28nov 2018
VÒCE, IL NUOVO SPAZIO DI AIMO E NADIA: CAFFETTERIA, LIBRERIA E RISTORANTE
Articolo di: Michele Pizzillo

Rispettando la sequenza – il 700 francese, l’800 austro-ungarico, il 900 italiano – dei palazzi che tra piazza della Scala, via Manzoni e piazza Belgioioso costituiscono il complesso di Intesa San Paolo, e quindi, gli spazi riservati al museo delle Gallerie d’Italia, Vòce, caffetteria-ristorante pensato dagli eredi di Aimo e Nadia (Stefania Moroni, Alessandro Negrini e Fabio Pisani) che ha appena aperto i battenti, offrirà un percorso di cultura gastronomica più o meno simile. Infatti lo spazio dedicato alla ristorazione e al bookshop è stato suddiviso in tre ambienti funzionali: la caffetteria, la libreria e il ristorante gourmet. Dando vita ad un progetto esclusivo e unico nel suo genere grazie all’incontro tra due eccellenze italiane, le Gallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo e Aimo e Nadia, per dar vita a una proposta ambiziosa con un profilo che guarda all’internazionalità, è stato sottolineato nel corso dell’evento di presentazione del concept a cui hanno partecipato il direttore centrale arte, cultura e beni storici Intesa Sanpaolo Michele Coppola, l’architetto Michele De Lucchi e gli eredi della stile di Aimo e Nadia (Fabio Pisani, Alessandro Negrini e Stefania Moroni), con la loro visione della cucina italiana all’interno del museo intrecciandola con la ricca proposta artistica.

 

Siamo in piazza della Scala
Infatti, siamo in piazza della Scala, tra il tempio mondiale della lirica e Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, che è diventato il nuovo luogo milanese di convivialità e condivisione in grado di alimentare il fermento di una delle aree più vitali della città. E, aggiunge Coppola “In questi anni le iniziative delle Gallerie d’Italia hanno incontrato il consenso e l’entusiasmo di migliaia di visitatori, anche grazie a una costante ricerca di originalità, di sperimentazione, di esplorazione di nuovi linguaggi. Con Vòce si completa l’offerta, in sinergia perfetta con una realtà, Aimo e Nadia, che è tradizione ma allo stesso tempo innovazione”. Il risultato è un'esperienza enogastronomica e culturale complementare alla visita alle Gallerie d’Italia con un menu che nasce dal forte legame con il territorio e dalla stretta relazione con i tanti produttori della nostra penisola. Una visione in grado di coniugare il patrimonio della ricca storia gastronomica nazionale con un gesto contemporaneo.

 

D’altronde Vòce è un progetto in cui cibo, cultura e arte si intrecciano tra di loro. “A conferma della forte sensibilità al mondo dell'arte che ci contraddistingue da sempre” sottolinea Stefania Moroni e Negrini che aggiunge “Il nostro obiettivo è quello di diventare un nuovo punto di riferimento per la città di Milano, in un contesto ricco di storia e cultura” con una “offerta enogastronomica estensione dell’eccellenza culturale e artistica presente nel Museo di Gallerie d’Italia. Un dialogo continuo tra noi e il Museo per offrire delle esperienze di valore, legate alla grande cucina italiana che emozioni e nasca dalla cura di ogni gesto” commenta Pisani.

 

Il nuovo layout

Il nuovo layout degli spazi è stato curato dell’architetto De Lucchi e realizzato dalla Direzione immobili e logistica di Intesa San Paolo, con scelte architettoniche che contribuiscono a valorizzare gli spazi come un unicum con il museo, accrescendone l’attrattività e l’interesse da parte della città. La caffetteria con annesso bookshop, a cui si accede sia dal museo che da Piazza Scala, rappresenta nella nuova configurazione un’area dalla forte funzione attrattiva integrata con la proposta culturale del museo, fin dalla mostra ‘Romanticismo’ in corso alle Gallerie d’Italia: si può visitare fino al 17 marzo 2019. 

