13feb 2023
Diciotto Magnum di vini bianchi e rossi per San Valentino
Articolo di: Michele Pizzillo

Facciamo seguito all’articolo Sedici Magnum di Bollicine per San Valentino (cliccare qui),  per passare dalle bollicine ai formati magnum per bianchi e rossi.

 

 

Alto Adige pinot nero riserva doc Praepositus 2019 (foto 1)

Abbazia di Novacella – Varna (Bolzano) – tel. 0472.836189

Pinot nero in purezza proveniente dal vigneto coltivato a Cornaiano a 400 metri di altitudine. La fermentazione avviene in acciaio inox con macerazione sulle bucce per 15 giorni con il 10% di uve intere. Fermentazione malolattica e maturazione in barrique e tonneaux francesi (di cui 1/3 nuovi) per 24 mesi, più 12 mesi in bottiglia. Così si ottiene un vino con un potenzialità di invecchiamento di circa 25 anni e che alla degustazione si presenta con un bel colore rosso rubino con sfumature rosate. Al naso si sentono sentori di amarena e di ribes nero. Elegante e seducente, dalla vivida acidità e dalla struttura vellutata che ne fanno un ottimo compagno di sella di agnello in crosta di erbe, guanciale di manzo ma anche di salmone grigliato.


Collio Sauvignon Cicinis doc 2021 (foto 2)
Attems – Capriva del Friuli (Gorizia) – tel. 0481.806098

Cicinis 2021 è il vino simbolo di Attems perché la sua forte personalità riporta alle caratteristiche di intensità e mineralità del territorio che ne dà i natali. Nasce da un vigneto di Sauvignon Blanc, piantato sull’omonima collina ai piedi del Monte Calvario: le condizioni microclimatiche particolari di cui gode il vigneto favoriscono l’ottima qualità delle uve e, di conseguenza, la massima espressione aromatica del Sauvignon. Qui il suolo principale è la ponca, la cui composizione è costituita da sabbie e limo originatesi dalla disgregazione di rocce arenarie che qui si formarono in epoca eocenica: è il terreno ideale per la viticoltura capace di influenzare le caratteristiche aromatiche dell’uva e la sapidità del vino. Di colore paglierino con un elegante riflesso verde. Il profumo è intenso con un amalgama perfetto tra fiore di ginestra, scorza di lime e salvia che donano un bouquet dalle decise sensazioni minerali. Al palato l’acidità è imponente e dona grande profondità al vino. È intrigante il finale persistente dove emergono accenni di vaniglia, zenzero e pompelmo rosa. Ottimo con risotto agli asparagi e frutti di mare.


Iconema Tai doc Piave 2019 (foto 3)
Ca di Rajo – San Polo di Piave (Treviso) – tel. 0422.855885

A chi è alla ricerca di un regalo di San Valentino che sia unico come la persona
amata, questa cantina trevigiana propone un elegante cofanetto in legno laccato in nero con scritte oro che racchiude un magnum limited edition che porta con sé circa 100 anni di storia. Si tratta di un vino ottenuto da uve di un vigneto allevato a Bellussera, metodo risalente ai primi anni del Novecento, che conferma la volontà della famiglia Cecchetto di tenere viva la tradizione del paesaggio vinicolo del Trevigiano. Le uve, tutte raccolte a mano, sono state lasciate sui graticci ad appassire per 25 giorni al fine di esaltare la complessità, la personalità e l’eleganza di questo vino con oltre un secolo di storia.
Iconema reinterpreta con uno sguardo volto al futuro la tradizione vinicola del territorio e l’architettura che ne ha caratterizzato il paesaggio sin dalla fine dell’800. Un vino esclusivo, dono ideale per gli appassionati pronti ad aggiungere una nuova rarità alla propria collezione e ottimo con pesce, crostacei e piatti a base di verdura. Acquistabile sul sito www.cadirajo.it o scrivendo a


Mo Montepulciano d’Abruzzo riserva dop 2016 (foto 4)
Cantina Tollo – Tollo (Chieti) – tel. 0871.96251

Un gran bel vino che rappresenta molto bene all’estero l’enologia abruzzese. E’ fatto solo da uve Montepulciano raccolte nel mese di ottobre e sottoposte a fermentazione con macerazione delle bucce, a temperatura controllata in serbatoi di acciaio inox a cui segue un affinamento in botti di rovere per 24 mesi. Dopo questo processo produttivo si ottiene un vino di colore rosso rubino intenso con sfumature violacee e caratterizzato da un bouquet di frutta rossa matura e sentori di vaniglia, tabacco, cacao e note speziate. Ha un bel corpo, vellutato, avvolgente e persistente con tannini dolci e setosi. Ottimo con i primi piatti saporiti, funghi, tartufo, carni e formaggi semi stagionati. La temperatura di servizio ottimale è di 16°C in calice alto ed ampio che favorisce l’ossigenazione.

