadia, per dar vita a una proposta ambiziosa con un profilo che guarda all’internazionalità, è stato sottolineato nel corso dell’evento di presentazione del concept a cui hanno partecipato il direttore centrale arte, cultura e beni storici Intesa Sanpaolo Michele Coppola, l’architetto Michele De Lucchi e gli eredi della stile di Aimo e Nadia (Fabio Pisani, Alessandro Negrini e Stefania Moroni), con la loro visione della cucina italiana all’interno del museo intrecciandola con la ricca proposta artistica.

 

Siamo in piazza della Scala
Infatti, siamo in piazza della Scala, tra il tempio mondiale della lirica e Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, che è diventato il nuovo luogo milanese di convivialità e condivisione in grado di alimentare il fermento di una delle aree più vitali della città. E, aggiunge Coppola “In questi anni le iniziative delle Gallerie d’Italia hanno incontrato il consenso e l’entusiasmo di migliaia di visitatori, anche grazie a una costante ricerca di originalità, di sperimentazione, di esplorazione di nuovi linguaggi. Con Vòce si completa l’offerta, in sinergia perfetta con una realtà, Aimo e Nadia, che è tradizione ma allo stesso tempo innovazione”. Il risultato è un'esperienza enogastronomica e culturale complementare alla visita alle Gallerie d’Italia con un menu che nasce dal forte legame con il territorio e dalla stretta relazione con i tanti produttori della nostra penisola. Una visione in grado di coniugare il patrimonio della ricca storia gastronomica nazionale con un gesto contemporaneo.

 

D’altronde Vòce è un progetto in cui cibo, cultura e arte si intrecciano tra di loro. “A conferma della forte sensibilità al mondo dell'arte che ci contraddistingue da sempre” sottolinea Stefania Moroni e Negrini che aggiunge “Il nostro obiettivo è quello di diventare un nuovo punto di riferimento per la città di Milano, in un contesto ricco di storia e cultura” con una “offerta enogastronomica estensione dell’eccellenza culturale e artistica presente nel Museo di Gallerie d’Italia. Un dialogo continuo tra noi e il Museo per offrire delle esperienze di valore, legate alla grande cucina italiana che emozioni e nasca dalla cura di ogni gesto” commenta Pisani.

 

Il nuovo layout

Il nuovo layout degli spazi è stato curato dell’architetto De Lucchi e realizzato dalla Direzione immobili e logistica di Intesa San Paolo, con scelte architettoniche che contribuiscono a valorizzare gli spazi come un unicum con il museo, accrescendone l’attrattività e l’interesse da parte della città. La caffetteria con annesso bookshop, a cui si accede sia dal museo che da Piazza Scala, rappresenta nella nuova configurazione un’area dalla forte funzione attrattiva integrata con la proposta culturale del museo, fin dalla mostra ‘Romanticismo’ in corso alle Gallerie d’Italia: si può visitare fino al 17 marzo 2019. 

 

Il polo museale

Il polo museale di Intesa Sanpaolo ha pure sedi a Napoli e Vicenza, con un patrimonio d’arte di circa 30.000 opere ereditato dagli oltre 250 istituti bancari confluiti nel Gruppo. La sede milanese delle Gallerie in Piazza Scala è stata inaugurata alla fine del 2011 con la sezione da “Da Canova a Boccioni” dedicata alle collezioni dell’Ottocento della Fondazione Cariplo e di Intesa Sanpaolo. Dal 2012 alcune sale di Palazzo Beltrami, sede storica della Banca Commerciale Italiana, ospita “Cantiere del ‘900”, mostra permanente di parte delle raccolte del Novecento. Questa sede museale ha ospitato negli ultimi anni grandi esposizioni quali “La Grande Guerra”, “Hayez”, “Bellotto e Canaletto. Lo stupore e la luce”, “New York. New York. Arte italiana. La riscoperta dell’America”, “L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri”, “Arte come Rivelazione. La collezione Luigi e Peppino Agrati”. Fino al 17 marzo è in corso la mostra “Romanticismo” che con oltre 200 dipinti e sculture di artisti italiani e stranieri, da Hayez a Corot, da Turner a Molteni, affronta per la prima volta l’originalità del contributo italiano all’arte del Romanticismo. Molte opere inedite, esposte al pubblico per la prima volta, invitano a conoscere la Milano romantica, alla scoperta dei luoghi che ne fecero la capitale italiana del movimento.

