14mar 2024
Barolo, Barbaresco, Roero si presentano con l’annata 2020 e non solo

L’evento giunto alla sua 21° edizione, promosso come dagli albori da Go Wine, vuole promuovere l’identità, la terra, l’anima del nobile vitigno piemontese nelle sue tre espressioni. Una masterclass, seguita da qualche assaggio al banco di degustazione, ci ha dato modo di approfondire la nostra conoscenza del Nebbiolo, di valutare l’annata 2020 e l’evoluzione di qualche millesimo precedente. La presentazione delle 8 etichette, in cui il vitigno è assoluto protagonista, ha visto le nuove annate di Barolo, Barbaresco e Roero 2020, narrate dal giornalista Gianni Fabrizio, curatore della Guida Vini del Gambero Rosso. Di seguito la presentazione dei vini della masterclass, con dettagli sulla vinificazione, il racconto le note degustative. Come d’abitudine è stato possibile degustare anche qualche altra etichetta delle tre denominazioni protagoniste, presentate dai produttori intervenuti al banco d’assaggio, spaziando dai produttori della masterclass a nomi conosciuti come Bersano di cui citiamo un Barolo del Comune di Serralunga

 

La degustazione

 

Negro Angelo & Figli – Sudisfà Roero Riserva DOCG 2020 - Vinificato con una macerazione tradizionale a cappello sommerso per circa 24 giorni e 2 di délestage, per poi maturare per 32 mesi totali, tra botti- barriques in rovere e bottiglia. Dopo un colore rosso rubino, di bella luminosità, ha un naso con profumi di frutta rossi in confettura, con note di vaniglia, pepe verde, un tocco di arancia sanguinella a chiudere. In bocca ha un attacco deciso, grande struttura, con tannini evidenti, dolci e vellutati, equilibrati da freschezza, con una buona persistenza, un retrogusto ampio.

 

Bric Castelvej – Panera Alta Roero Riserva DOCG 2020 - Vinificato con una macerazione in fermentini in acciaio, per all’incirca due settimane. In seguito il vino sosta in botti grandi di rovere (in parte nuovi ed in parte già usate), nei quali avviene la malolattica, successivamente il vino riposa in tonneau per circa 30 mesi. Dopo l’imbottigliamento riposa per circa 6 mesi in bottiglia. Dopo un rosso rubino, più profondo del precedente, ha un naso dai profumi floreali di viola, poi lamponi e mora, arricchite da eleganti tocchi speziati, con cacao a chiudere. La bocca, ricca e strutturata, ha tannini austeri, equilibrati da freschezza, con nel persistente finale di sensazioni di viola e cacao

 

Piazzo Comm. Armando – Pajorè Barbaresco DOCG 2020 - Il vino evolve almeno 9 mesi in piccole botti di rovere, a cui segue periodo di alcuni mesi in bottiglia. Dopo un colore rosso rubino intenso con riflessi tendenti al granato, ha al naso profumi complessi, con note floreali di rosa, di frutta rossa in confettura, per poi virare sul sotto bosco, sulle spezie, sulla liquirizia, sul balsamico. All’assaggio ha struttura, è tipicamente tannico, equilibrato da freschezza, elegante, ha un finale lungo, con un retrogusto fruttato e balsamico. Ci parso quasi troppo giovane per essere apprezzato al meglio.

 

Tenuta Carretta – Cascina Bordino Barbaresco DOCG 2018 - Le uve Nebbiolo raccolte a 450 metri d’altitudine, sono vinificate inizialmente con una macerazione tradizionale a cappello sommerso per 10-12 giorni. Al termine il vino viene fatto affinare prima in tonneau di rovere e poi in botte grande per un minimo di 36 mesi. Segue l’imbottigliamento e il conseguente affinamento fino a raggiungere il periodo minimo di 50 mesi, calcolato a partire dal 1° novembre dell’anno di raccolta delle uve. Dopo un colore rosso granato vivo, con sfumature porpora. Nel calice il profumo è intenso, con aromi di rosa selvatica, di viola e frutta rossa matura accompagnati da note speziate e mentolate. In bocca è complesso, esprime tannini fitti e setosi, morbidi, equilibrati da freschezza, è ricco di frutto, elegante, di ottima lunghezza con un retrogusto mentolato.