 

Sicomoro Morellino di Scansano docg riserva 2017 (foto 5)
Cantina Vignaioli Morellino di Scansano – Scansano (Grosseto) – tel. 0564.507288

E’ ottenuto da uve sangiovese in purezza provenienti da un singolo vigneto. L’uva viene fatta macerare a 35° C per 12 ore a cui segue la fermentazione a temperatura controllata e macerazione post-fermentativa sulle bucce per 12 giorni. La maturazione avviene in barrique di rovere francese (60% di primo passaggio, 40% di secondo) da 225 litri per 15 mesi e dopo un breve passaggio in acciaio si procede all’imbottigliamento e ad altri 18 mesi di affinamento per avere un Morellino di grande struttura da bersi preferibilmente dopo 5-10 anni dalla vendemmia. Di colore rosso rubino concentrato, al naso offre note speziate e fruttate di marasca, frutti di bosco, cannella e vaniglia. All’assaggio risulta pieno e secco, con tannini potenti ed eleganti, bilanciati da una buona morbidezza. Il risultato è un vino equilibrato e di grande piacevolezza grazie anche alla lunga persistenza dai ritorni fruttati e speziati. Ottimo in abbinamento con arrosti e brasati, piatti di carne succulenta e formaggi stagionati.


Barbera d’Asti superiore docg Passum 2017 (foto 6)
Cascina Castlet – Castigliole d’Asti (Asti) – tel. 0141.966651

Il nome richiama alcuni celebri vini dell’antichità ottenuti dalla surmaturazione o dal leggero appassimento delle uve. Tradizione alla base di produzione di questo Barbera ottenuto da uve selezionate nei vigneti aziendali più vecchi e ad elevata densità di impianto. I grappoli scelti sono adagiati in piccole cassette traforate collocate in appositi locali condizionati e molto ventilati. La durata dell’appassimento varia di anno in anno ed è legata alle condizioni meteorologiche. La fermentazione avviene in vasche di acciaio inox termocondizionate con l’aggiunta di lieviti selezionati e frequenti rimontaggi. La maturazione del vino avviene parte in barriques di rovere francese e parte in botti tradizionali di media capacità. Dopo circa un anno, il vino passa in bottiglia dove continua il suo affinamento per molti mesi prima della messa in vendita. Per le sue straordinarie caratteristiche, se collocato in locali a temperatura costante, questo vino si conserva per una decina d’anni.
Colore rosso granato intenso che volge al rubino. Bouquet ampio, elegante e molto persistente, con sentori di confetture di prugne e ribes. Sapore austero e caldo che mette in evidenza la sua robustezza: equilibrio e grande armonia sono esaltati da tannini che volgono al dolce e da una piacevole sapidità. La persistenza aromatica è molto lunga e intensa, propria dei grandi vini da invecchiamento. E’ consigliabile servirlo alla temperatura di 18°C, in grandi bicchieri di cristallo o previa decantazione in caraffa. E’ considerato un vino da meditazione, ma soprattutto si accosta bene ai grandi piatti di carne della cucina classica e di territorio: ottimo con brasati e selvaggina ideale con piatti a base di tartufi e con formaggi stagionati.
L’etichetta, forse un’antica “P”, direttamente serigrafato e cotto sul vetro per rimanere indelebile come il ricordo di questo vino nel tempo.


Villa Rosa Gran Selezione Chianti Classico docg 2015 (foto 7)
Cecchi – Castellina in Chianti (Siena) – tel. 0577.54311

Le uve sangiovese per Villa Rosa sono selezionate nei vigneti di Castellina in Chianti impiantati su terreni calcarei a matrice argillosa caratterizzati da profili eterogenei che uniscono la roccia di tipo alberese ai galestri scistosi. Per questo grande Chianti la vinificazione è quella tradizionale in rosso con macerazione prolungata sulle bucce e a temperatura controllata. L’affinamento dura 15 mesi in tonneaux e 3 mesi in cemento prima dell'imbottigliamento, più almeno 1 anno in bottiglie. Servito ad una temperatura di 18°C, alla degustazione di presenta con un bel colore rosso alquanto vivace, preludio di un olfatto che si rivela estremamente elegante, caratterizzato da note floreali che si sovrappongono e si integrano a un delicato fruttato e a leggere note speziate. In bocca è un vino sapido, vibrante, con il tannino che si distende e si apre ad un finale vivo, teso e privo di qualsiasi asperità. Ottimo con arrosti, cacciagione e formaggi stagionati.
Cecchi è una di quelle cantine che produce 8 milioni di bottiglie e tutti i vini sono di ottima qualità; quindi, quantità e qualità sottobraccio.