 

E’ chiaro che per completare il polo museale con un’adeguata offerta gastronomica ci voleva un esempio del saper fare impresa italiano nell’ambito della ristorazione e dell’accoglienza. E, quindi, un nome come “Aimo e Nadia” che adesso non è associato unicamente al “Il Luogo” ma, più in generale, alla capacità di declinare i propri principi e valori in offerte culinarie differenziate. Due le insegne a Milano, diverse per proposta gastronomica e tipologia di servizio - il BistRo , di cui abbiamo detto qui, inaugurato ad aprile 2018, e Vòce, nome suggerito da una grande pubblicitario come Gavino Sanna. Qui i menu rappresenteranno una sintesi dei territori e delle eccellenza gastronomiche italiane con cinque diverse proposte. Il menù alla carta, con una scelta di proposte che omaggiano l’Italia e le sue specialità. Quello dedicato alle Gallerie d’Italia ispirato da alcuni temi su cui si sviluppa la mostra. Il menù voce che è un piccolo viaggio nella cucina in cinque portate. Un menù per bambini con ingredienti di stagione. E il pranzo di lavoro, con due piatti del giorno creati dallo chef. Oltre, ovviamente, alla caffetteria con una selezione di tè, centrifughe e un’ampia proposta di cocktail.

 

1

2

Photo Credits

Photo 1 : Paolo Terzi
Photo 2 : Paolo Terzi
Articoli Simili
I più letti del mese
ACQUAVITE D’UVA ALEXANDER: LA REGINA DELL’ESTATE
Notizia Acquavite d’Uva Alexander è un distillato morbido e aromatico, che ha origine dalla distillazione degli acini gustosi e profumati di Uva Regina. All’olfatto si caratterizza per l’avvolgente sentore di frutta fre... Leggi di più
LE SELEZIONI DI FEUDI DI SAN GREGORIO
Le Selezioni di Feudi di San Gregorio: Luci e colori dell’Irpinia  per la tavola e per la casa. Sono Cutizzi, Pietracalda, Serrocielo e Aglianico Dal Re. Giallo, rosso, blu e viola. Un colore per ognuno dei vitigni... Leggi di più
L’AGLIO, DA SEMPRE, È CONSIDERATO UNA PANACEA
L’aglio, da sempre, è considerato una panacea: originario dell’Asia, veniva adoperato sia come alimento, sia come medicinale (antinfiammatorio e antibiotico). L’aglio bianco ha la buccia – detta ‘tunica’ – bianca, i bulb... Leggi di più
SAN VALENTINO: MOMENTI D’AMORE FIRMATI DEUTZ
L’unione di due cuori che si sublima come nell’unione delle migliori annate di vendemmia. L’armonia di due innamorati che si ritrova come nella cuvée equilibrata di tre grandi vitigni – Pinot Nero, Pinot Meunier e Chardo... Leggi di più
QUELLO CHE DA ROMAGNOLI NON TI SARESTI ASPETTATO
Romagnoli è una storica cantina picentina di Villò di Vigolzone, località vicina alla più conosciuta Grazzano Visconti. Sorta a fine Ottocento ha attraversato nel secolo sorso alterne vicende sino a ritrovare più recente... Leggi di più
THE DEVIL IN THE KITCHEN: LA VITA DANNATA DI UNO CHEF STELLATO
Marco Pierre White The devil in the kitchen La vita dannata di uno chef stellato.     “Potremmo scomodare Marshall McLuhan, la mediologia e pure inventare i gender studies culinari, ma trenta anni prima degli imberbi ... Leggi di più
JUST CAVALLI, I PIATTI INVERNALI E LA PROPOSTA DI SAN SILVESTRO
Un ristorante generalmente ci piace se risponde ad alcune imprescindibili caratteristiche ossia elevata qualità della cucina, ambiente confortevole e servizio attento. Sono tutti presupposti importanti perché ne bastereb... Leggi di più
RISTORANTE FLORA A BUSTO ARSIZIO: LA CUCINA NATURALE ABITA QUI
“Nella mia cucina il frigorifero è di norma praticamente vuoto e faccio un uso quasi zero delle tecnologie” il cuoco che mi parla così non è un anziano professionista d’altri tempi che non si è voluto a... Leggi di più
GAMBERI IN BISQUE GELATINATA, FOIE GRAS D’OCA
Cagnulari Muttos 2013 Isola dei Nuraghi igt
Il Cagnulari è un vitigno presente in una piccola zona della Sardegna la quale trova il proprio epicentro nel comune di Usini nel Sassarese, su colline calcaree di circa 200 metri di altitudine. Con queste uve viene prod... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.