 

Dosio Vigneti – Serradenari Barolo DOCG 2020 - Il vigneto è sito a un’altezza di corca 540 metri d’altitudine. Dopo la diraspa-pigiatura, la macerazione in serbatoi termo-condizionati, con rimontaggi giornalieri per 50-60 giorni e successiva fermentazione malolattica spontanea. La maturazione avviene in botti grandi di legni di Rovere per almeno 18 mesi. Dopo un rosso granata, ha un naso con profumi di viola, rosa, poi di ciliegia che evolvono in una piacevole nota di agrumi tra cui arancia sanguinella, poi ha una nota balsamica. Al palato ha i nobili tannini del Nebbiolo, equilibrati da freschezza, on un retrogusto di frutta e spezie.

 

G. D. Vajra – Barolo Baudana 2020 - È il frutto di un vecchio cru di Serralunga, con piante di oltre 50 anni, a 350 metri di altitudine. La fermentazione si protrae per circa 30 giorni, seguiti da altri 10 di macerazione. Gran parte del mosto fermenta in una grande botte di rovere, dove follatura (operazione di rottura del cappello di vinacce, che salgono in superficie spinte dalla anidride carbonica prodotta nel processo fermentativo e la loro reimmersione nel liquido) e rimontaggi delicati sono le uniche operazioni svolte durante la macerazione. Il vino viene poi affinato in botti di rovere di Slavonia per circa 42 mesi. Si presenta di un colore rubino tendente al granato, poi al naso si profonde in note di frutta rossa, in particolare ciliegia e prugna, una nota di inchiostro, poi eucalipto e liquirizia, richiami minerali scuri. All’assaggio è severo, dai tannini potenti ma bilanciati, equilibrati da freschezza, è elegante, di ottima lunghezza e ritorno tra il fruttato e la liquirizia.

 

Marchesi di Barolo – Cannubi Barolo DOCG 2019  - La fermentazione, con macerazione delle bucce, avviene a temperatura controllata. Quando tutto lo zucchero si è trasformato in alcol, il vino viene travasato in tini di cemento vetrificato, appositamente realizzati con un isolamento in sughero, così da mantenere una temperatura idonea a un pronto svolgimento della malolattica. Il Barolo Cannubi matura per almeno 18 mesi in botti di rovere di diversa capacità, scelte ogni anno in base alle caratteristiche che il terreno di provenienza e l’annata hanno conferito al vino, permettono di esaltarne al meglio le peculiari qualità. Completa il suo affinamento in bottiglia prima di essere messo in commercio. Colore rosso rubino con riflessi granato. Profumo intenso con netto sentore di rosa, frutta rossa matura, vaniglia, spezie e rovere tostato. Al palato ha un buon corpo, con tannini morbidi e avvolgenti, equilibrati da freschezza, è elegante, di buona lunghezza con un retrogusto giocato su nota boisé e frutta.

 

Fortemasso – Castelletto Barolo Riserva DOCG 2017 - Dopo la pigia-diraspatura il mosto fermenta in vasche di acciaio inox termo-condizionate e attraverso rimontaggi giornalieri si estraggono delicatamente gli aromi e il colore dalle bucce. Con la tecnica del cappello sommerso inizia la fase di macerazione, con una durata in media dai 30 ai 45 giorni, durante i quali avviene anche la fermentazione malolattica. Al termine della macerazione inizia il periodo di affinamento in legno che dura in media 40 mesi. Segue l’imbottigliamento e il conseguente affinamento in bottiglia per ulteriori 22 mesi. Dopo un colore rosso rubino intenso e brillante con lievi riflessi aranciati, un naso ampio con note delicate di viola, rosa appassita, cannella, liquirizia, tabacco dolce, con la frutta surmatura a chiudere. All’assaggio ha struttura, tannini setosi, equilibrati da freschezza, armonico, persistente con un retrogusto dalla complessità fruttata.

 

Bersano – Nirvasco Barolo del Comune di Serralunga DOCG 2020 - Dopo avere affinato minimo 36 mesi in botti grandi di rovere, seguiti da mesi di bottiglia, si presenta con un colore rosso granato. Al naso ha profumi intensi e avvolgenti che ricordano le spezie del pepe, poi sentori di cuoio, liquirizia, floreali di violetta, con a chiudere la frutta matura della prugna. Al palato ha struttura, tannini morbidi equilibrati da freschezza, eleganza, quindi è persistente con sentori di liquirizia, pepe e violetta nel retrogusto.

1

2

3

4

Photo Credits

Photo 1 : Go Wine
Photo 2 : Go Wine
Photo 3 : Go Wine
Photo 4 : Go Wine
Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.