Sudtirol Alto Adige doc Puntay sauvignon 2020 (foto 8)
Erste + Neue – Caldaro (Bolzano) – tel. 0471.966973

Sauvignon in purezza selezionato in vigneti presenti in colline che arrivano a 500 mt s.l.m. L’uva è parzialmente macerata a freddo seguita da fer¬mentazione in parte spontanea in botte di legno e successiva maturazione in botte di legno per almeno 12 mesi. Processo che assicura la possibilità di poter invecchiare il vino per quasi un decennio. Un vino di colore giallo paglierino dorato. Ampio bouquet di frutti esotici, ribes e pompelmo. Il buon contenuto acidulo dona freschezza e vivacità, che si concretizza in una buona persistenza e una bella armonia. E’ un vino che accompagna molto bene piatti della cucina vegetariana (formaggino di capra con insalata di finocchi) e crostacei specialmente gli scampi al sale, avendo l’accortezza di servirlo a 8 – 10 ° C. Erste+Neue è una delle prime Cantine sociali nate in Alto Adige.


Amarone della Valpolicella docg 2015 (foto 9)
Falezze di Anselmi Luca – Illasi (Verona) – tel. 348.7241477

Uvaggio di corvinone, corvina veronese, rondinella, oseleta provenienti da un vecchissimo vigneto (impianti a pergola veronese e a pergola trentina) ubicato ne Comune di Mezzane su terreno calcareo con pietrosità moderata. La vendemmia avviene tra la fine di settembre e i primi di ottobre, con selezione dei grappoli che vengono fatti appassire nel fruttaio aziendale. La fermentazione avviene in acciaio, a temperatura controllata, e dure tre settimane. Affinamento in tonneaux nuove da 500 litri di rovere francese di media tostatura e cui segue un lungo affinamento in bottiglia. Il vino è di colore rosso rubino con riflessi violacei, intenso, persistente. Aroma con sentori fruttati di ciliegia, profumi di frutta rossa e frutta di sottobosco. Gusto caldo, vellutato, buona mineralità, tutto in perfetto equilibrio con la parte tannica e una chiusura molto persistente.
Le bottiglie bordolese sono numerate a mano e molto curata è anche l’immagine con l’intervento della moglie di Anselmi, Sofia Kherkeladze, fashion designer e pittrice georgiana.

 

Alìe Toscana igt rosé 2022 (foto 10)

Frescobaldi – Firenze – tel. 055.27141

L’ultima vendemmia di Alìe arriva i primi giorni del mese dedicato agli innamorati. E non poteva essere diversamente perché quella di Alìe è una storia d’amore che inizia al primo sorso. Un elegante vino rosé dal colore cristallino, puro, con tenui riflessi rubino, il cui nome rimanda alla figura di una delle ninfe marine della mitologia greca, simbolo di sensualità e bellezza. Vendemmiato tutto al femminile, è frutto del raffinato equilibrio tra syrah e vermentino, varietali che trovano nella vicinanza con il mare la loro massima espressione. La Tenuta Ammiraglia, terroir di Alìe, è incastonata tra le colline della Maremma Toscana, a pochi passi dal mar Tirreno. Qui nascono vini rosé di grande carattere, moderni ma al tempo stesso autenticamente mediterranei. Ricco, setoso, morbido ed elegante, oltre alla splendida veste rosa, Alìe 2022, presenta un bouquet ricco e complesso tra note agrumate di cedro e bergamotto, pesca matura e frutti bianchi nonché l’anima floreale dominata da iris, zagara e peonia. Il lungo bouquet prosegue con nitidi ricordi di iodio e di erbe aromatiche come timo, rosmarino e salvia. Notevole e precisa la rispondenza gusto-olfattiva, caratterizzata dalla freschezza e dalla sapidità.