 

Il polo museale

Il polo museale di Intesa Sanpaolo ha pure sedi a Napoli e Vicenza, con un patrimonio d’arte di circa 30.000 opere ereditato dagli oltre 250 istituti bancari confluiti nel Gruppo. La sede milanese delle Gallerie in Piazza Scala è stata inaugurata alla fine del 2011 con la sezione da “Da Canova a Boccioni” dedicata alle collezioni dell’Ottocento della Fondazione Cariplo e di Intesa Sanpaolo. Dal 2012 alcune sale di Palazzo Beltrami, sede storica della Banca Commerciale Italiana, ospita “Cantiere del ‘900”, mostra permanente di parte delle raccolte del Novecento. Questa sede museale ha ospitato negli ultimi anni grandi esposizioni quali “La Grande Guerra”, “Hayez”, “Bellotto e Canaletto. Lo stupore e la luce”, “New York. New York. Arte italiana. La riscoperta dell’America”, “L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri”, “Arte come Rivelazione. La collezione Luigi e Peppino Agrati”. Fino al 17 marzo è in corso la mostra “Romanticismo” che con oltre 200 dipinti e sculture di artisti italiani e stranieri, da Hayez a Corot, da Turner a Molteni, affronta per la prima volta l’originalità del contributo italiano all’arte del Romanticismo. Molte opere inedite, esposte al pubblico per la prima volta, invitano a conoscere la Milano romantica, alla scoperta dei luoghi che ne fecero la capitale italiana del movimento.

 

E’ chiaro che per completare il polo museale con un’adeguata offerta gastronomica ci voleva un esempio del saper fare impresa italiano nell’ambito della ristorazione e dell’accoglienza. E, quindi, un nome come “Aimo e Nadia” che adesso non è associato unicamente al “Il Luogo” ma, più in generale, alla capacità di declinare i propri principi e valori in offerte culinarie differenziate. Due le insegne a Milano, diverse per proposta gastronomica e tipologia di servizio - il BistRo , di cui abbiamo detto qui, inaugurato ad aprile 2018, e Vòce, nome suggerito da una grande pubblicitario come Gavino Sanna. Qui i menu rappresenteranno una sintesi dei territori e delle eccellenza gastronomiche italiane con cinque diverse proposte. Il menù alla carta, con una scelta di proposte che omaggiano l’Italia e le sue specialità. Quello dedicato alle Gallerie d’Italia ispirato da alcuni temi su cui si sviluppa la mostra. Il menù voce che è un piccolo viaggio nella cucina in cinque portate. Un menù per bambini con ingredienti di stagione. E il pranzo di lavoro, con due piatti del giorno creati dallo chef. Oltre, ovviamente, alla caffetteria con una selezione di tè, centrifughe e un’ampia proposta di cocktail.

 

1

2

Photo Credits

Photo 1 : Paolo Terzi
Photo 2 : Paolo Terzi
Articoli Simili
I più letti del mese
ROMA FILM FESTIVAL: JEROBOAM BOTTEGA GOLD IN OMAGGIO A FRANCO NERO
Il 12 dicembre il XXI Roma Film Festival dedicherà un omaggio speciale a Franco Nero. L’evento si terrà a Roma, presso il Teatro Blasetti del Centro Sperimentale di Cinematografia, alla presenza dei massimi rappresentant... Leggi di più
CINQUE RUM CHE VALE LA PENA CONOSCERE | MILANO RUM FESTIVAL
Abbiamo scritto del Milano Rum Festival qui. Siamo stati per voi a degustare alcune referenze e di quelle provate cinque riteniamo che siano vivamente consigliabili. Severin  dalla Guadalupa, tra i rum della casa abbiamo... Leggi di più
AGOSTO AI GIARDINI PAPRIKA E CANNELLA: DELIZIE MEDITERRANEE CON UN TOCCO DI SARDEGNA
Per la prima volta il celebre ristorante di zona porta Venezia, ritrovo modaiolo e della” Milano bene”, rimane aperto tutto agosto per soddisfare i palati più esigenti che rimangono in città.  Una gradita sorpresa per l... Leggi di più
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
MANI IN PASTA APRE IN VIALE MONZA
Di Mani in Pasta abbiamo scritto qui. Ora influencer e pubblico a partire dalle ore 20 affolleranno l’evento del 29 Maggio dalle ore 20,00 da Mani in Pasta nella nuova sede in viale Monza 258 a Milano, dove, tra ar... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.