Flora Pinot Noir Riserva Sudtirol Alto Adige doc 2020 (foto 11)
Girlan – Cornaiano (Bolzano) – tel. 0471.662403

E’ una delle punte di diamante della linea Flora che comprende vini pregiati provenienti dalle migliori zone di produzione dell’Oltradige e della Bassa Atesina. La disposizione dei vigneti, le condizioni climatiche, l’inclinazione dei pendii e le caratteristiche pedologiche sono studiate per soddisfare le esigenze specifiche delle singole varietà d’uva com’è il caso delle 3 sottozone (Girlan, Manzon e Pinzon)ideali per il pinot noir , con l’obiettivo di accentuarne le potenzialità e la tipicità. A completare il tutto la vendemmia fatta manualmente, la fermentazione in tini di acciaio, l’affinamento per 12 mesi in barrique (70%) e piccole botti di legno da 12 hl (30%) più un ulteriore affinamento di 6 mesi in bottiglia. Conclusione? Un elegante vino di colore rosso rubino caratterizzato da aromi freschi di frutti di bosco e amarena. In bocca è fruttato, pieno, raffinato con un tannino vellutato e delicato e un finale davvero lungo. Si abbina molto bene con le carni bianche, arrosti ed anche pesce alla griglia. I vini di questa linea sono resi ancora più unici grazie alle etichette personalizzate dall'artista altoatesino Paul Flora.


Five Roses Anniversario Salento igt 2021 (foto 12)
Leone de Castris – Salice Salentino (Lecce) – tel. 0832.731112

Il primo rosato imbottigliato in Italia – 1943 – conquista lo sguardo già solo a vedere il suo affascinate colore rosa cerasuolo cristallino e poi ti rapisce con i sentori fruttati di ciliegia e fragolina di bosco. Il Five Roses Anniversario è stato prodotto per la prima volta con la vendemmia del ’93, in occasione dei 50 anni del Five Roses e, d’allora, viene sempre riproposto con tutte le caratteristiche che assicurano le uve negroamaro vendemmiate nella prima decade di settembre. Vinificato in acciaio, è affinato solo 2 mesi tra acciaio e bottiglia prima di inebriare il consumatore con il suo colore, i profumi e la ricchezza che si avverte in bocca tra freschezza, acidità, bella struttura e un finale fruttato e persistente. E’ consigliato con risotti, piatti a base di pesce e carni bianche. Ottimo anche con il sushi e in abbinamento agli aperitivi.

 

Cà del Magro Custoza superiore doc 2020  (foto 13)
Monte del Frà – Sommacampagna (Verona) – tel. 045.510490

Questo Custoza, ottenuto da un blend di garganega, trebbiano toscano, cortese, incrocio Manzoni, è un bianco dal grande potenziale di invecchiamento. Le uve sono selezionate da un vigneto di oltre 30 anni ubicato quasi a ridosso del Lago di Garda e fermentate e affinate “sur lies” in tini d’acciaio e cemento fino a tutto il mese di maggio. Segue l’imbottigliamento e 6 mesi di affinamento in bottiglia. Così si ottiene un vino di colore giallo paglierino intenso, con leggeri riflessi dorati. Al naso rivela grande intensità e complessità olfattiva, conferita dai profumi floreali di camomilla e fiori bianchi ma anche da quelli fruttati di mela golden, lychees, pera, albicocca, pesca gialla, mango e piacevole nota speziata di zenzero. In bocca è asciutto, sapido, di corpo con ottima persistenza retrolfattiva e con un finale di piacevole persistenza. Insomma, un vino che può regalare piacevoli emozioni se lasciato invecchiare.
Il magnum è proposto in cassetta di legno.

 

Terra di Monteverro igt Toscana rosso 2016
Monteverro – Capalbio (Grosseto) – tel. 0564.890721

Assemblaggio di 40% Cabernet Sauvignon, 40% Cabernet Franc, 15% Merlot, 5% Petit Verdot vinificati separatamente con fermentazione in inox e barrique e affinamento di 20 mesi in barrique di rovere francese con il 60% di legno nuovo. Il colore è granato intenso e brillante con riflessi rosso scuro e magenta. Magnifico naso di macchia mediterranea, felce, foglia di pomodoro, tulipani, finferli con lamponi e viola. In bocca ingresso ampio e setoso con note di fiori freschi e bella trama tannica, con sentori di frutta rossa come ciliegie, prugne, melograno, ribes rosso e alloro.
Ottimo con ogni tipo di carne ed eccellente con lo stinco di maiale al forno.


Atteone Montescudaio doc 2020
Gianni Moscardini – Santa Luce (Pisa) – tel. 050.740529
E’ il vino simbolo di Gianni Moscardini questo Montescudaio che nasce da uve cabernet franc (50%), sangiovese, teroldego e ciliegiolo selezionate nei vigneti dell’altopiano di Pomaia, in Alta Maremma. Il processo di vinificazione varia in base all’andamento climatico dell’annata. Una piccola percentuale delle uve viene fatta fermentare con grappolo intero. L’affinamento prevede 18 mesi in rovere per cabernet franco, sangiovese e teroldego, in cemento per il ciliegiolo, più 12 mesi in bottiglia. Di colore rubino intenso, al naso colpisce per la forte espressività varietale e i sentori di tabacco, cioccolato e frutti rossi maturi. In bocca è ricco, elegante, raffinato, sapido, fresco e con un’ottima struttura sostenuta dai tannini dolci. Atteone è figlio del personalissimo progetto enologico di Gianni Moscardini, fondato sul lavoro in vigna e su uno studio approfondito del rapporto tra terreno, portainnesto e varietà.


Montepulciano d’Abruzzo doc Riserva San Martino Rosso Marina Cvetic 2018
Masciarelli – San Martino sulla Marruccina (Chieti) – tel. 0871.85241

I vigneti di Montepulciano sono tutti attorno alla cantina, a 400 metri sul livello del mare, impiantati su terreno di medio impasto tendente all’argilloso e di età compresa i 5 e i 30 anni. La vendemmia avviene generalmente a metà ottobre e i diversi “cru” vengono vinificati separatamente con fermentazioni e macerazioni dedicate, affinando poi in barriques per 12/18 mesi. Segue poi l’assemblaggio dei “cru” e l’imbottigliamento con affinamento in bottiglia di minimo 6 mesi. Con queste attenzioni, gli eredi del compiango Gianni Masciarelli – uno di quelli che hanno fatto grande l’enologia abruzzese – ottengono un vino di grande invecchiamento. Il colore è rosso rubino concentrato con riflessi granato. Il bouquet è intenso, complesso tra sentori di amarene e ciliegie sotto spirito, liquirizia, pepe e caffè tostato. Al palato è caldo e al tempo stesso caratterizzato da una bella freschezza e ottimo equilibrio grazie anche ad un tannino molto elegante. Ideale per accompagnare filetto di manzo, carni alla brace e minestre tartufate.

 

Syrah Toscana  igt Le Anfore  di Elena Casadei 2020 (foto 14)
Tenuta Casadei - Suvereto (Livorno) – tel. 0565.1933605

Uve Syrah raccolte con scrupolosa selezione dei grappoli e vinificati in anfore di terracotta e fermentazione con macerazione sulle bucce per 30-40 giorni a secondo dell’annata. Affinamento sempre in anfore per 6 mesi e ulteriori 4 mesi in bottiglia. Così si ottiene un vino dal color rosso porpora violaceo intenso con la caratteristica nota olfattiva del pepe nero, accompagnata da cuoio e sentore ferroso nonché tenui nuances di rosmarino ed erbe aromatiche che si fondono al mirtillo, alla liquirizia e alla prugna matura. L’ingresso in bocca è asciutto e pieno, di grande impatto e struttura. Piacevole la corrispondenza con il naso: ritornano i sentori di polpa di frutti del sottobosco, che si sposano perfettamente con il tannino potente ma ben integrato. Il finale è persistente e goloso, grazie alla trama tannica ben definita. Ottimo con selvaggina come cinghiale, caprioli, cervi o pecorini a buccia pepata. Va servito a 16°C in estate, 18°C in inverno. E’ un vino che può invecchiare per un decennio.

 


Loto Toscana igt rosso 2019 (foto 15)

Villa Santo Stefano – Lucca – tel. 0583.395349
E’ il vino più pregiato di quest’azienda biologica che ha iniziato la produzione nel 2006. L’uvaggio è di cabernet sauvignon, merlot e petit verdot con uve raccolte a mano e, a quanto pare, selezionando solo quattro grappoli per ogni vite. La fermentazione dura 12 giorni mentre l’invecchiamento, a seconda della tipologia di uva e dell’annata, è generalmente di 12/14 mesi in barrique francesi e un successivo affinamento di 6 mesi in una grande vasca di cimento. Il vino si presenta con un colore rosso rubino intenso, con sentori di frutti di bosco e una sfumatura di vaniglia. Ha una struttura piena, armonica, elegante come ci si aspetta di un vino di spessore.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.